teologia: De Trinitate

Approfondimento e futuro aggiornamento di questa sezione si troverà, nel maggio 2005, sul sito: http://it.geocities.com/lorenzoscarola

Approfondimento e futuro aggiornamento di questa sezione si troverà, nel maggio 2005, sul sito: http://it.geocities.com/lorenzoscarola


http://web.tiscali.it/martiri

http://utenti.lycos.it/amenalleluia

http://members.xoom.virgilio.it/martiri

Agostino, De Trinitate

Libro I

Per comprendere qualcosa della luce di Dio, occorre purificarsi e credere.

n P F S non sono tre dei, ma un solo Dio. I Tre sono inseparabili nelle loro azioni ad extra, ma alcune azioni dalla Scrittura sono attribuite ad una sola delle Persone (la voce al Padre, l’incarnazione al Figlio, la colomba allo Spirito Santo).

n Quale la differenza tra la generazione del Figlio e la processione dello Spirito?

n Quando la Scrittura dice F < P, intende riferirsi all’incarnazione.

Quando dice F = P, intende riferirsi alla natura divina.

n Talora la Scrittura dice di una sola Persona, ma per intenderle tutte e tre, nell’unità sostanziale.

Libro II

n a- testi che dicono F < P

b- testi che dicono F = P

c- testi un po’ ambigui, che dicono l’origine eterna del F dal P

n MISSIONI

Nel mondo, ogni Persona c’è da sempre insieme alle altre. La missione è una relazione nuova della Persona con la creatura cui è mandata: non è mutazione né inferiorità rispetto a chi manda, ma manifestazione nel mondo, una teofania

n MISSIONE DEL FIGLIO n MISSIONE DELLO SPIRITO SANTO

- nascere da una donna - manifestarsi in colomba e lingue di fuoco

- unione personale alla natura umana - senza unione personale

- unione durevole - senza unione durevole

- unione beatificante - senza unione beatificante

® La natura umana di Cristo è opera di tutta la Trinità, ma è unita alla sola persona del Figlio e solo lui manifesta. (Così come la colomba manifesta solo lo Spirito).

n TEOFANIE ad Adamo il Padre

ad Abramo tutta la Trinità, in quanto Dio unico, senza distinzione di persone

roveto ?

nube e fuoco ?

Sinai ? lo Spirito santo? il dorso divino è la carne di Cristo.

Daniele il Padre

® la natura divina è invisibile, ma ognuno dei tre può manifestarsi in segni

Libro III

Dio si manifesta attraverso segni e miracoli. Tutto è operato da lui, anche quando spiriti (buoni o cattivi) ottengono da Dio il permesso di agire sulle ragioni seminali. Il ruolo degli angeli nelle teofanie.

Libro IV

Cristo è unico mediatore e redentore. Luce, unità. Morto e risorto. Vittima di valore infinito. tale è lo scopo della sua missione.

n Ogni missione implica dipendenza di colui che è mandato da colui che manda

Essa indica l’origine eterna, cioè la processione di una Persona dall’altra in rapporto ad un effetto prodotto in una creatura

n Dio è sempre presente dappertutto ® la missione denota una presenza nuova, una nuova attività

n la missione rispecchia, continua nel tempo la processione intradivina

® sono mandati F e S, non il P

® possono inviare il P e il F, non lo S

® nessuna persona può inviare se stessa

n MISSIONE VISIBILE n MISSIONE INVISIBILE

unione di una persona invisibile senza manifestazioni sensibili:

con una forma visibile solo un effetto spirituale

(incarnazione, lingue di fuoco) per santificare le anime

n Missione NO® disuguaglianza, perché denota l’origine eterna, e l’origine non è ¹

n la Trinità opera inseparabilmente, ma non può manifestarsi inseparabilmente a causa dei limiti della creatura attraverso la quale deve manifestarsi (così come noi, sebbene i Tre siano unum, non possiamo pronunciare contemporaneamente i loro nomi).

n il F si è manifestato ad opera degli angeli anche prima dell’incarnazione, ma la missione incomincia solo con l’incarnazione

lo S era dato ed agiva anche prima di Cristo, ma la sua missione incomincia solo dopo l’incarnazione

Libro V

In Dio non vi è accidente: ciò che in noi sarebbe accidentale (es. l’azione), in lui è sostanza (Dio non ha azione, ma è azione).

In Dio non vi è accidente, ma non tutto quello che si predica di Dio si predica secondo la categoria della sostanza. P - F - S si predicano secondo la relazione. Le relazioni sono sostanziali e non accidentali, perché non sono mutevoli; ma non si dicono della sostanza.

Dunque in Dio nulla ha un significato accidentale, perché in lui non vi è accidente, e tuttavia non tutto ciò che di lui si predica, si predica secondo la sostanza. Nelle cose create e mutevoli, ciò che non si predica in senso sostanziale, non può venir predicato che in senso accidentale. [...] Ma in Dio nulla si predica in senso accidentale, perché in lui nulla vi è di mutevole; e tuttavia non tutto ciò che si predica, si predica in senso sostanziale. Infatti si parla a volte di Dio secondo la relazione; così il Padre dice relazione al Figlio e il Figlio al padre, e questa relazione non è accidente, perché l’uno è sempre Padre, l’altro sempre Figlio. [...] Poiché il Padre non è chiamato Padre se non perché ha un Figlio ed il Figlio non è chiamato Figlio se non perché ha un Padre, queste non sono determinazioni che riguardano la sostanza. [...] Queste sono denominazioni che riguardano la relazione e non sono di ordine accidentale, perché ciò che si chiama Padre e ciò che si chiama Figlio è eterno e immutabile. Ecco perché, sebbene non sia la stessa cosa essere Padre ed essere Figlio, tuttavia la sostanza non è diversa, perché questi appellativi non appartengono all’ordine della sostanza, ma della relazione. (5, 5, 6 [241]).

Es. La relazione P-F: indica distinzione, ma non disuguaglianza, perché la distinzione non supera la relazione e non tocca la sostanza. Il F è = al P in senso assoluto e sostanziale.

Ü ogni denominazione di tipo relativo designa una sola persona

e non alla Trinità insieme considerata

Ü ogni denominazione di tipo assoluto (sostanziale) si applica alla singola persona

& alla Trinità al singolare

Es. lo Spirito Santo

la denominazione utilizzabile anche per P e F suggerirebbe che lo S è la comunicazione personificata di entrambi

la denominazione ‘dono di Dio’ lo conferma

Libro VI

Contro gli Ariani, le tre Persone sono perfettamente uguali. Es. il Figlio è potenza e sapienza, ma anche il Padre lo è: il P è sapiente per la sapienza che ha generato, il F è sapiente in quanto è la sapienza del P Ü ogni attributo assoluto non si applica all’uno senza l’altro: ogni nome che manifesta la sostanza li concerne entrambi e sono propri delle Persone solo i nomi relativi.

Se la sostanza è identica e semplice, le tre Persone sono perfettamente uguali.

Le tre Persone sono mutuamente immanenti Ü Dio è trino, ma non triplice.

Il P viene chiamato Dio dalla Scrittura, ma solo per appropriazione, perché Dio si può dire in senso proprio anche del F e dello S.

Gli attributi essenziali non sono proprietà di uno dei Tre, ma appropriazioni.

Un’essenza, tre persone. Ma sono termini ‘provvisori’.

Libro VIII

Reg: unità delle Persone senza confusione, distinzione senza ineguaglianza.

L’anima è creata ad immagine della Trinità: ricorda - comprende - ama sé.

ricorda - comprende - ama Dio.

La verità, la bontà, la giustizia e l’amore sono in noi, ma provengono da Dio: vediamo Dio in esse.

Dio è amore, ogni vero amore proviene da Dio, l’amore ci fa conoscere Dio.

L’AMORE: 1. colui che ama, 2. ciò che è amato, 3. l’amore.

Libro IX

Per amarsi, lo spirito deve conoscersi: 1. spirito, 2. conoscenza, 3. amore.

(Lo spirito consce bene quando giudica a partire dalle ragioni eterne).

Lo spirito genera un verbo, se ne compiace nell’amore.

Lo spirito genera, il verbo è generato, l’amore procede da entrambi.

(L’amore non è generato, perché l’amore procede dalla conoscnza, ma come un peso, un movimento verso la cosa).

Libro X

Quando si conosce una cosa, la si ama (altrimenti la si ignorerebbe).

LO SPIRITO: 1. memoria, 2. intelligenza, 3. volontà: una sola realtà.

Libro XI

ÇImmagini della Trinità.

ÉVestigia della Trinità nell’uomo esteriore.

PERCEPIRE: 1. forma dell’oggetto percepito, 2. forma impressa nel senso, 3. volontà che fissa il senso sull’oggetto.

RICORDARE: 1. forma impressa nella memoria, 2. visione interiore dello spirito, 3. volontà che tiene lo sguardo dello spirito fisso sulla forma impressa nella memoria.

[forma del corpo percepito Ü forma nel senso di chi percepisce Ü forma nella memoria Ü forma nel pensiero]

Libro XII

L’immagine di Dio nella parte superiore (contemplazione delle cose eterne) dello spirito, non in quella inferiore (azione sulle cose temporali).

Il peccato.

Scienza & Sapienza

«Alla sapienza appartiene la conoscenza intellettiva delle cose eterne, alla scienza invece la conoscenza razionale delle cose temporali» [499].

«Haec est sapientiae et scientiae recta distinctio, ut ad sapientiam pertineat aeternarum rerum cognitio intellectualis; ad scientiam vero, temporalium rerum cognitio rationalis» [12, 15, 25; 498]

Libro XIII

La felicità: ottenere un bene in modo stabile: l’immortalità.

La fede: come arrivare all’immortalità: Cristo.

«Itane defuit Deus modus alius quo liberaret homines a miseria mortalitatis huius, ut unigeniutum Filium Dei sibi coaeternum, hominem fieri vellet, induendo humanam animam et carnem, mortalemque factum mortem perpeti?» parum est sic refellere, ut istum modum quo nos per Mediatorem Dei et hominum hominem Christum Iesum Deus liberare dignatur, asseramus bonum et divinae congruum dignitati; verum etiam ut ostendamus non alium modum possibilem Deo defuisse, cuius potestati cuncta aequaliter subiacent; sed sanandae nostrae miseriae convenientiorem modum alium non fuisse, nec esse oportuisse (13, 10, 13 [528]) (cf. 10, 17, 22 - 18, 23; De agone christiano 11, 12) [qui si incomincia ad usare il vocabolario della convenienza/non-obbligatorietà perché c’è lo sfondo dei diritti del diavolo, e si vuole evitare l’idea di un debito da parte di Dio]

INCARNAZIONE

1. impedisce di disperare della beatitudine.

2. vince il diavolo non per la via della potenza ma della giustizia.

3. la croce ci giustifica nel sangue di Cristo.

4. mostra all’uomo il suo livello tra le realtà create.

Libro XIV

14, 4, 6

n GRANDEZZA DELL’UOMO

L’uomo è naturalmente capax di Dio, cioè è capace di essere elevato fino alla contemplazione immediata della Trinità: un mutabile aperto all’Immutabile.

n IMMAGINE DI DIO

L’immagine di Dio è tale capacità, impressa indelebilmente nella sostanza immortale dello spirito, naturalmente capace di conoscere Dio.

n GIUSTIFICAZIONE

Non crea, ma restaura l’immagine divina, che il peccato ha deturpato ma non distrutto.

Lo spirito è immagine di Dio, perché è capace di Dio, in quanto lo ricorda - comprende - ama.

Libro XV

Il verbo mentale nell’uomo è simile per certi aspetti al Verbo divino; dissimile per altri.

Conviene farsi guidare dalla fede, e pregare.


http://monarchiabancaria.blogspot.com/
Dio si nasconde, perché gode di essere trovato:
http://fedele.altervista.org/
sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri




http://yeshua-ha-mashiach-notzri.blogspot.com/


http://pensiero-e-azione.blogspot.com/

http://ilcomandamento.blogspot.com/

http://it.youtube.com/lorenzojhwh

http://simec-aurito.blogspot.com/

http://fedele.altervista.org

http://jhwhinri.blogspot.com

http://immagini-parlanti.blogspot.com



Website Countercontatori di:
lorenzo.scarola@istruzione.it



tutto è per Lui o contro di Lui = " A e W "

Tu da che parte stai?

Cosa di te sarà evidente quando il Signore tornerà?

Infatti, Lui, riguardo a te, sta per tornare molto prima di quello che puoi pensare!

=====================
==========
Lorenzo Scarola approfitta della presente per salutare TUTTI simpaticamente: "Pace e Gioia!"!
Lorenzo Scarola è il creatore della prima moneta internazionale l'AURO o AURITO di proprietà del portatore

Lorenzo Scarola ordina con effetto immediato, nel nome e per il sangue di Gesù Cristo, tutto il bene e tutto il male, secondo quello che ognuno avrà meritato:
"Questo darà ancora, per l'ultima volta, spazio a una SPERANZA politica, prima che il SIGNORE ritorni".

sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri


Website Counter
contatori di:jhwhinri@gmail.com




Lorenzo Scarola rappresentante di JHWH è disponibile per costruire il terzo Tempio Ebraico sul Monte degli Ulivi come è già stato annunciato dai profeti.
Questo Tempio aprirà il più bel periodo di pace, prosperità e "risveglio" che il genere umano abbia mai conosciuto, insomma si tratta dell'ultima fase del genere umano dedicata allo Spirito Santo.

Lorenzo Scarola dedica questo lavoro al suo Dio Spirito Santo.

  • 1- saluto Nicolò Bellia e all'antropocrazia.

  • 2- saluto tutti gli uomini di "buona volontà"

  • 3- saluto tutti i servitori di Dio

  • 4- saluto tutti i figli di Dio

lorenzo.scarola@istruzione.it

http://www.youtube.com/user/
humanumgenus

http://www.youtube.com/user/
lorenzojhwh


"Insomma, Dio per tutta l'Eternità non vuole essere lodato e ringraziato per poco, ma per molto, molto e moltissimo!
Non neghiamogli questa felicità, diamogli la possibilità di poter operare prodigi in noi."
by lorenzo scarola
Gloria a Dio per sempre!
A te, caro fratello mio, pace
da Lorenzo Scarola,
ore serali 3205708054
lorenzo.scarola@istruzione.it

http://deiverbumdei.blogspot.com

http://www.youtube.com/lorenzojhwh

http://www.youtube.com/humanumgenus



lorenzo scarola, Giacinto Auriti, Gesù di Betlemme e il futuro del genere umano
http://ilmegliodelbene.blogspot.com
http://fedele.altervista.org

lorenzo.scarola@istruzione.it

il vero volto dell'istituzione

Il signoraggio bancario è il nostro

più alto simbolo istituzionale OCCULTATO disonestamente e criminosamente al popolo, questo è il VERO motivo di tutti i MALI che affliggono la nostra falsa democrazia venduta dai massoni ai banchieri ebrei dal suo sorgere.

Pertanto, tutto il Pianeta è fondato sull'immoralità ideologica quanto economica.

Questo è il più grave Delitto di LESA Maestà e violazione criminale dei principi Costituzionali di base.

Per questo, adesso si cerca di manipolare anche la Costituzione unico nostro baluardo al diritto già criminalizzato.






Nota: REVISIONISMO STORICO

Il problema dei nostri giorni non è quello della complessità e che bisogna studiare molto e moltissimo per poter capire qualcosa.
Ma che bisogna saper cercare nella contro-informazione quelle fonti "genuine" che non ci facciano cadere nella "fosso" del depistaggio.
Una schiera sterminata di "mangia pagnotte S.p.A.", ovvero di: funzionari, massoni, politici e di docenti universitari collaborazionisti del signoraggio bancario, ora hanno reso davvero difficile, non solo la comprensione reale della storia nei suoi avvenimenti, ma anche e soprattutto, rendono incomprensibile la stessa realtà che ci circonda.


Allora, veniamo al dunque:
"sei disposto a dare la vita come me, oppure preferisce dare un contributo?"
Ti dico questo perché:
"Questo sistema criminale e parassitario del fondo monetario internazionale di Ali Baba e dei 40 ladroni di Banchieri Ebrei S.p.A., non solo non vi concederà alcuna speranza, e vi porterà al disastro totale NUCLEARE!"

IBAN : IT33E0358901600010570347584,(non detraibili e non deducibili)