teologia: conoscenza “naturale”

http://web.tiscali.it/martiri

http://utenti.lycos.it/amenalleluia

http://members.xoom.virgilio.it/martiri

1. La conoscenza “naturale”

Cosa intendiamo per “conoscenza naturale”? Abbiamo parlato del Dio rivelato da Gesù. Ma la Chiesa e la Fede cristiana ci dicono che questo Dio che noi conosciamo nella Rivelazione, è un Dio che, in un certo senso, senza definirne i limiti, può essere conosciuto dalla ragione umana a partire dalle realtà create. Lo stesso concetto da un altro punto di vista: “Dio è”, è un’affermazione di fede, ma non un’affermazione fideistica, non irresponsabile di fronte alla ragione umana.

Nell’AT, la conoscenza si fonda sull’azione di Dio che entra a contatto personale con gli uomini e si fa conoscere. In certi testi, però, si afferma anche che Dio fa conoscere qualcosa di Sé nel fatto stesso della Creazione del mondo: Sal 19, 2: “i cieli narrano la gloria di Dio”.

La Gloria (nel senso di manifestazione - presenza, ricordiamolo) di Dio, ha una dimensione cosmica; Dio fa sentire nel cosmo la sua presenza. E’ un’idea presente nel libro della Sapienza (libro “greco”, scritto in ambiente alessandrino), 13, 1 ss: dalle creature, per analogia (ana in greco è la preposizione che esprime il moto ascendente), si conosce il Creatore.

Nelle Sacre Scritture (anche nel NT) si parla si questa possibilità di una certa conoscenza tramite la Creazione, possibilità che spesso non si realizza per il colpevole atteggiamento degli uomini, per il loro “sguardo non limpido”; cfr. Rom 1, 19-23:

la non scusabilità di coloro che hanno trasformato e ridotto l’essere di Dio nell’immagine e nella figura degli idoli, esseri corruttibili; in particolare, ciò che l’uomo può conoscere di Dio è perché Dio stesso lo ha manifestato (il verbo janew è utilizzato in questo passo e poi ancora nella stessa lettera al capitolo 3, 2, per indicare la manifestazione in Cristo!).

La conoscenza di Dio non è quindi qualcosa che l’uomo può raggiungere nella freddezza e nella “scientificità” pura [modernamente intesa], ma è una conoscenza nella quale l’aspetto morale (e non solo intellettuale) ha un ruolo fondamentale.

La mente e il cuore ottusi, infatti, confondono l’immagine di Dio in un modo non scusabile. Frequente, soprattutto nella riflessione paolina, è la constatazione che, potendo arrivare alla conoscenza giustamente (ma non piena, ovviamente!) di Dio, spesso gli uomini hanno fallito.

Queste idee fondate sulle Sacre Scritture, collocano il quadro della teologia delle prove dell’esistenza di Dio. Ma è importante ribadire che non si tratta di un semplice processo di conoscenza “fredda” e distaccata, ma dato il particolare “oggetto”, giocano un ruolo determinante gli elementi soggettivi dell’uomo. Cfr. DF (DS 3004; 3025), tenendo presente che il contesto del Vaticano I era di lotta contro il razionalismo e idealismo.

Dio si lascia conoscere anche tramite la Creazione. Mostrare la possibilità dell’esistenza di Dio (in un momento storico che non conosceva la separazione moderna di “filosofia” e “teologia”) a partire dalla Creazione era uno degli obiettivi dei pensatori medioevali. Il Medio Evo parla di due libri dati dalla Provvidenza di Dio: la Parola e la Creazione, “libri” aperti alla conoscenza della Verità.

Nel XIX secolo, il fiorire del razionalismo nel suo tentativo di ridurre la fede alla ragione, ha portato ad una reazione esattamente opposta, soprattutto negli ambienti del tradizionalismo francese, fortemente fideistico: è impossibile conoscere Dio mediante la Creazione. D’altra parte, però, cfr. DS 2751 ss; 2765 ss; 2811 ss: in alcuni di questi testi si utilizza anche la parola “demonstratio” parlando della ricerca dell’esistenza di Dio.

Il Vaticano I, nella costituzione Dei Filius, ha tentato una mediazione fra razionalismo e fideismo: l’atto di fede non è qualcosa di cieco e “ir-razionale”, ma non è nemmeno riducibile alla sola ragione; cfr. DS 3004 (e il corrispondente canone 3026): “Dio, principio e fine di tutte le cose, con la luce naturale della ragione umana e a partire dalle realtà create, in modo certo può essere conosciuto”. Il testo di riferimento è il già citato Rom 1, 20.


http://web.tiscali.it/martiri

http://utenti.lycos.it/amenalleluia

http://members.xoom.virgilio.it/martiri

Analisi del testo.

Si tratta di affermazioni dal tono molto più modesto dei documenti precedenti (e dotati di minor valore magisteriale): è completamente assente, ad esempio, la parola “demonstratio”; Deus cognoscitur, non demonstratur. Altri testi magisteriali (per es. HG di Pio XII nel 1950), saranno anche più precisi, ma non è il caso del Vaticano I. Dimostrare è indubbiamente diverso dal conoscere: la realtà divina è conoscibile, ma non è perfettamente comunicabile al modo di una dimostrazione matematico - sperimentale. D’altra parte, la dimostrazione non è una possibilità negata, semplicemente il Vaticano I non entra in argomento; ne è conferma lo stesso canone 3026. In secondo luogo, “conoscere” esprime un rapporto più personale in senso globale, mentre “dimostrare” esprime una sfera più prettamente intellettuale.

“Alla luce naturale della ragione umana”: in questo caso i testi del Vaticano I non offrono una chiarezza definitiva; si rinuncia infatti a precisare se questa “natura” sia la “natura pura” ipotetica o meno.

(Nota: a partire dal Rinascimento fino alla metà del XX secolo, nella teologia cattolica si è sviluppata una dottrina ipotetica; dando per acquisito che l’uomo che esiste, che noi siamo e conosciamo, è chiamato ad una finalità ultima, Dio, alla cosiddetta “visione beatifica”, va ribadito che questo appello è un dono, non è “naturale”; presupposto questo, viene ipotizzato che questa finalità ultima va al di là della capacità dell’uomo, è “soprannaturale”; Dio, quindi, avrebbe potuto creare l’uomo senza avergli dato questa finalità sovrannaturale, dotandolo ad un livello “più basso” di una “natura pura”. Va detto anche, però, che spesso nella teologia, “natura” è ciò che si contrappone alla Rivelazione in Gesù Cristo).


http://web.tiscali.it/martiri

http://utenti.lycos.it/amenalleluia

http://members.xoom.virgilio.it/martiri

Di quale natura parla il Vaticano I? Natura pura o natura elevata (e poi caduta in quanto peccatrice)? Può arrivare alla conoscenza di Dio quell’ipotetico uomo o l’uomo nella condizione attuale nella quale si trova a prescindere dall’evento Gesù Cristo? Il Vaticano I non si esprime, non andando oltre l’affermazione dalla quale siamo partiti.

Il Concilio non entra neppure sui fatti concreti: quanti uomini (nessuno? Pochi? Tutti?) hanno conosciuto Dio “naturalmente”? Il Vaticano non va al di là dell’affermazione della possibilità reale. Anche se il tono del DS 3025, non appare molto ottimista:

di per sé, dice il concilio, molte cose non sarebbero impossibili alla ragione umana, ma nelle condizioni presenti, con l’aiuto della Rivelazione, queste Verità che di per sé la ragione umana potrebbe raggiungere da sola, la Rivelazione le fa conoscere a tutti in modo più chiaro. DS 3015: con ancora maggior chiarezza si delineano due ambiti di conoscenza: una via naturale e una soprannaturale.

Alcune riflessioni.

Il Vaticano I non spiega cos’è “conoscenza naturale”? Vediamo alcuni approcci al problema.

Spesso si è considerato questa conoscenza naturale come “dal basso all’alto”, come un qualcosa che non ha a che fare con la Rivelazione; qualcuno sostiene che si tratta dell’antica ubriV dell’uomo che vuole arrivare a Dio.

Sia perciò ben chiaro un concetto molto semplice: la conoscenza naturale si fonda pur sempre sul fatto che è Dio stesso che si rivela! Si tratta di un carattere lampante nei testi paolini: la Creazione è una manifestazione, anche come è ovvio non allo steso livello dell’Incarnazione.

Il Vaticano II conferma questo principio. Cfr. DV 6, dove si riprende il Vaticano I, ma anche DV 3: “Dio, il quale crea e conserva tutte le cose per mezzo del Verbo (cfr. Gv 1, 3), offre agli uomini nelle cose create una perenne testimonianza di Sé”. Del resto, quando si parla di “conoscenza a partire dalle cose create”, non si dovrebbe dimenticare chi è il Creatore.

Chi è il Dio che si fa conoscere?

E’ il Dio Uno, Unità di principio?

Sì, e di questo ne parla il Vaticano I, che però non accenna in nulla alla pluralità di persone nel Dio Creatore.

I concili lateranensi si comportavano in maniera differente specificando che si tratta di Padre Figlio Spirito come principio unico e ultimo della Creazione. Costantinopoli II, andando ancora più indietro nella storia, aveva parlato di “un solo Padre dal quale tutto proviene, un solo Figlio mediante il quale tutto fu fatto, un solo Spirito nel quale tutto esiste” (Atanasio e i Cappadoci).

Il punto è molto semplice:

Padre Figlio Spirito è l’unico principio della Creazione, ma si può dire qualcosa di Più dei concili lateranensi e del Vaticano I: questo principio differenziato in se stesso, agisce anche come differenziato, secondo ciò che è proprio ad ogni persona (Costantinopoli II).

Ricordiamoci sempre che la Creazione ha avuto luogo mediante Cristo e punta all’autocomunicazione piena e totale di Dio. In altre parole, questa manifestazione nella Creazione è indirizzata alla manifestazione piena e definitiva in Gesù di Nazareth.

Anche per questo, non è una conoscenza di fronte alla quale l’uomo può restare in posizione neutrale, distaccata, ma è una conoscenza che sempre provoca, che tende ad introdurre l’uomo nell’amicizia e nella comunione con Dio.

La conoscenza di Dio mediante la Creazione è sempre conoscenza di quell’Unico Dio che procede già nella Creazione verso il proprio donarsi pieno d’Amore.

Possiamo dire, quindi, che la conoscenza di Dio non è della “natura pura”, ma è di quel Dio che già nella Creazione inizia a darsi completamente.

La dimensione razionale (non razionalistica) della fede nel Dio di Gesù Cristo.

Dio può essere conosciuto, ha un senso anche previo all’atteggiamento di fede, che comunque ne approfondisce o rivoluziona (a seconda di come intendiamo) il senso stesso.

La fede infatti è intrinsecamente libera e non è quindi possibile senza l’intelligenza, senza una qualche conoscenza. Cfr. Balthasar nel suo libro sulla teologia di Barth.

Il tema meriterebbe un approfondimento maggiore di quanto, purtroppo, è nelle nostre possibilità di tempo.

Una sola precisazione è sicuramente utile: il fatto di considerare un livello morale fondamentale nella conoscenza di Dio, nessuno si può permettere in nessun modo di giudicare l’altro uomo moralmente in base alla sua conoscenza di Dio:

l’intimo coinvolto in questa conoscenza è estremamente personale e profondo, accessibile solo e unicamente da Dio.


http://monarchiabancaria.blogspot.com/
Dio si nasconde, perché gode di essere trovato:
http://fedele.altervista.org/
sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri




http://yeshua-ha-mashiach-notzri.blogspot.com/


http://pensiero-e-azione.blogspot.com/

http://ilcomandamento.blogspot.com/

http://it.youtube.com/lorenzojhwh

http://simec-aurito.blogspot.com/

http://fedele.altervista.org

http://jhwhinri.blogspot.com

http://immagini-parlanti.blogspot.com



Website Countercontatori di:
lorenzo.scarola@istruzione.it



tutto è per Lui o contro di Lui = " A e W "

Tu da che parte stai?

Cosa di te sarà evidente quando il Signore tornerà?

Infatti, Lui, riguardo a te, sta per tornare molto prima di quello che puoi pensare!

=====================
==========
Lorenzo Scarola approfitta della presente per salutare TUTTI simpaticamente: "Pace e Gioia!"!
Lorenzo Scarola è il creatore della prima moneta internazionale l'AURO o AURITO di proprietà del portatore

Lorenzo Scarola ordina con effetto immediato, nel nome e per il sangue di Gesù Cristo, tutto il bene e tutto il male, secondo quello che ognuno avrà meritato:
"Questo darà ancora, per l'ultima volta, spazio a una SPERANZA politica, prima che il SIGNORE ritorni".

sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri


Website Counter
contatori di:jhwhinri@gmail.com




Lorenzo Scarola rappresentante di JHWH è disponibile per costruire il terzo Tempio Ebraico sul Monte degli Ulivi come è già stato annunciato dai profeti.
Questo Tempio aprirà il più bel periodo di pace, prosperità e "risveglio" che il genere umano abbia mai conosciuto, insomma si tratta dell'ultima fase del genere umano dedicata allo Spirito Santo.

Lorenzo Scarola dedica questo lavoro al suo Dio Spirito Santo.

  • 1- saluto Nicolò Bellia e all'antropocrazia.

  • 2- saluto tutti gli uomini di "buona volontà"

  • 3- saluto tutti i servitori di Dio

  • 4- saluto tutti i figli di Dio

lorenzo.scarola@istruzione.it

http://www.youtube.com/user/
humanumgenus

http://www.youtube.com/user/
lorenzojhwh


"Insomma, Dio per tutta l'Eternità non vuole essere lodato e ringraziato per poco, ma per molto, molto e moltissimo!
Non neghiamogli questa felicità, diamogli la possibilità di poter operare prodigi in noi."
by lorenzo scarola
Gloria a Dio per sempre!
A te, caro fratello mio, pace
da Lorenzo Scarola,
ore serali 3205708054
lorenzo.scarola@istruzione.it

http://deiverbumdei.blogspot.com

http://www.youtube.com/lorenzojhwh

http://www.youtube.com/humanumgenus



lorenzo scarola, Giacinto Auriti, Gesù di Betlemme e il futuro del genere umano
http://ilmegliodelbene.blogspot.com
http://fedele.altervista.org

lorenzo.scarola@istruzione.it

il vero volto dell'istituzione

Il signoraggio bancario è il nostro

più alto simbolo istituzionale OCCULTATO disonestamente e criminosamente al popolo, questo è il VERO motivo di tutti i MALI che affliggono la nostra falsa democrazia venduta dai massoni ai banchieri ebrei dal suo sorgere.

Pertanto, tutto il Pianeta è fondato sull'immoralità ideologica quanto economica.

Questo è il più grave Delitto di LESA Maestà e violazione criminale dei principi Costituzionali di base.

Per questo, adesso si cerca di manipolare anche la Costituzione unico nostro baluardo al diritto già criminalizzato.






Nota: REVISIONISMO STORICO

Il problema dei nostri giorni non è quello della complessità e che bisogna studiare molto e moltissimo per poter capire qualcosa.
Ma che bisogna saper cercare nella contro-informazione quelle fonti "genuine" che non ci facciano cadere nella "fosso" del depistaggio.
Una schiera sterminata di "mangia pagnotte S.p.A.", ovvero di: funzionari, massoni, politici e di docenti universitari collaborazionisti del signoraggio bancario, ora hanno reso davvero difficile, non solo la comprensione reale della storia nei suoi avvenimenti, ma anche e soprattutto, rendono incomprensibile la stessa realtà che ci circonda.


Allora, veniamo al dunque:
"sei disposto a dare la vita come me, oppure preferisce dare un contributo?"
Ti dico questo perché:
"Questo sistema criminale e parassitario del fondo monetario internazionale di Ali Baba e dei 40 ladroni di Banchieri Ebrei S.p.A., non solo non vi concederà alcuna speranza, e vi porterà al disastro totale NUCLEARE!"

IBAN : IT33E0358901600010570347584,(non detraibili e non deducibili)