teologia: ESPERIENZA di DIO

http://web.tiscali.it/martiri

http://utenti.lycos.it/amenalleluia

http://members.xoom.virgilio.it/martiri

1.2 ESPERIENZA E CONOSCENZA DI DIO

1.2.1. L’ESPERIENZA DI “DIO”

* La conoscenza, anche di Dio, deve basarsi sull'esperienza

* Presenza di Dio percezione della presenza di Dio

* Ex-perire. Pathos e mathos. Uomo-&-mondo: storicità. Mai con-chiusa: parzialità, apertura

-- Esperienza indiretta -- Esperienza diretta

-- Esperienze frammentarie nelle quali risplende l’Esperienza: Situazioni di apertura

esperienza della propria individualità: io sono unico e irripetibile

esperienza dell'ordine / del disordine, in sé e nel mondo

esperienza dell'aiuto che viene dall'altro /dall'alto

esperienza dell'incomprensibilità della vita: il carattere transitorio delle realtà

gioia / dolore / angoscia / conforto/ fedeltà / noia / creatività / morte

S. Agostino: «e il nostro cuore è inquieto...»: aspirazione all'infinito

L'uomo come tale è apertura al mistero. L'uomo è colui che interroga la propria realtà.

l'orizzonte dell'uomo è un mistero, che è fondamento della sua esperienza

Mistero ( enigma): armonia di contrasto, ambivalenza: mysterium tremendum fascinosum...ma ambiguo...

Possiamo dare un nome a questo mistero?

1.2.2. CONOSCENZA DI DIO

Conoscere = esperienza + astrazione concettuale + dimostrazione.

Dimostrare Dio = invito motivato a credere nella libertà

È POSSIBILE UNA CONOSCENZA “RAZIONALE” DI DIO?

Sal 14,1

Lo stolto pensa: Dio non esiste.

Sap 13,1-5

[1] Davvero stolti per natura tutti gli uomini / che vivevano nell'ignoranza di Dio, / e dai beni visibili non riconobbero colui che è, / non riconobbero l'artefice, pur considerandone le opere. [2] Ma o il fuoco o il vento o l'aria sottile / o la volta stellata o l'acqua impetuosa o le luci del cielo / considerarono come dèi, reggitori del mondo. / [3] Se stupiti per la loro bellezza, li hanno presi per dèi, / pensino quanto è superiore il loro Signore, / perché li ha creati lo stesso autore della bellezza. / [4] Se sono colpiti dalla loro potenza e attività, / pensino quanto è più potente colui che li ha formati. [5] Difatti dalla grandezza e bellezza delle creature / per analogia si conosce l'autore.

Rom 1,19

[19] Poiché ciò che è noto di Dio è loro manifesto in loro: [20] infatti dopo la creazione del mondo Dio manifestò ad essi le sue proprietà invisibili, come la sua eterna potenza e divinità, che si rendono visibili all'intelligenza mediante le opere da lui fatte. E così essi sono inescusabili, [21] poiché, avendo conosciuto Dio, non lo glorificarono come Dio né gli resero grazie, ma i loro ragionamenti divennero vuoti e la loro coscienza stolta si ottenebrò. [22] Ritenendosi sapienti, divennero sciocchi, [23] e scambiarono la gloria di Dio incorruttibile con le sembianze di uomo incorruttibile, di volatili, di quadrupedi, di serpenti.

Tra il naturale e il soprannaturale, tra ragione e fede non vi è assoluta discontinuità.

Vaticano I, Dei Filius, 24.4.1870

cap. I Dio creatore di tutto

DS 3001 L'unico Dio è creatore di cielo e terra

[can. 1: contro chi nega l'esistenza di Dio].

[can. 3: contro il panteismo: «una e unica è la sostanza di Dio e di tutte le cose»].

DS 3002 Ha creato non per bisogno, ma liberamente, per manifestare la sua perfezione

[can. 2: contro il materialismo].

DS 3003 Ciò che ha creato, Dio lo governa con la provvidenza

cap. II La Rivelazione

DS 3004 Dio può essere conosciuto con certezza dalle cose create, attraverso il lume naturale della ragione.

Tuttavia ha voluto fare conoscere sé e la sua volontà attraverso una via soprannaturale: il Figlio incarnato.

[can. 1: contro chi nega la possibiltà della teologia naturale].

[can. 2: contro il deismo].

[can. 3: contro il razionalismo].

DS 3005 La rivelazione non era in sé necessaria, ma in vista dell'ordinazione soprannaturale dell'uomo a partecipare di beni che superano l'intelligenza umana.

DS 3006 Scrittura e Tradizioni.

DS 3007 Interpretazione.

cap. III La fede

DS 3008 Siamo tenuti a prestare a Dio che si rivela il pieno ossequio dell'intelletto e della volontà nella fede: la fede trascende la ragione e ne chiede la subordinazione.

La fede è l'inizio dell'umana salvezza, una virtù soprannaturale con la quale, con l'aiuto della grazia di Dio, crediamo che son vere le cose che ci ha rivelato

NON per la verità intrinseca percepità col lume della ragione naturale

MA per l'autorità di Dio che si rivela, che non può né ingannare né ingannarsi.

[cann. 1s: contro l'autonomia della ragione: "Dio non può comandare la fede"].

DS 3009 Miracoli e profezie: segni della rivelazione certissimi e adatti all'intelligenza di tutti

[can. 3: contro il fideismo: «bisogna credere solo per una mozione interna»].

[can. 4: contro l'agnosticismo e il mitologismo].

DS 3010 Nessuno può credere senza l'illuminazione e l'ispirazione dello Spirito Santo: la fede è un dono soprannaturale, attinente alla salvezza. Con la fede l'uomo presta libera obbedienza a Dio, consentendo e cooperando alla sua grazia.

La fede non coincide con la carità, rimanendo la prima anche in assenza della seconda.

[cf. Orange, 3.7.529, can. 7: occorre il lume dello Spirito santo, non basta il lume della ragione, per attingere la salvezza].

DS 3011 Oggetto della fede sono le cose contenute in verbo Dei scripto vel tradito e quelle che la chiesa propone tamquam divinitus revelata con giudizio solenne o col magistero universale e ordinario.

DS 3012 È necessaria averla, per piacere a Dio; è necessario perseverarvi.

DS 3013 ARGOMENTI ESTERNI La chiesa stessa -veluti signum levatum in nationibus- «è perpetuo motivo di credibilità e testimonio della sua missione divina».

DS 3014 ARGOMENTI INTERNI Dio dona la sua grazia a coloro che sono nell'errore, illuminandoli internamente. C'è però differenza tra chi segue il cattolicesimo e chi segue un'altra religione.

cap. IV Fede e ragione

DS 3015 C'è un doppio ordine di conoscenza: soprannaturale e naturale

principio oggetto

per mezzo della ragione naturale ciò che è alla portata della ragione

per mezzo della fede divina i misteri di Dio, inconoscibili senza rivelazione

DS 3016 Il ruolo della ragione è:

- sviluppare l'analogia, in base a ciò che conosce naturalmente

- cogliere il nesso dei misteri fra loro e con il fine ultimo dell'uomo.

(MA sulla terra siamo pellegrini: un velo rimane).

DS 3017 Non v'è opposizione fede-ragione lo stesso Dio è autore della rivelazione

ha creato la ragione umana.

DS 3018 Fede e ragione possono reciprocamente sostenersi:

* la ragione dimostra i fondamenti della fede e coltiva la scienza delle cose divine

* la fede libera la ragione dagli errori e la istruisce

( utilità delle scienze umane).

@ I segni

-- sono validi come manifestazione dell'evento della rivelazione

-- sono necessari, tranne che per esperienze interiori privilegiate

-- non dimostrano il fatto della rivelazione, né vogliono costringere a credere

-- ma garantiscono la credibilità di ciò che vien esposto, la conformità alla ragione

Concilio Vaticano I: NO al razionalismo (la ragione è tanto forte da rendere l'uomo del tutto autonomo), NO al fideismo (Dio si può conoscere solo attraverso la fede).

Dio può essere conosciuto con certezza dalle cose create, attraverso il lume naturale della ragione.

Tuttavia ha voluto fare conoscere sé e la sua volontà attraverso una via soprannaturale: il Figlio incarnato".

di Dio è possibile una conoscenza

*** UNA “CONOSCENZA”

Sulle generali: in senso molto ampio. Non è una demonstratio (matematico-oggettivo), ma cognoscere (qualcosa di ‘personale’).

*** PER ANALOGIA

analogia = uguaglianza + diversità: es. il pane e Giovanni sono ‘buoni’: si predica di due soggetti un medesimo attributo in senso in parte comune e in parte diverso.

Concilio Lateranense IV: (DS 806) «tra Creatore e creatura non si può notare una somiglianza tale che non si debba poi osservare una dissomiglianza ancora maggiore»

TEOLOGIA NEGATIVA: di Dio si può dire soprattutto ciò che non è: in-visibile, in-corporeo, in-finito, ecc. È una ‘dotta ignoranza’, un sapere di non sapere.

Dionigi Pseudo-Aeropagita: «in ordine a Dio, le negazioni sono vere, le affermazioni sono insufficienti»

1. affermazione: dal finito all'infinito, dagli effetti creati si risale al Creatore [catafatica]

2. negazione: il nostro linguaggio, il nostro modo di esprimerci è finito [apofatica]

3. sovraeminenza: cè il buono finito à c’è il buono infinito: le perfezioni finite devono essere attribuite a Dio in modo insuperabile

*** COL LUME «NATURALE»

Quale ‘natura’? Quale uomo: esistenziale naturale o soprannaturale?

*** È POSSIBILE

Non si dice nulla sulla possibilità che tutto questo effettivamente avvenga: assolta la quaestio iuris non la quaestio facti: quanti ci sono arrivati? molti, pochi, nessuno?

È l’apertura fondamentale della ragione a Dio

Cf. Dei Verbum, 6.

Più decisiva dell'analogia entis, vale l'analogia fidei

Gv 1,18: «Dio nessuno l'ha mai visto: / proprio il Figlio unigenito, / che è nel seno del Padre, / lui l'ha rivelato».

1.2.3. LE PROVE DELL’ESISTENZA DI DIO

a. PROVA COSMOLOGICA

-- Il cosmo: la sua esistenza, il suo ordine, la sua bellezza, la sua caducità.

-- Aristotele, S. Tommaso: non si può risalire all'infinito tra gli anelli della catena: ci dev'essere un ‘super-anello’, la causa prima, Dio.

* movimento: tutto ciò che si muove è messo in moto da un altro motore immobile.

m. fisico corruzione-generazione

altra qualità

altra posizione

altra quantità

m. metafisico dalla potenza all’atto

* causalità: nessuno è causa di se stesso causa prima non causata.

1 c. materiale: ciò di cui (ex quo) è fatta una cosa: il bronzo rispetto alla statua

2 c. formale: ciò per cui (quo) è fatta una cosa

3 c. efficiente: ciò da cui (a quo) deriva una cosa

4 c. finale: ciò in vista di cui (cuius gratia) si fa una cosa

1 e 2 sono cause intrinseche all’effetto; 3 e 4 sono estrinseche (ne restano fuori)

* contingenza: ogni cosa esiste condizionata da altre, in senso graduato essere necessario, non condizionato, assoluto.

* gerarchia dell'essere: le cose sono più o meno belle, buone, ecc. massimo della perfezione, criterio del più/meno.

* finalità: ogni cosa agisce secondo un ordine e una finalità, anche nel campo del non-intelligente una Intelligenza superiore e libera ha posto l'ordine e la finalità.

[-- A. Einstein, W. Heisenberg, C.F. von Weizsäcker: nella natura ci sono delle leggi, che l'uomo riconosce e applica. Quest'ordine non deriva dall'uomo. Come l'uomo con il suo spirito fa progetti ordinati, così dev'esserci uno Spirito che ha progettato ordinatamente la natura, e la rende intelligibile allo spirito umano].

[-- M. Heidegger: perché esiste qualcosa anziché niente? Stupore! Pur contingente, l'essere è (limitatamente) necessario: in quanto è, non può non essere. L'essere limitato (creato) si spiega alla luce dell'essere assoluto (Dio)].

* Dio è il fondamento in-fondato libertà dalla dipendenza da ogni realtà limitata.

nSCHEMA I - esperienza

II - qual è il fondamento e la meta delle esperienze?

III - et hoc omnes nominant Deum: il Dio di omnes, il Dio della ragione

nCONTESTO: filosofia & teologia formano un unico contesto scientifico: ragione e fede arrivano per vie diverse alla stessa meta.

n ONTOTEOLOGIA: Dio fondamento ultimo dell’essere: Dio a partire dal mondo


http://web.tiscali.it/martiri

http://utenti.lycos.it/amenalleluia

http://members.xoom.virgilio.it/martiri

b. PROVA ONTOLOGICA

Si dimostra Dio a partire dal mondo? Dio deve essere dimostrato a partire da Dio

Dio a partire da Dio: non si parte dal mondo per affermare Dio

ma da Dio per affermare il mondo

Anselmo d’Aosta,

La teologia monastica (uso passivo delle auctoritates)- La teologia “razionale” di Anselmo: fides quaerens intellectum

n Monologion (Exemplum meditandi de rationibus fidei): cinque argomenti: discorso sul Creatore a partire dagli effetti

n Proslogion (Fides quaerens intellectum): un solo argomento

«Dio è l’id quo maius cogitari nequit - id quo maius nihil cogitari potest».

Ciò di cui non si può pensare il maggiore

Ciò che è maggiore di quello che si può pensare

Dunque esiste necessariamente, perché altrimenti - se non fosse esistente - gli sarebbe superiore ciò che esiste, e non sarebbe più l’id quo maius.

Non è un concetto come gli altri, solo che si trova al sommo della gerarchia... Nel pensiero irrompe una verità, che viene posta da Dio nell’uomo affinché l’uomo lo cerchi.

L’idea di Dio include in sé l’essere.

(-Bonaventura, Cartesio, Hegel)

MA [Gaunilone] tra piano logico e piano ontologico non c’è passaggio necessario: ciò che è nella mia testa non è necessariamente nella realtà. Dal concetto di Dio come id quo maius, non si può dedurre che egli effettivamente esista nella realtà: esiste nella mia mente così, ma come dire che esiste anche nella realtà così?

# Questa non è un’idea come le altre: NELLA impostazione platonico-agostiniana (Cf. = idealismo), pensiero ed essere non sono sganciati, il pensiero è una forma di partecipazione all’essere e di comprensione dell’essere: noi conosciamo perché Dio ci partecipa la sua conoscenza: c’è un a-priori nella nostra conoscenza, conosciamo perché -prima- c’è Dio che ce lo permette (diverso nell’approccio aristotelico-tomista, la conoscenza è a-posteriori, a partire dall’incontro deisensi con la realtà, non a partire da un qualcosa di preesistente).

c. PROVA STORICA

Cicerone Dappertutto e da sempre nella storia dell’umanità si è creduto nella esistenza degli dei: dunque si tratta di un’idea innata


http://web.tiscali.it/martiri

http://utenti.lycos.it/amenalleluia

http://members.xoom.virgilio.it/martiri

d. PROVA ANTROPOLOGICA

*** Il cuore dell’uomo (Agostino): Dio è la verità primordiale, Dio è fine e compimento dell’uomo

*** La coscienza dell’uomo (Kant)Dio è un postulato della ragion pratica, possibilità e garante dello sforzo morale dell’uomo e della felicità che vi è connessa

*** Approccio trascendentale (Rahner) L’uomo sperimenta dentro di sé lo scarto fra ideale e realtà. L’uomo non è chi vorrebbe essere.

Perché protestiamo? Se fossimo fatti per il limite, non ce ne rammaricheremmo: un canarino & una tigre in gabbia

Superiamo il limite nel momento in cui lo avvertiamo come tale [esperienza trascendentale, sottesa ad ogni altra esperienza].

LIBERTÀ siamo chianati a realizzarci nella libertà. Ma la libertà - a fronte di tanti condizionamenti - è un’aspirazione più che un dato effettivo. Che cosa mi dà il coraggio di credere alla libertà?

AMORE desiderio del bene: qual è il bene

soffriamo il limite perché siamo fatti per l’assoluto

# SONO INVITI MOTIVATI A CREDERE

Credere in Dio non è contrario alle esigenze della ragione: nell’uomo c’è un’apertura fondamentale a Dio

#VALE LA PENA DI FARE TEOLOGIA “RAZIONALE”?

AT Gen, 1; 2. Sap 13; Sal 14

NT XR Il mondo è metafora del Regno, Dio è colto nella natura e nella storia

Rom la creazione, la coscienza... i pagani possono conoscere Dio

Gv L’uomo anela alla salvezza e ne ha comprensione: Logos endiathetos-prophorikos

BB C’è una teologia naturale già nella BB, non ‘sistematica’, ma c’è: tra l’ordine della slavezza e l’ordine della creazione c’è continuità

PP 1. via cosmologica

2. via psicologica

SC Gratia supponit naturam - Fides supponit rationem

VAT I La fede è obsequium rationi consentaneum

VAT II + prospettiva storico-salvifica

GS 19-22

DH 14

# La fede è nell’uomo, non esiste in astratto ma è un actus humanus: c’è una INCULTURAZIONE che esige una fondamentazione razionale

# La fede va comunicata universalmente: 1Pt 3,15: deve cercare la TRASMISSIONE mediante l’aggancio con la ragione che è una radice comune a tutti gli uomini

# La fede si motiva da sola, ma ha una sua RAGIONEVOLEZZA: la teologia razionale ha il compito di dimostrare (non la fede, ma) la conformità della fede alle esigenze della ragione

n tra realtà creata e realtà della salvezza non c’è contraddizione

n la fede un vedere dentro e al di là: è dare senso


http://monarchiabancaria.blogspot.com/
Dio si nasconde, perché gode di essere trovato:
http://fedele.altervista.org/
sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri




http://yeshua-ha-mashiach-notzri.blogspot.com/


http://pensiero-e-azione.blogspot.com/

http://ilcomandamento.blogspot.com/

http://it.youtube.com/lorenzojhwh

http://simec-aurito.blogspot.com/

http://fedele.altervista.org

http://jhwhinri.blogspot.com

http://immagini-parlanti.blogspot.com



Website Countercontatori di:
lorenzo.scarola@istruzione.it



tutto è per Lui o contro di Lui = " A e W "

Tu da che parte stai?

Cosa di te sarà evidente quando il Signore tornerà?

Infatti, Lui, riguardo a te, sta per tornare molto prima di quello che puoi pensare!

======================
==========
Lorenzo Scarola approfitta della presente per salutare TUTTI simpaticamente: "Pace e Gioia!"!
Lorenzo Scarola è il creatore della prima moneta internazionale l'AURO o AURITO di proprietà del portatore

Lorenzo Scarola ordina in maniera immediata, nel nome di Gesù Cristo, tutto il bene e tutto il male, secondo quello che ognuno avrà meritato: "Questo darà ancora, per l''ultima volta, spazio a una SPERANZA politica, prima che il SIGNORE ritorni".

sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri


Website Counter
contatori di:jhwhinri@gmail.com




Lorenzo Scarola rappresentante di JHWH è disponibile per costruire il terzo Tempio Ebraico sul Monte degli Ulivi come è già stato annunciato dai profeti.
Questo Tempio aprirà il più bel periodo di pace, prosperità e "risveglio" che il genere umano abbia mai conosciuto, insomma si tratta dell'ultima fase del genere umano dedicata allo Spirito Santo.

Lorenzo Scarola dedica questo lavoro al suo Dio Spirito Santo.

  • 1- saluto Nicolò Bellia e all'antropocrazia.

  • 2- saluto tutti gli uomini di "buona volontà"

  • 3- saluto tutti i servitori di Dio

  • 4- saluto tutti i figli di Dio

lorenzo.scarola@istruzione.it

http://www.youtube.com/user/
humanumgenus

http://www.youtube.com/user/
lorenzojhwh


"Insomma, Dio per tutta l'Eternità non vuole essere lodato e ringraziato per poco, ma per molto, molto e moltissimo!
Non neghiamogli questa felicità, diamogli la possibilità di poter operare prodigi in noi." by lorenzo scarola
Gloria a Dio per sempre!
A te, caro fratello mio, pace
da Lorenzo Scarola,
ore serali 3205708054
lorenzo.scarola@istruzione.it

http://deiverbumdei.blogspot.com

http://www.youtube.com/lorenzojhwh

http://www.youtube.com/humanumgenus



lorenzo scarola, Giacinto Auriti, Gesù di Betlemme e il futuro del genere umano
http://ilmegliodelbene.blogspot.com
http://fedele.altervista.org

lorenzo.scarola@istruzione.it

il vero volto dell'istituzione

Il signoraggio bancario è il nostro

più alto simbolo istituzionale OCCULTATO disonestamente e criminosamente al popolo, questo è il VERO motivo di tutti i MALI che affliggono la nostra falsa democrazia venduta dai massoni ai banchieri ebrei dal suo sorgere.

Pertanto, tutto il Pianeta è fondato sull'immoralità ideologica quanto economica.

Questo è il più grave Delitto di LESA Maestà e violazione criminale dei principi Costituzionali di base.

Per questo, adesso si cerca di manipolare anche la Costituzione unico nostro baluardo al diritto già criminalizzato.






Nota: REVISIONISMO STORICO

Il problema dei nostri giorni non è quello della complessità e che bisogna studiare molto e moltissimo per poter capire qualcosa.
Ma che bisogna saper cercare nella contro-informazione quelle fonti "genuine" che non ci facciano cadere nella "fosso" del depistaggio.
Una schiera sterminata di "mangia pagnotte S.p.A.", ovvero di: funzionari, massoni, politici e di docenti universitari collaborazionisti del signoraggio bancario, ora hanno reso davvero difficile, non solo la comprensione reale della storia nei suoi avvenimenti, ma anche e soprattutto, rendono incomprensibile la stessa realtà che ci circonda.


Allora, veniamo al dunque: "sei disposto a dare la vita come me, oppure preferisce dare un contributo?"
IBAN : IT33E0358901600010570347584,(non detraibili e non deducibili)