teologia: PAROLA FATTA CARNE

Approfondimento e futuro aggiornamento di questa sezione si troverà, nel maggio 2005, sul sito: http://it.geocities.com/lorenzoscarola

http://web.tiscali.it/martiri

http://utenti.lycos.it/amenalleluia

http://members.xoom.virgilio.it/martiri

CRISTO LA PAROLA FATTA CARNE

Meditare sull'incarnazione.... contemplare il Verbo Incarnato: non delle verità astratte ma la persona di Gesù di Nazareth. La nostra fede si fonda su una persona, non su concetti.

Chi è Gesù? interrogativo non immediatissimo nel tempo.

La primissima generazione dei cristiani è proiettata verso l'immediato ritorno (Maranathà).

Prologo di Giovanni 1,1-18

Ciò che l'ouverture è in un'opera lirica

IN PRINCIPIO

cf. Genesi: storia della salvezza (inizio del tempo del mondo) + principio assoluto (esistenza sovraeminente ed eterna)

IL VERBO, LA PAROLA

[// La Sapienza Il Logos = ///!]

[un apax nel NT]

Martiri dei nostri giorni

http://web.tiscali.it/martiri







LA PAROLA Dio si manifesta attraverso la Parola, presso gli Ebrei ( altri popoli: attraverso la fertilità dei campi, degli animali, degli uomini)

La Parola è uno strumento di azione

La Parola è mezzo di rivelazione

creazione chiama ad esistenza e governa la natura (Sal 147, 18) e

guida il corso della storia (Is 24, 3; Ger 39, 16; 44, 29s)

alleanza crea comunione

profeti chiama a conversione

Talvolta la Parola è personificata, proprio per segnalarne più cospicuamente il carattere dinamico ed efficace (Sal 119, 89; 147, 15ss; Sap 1, 7). Si prepara così la rivelazione N.T. del mistero trinitario

Qui descrive un itinerario che effettua la Parola, come in Is 55,10-11: "come infatti la pioggia e la neve scendono dal cielo.... così sarà della parola uscita dalla mia bocca".

PRESSO

rivolto verso = in relazione dinamica, dialogo, comunione

Relatività, ricettività assoluta: Gesù è tutto relativo al Padre, riflesso della sua ontologia

DIO

"ho theos" - "theos"

Il Padre, la fonte e la meta, il Primo e l'Ultimo, il principio senza principio.

TUTTO È STATO FATTO PER MEZZO DI LUI

In principio -- Tutto

Onnicomprensivita della Parola, nello spazio e nel tempo, nella creazione e nella storia

VITA-LUCE

LUCE-TENEBRE

C'è un confronto: allusione alla dimensione kenotica dell'incarnazione e alla croce

DIVENTARE FIGLI DI DIO

ecco lo scopo dell'incarnazione

L'incarnazione è per l'inserimento personale di Dio stesso nella famiglia e nella storia umana: auto-comunicazione immanente, dal di dentro: l'immanenza del dono e del perdono.

Cristo è Dio-degli-uomini-(//)in-modo-umano

"L'adozione è dunque davvero in noi il corrispondente di ciò che l'incarnazione è nel Cristo. L'incarnazione è la nostra adozione in quanto fondata nel Cristo e, da questo punto di vista, è nostra adozione a sua volta l'incarnazione di Cristo in quanto operante in noi".

L'incarnazione è per la divinizzazione: S-F-P!

CARNE

= l'uomo nella sua condizione di debolezza e di destino mortale

Ad croce: kenosi, "ahi quanto ti costò!"

DIMORÒ FRA NOI:

Tenda: Es 25,8-9; Gl 4,17; Zac 2,14

Tempio, luogo della presenza di Dio e della manifestazione della sua gloria, dell'incontro con Dio: la carne di Cristo come il nuovo e definitivo tempio.

GLORIA:

ciò che manifesta Dio agli uomini (kabhod): ora è una specie di splendore luminoso che si attacca ciò che è santo/sacro, ora avvenimenti attraverso i quali appare la potenza di Dio.

Is 6,3.5; Es 40,34; 24,15-16; 1Re 8,10-11.

Genitivo epesegetico: la gloria che egli è: egli è la gloria del Padre, la pienezza della presenza di Dio in mezzo agli uomini.

UNIGENITO

carattere unico di Cristo. Il 'protothokos' (primogenito) dei risorto dai morti di Paolo, diventa il 'monoghenes' (unigenito) di Giovanni.

(GIUSTIZIA) [1]

Non giustizia retibutiva, ma fedeltà operosa al piano di salvezza: la sua fedeltà sarà effettivamente mantenuta

GRAZIA

amore totalmente gratuito di Dio che liberamente vuole stabilre con il suo popolo un rapporto personale.

VERITÀ

fedeltà di Dio alle sue promesse, affidabilità: Dio come roccia. AMAN amen

L'UNIGENITO CI RACCONTA DIO

Dio rimane sempre al di là della nostra conoscenza, ma Dio ci viene interpretato dal Figlio: Gesù è l'esegeta, il narratore del Padre.

DV 4: "Dio, dopo aver a più riprese e in più modi parlato per mezzo dei profeti, alla fine nei nostri giorni fa parlato a noi per mezzo del Figlio. Mandò infatti suo Figlio, cioè il Verbo eterno, che illumina tutti gli uomini, affinché dimorasse tra gli uomini e ad essi spiegasse i segreti di Dio. Gesù Cristo dunque, Verbo fatto carne, mandato come uomo agli uomini, parla le parole di Dio e porta a compimento l'opera di salvezza affidatagli dal Padre. Perciò Gesù, vedendo il quale si vede anche il Padre, compie e completa la rivelazione(...). L'economia cristiana dunque, in quanto è alleanza nuova e definitiva, non passerà mai, e non è da aspettarsi alcuna nuova rivelazione pubblica prima della manifestazione gloriosa del signore nostro Gesù Cristo".

INCARNAZIONE

fissare lo sguardo su Gesù

Mediatore e non semplicemente intermediario, perché Verbo e carne, divino e umano

Ci dice qualcosa su

DIO: Gesù è la via verso Dio Padre suo: cooptati nella confidenza filiale: vocazione ultima dell'uomo è quella divina, la comunione con Dio: "a quanti lo accolsero diede il potere di divenire figli di Dio". L'incontro Dio avviene in un rapporto filiale. La salvezza, in senso orientale. Non il nirvana di Buddha, ma l'Abbà.

UOMO: GS 22: "In realtà solamente nel mistero del Verbo incarnato trova vera luce il mistero dell'uomo. Adamo, infatti, il primo uomo, era figura di quello futuro e cioè di Cristo Signore. Cristo che è il nuovo Adamo, proprio rivelando il mistero del Padre e del suo amore svela anche pienamente l'uomo all'uomo e gli fa nota la sua altissima vocazione". Adamo dipende da Cristo, non il contrario. Tertulliano: "in quel fango era prefigurata la carne di Cristo". Ireneo: "poiché c'era il Salvatore vennero ad esistenza coloro che dovevano essere salvati".

STORIA: la storia è assunta da Dio, entra in Dio. induismo che svaluta la storia: alla fine, qualunque cosa sia accaduta nella storia dell'uomo, attraverso una serie di reincarnazioni l'uomo si purifica e giunge alla meta: l'impegno dell'uomo può accelerare il raggiungimento della meta, ma non determinarlo. NO! Per i cristiani la storia ha un peso specifico: l'evento-Cristo, circostanziato nel tempo e nello spazio, provoca l'uomo ad una decisione; e d'altra parte le azioni dell'uomo, il modo in cui l'uomo ha impegnato la sua storia sulla terra determinano anche la sua condizione metastorica, il 'cielo'. La storia, in seguito all'incarnazione, è il terreno in cui si gioca il rapporto tra Dio e l'uomo. Dobbiamo prenderla sul serio. La storia umana di Gesù è impressa nella sua carne (cf. le piaghe del costato di Tommaso), e non scompare dopo la sua glorificazione, né nella vita eterna.

COSMO: Il ruolo cosmologico del Verbo è messo in evidenza già dal Prologo, e dagli inni delle lettere deutero-paoline ("Egli è l'immagine del Dio invisibile, generato prima di ogni creatura. Tutte le cose sono state create per mezzo di lui e in vista di lui. Egli è prima di tutte le cose e tutte sussistono in lui: Col 1,15-17). La creazione è la grammatica che Dio ha posto per poter pronunciare lòa sua parola nel non-Dio: la creazione per l'incarnazione, l'incarnazione per la nuova alleanza. Cristo all'inizio: punto alfa.

Cristo punto omega del processo evolutivo del mondo, causa finale che mette in moto l'evoluzione, attraendo tutto il cosmo a se stesso (Teilhard)

L'umanità di Cristo è consustanziale alla nostra, cioè al cosmo stesso. Tra la nostra terra e la carne glorificata del Verbo v'è la discontinuità della glorificazione, ma anche continuità della stessa sostanza. Ecologia non come moda 'idolatra' da verdi, ma come atto religioso di una spiritualità cristocentrica. Il cosmo è 'consacrato' dalla incarnazione.

STILE DI VITA: Dio nell'incarnazione ha voluto comunicarsi dall'interno, in modo immanente. Non ha stravolto le possibilità della sua creatura, né le ha semplicemente tralasciate. Non ha voluto fare a meno del grembo di Maria, non ha voluto fare a meno della carne, della intelligenza, della volontà di Gesù. Dobbiamo anche noi concepire in chiave di incarnazione il nostro rapporto con Dio e il suo agire nella storia, oggi per mezzo dello Spirito Santo. L'umanità è come un meccanismo ingottato e in parte difettoso. Lo Spirito santo funziona come un olio che purifica dalla ruggine questa macchina, la ripara, la rende veloce e rapida nel suo funzionamento, e permette di raggiungere risultati anche superiori alle sue oggettive potenzialità. Ma della macchina Dio ha scelto di non fare a a meno, (anche se -ovviamente- lo può). Dunque, come fu necessario che Maria impegnasse tutta intera la sua umanità perché lo Spirito Santo formasse in lei il Verbo incarnato, come attraverso l'umanità di Gesù noi possiamo cogliere la sua divinità e nei suoi atteggiamenti umani verso Dio, come dell'umanità di Gesù nulla perisce anche nella gloria eterna ed anzi essa giocherà un ruolo anche nell'eternità (il ruolo eterno di mediatore del Verbo incarnato), così noi non siamo esonerati per nulla dal nostro apporto alla costruzione del regno di Dio. Dobbiamo lasciarci plasmare, purificare, agevolare dallo Spirito Santo, ma non attenderci che Egli prenda il nostro posto. Dio non si sostituisce mai alla sua creatura fin dove questa può arrivare. Agisce accanto alla sua creatura, anzi all'interno di essa, ma senza annullarla.

Questo è l'amore di Dio per la sua creatura: lasciarla libera, autonoma, capace di collaborare. Dio vuole l'uomo come partner.

Questa è però anche un appello, una responsabilità, una sfida a vivere nella nostra vita sino in fondo il mistero dell'incarnazione.

Che Cristo vivo nella mia spiritualità e presento nella predicazione?

Che influsso ha la teologia dell'incarnazione nel mio stile di vita?

divinità & umanità

Difficile tenere insieme i due estremi!

!!! Questo è il centro del cristianesimo: attenzione anche oggi a non cedere alle mode di un male inteso ecumenismo interreligioso.

- salvare la divinità: motivo soteriologico! ci può effettivamente salvare? vale la pena di dare la vita per lui? Consostanziale al Padre (Küng, Schoonenberg): "Gesù un rappresentante di Dio"

Un Dio che si fa uomo: "tu che sei uomo ti fai Dio!?" (Gv 10,33)

non è un uomo che viene divinizzato altre religioni (buddismo): è un Dio che si fa uomo

identità ontologica unico mediatore

- salvare l'umanità: umanità integra, anche se questo può scandalizzarci: quod non assumptum non redemptum! (Atanasio). Caro cardo salutis! (Tertulliano). Non attribuire perfezioni deduttivamente! (Gesù il più perfetto falegname, musicista, ecc.): è uno scandalo accettare la morte, ma è uno scandalo accettare anche tutte le limitatezze implicite nella carne. Non riduciamo la grandezza e la libertà dell'amore divino. Consostanziale a noi. Precisamente nell'umanità di Cristo è seminata la sua divinità: nel suo atteggiamento filiale verso Dio-Abbà si rispecchia la sua filiazione eterna. L'umanità del Verbo è un sacramento, un segno performativo, non semplicemente informativo: in esso si realizza la divinità: Gesù Cristo sacramento dell'incontro con Dio.

La seconda persona della Trinità è personalmente uomo; e quest'uomo è personalmente Dio. Cristo è Dio in modo umano - uomo in modo divino

Emmanuele: Cristo è Dio-degli-uomini-(//)in-modo-umano

** una persona della Trinità

Il monoteismo cristiano è trinitario. Tutta la vita cristiana è articolata su un ritmo trinitario: la preghiera (lex credendi) non è seguita però dalla concreta lex credendi. Di fatto, la Trinità è in esilio.

** la seconda persona della Trinità: la Parola = il Figlio, In quanto Figlio eterno, Cristo è l'espressione perfetta del Padre: l'autoespressione del Padre ad intra è colui attraverso il quale il Padre deve esprimere se stesso anche ad extra: immagine del Dio invisibile (Col 1,15); di condizione divina (Fil 2,6); splendore della gloria del Padre. Con l'incarnazione diventa la manifestazione suprema di Dio in seno all'umanità: "poiché la vita si è fatta visibile, noi l'abbiamo veduta e di ciò rendiamo testimoninanza e vi annunziamo la vita eterna che era presso il Padre e si è resa visibile a noi" (1Gv 1,2).

Gesù il centro

lui in persona il Mediatore: Buddha è un illuminato che indica la via, Gesù è la luce che illumina ogni uomo, è lui stesso la vita.

"Il Verbo di Dio, per mezzo del quale tutto è stato creato, si è fatto egli stesso carne per operare, lui, l'uomo perfetto, la salvezza di tutti e divenire il centro di convergenza di tutte le cose. Il Signore è il fine della storia, il punto focale dei destini dei popoli e delle culture, il perno della vicenda umana, la gioia di ogni cuore, la pienezza delle loro aspirazioni. Egli è colui che il Padre ha risuscitato dai morti, ha esaltato e collocato alla sua destra, costituendolo giudice dei vivi e dei morti. Noi, vivificati e unificati dal suo Spirito, siamo in cammino verso la finale perfezione della storia umana, che corrisponde in pieno al disegno del suo amore di ricapitolare in Cristo tutte le cose, quelle del cielo come quelle della terra" (GS 45).



[1] hemet - pisti" - fedeltà 'aleqeia - veracità

Dio è fedele alla sua alleanza

sedeq - krisis - giudizio dikaiosune - giustizia

Dio mostra la sua fedeltà con opere

hesed - eleos - pietà charis - grazia



http://monarchiabancaria.blogspot.com/
Dio si nasconde, perché gode di essere trovato:
http://fedele.altervista.org/
sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri




http://yeshua-ha-mashiach-notzri.blogspot.com/


http://pensiero-e-azione.blogspot.com/

http://ilcomandamento.blogspot.com/

http://it.youtube.com/lorenzojhwh

http://simec-aurito.blogspot.com/

http://fedele.altervista.org

http://jhwhinri.blogspot.com

http://immagini-parlanti.blogspot.com



Website Countercontatori di:
lorenzo.scarola@istruzione.it



tutto è per Lui o contro di Lui = " A e W "

Tu da che parte stai?

Cosa di te sarà evidente quando il Signore tornerà?

Infatti, Lui, riguardo a te, sta per tornare molto prima di quello che puoi pensare!

sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri


Website Counter
contatori di:jhwhinri@gmail.com



======================
==========
Lorenzo Scarola rappresentante di JHWH è disponibile per costruire il terzo Tempio Ebraico sul Monte degli Ulivi come è già stato annunciato dai profeti.
Questo Tempio aprirà il più bel periodo di pace, prosperità e "risveglio" che il genere umano abbia mai conosciuto, insomma si tratta dell'ultima fase del genere umano dedicata allo Spirito Santo.

Lorenzo Scarola dedica questo lavoro al suo Dio Spirito Santo.

  • 1- saluto Nicolò Bellia e all'antropocrazia.

  • 2- saluto tutti gli uomini di "buona volontà"

  • 3- saluto tutti i servitori di Dio

  • 4- saluto tutti i figli di Dio

lorenzo.scarola@istruzione.it

http://www.youtube.com/user/
humanumgenus

http://www.youtube.com/user/
lorenzojhwh


"Insomma, Dio per tutta l'Eternità non vuole essere lodato e ringraziato per poco, ma per molto, molto e moltissimo!
Non neghiamogli questa felicità, diamogli la possibilità di poter operare prodigi in noi." by lorenzo scarola
Gloria a Dio per sempre!
A te, caro fratello mio, pace
da Lorenzo Scarola,
ore serali 3205708054
lorenzo.scarola@istruzione.it

http://deiverbumdei.blogspot.com

http://www.youtube.com/lorenzojhwh

http://www.youtube.com/humanumgenus



lorenzo scarola, Giacinto Auriti, Gesù di Betlemme e il futuro del genere umano
http://ilmegliodelbene.blogspot.com
http://fedele.altervista.org

lorenzo.scarola@istruzione.it

il vero volto dell'istituzione

Il signoraggio bancario è il nostro

più alto simbolo istituzionale OCCULTATO disonestamente e criminosamente al popolo, questo è il VERO motivo di tutti i MALI che affliggono la nostra falsa democrazia venduta dai massoni ai banchieri ebrei dal suo sorgere.

Questo è il più grave Delitto di LESA Maestà e violazione criminale dei principi Costituzionali di base.

Per questo, adesso si cerca di manipolare anche la Costituzione unico nostro baluardo al diritto già criminalizzato.






Nota: REVISIONISMO STORICO

Il problema dei nostri giorni non è quello della complessità e che bisogna studiare molto e moltissimo per poter capire qualcosa.
Ma che bisogna saper cercare nella contro-informazione quelle fonti "genuine" che non ci facciano cadere nella "fosso" del depistaggio.
Una schiera sterminata di "mangia pagnotte S.p.A.", ovvero di: funzionari, massoni, politici e di docenti universitari collaborazionisti del signoraggio bancario, ora hanno reso davvero difficile, non solo la comprensione reale della storia nei suoi avvenimenti, ma anche e soprattutto, rendono incomprensibile la stessa realtà che ci circonda.


Allora, veniamo al dunque: "sei disposto a dare la vita come me, oppure preferisce dare un contributo?"
IBAN : IT33E0358901600010570347584,(non detraibili e non deducibili)