teologia medjugorie

MEDIUGORIE
E' difficile, molto difficile trovare qualcuno che non crede in Dio Onnipotente!
E’ più facile trovare qualcuno che crede nell’esistenza di satana che in quella di Dio!
Esiste un animale più stupido dell’uomo?
Tuttavia, la fede nella indipendenza e nella assoluta libertà di Dio scricchiola
quando vogliamo concepire il fatto che Dio può uscire dai nostri poveri schemi mentali,
e può operare anche ben oltre la nostra povera esperienza.
-----------------------------------------------------------------------
Perché la Regina della Pace non può essere Satana travestito
A cura di Piero Mantero - Edizioni Segno
La Gospa (= Madonna in croato) si umiliò e discese sulla terra, dove regna l'inferno dell'empietà, per aiutare il popolo e liberarlo dalla schiavitù di Satana.
In questo modo il parroco (fra Jozo) ricordò il potere della preghiera e predicò nella chiesa con grande entusiasmo.
Soltanto la Gospa può salvarci da questa situazione del mondo segnata dal rinnegamento di Dio!
Ecco perché è venuta in questo mondo:
per vincere i grandi che hanno tutti i poteri, ma insieme a noi, con le nostre preghiere, per realizzare la parola e la parabola dell'Apocalisse. Cioè: "Essa partorì un figlio maschio (Gesù), destinato a governare tutte le nazioni con scettro di ferro, e il figlio fu subito rapito verso Dio (l'Ascensione) e verso il suo trono.
La donna invece fuggì nel deserto (terra e chiesa), ove Dio le aveva preparato un rifugio. Scoppiò quindi una guerra nel cielo.
Or quando il drago si vide precipitato sulla terra, si avventò contro la donna. Ma furono date alla donna le due ali della grande aquila, per volare nel deserto verso il rifugio preparato per lei.
Allora il serpente vomitò dalla sua bocca come un fiume d'acqua dietro alla donna, per farla travolgere dalle sue acque.
Ma la terra venne in soccorso alla donna, aprendo una voragine (i fedeli, i quali aprirono la bocca per pregare) e inghiottendo il fiume che il drago aveva vomitato dalla propria bocca.
Allora il drago si infuriò contro la donna e se ne andò a far guerra contro il resto della sua discendenza, contro quelli che osservano i comandamenti di Dio" (Ap. 12).
La terra aprì una voragine per inghiottire il fiume.
Così anche i fedeli aprono la loro bocca per la preghiera e l'affidano alle mani di Maria perché la porti davanti a Dio ed i popoli diventino liberi dalla schiavitù del drago.
Dalla schiavitù del liberalismo, il quale opera già da due secoli, nel mondo, attraverso ideologie ateistiche e che adesso ha raggiunto il vertice dell'empietà per precipitare infine tutto il mondo nell'abisso.
Ecco perché la Gospa chiese la preghiera dai fedeli: "Fede e preghiera! Preghiera, molta preghiera!"
Tanti hanno preso sul serio il racconto dei sei bambini di una nuova apparizione della Gospa e del colloquio con Lei.
"Che cosa ha detto? Che cosa vuole da noi? Che cosa dobbiamo fare in questo tempo, nel quale, dopo la caduta del governo croato, è venuto il diavolo da noi e ci domina già da quasi 40 anni, opprime la Chiesa, ma costruisce, invece, le discoteche per rovinare la gioventù, in questo paese credente?!"
La casa del diavolo, così fu chiamata dai fedeli la discoteca a Medjugorje,
rimase folgorata il 18 giugno 1981, dunque una settimana avanti della prima apparizione. Tanti ne furono contenti:
"Questo è un buon segno, finalmente si vede soltanto il fumo!
Così il cielo dovrebbe distruggere l'inferno!" Di questo ne parlavano l'un l'altro, normalmente a quattr'occhi, per non farsi sentire dagli oppressori stranieri, nemici della fede e della libertà.
Il 26 giugno 1981 (venerdì) durante la terza apparizione, i veggenti spruzzano la Gospa con l'acqua benedetta

Non pochi pensavano che ad apparire invece della Gospa (la Madonna) fosse Satana.
"Dove si bestemmia c'è Satana, non la Gospa..."
Mirjana Dragicevic interrogata dal parroco (fra Zovko) disse: "L'abbiamo spruzzata con l'acqua benedetta alla terza apparizione!".
Il piccolo Jakov e Vicka hanno versato l'acqua benedetta!
Disse Marija: "Se sei la Gospa, rimani con noi! Se no, vattene!"
Ap. Janko Bubalo la veggente Vicka confessa: "Io non avevo mai sentito dire fino allora che Satana può apparire".
Il 26 giugno 1981 i ragazzi aspersero l'Apparizione con l'acqua benedetta.
Padre Bubalo intervistando Vicka:
Allora qualcuno si è ricordato che Satana ha paura dell'acqua benedetta...
Sì, è vero. Tante volte - risponde Vicka - ho sentito ripetere da mia nonna: "Ha paura come il diavolo dell'acqua santa"! Infatti le donne più anziane ci hanno detto di aspergerla con acqua benedetta.
E quest'acqua santa, dove l'avete presa?
Come se non lo sapessi che in ogni casa cristiana c'è del sale benedetto e dell'acqua.
Sta bene, Vicka. Piuttosto mi potresti dire chi ha preparato l'acqua santa?
Me ne ricordo come se lo vedessi in questo momento: l'ha preparata mia madre.
E come?
E che, non lo sai? Ha messo del sale nell'acqua, ha mescolato e basta. Frattanto tutti recitavamo il Credo.
Chi ha portato su l'acqua?
Lo so: il nostro Marinko, e chi altro?
E chi l'ha aspersa?
L' ho aspersa proprio io.
Hai buttato l'acqua verso di lei e basta?
L'aspergevo e dicevo ad alta voce: "Se sei la Madonna, rimani; se non lo sei, vattene via da noi
E lei?
Ha sorriso. Mi è sembrato che le fosse piaciuto.
E non ha detto niente?
No, niente.
Che pensi: qualche goccia almeno è caduta su di lei?
Come no? Io mi sono avvicinata e non l'ho risparmiata!
Questo è davvero interessante. Da tutto ciò potrei dedurre che da voi usano ancora l'acqua benedetta per aspergere la casa e i suoi dintorni, come si usava anche durante la mia infanzia.
Sì, certo. Come se noi non fossimo più cristiani!
Marinko voleva aiutare i veggenti ed osservarli, specialmente voleva controllare che l'apparizione non fosse diabolica.
Portava con sé tanta acqua benedetta e la diede ai veggenti. Quando apparve la Gospa, Vicka, dietro il consiglio di sua madre Zlata, la spruzzò con l'acqua benedetta dicendo:
"Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo! Se sei davvero la Madre di Dio, rimani qui con noi! Se non lo sei, vattene!" Faceva questo con paura, ma doveva farlo per obbedienza, perché anche a lei, da parte della famiglia, era stato proibito di dire soltanto una parola sull'apparizione, perché la famiglia aveva paura della gente, tutti sarebbero stati chiamati pazzi, nel caso che l'apparizione non fosse stata autentica.
La Gospa guardava Vicka dolcemente, le sorrideva senza pronunciare una parola.
Vicka e gli altri veggenti rimasero soddisfatti perché si accorsero che l'apparizione non era affatto un inganno, un'illusione, una perfidia, ma soprattutto non veniva da Satana.
Jakov fece lo stesso, anzi di più: mentre Vicka spruzzava la Gospa, lui spruzzò Vicka con l'acqua benedetta ed il sale benedetto, e poi spruzzò ancora l'apparizione con le parole:
"Se sei la Madre di Dio, resta! Se non lo sei, vattene!"
Con sua grande gioia la cara Gospa gli sorrise e restò.
Il piccolo non lo fece per obbedienza ma per convincere meglio gli altri. Per conto suo era già convinto fin dalla prima apparizione che fosse la Gospa. Adesso vede la Gospa per la seconda volta! Le chiacchiere ed i sospetti della gente non valgono niente per lui. Lui spruzzava sull'apparizione, per eliminare i sospetti dai fedeli ed approfondire la fede della gente sull'apparizione della Gospa!
I bambini spruzzarono la Gospa con l'acqua benedetta. Continuando ad agire secondo i suggerimenti dei loro familiari.
Dovevano chiederLe, chi fosse.
A farlo fu Mirjana.
La ragazza Le chiese:
"Gospa moja (Madonna mia), chi sei Tu?"
"Sono la Beatissima Vergine Maria!" rispose la Gospa.
Questa risposta la udirono tutti e sei i bambini. E questo provocò loro una grande gioia nonostante fossero convinti già dall'inizio che l'apparizione era la Madre di Dio.
Marinko racconta:
"Ivan e Jakov andarono subito in direzione della luce.
Seguivano le ragazze ed io osservai Ivan attentamente.
Improvvisamente cominciò a correre verso nord-ovest.
Mi girai per parlare con le ragazze ma non le vidi più dietro di me. Si erano allontanate già di molto da me senza che io me ne potessi accorgere. Avevano saltato sassi e cespugli come dei caprioli. Correvano verso un posto erboso, dov'erano già arrivati i ragazzi vedendo la luce proprio lì.
Tutti andarono di corsa dietro ai bambini, anch'io corsi con l'acqua benedetta. Ero certo che i bambini non dicevano le bugie, però volevo essere altrettanto sicuro che non si trattasse di un inganno satanico.
La prima cosa che fecero lì fu di spruzzare con l'acqua benedetta. Versarono tant'acqua benedetta sull'apparizione, una volta, due, ogni volta tanta. Il volto dei bambini era dolce e bello. Questo ci dette tranquillità e gioia. La paura di un inganno satanico scomparve di colpo e per sempre.
Dopodiché tutti e sei pregarono e cantarono e insieme guardarono qualcosa che era davanti a loro, e un po' rialzata. Ivanka chiese ancora di sua madre e ricevette la stessa risposta del giorno precedente. Lo fece per un motivo personale. Mirjana invece Le chiese il nome, su richiesta degli altri. La risposta, riferitaci da Mirjana, ci diede nuovamente gioia e pace. Satana non avrebbe potuto dire simili cose dopo così tanta acqua benedetta! Non può neanche pronunciare il nome di Maria!
Poi ci venne in mente: Perché questi avvenimenti? Non succede per caso.
Doveva per forza esserci una ragione. Perciò dissi ai bambini:
"Chiedete alla Gospa, perché è venuta qui?"
Mirjana lo fece, ma in modo ingenuo, come fanno i bambini:


"Gospa mia, chi sei e qual'è il Tuo nome?"
"Sono la Beatissima Vergine Maria!"
"Perché sei venuta proprio qui? In fin dei conti siamo come tutti gli altri, niente di speciale!"
"Non cerco mai i migliori! Sono apparsa proprio a voi perché desidero essere con i credenti".
Noi nel paese ne parlammo insieme, dicendo: "I bambini non mentono, sono semplici e sinceri. Non può essere il risultato di un fanatismo spirituale, perché sono normali come tutti gli altri. Dopo il versamento dell'acqua benedetta noi credenti sapevamo che la dichiarazione dei bambini non veniva dal diavolo.
Noi tutti nel paese fummo convinti che questi avvenimenti provenivano dal cielo".
I primi tempi: p. Jozo dubita
Fra Jozo Zovko, primo parroco di Medjugorje al tempo delle apparizioni, dubitava che le medesime fossero di origine diabolica. Ecco un suo breve ricordo:
"Pregavo con tutto il cuore Dio che mi desse un segno valido per me, che mi convincesse se ciò fosse opera di Satana o Sua. Fu allora che Gesù con voce forte risuonò nella chiesa:
"Esci e proteggi i miei bambini, poi ti dirò quello che dovrai fare"".
Dopo la preghiera, il 2 luglio 1981, nella chiesa di San Giacomo - testimone p. Jozo -
la Madonna disse: "Satana è presente qui; potete allontanare Satana.
Come? Col digiuno!
Subito, all'inizio del rosario, la Gospa apparve vicino al portale della chiesa.
Si librò sopra il popolo verso l'altare principale e discese verso i bambini.
Il parroco La vide come i veggenti, i fedeli sentirono la presenza di Maria e furono colmi di gioia.
Dopodiché il parroco iniziò a celebrare la Santa Messa e dopo il vangelo tenne un discorso sulla conversione a Dio, sul cambiamento, come la Chiesa ci insegna e ci dimostra nella sua lunga storia:
"Per la conversione, la Chiesa consiglia il digiuno, la penitenza e la preghiera!"
Tanti prima l'avevano sentito predicare così, ma il senso di questo gli era rimasto nascosto. Lo sentirono varie volte ma non ne furono mai toccati. Oggi, invece, ogni parola toccava il loro cuore! Ogni parola somigliò ad una goccia d'acqua che cade sulla terra secca e venne subito da essa assorbita all'istante. Ogni parola toccò il loro cuore che adesso aveva sete e fame della vera vita.
Il parroco fu focoso!
Non come ieri o l'altro ieri, ma in un altro modo, improvvisamente ed inaspettatamente!
Nel suo entusiasmo, uguale a quello del popolo, esclamò a voce alta:
"Volete che noi tutti digiuniamo per tre giorni a pane ed acqua in modo che la potenza degli spiriti maligni venga spezzata da noi e la cattiveria allontanata dai nostri cuori?"
Appena detto questo tutti risposero in modo unanime:
"Lo vogliamo! Lo vogliamo!"
Ed il parroco continuò a voce alta:
"Volete pregare ogni giorno nelle vostre famiglie, nelle vostre case?"
"Lo vogliamo!"
fu la risposta che venne fuori dalla bocca di tremila entusiasti ascoltatori che fece tremare il soffitto. Il parroco continuò, come spinto da una forza invisibile:
"Volete leggere ogni giorno la Bibbia nelle vostre famiglie?"
"Lo vogliamo!"
Il parroco continuò il suo discorso:
"Il nostro Dio abita da noi ed è in noi nel nostro lavoro e nella nostra condotta di vita. Noi però non l'abbiamo riconosciuto! Adesso Lui si è rivelato attraverso la Sua luce ed il Suo ardore! Noi dobbiamo rinnovare la fede in noi e rimanere in essa irremovibilmente!"
"Perché i fedeli diventano deboli nella fede?" Fu la domanda del concilio di Trento. La risposta fu: "Perché i fedeli si dimenticano del battesimo!" Così il parroco rinnovò con i presenti il voto del battesimo:
"Rinunciate a Satana?"
"Rinunciamo!" risposero tutti insieme come un tuono.
"Ed a tutte le sue opere?"
"Rinunciamo!" Un altro tuono come risposta.
"Ed a tutte le sue lusinghe?"
"Rinunciamo!"
"Credete in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra?"
"Crediamo!"
"Credete in Gesù Cristo, figlio unigenito, nostro Signore, il quale nacque, soffrì, morì e risuscitò?"
"Crediamo!"
"Credete nello Spirito Santo, nella Santa Chiesa Cattolica, la Comunione dei Santi, la remissione dei peccati, la resurrezione della carne e la vita eterna?"
"Crediamo!"
"Così ci lasciammo, invocando tutti insieme Dio, come ci ha insegnato il nostro Signore Gesù Cristo":
"Padre nostro..."
Tanti sospirarono e piansero durante il rinnovo del voto del battesimo, ed ancora di più dopo.
Questo fu un segno esteriore della loro profonda conversione e molti chiesero dopo tanti anni di potersi confessare.
Il parroco non dovette ammonirli da vane curiosità o voglia di sensazioni. Parlò secondo le parole della Bibbia.
Dio aveva condotto il proprio popolo fuori dall'Egitto e li aveva guidati nella terra della grazia.
Dall'esperienza di p. Jozo Zovko apprendiamo:
La Madonna è apparsa e ha detto: "Satana è forte qui. Dovete fare digiuno!"
Il popolo ha risposto: "Non mangiamo più! Vogliamo allontanare Satana, perché tutti diventino felici, tutti trovino la grazia". E abbiamo fatto digiuno. E stato un mercoledì di luglio del 1981".
Padre Jozo consiglia: "Metti l'acqua benedetta sul tuo altare. L'acqua significa quando siamo stati salvati, purificati nel Battesimo, siamo rinati nello Spirito, liberati dal Maligno, separati dal peccato, entrati nella vita dei Santi con Cristo. E benedici la tua famiglia e la tua casa ogni sabato. Allontanerà il diavolo, e proteggerà la tua famiglia, sarà pioggia di benedizioni del Signore!"
In Erzegovina un proverbio locale dice:
"Solo quando digiuni il diavolo non ti può infastidire".
Uno dei fatti più importanti durante le apparizioni della Madonna avvenne il 2 agosto 1981 nella stessa data in cui la Vergine apparve a S. Francesco d'Assisi circondata da molti angeli.
"La Madonna - racconta Vicka - è apparsa prima a Marija... Le ha detto inoltre che è in corso una grande lotta per le anime umane, tra suo Figlio e il diavolo... .
Il diavolo vuole intromettersi, ma noi non glielo dobbiamo permettere".
"In che maniera - chiede p. Bubalo - il diavolo ha provato a fare questo?"
"Questo non te lo posso dire e neppure lo ritengo necessario".
Marija durante i primi giorni delle apparizioni riferì a Marinko Ivankovic che la Madonna le spiegò subito qual'era il grande pericolo:
"Ecco, il diavolo cerca di infiltrarsi qui e si sforza ad ogni costo di arrivare al suo scopo. Mio Figlio vuole guadagnare tutte le anime, ma il diavolo cerca d'impedirlo.
Il diavolo si dimena per infiltrarsi a tutti i costi in mezzo a voi.
Influsso del demonio
"I frutti dell'influsso - spiega p. Kraljevic - del demonio sono noti: distruzione delle personalità influenzate e con cui lavora. Le persone si manifestano piene di conflitti e ansietà, che loro stesse spargono attorno. Le attitudini sono negative e trascinano gli altri nella stessa direzione.
Molto spesso l'influsso del demonio va di pari passo con le condizioni di deficienze psicologiche.
Una sera, dopo la Messa a Medjugorje, udii un commento che mi spiegò ogni cosa: "Se tutto ciò fosse collegato col demonio, allora ha fatto l'errore definitivo della sua vita". La Scrittura dice:
"Li riconoscerete dai loro frutti" (Mt. 7,16). Centinaia di migliaia di persone hanno riconosciuto Dio all'opera qui. Un arcivescovo, cardinale della Chiesa Cattolica Romana, ha detto testualmente così: "Sento che il demonio è inquieto per quanto accade qui. Perché qui c'è qualcosa di buono". E intendeva a Medjugorje".
Da un'intervista di p. Barnaba Hechich a p. Radogost Grafenauer del 10 settembre 1985 a Lubiana, sono emerse informazioni preziose riferite ai primi tempi delle apparizioni:
Il Vescovo (Zanic) ha mai pensato di includere anche lei fra i membri della Commissione?
"Attento! Lui mi mandò là proprio come membro della Commissione; mai però mi diede la nomina per iscritto. Per cui più tardi disse che io non ero mai stato membro della Commissione. Io oggi non gli credo più in questa materia, perché più volte ha mentito. Lui mi aveva invitato ad indagare sui fatti (non certamente perché io indagassi per conto mio!); mi aveva indicato esattamente i punti su cui svolgere la mia indagine; mi aveva dato dell'acqua di Lourdes e del sale, per l'acqua benedetta, dicendomi: "Io all'acqua benedetta dei Frati non ci credo!". Soggiunse: "Dia quest'acqua ai ragazzi, perché aspergano l'apparizione; e se non lo volessero fare loro, l'asperga lei". Io diedi l'acqua a Vicka, e lei asperse la Madonna. Mi raccomandò pure di pregare sui ragazzi qualora fossero sotto l'influsso del demonio".
Si è trattato di un vero esorcismo?
"No, ma della formula usata nel rito del battesimo. I ragazzi mi dissero che i frati avevano già fatto tali preghiere su di loro; comunque io le ho ripetute ancora una volta".
La Madonna e i veggenti in lotta contro Satana
Janko- Vicka, sappiamo già che tutti dobbiamo lottare contro Satana per poter servire Dio e per salvare le nostre anime. Questo ce lo testimonia anche Gesù Cristo, la Sacra Bibbia e la vita dal primo uomo ad oggi.
Vicka - D'accordo, è così. Ma cosa vuoi sapere adesso?
J- Vorrei sapere qualcosa al riguardo; soprattutto mi interessa sapere se la Madonna vi ha detto qualcosa su questa lotta.
V- Sicuro; tante volte. In modo speciale ne ha parlato con Mirjana.
J- Che cosa le ha detto?
V- Questo tu lo sai di certo, soprattutto dalla registrazione del dialogo con fra Tomislav.
E anche a noi ne ha parlato abbastanza.
J- Racconta qualcosa di quello che vi ha detto.
V- La Madonna o Mirjana?
J- Per adesso Mirjana; e dopo la Madonna.
V- Ci ha raccontato come le è apparso il diavolo e come l' ha tentata promettendole tante cose purché rinnegasse Dio e la Madonna: che sarà bella e felice e tante altre cose.
J- Vicka, queste cose le so. Mirjana ci ha pure confidato come si può vincere il diavolo, secondo la "ricetta" della Madonna.
V- Che cosa ha detto? Adesso raccontalo tu.
J- Ha detto che bisogna essere fermi, credere con fermezza e non cedere neppure un po'; a spargersi con l'acqua santa e così via. Non vorrei annoiarti con questo, ma una cosa mi ha colpito.
V- Che cosa?
J- Come la Madonna consigli di aspergersi con l'acqua benedetta mentre, nel nostro tempo, di questo ci siamo dimenticati completamente.
V- Qualcuno si è dimenticato, ma altri no.
J- Io parlo in generale. Ce ne siamo dimenticati anche noi sacerdoti. Prima si benediceva il popolo con l'acqua santa, per esempio, sia all'inizio che alla fine della messa. Adesso, per quanto ne so io, non lo fa più nessuno. Ma lasciamo questo. Mirjana ha detto che se noi seguitiamo così, Satana rimarrà a mani vuote, come si suol dire. Questo sta bene. Adesso mi devi dire che cosa ha detto a voi la Madonna al riguardo.
V- Sai che cosa ha detto a Marija all'inizio.
J- Cosa le ha detto?
V- Quando le apparve in casa e le disse di invitare noi dopo cena, sull'aia.
J- L'episodio lo so. Ma che cosa le ha detto la Madonna?
V- Ti ricordi che la Madonna le ha detto allora come suo Figlio combatte per le nostre anime, ma nello stesso tempo anche Satana cerca di afferrare qualcuno per se. Quindi lotta anche lui. Tende insidie intorno a noi, cercando di ingannarci.
J- Ha detto ancora qualcos'altro?
V- Le ha detto inoltre come Satana cerca di penetrare tra noi veggenti e di metterci in disaccordo.
J- Vuole creare tra voi disaccordo e odio, per poi guidarvi lui!
V- Proprio così. Per lui il disaccordo e l'odio sono tutto. In tali ambienti lui regna facilmente. Questo la Madonna ce l' ha detto tante volte.
J-Bene, Vicka. Qualcosa di simile l' ho letto anche nel tuo quaderno del 10 novembre 1981. Là hai notato come la Madonna vi ha detto in che modo Satana cerca di vincervi, ma voi non glielo permettete. Vi ha raccomandato anche di custodire la vostra fede, di pregare e digiunare, così lei vi sarà sempre vicina.
V- Ah, l' hai letto! Così ci ha ripetuto tante volte; solo che io non l' ho scritto sempre, ma me ne ricordo bene.
J- D'accordo. Però la Madonna ha parlato soltanto per voi veggenti, oppure anche per tutti noi?
V- Per tutti! Qualche volta in modo speciale ha nominato la gioventù. Però diceva sempre che il mondo riceve tante grazie da lei e dal suo Figlio; soltanto che deve avere fiducia e credere fermamente.
J- La Madonna, ha detto qualche volta come finirà questa lotta?
V- Sicuramente; che Dio vincerà. Ma anche Satana prenderà abbastanza. Vedi come si comporta la gente!
J- E allora?
V- Noi dobbiamo credere fermamente, inoltre digiunare e pregare; poi succeda quello che Dio vuole. La Madonna ha detto tante volte che con il digiuno e la preghiera si può ottenere tanto. Infatti la Madonna ha detto molte volte: "Voi pregate! Soltanto pregate e perseverate nella preghiera".
J- Però, così mi sembra, Vicka, il castigo verrà.
V- Noi non sappiamo ciò che farà Dio. Sappiamo che è beato colui che persevererà, perché Dio è più forte di Satana!
Il potere è di Dio.
Medjugorje un satanico bluff?
Non si può prendere sul serio - scrive l'abbé René Laurentin - la spiegazione che i fatti di Medjugorje siano un'azione diabolica, come propongono alcuni autori tra quelli che non sono mai stati a Medjugorje. Se il Tentatore si lascia facilmente individuare nell'ombra a Medjugorje. non è certo dalla parte dell'offuscamento e di calunnie sorprendenti, che noi abbiamo potuto controllare sul posto. Ma se il Demonio crea un tal movimento di preghiera, di digiuno, di conversione, di confessioni, con l'amore alla Vergine e la recita del rosario, è proprio il caso di dire che si è convertito.
Medjugorje - ha sottolineato mons. Franic - dà dei grandi frutti di preghiera, di digiuno e di conversione. Il Demonio non avrebbe potuto produrre simili frutti per quattro anni (la dichiarazione è dell'anno 1985). Sarebbe stato come distruggere il suo regno.
Se fossero opera del diavolo - sostiene p. Tomislav
Pervan - (riferendosi alle apparizioni di Medjugorje)
il diavolo si troverebbe a seppellire la sua stessa opera e mettere la parola fine a questo stato.
Satana nei messaggi a Medjugorje
Il turbamento viene solo da Satana. (1)
Vigilate. Questo periodo è pericoloso per voi.
Il demonio cercherà di stornarvi da questa strada. Coloro che si danno a Dio saranno oggetto dei suoi attacchi. (2)
Satana è arrabbiato con coloro che digiunano e si convertono. (3)
Ogni agitazione viene da Satana. (4)
Se voi siete forti nella fede, Satana non può farvi nulla. Mettetevi a camminare sulla strada dei miei messaggi. (5)
In questi giorni Satana cerca di ostacolare i miei progetti. Pregate che non si realizzi il suo disegno. Io pregherò il mio Figlio Gesù perché vi conceda la grazia di
(1) Mess. del 5/8,11983.
(2) Mess. del 26/7/1983.
(3) Mess. del 15/8/1983.
(4) Mess. del 15/3/1984.
(5 )Mess. deI 5/4/1984.
Sperimentare - nella prova di Satana - la vittoria di Gesù. (1)
In questi giorni avete notato quanto sia attivo Satana. ...Non abbiate timore delle prove, poiché Dio veglia sempre su di voi. (2)
Pregate, perché Satana persiste nel voler mandare a monte i miei progetti. (3)
Dio mi concede ogni giorno di potervi aiutare con delle grazie, per difendervi dal male. (4)
Nel corso di queste feste di Natale, Satana ha tentato in modo particolare di intralciare i piani di Dio. Voi, cari figli, nel giorno stesso del Natale avete riconosciuto Satana.
Ma Dio ha vinto in tutti i vostri cuori. (5)
Satana è molto forte, e con tutte le sue energie vuole distruggere i miei piani che ho cominciato a realizzare
(1) Mess. del 12/7/ 1984. In data 12/4/1984 la Madonna disse: Io e il mio Figlio abbiamo un progetto speciale nei confronti di questa parrocchia.
(2) Mess. del 19/7 1984. Essa ti schiaccerà il capo (cf. Gen. 3,15): l'Immacolata, che da Dio ricevette l'incarico di vincere Satana é la Madre nostra e la nostra condottiera nelle battaglie contro l'esercito infernale e dei suoi alleati della terra. Se vogliamo partecipare alla sua vittoria, dobbiamo essere suoi. A Lei è stato dato un potere, sicché "il diavolo teme più un sospiro di Maria che le preghiere di tutti i santi" (Montfort n. 52). perché Dio vuoi vincere per mezzo della Piccolissima, la superbia di chi voleva salire fino alle stelle ed è 'principe di questo inondo".
La devastazione prodotta da Satana nella Chiesa richiede un lungo itinerario di rieducazione alla vita soprannaturale di figli di Dio.
(3) Mess. dell' 1/8/1984; altra versione: Pregate perché Satana sta continuamente insidiando i miei piani. Si veda la nota e il relativo commento per i riferimenti sui progetti mariani ed i messaggi del 12/7/1984.
(4)Mess. del 25/10/1984
(5) Mess. del 27/12/1984.
con voi. ...Pregherò il mio Figlio, perché si realizzino tutti i miei piani che ho intrapreso. Siate pazienti e perseveranti nelle preghiere! E non permettete che Satana vi indebolisca.
Egli opera molto nel mondo. Siate attenti! (1)
In questi giorni Satana si accanisce perfidamente contro questa parrocchia, mentre voi, cari figli, vi siete impigriti nella preghiera e non partecipate numerosi alla Messa.
Siate forti nei giorni della prova. (2)
Satana vuole operare ancora più intensamente per togliere da ciascuno di voi la gioia. Con la preghiera lo potrete disarmare completamente ed assicurare a voi stessi la felicità. (3)
In questi giorni Satana si manifesta insistentemente in questa parrocchia.
Pregate... perché si adempia il progetto di Dio e che ogni opera di Satana finisca a gloria di Dio. Io sono rimasta così a lungo tra voi per aiutarvi nelle prove. (4)
Specialmente in questi giorni, Satana vuole distrarvi tutti.
Perciò pregate molto in questi giorni. (5)
Nella vostra vita tutti avete sperimentato la luce e le tenebre. Dio concede ad ogni uomo di conoscere il bene e il male.
(1) Mess. del 14/1/1985.
(2) Mess. del 17/1/1985.
(3) Mess. del 24/1/1985. La notte del 23 gennaio 1985 - ha riferito Ivan - una voce proveniente dalla croce (Krizec) disse: Il demonio sta ostacolando in pieno la mia opera. Pregate per il vescovo.
(4) Mess. del 7/2/1985.
(5) Mess. ricevuto da Mjrjana una sera sui tardi, di ritorno dai Krizevac, in locuzione (marzo 1985).
Io vi invito alla luce, che voi dovete portare a tutti gli uomini che vivono nelle tenebre. Ogni giorno nelle vostre case giungono persone che sono nelle tenebre. ...Donate loro la luce. (1)
Voglio dire in particolare ai giovani: siate aperti allo Spirito Santo, poiché Dio vi vuole attirare a sé in questi giorni in cui Satana è all'opera. (2)
Col Rosario vincerete tutti gli ostacoli che Satana in questo momento vuole procurare alla Chiesa cattolica. (3)
Io amo questa parrocchia e con il mio manto la proteggo da ogni attività di Satana. Pregate perché Satana si allontani dalla parrocchia e da ogni persona che giunge in questa parrocchia. Così sarete in grado di percepire ogni chiamata di Dio e di rispondervi con la vostra vita. (4)
Vi invito a collocare nelle vostre case numerosi oggetti sacri, e ogni persona porti addosso qualche oggetto benedetto.
Benedite tutti gli oggetti; così Satana vi tenterà di meno, perché avrete la necessaria armatura contro Satana. (5)
(1) Mess. del 14/3/1985.
(2) Mess. del 16/5/1985.
(3) Mess. del 25/6/1985. L'invito alla preghiera del Rosario la Madonna lo ha rivolto in modo particolare ai sacerdoti.
Altra versione: Col rosario vincerete tutte le difficoltà che Satana pone alla Chiesa (sul Podbrdo di sera).
(4) Mess. del 11/7/1985.
(5) Mess. del 18/7/1985.
Satana vuoi distruggere i miei progetti con tutte le sue forze: pregate. Io pregherò mio Figlio perché si realizzino tutti i progetti che ho iniziato. (1)
Satana ha preso una parte del mio piano e vuole farlo proprio. Pregate perché ciò non avvenga, poiché io vi voglio per me, per potervi donare a Dio. (2)
Vi invito ad entrare in lotta contro Satana per mezzo della preghiera, particolarmente in questo periodo.
Adesso Satana vuole agire di più, dato che voi siete a conoscenza della sua attività. Cari figli, rivestitevi dell'armatura contro Satana e vincetelo con il Rosario in mano. (3)
Vi invito a pregare, particolarmente in questo tempo, in cui Satana vuole servirsi dei frutti delle vostre vigne.
Pregate perché Satana non abbia successo nel suo disegno. (4)
(1) A Vicka in montagna: anno 1985.
(2) Mess. del 1/ 8/1985.
(3) Mess. dell' 8 8/1985.
(4) Mess. del 29/8/1985.
Con la sua Croce il Signore ha vinto il regno di Satana, ma il diavolo è ancora attivo. Ed è ciò che la Madonna fece capire a Jelena il 5 settembre 1985: "Il piano di Satana è fallito"; ma alla fine della visione la Madonna è divenuta seria nel volto e ha detto:
"Fate attenzione, Satana non lascerà la lotta".
A Medjugorje in questo periodo - racconta un frate - sono venuti diversi posseduti, sono venuti anche coloro che si sono consacrati a Satana, volendo portare del male.
Come abbiamo sperimentato, se ne sono andati, perché avevano paura di restare lì, non hanno potuto fare nulla.
Altri posseduti non potevano neanche entrare in chiesa; con tutte le loro forze rifiutavano di entrare in chiesa.
Abbiamo poi avuto un caso particolare, una donna italiana, arrivata all'inizio di agosto, dava i segni di una possessione e quando p. Slavko Barbaric ha cominciato a pregare un esorcismo secondo le indicazioni della Chiesa, quella donna ha incominciato a dire: "Lasciami; questa preghiera mi stanca, non pregare.
Pregate ancora e sempre di più, in modo che Satana stia lontano da questo luogo.
Cari figli, il piano di Satana è fallito! (1)
Offrite anche sacrifici a Gesù, affinché si realizzi tutto come Lui ha programmato, cosicché Satana non possa fare nulla. (2)
Non pregare mai più questa preghiera, questa mi tormenta, mi stanca".
Poi, in un momento, si è scatenata ed ha attaccato p. Slavko.
Attraverso una veggente, la Madonna ha trasmesso a p. Slavko un messaggio: dì non stare da solo presso la posseduta, perché aveva intenzione di ucciderlo. Padre Slavko ha sperimentato tutto questo e la donna, nel momento in cui era consapevole, confermava ciò.
La comunità ha continuato a pregare per quella persona e dopo due settimane la donna si è confessata: ha raccontato la sua vita e si è liberata.
Un altro caso l' ho vissuto l'anno scorso con un'altra donna italiana: eravamo una decina dì sacerdoti a pregare e cinque sacerdoti a tenerla: voleva distruggere tutti gli oggetti sacri. Dopo un' ora e mezza la donna ha cominciato a dire - ovviamente non era consapevole di quel che diceva -: "Lasciatemi, non pregate più, le vostre preghiere mi bruciano, non posso sopportarvi". E finalmente è stata liberata ed ha cominciato a invocare il nome di Gesù, a lodarlo, ed è diventata piena di gioia, di pace.
11 16 luglio, Jelena, in visione, ha osservato Satana agitato, che rifletteva:
"Devo fare qualche cosa contro Medjugorje. Devo allontanare alcuni membri del gruppo dì preghiera. Alcuni li farò tiepidi, ad altri metterò nei pensieri diversi episodi del filmato, così che durante la Messa saranno distratti e poi correranno a casa a guardare la televisione.
Darò denaro agli uomini degli studi TV per dare certi filmati, per distaccare la gente dalla preghiera".
Poi è apparsa la Vergine dicendo: "Sì, Satana ha lasciato molte persone, per venire qua e tentare le persone a Medjugorje.
Saranno attaccati in modo particolare i sacerdoti, i veggenti e i membri del gruppo di preghiera".
Questo l'abbiamo sperimentato dopo. Diverse persone durante la Messa hanno avuto una distrazione terribile, un vero e proprio attacco: si sentivano spinte a bestemmiare l'Eucarestia, non potevano riconoscersi e dovevano lottare.
La Madonna ha indicato come essere protetti: l'umiltà, la sincerità, la preghiera forte, l'amore vicendevole non permetteranno a Satana di avvicinarsi. Un esempio: ad un sottogruppo del gruppo di preghiera la Vergine ha dato una sera un compito dicendo: "Domani fate tutto con amore, anche quello che non vi piace, accettatelo con l'amore divino". Il gruppetto ha eseguito il messaggio e la sera successiva, a Jelena, la Madonna disse: "Cari figli, se voi sapeste come Satana è fuggito da voi!".
(1) Mess. del 5/9/1985.
(2) Mesi, del 9/1/1986.
Non permettete che Satana si impadronisca dei vostri cuori, sì da diventare sua immagine anziché mia. (I)
Con l'amore convertite al bene tutto ciò che Satana vuole distruggere e di cui vuole appropriarsi; solo così sarete miei completamente ed io potrò aiutarvi. (2)
Sapete che io vi ho promesso un'oasi di pace, ma non sapete che accanto all'oasi esiste il deserto dove Satana sta in agguato e cerca di tentare ciascuno di voi. Cari figli, solo tramite la preghiera potete vincere ogni influenza di Satana nel luogo dove siete. Io sono con voi, ma non posso privarvi della vostra libertà. (3)
Anche oggi vi invito alla preghiera e al digiuno. Sapete, cari figli, che con il vostro aiuto posso fare tutto e costringere Satana a non indurre al male e ad allontanarsi da questo posto. Satana sta in agguato... contro ognuno di voi; soprattutto desidera disturbare tutti voi nelle cose quotidiane. Perciò vi invito.., a far sì che la vostra giornata sia solo preghiera e totale abbandono a Dio. (4)
Non dimenticate che io attendo i vostri sacrifici per aiutarvi e per allontanare Satana da voi. Perciò di nuovo vi invito ad offrire sacrifici con particolare fede in Dio. (5)
(1) Mess. del 30,'1,'1986.
(2) Mess. del 31/7/1986.
(3) Mess. del 7/81986.
(4) Mess. del 4/9/1986.
(5) Mess. del 19/9/1986.
Voi, cari figli, siete nella pace e non potete capire che cosa significhi non averla. Perciò vi invito ad aiutare con la vostra preghiera e con la vostra vita ad annientare nella gente tutto ciò che è male e scoprire l'inganno di cui si serve Satana. (1)
Vi invito alla preghiera e all'abbandono totale a Dio, perché Satana desidera conquistarvi attraverso le cose quotidiane e prendere il primo posto nella vostra vita. Per questo... pregate in continuazione. (2)
Purificatevi di tutti i peccati del vostro passato... Solo così potrete conoscere tutto il male che sta in voi... (3)
In qualunque luogo io vada, ed è con me pure mio Figlio, là ci raggiunge anche Satana. Voi avete permesso, senza accorgervene, (4) che vi influenzasse e che talvolta vi trascinasse via. Voi capite che questo vostro agire non è gradito a Dio, ma rapidamente non ci fate più caso. Non permettete questo... Asciugate dal mio volto le lacrime che verso, guardando a quello che fate.
(...) Non guardate con disprezzo il povero che vi supplica per un pezzo di pane e non scacciatelo dalle vostre mense piene. (...) Satana vi ha influenzato anche qui. (5)
(1) Mess. del 25/9/1986.
(2) Mess. del 16/10/1986.
(3) Mess. del 4/12,/1986.
(4) Un'altra versione prosegue: che prendesse il sopravvento in voi, che vi dominasse.
(5) Mess. del 28,'1,/1987 ricevuto da Mirjana Dragicevic.
Pregate perché la benedizione di Dio possa proteggere ognuno di voi da tutto il male che vi minaccia. (1)
Voi siete pronti a commettere il peccato e a mettervi nelle mani di Satana senza riflettere. Io invito ciascuno di voi a decidervi coscientemente per Dio e contro Satana. (2)
Non voglio che Satana vi ostacoli su questa strada. (3)
Satana è forte e aspetta ciascuno di voi per provarlo. Pregate, così non potrà nuocervi né ostacolarvi sulla strada della santità. (4)
Pregate affinché Satana non vi attiri con il suo orgoglio e con la sua falsa forza. (5)
Non permettete che Satana vi seduca. Cari figli, Satana è abbastanza forte e per questo vi chiedo che mi offriate le vostre preghiere per quelli che sono sotto il suo influsso, affinché si salvino. Testimoniate con la vostra vita e sacrificate le vostre vite per la salvezza del mondo.... In cielo riceverete dal Padre il premio che vi è promesso. Perciò figliolini non abbiate paura. Se pregate, Satana non vi può minimamente nuocere, perché siete figli di Dio e Lui tiene il Suo sguardo su di voi.
(1) Mess. del 25/4/1987.
(2) Mess. (lei 25/5/1987. Non si possono servile due padroni.
(3) Mess. dei 25/7/1987. La Madonna si riferisce alla "strada della santit3".
(4) Mess. del 25/9/1987.
(5) Mess. del 25/11/1987.
Pregate, che il Rosario sia sempre in mano come segno per Satana che mi appartenete. (I)
Pregate figlioli, che Satana non vi faccia agitare come fa il vento con i rami. Siate forti in Dio. (...) Pregate (senza soste), perché Satana non possa approfittarsi di voi. (2)
Non abbiate paura, perché io sono sempre con voi, anche quando pensate che non esista via d'uscita e che Satana regni. (3)
A Satana è sufficiente un piccolo vuoto interiore per poter operare dentro di voi. (4)
Satana è forte, perciò, bambini miei, con la preghiera continua avvicinatevi al mio cuore materno. (5)
Cari figli, vostra Madre questa sera vuole avvertirvi che in questo tempo Satana è molto attivo e vuole distruggere
(1) Mess. del 25/2/1988.
(2) Mess. del 25/5/1988.
(3) Mess. del 25/7/1988.
(4) Mess. del 5/9/1988 a lvan sul Podhrdo.
(5) La Madonna nei momenti di difficoltà avverte: Ingaggiate la lotta contro Satana con la preghiera. Ora siete al corrente delle sue insidie. (Cari figli, grazie, Pietro Zorza, p. 148). A settembre ringrazia i parrocchiani perché i sacrifici fatti per la festa della croce le hanno permesso di allontanare Satana. (Ibidem p. 149). A tal proposito riportiamo le riflessioni di Ivan Dragicevisc del dicembre 1988: Ognuno di noi è debole e cade. Ma molte volte pur sapendo di essere caduti non vogliamo rialzarci. Questo è il problema: dobbiamo riconoscere il nostro sbaglio e rialzarci. Sicuramente questo è importante perché Satana agisce e cerca di approfittare di qualsiasi fessura e inserirsi. E quando vi è riuscito è dura cacciarlo via, quindi veramente bisogna essere vigilanti. Per Satana è facilissimo entrare quando noi lasciamo la preghiera. Oggi la preghiera é l'arma più potente contro Satana
(5) Mess. del 25/10/1988.
tutte le cose che avete ricevuto da me in questi giorni. (1)
Questa sera voglio dirvi anche che Satana in questo tempo sta operando in modo particolare: lui vuole sviarvi dalla via giusta. Pertanto io vi raccomando di riempire con la preghiera tutti gli spazi vuoti, perché Satana non vi possa nuocere. In particolare questa sera vi raccomando di pregare nelle famiglie. (2)
Pregate dunque, affinché possiate decidervi solamente per Dio senza alcuna influenza satanica. (3)
Pregate e non permettete a Satana di operare nella vostra vita attraverso i malintesi, le incomprensioni e la mancanza di accoglienza degli tini verso gli altri. (4)
Decidetevi completamente per Dio e non permettete a Satana di entrare nella vostra vita attraverso quelle cose che danneggiano voi e la vostra vita spirituale. (5)
(1) Mess. del 9/1/1989 a Ivan sul Podbrdo.
(2) Mess. del 12/5/1989 ricevuto da Ivan sul Podbrdo. Altra versione: Riempite con la preghiera i tempi liberi, perché Satana non possa nuocervi. In questo tempo sta operando intensamente: vuole sviarvi dalla via giusta. Pregate in particolare per le famiglie.
Nel Mess. del 25/6/1989 a Ivan sul Podbrdo , la Madonna ha parlato del 5° segreto e ha raccomandato tanto di pregare perché Satana si impegna tantissimo anche su quelli che hanno cominciato bene e ora tornano alla vita materiale. Dice di pregare tanto - comunica Ivan - per questo, mentre Lei continua ad intercedere per noi presso suo Figlio.
(3) Mess. del 25/11/1989.
(4) Mess. del 25/1/1990.
(5) Mess. del 25/2/1990.
Desidero proteggervi da tutto ciò che Satana vi offre e attraverso cui vi vuole distruggere. (1)
Satana è forte e desidera distruggervi ed ingannarvi in molti modi. Perciò, miei cari figli, pregate ogni giorno perché la vostra vita sia un bene per voi e per tutti coloro che incontrerete. Io sono con voi e vi proteggo nonostante che Satana desideri distruggere i miei progetti e fermare i disegni che il Padre celeste desidera realizzare qui. (2)
Satana è forte e con tutta la sua forza desidera distruggere la pace che viene da Dio. (3)
Pregate perché Satana desidera distruggere i miei progetti di pace. Riconciliatevi gli uni con gli altri e con la vostra vita aiutate a far regnare la pace su tutta la terra. (4)
Satana è forte e desidera distruggere non solo la vita umana, ma anche la natura e il pianeta su cui vivete. Perciò, cari figli, pregate per poter essere protetti attraverso la preghiera con la benedizione della pace di Dio.
Se volete, afferrate il rosario; già solo il rosario può fare i miracoli nel mondo e nella vostra vita. (5)
(1) Mess. del 25/3/1990. I punti salienti del radio messaggio di Vicka del 16/6/1990 per il pellegrinaggio a piedi Macerata - Loreto (13ma edizione) : Cari giovani, quello che offre il mondo è tutto passeggero e si vede che Satana aspetta il vostro momento libero in cui vi vuole attaccare oggi, con il troppo lavoro e divide le vostre famiglie è uniti in preghiera che Satana non può più far niente.
(2) Mess. del 25/9/1990.
(3) Mess. del 25/10/1990.
(4) Mess. del 25/12/1990.
(5) Mess. del 25/1/1991.
Desidero che tutti voi apriate il vostro cuore a mio Figlio e lo lasciate entrare... Aiutatelo con le preghiere affinché anche voi possiate diffondere pace e amore agli altri poiché questa è la cosa più importante in questo momento per combattere contro Satana. Io vi ripeto, pregate, pregate, perché solo con la preghiera potete allontanare Satana e tutto il male che viene da li (1)
Io vi invito.., alla vita e al cambiamento di tutto ciò che è negativo in voi, perché tutto si trasformi in positivo e in vita. (2)
Anche oggi vi invito alla preghiera, ora come non mai da quando il mio piano ha cominciato a realizzarsi. Satana è forte (3) e vuole disturbare i miei progetti di pace e di gioia e farvi pensare che mio Figlio non sia forte in ciò che ha deciso. Perciò vi invito.., a pregare e a digiunare ancor più intensamente. Vi invito a qualche rinuncia per la durata di nove giorni perché con il vostro aiuto si realizzi tutto ciò che voglio realizzare secondo i segreti iniziati a Fatima. (4)
Oggi vi invito tutti in modo speciale alla preghiera e alla rinuncia, perché adesso come mai prima Satana desidera mostrare al mondo il suo viso infame con il quale vuole trascinare più gente possibile sul cammino della morte e del peccato; perciò, cari figli, aiutate il mio Cuore immacolato affinché trionfi in un mondo di peccato. (1)
(1) Mess. del 18/3/1991 a Mirjana.
(2) Mess. deI 25/5/1991.
(3) Altra versione: Satana è forte e desidera bloccare i progetti della pace e della gioia e farvi pensare che mio Figlio non sia forte nelle sue decisioni. Perciò vi invito a pregare e a digiunare ancora più fortemente.
(4) Mess. del 25/8/1991.
Mettete Dio nelle vostre famiglie al primo posto, affinché Egli possa donarvi la pace e proteggervi non solo dalla guerra, ma anche, nella pace, da ogni assalto satanico. (2)
Oggi vi invito ad avvicinarvi ancora di più a Dio attraverso la preghiera; solo così potrò aiutarvi e proteggervi da ogni attacco satanico.
Avvicinatevi a Dio affinché Lui vi protegga e vi preservi da ogni male. (3)
(1) Mess. del 25/9/1991.
(2) Mess. del 25/12/1991.
(3) Mess. del 25/2/1992. Marijia Pavlovic dice: Ma la Madonna ci ha protetto. Tutti i paesi e le cittadine che confinano con Medjugorje sono stati distrutti dalla guerra, mentre il nostro paesino non è neppure stato sfiorato dai bombardamenti. Sembra una cosa incredibile. Questo fatto ha veramente del miracoloso. Anche perché fin dall'inizio della guerra Medjugorje era stata minacciata. "La distruggeremo, la raderemo al suolo' avevano giurato i serbi.
I serbi hanno tentato diverse volte di bombardarci tua, non si sa per quale ragione, non ci sono mai riusciti. Li chiesa di Medjugorje sorge su un grande spiazzo, dove non ci sono neppure alberi a proteggerla. È ben visibile anche da molto lontano, soprattutto per la sua fortuna inconfondibile con i due caratteristici campanili che sì protendono verso il cielo. Sembrerebbe un bersaglio perfetto per i bombardamenti, ma gli aerei nemici non sono mai riusciti a centrarla. Hanno tentato. Una volta sola hanno fatto cadere tre grosse bombe. Medjugorje sorge su un terreno roccioso. Ci sono pietre dappertutto, ebbene, quelle bombe sono cadute sull'unico piccolo pezzo di terra molle e fangoso che esiste nel paese e non sono esplose. In un'altra occasione le bombe hanno colpito una stalla uccidendo una mucca.
La Vergine ci ha protetti. Ha voluto salvare dalla distruzione questo paesino, che è diventato un simbolo per tante persone che credono. Certo, abbiamo avuto molta paura anche noi. In questi mesi, gli aerei hanno continuato a passare sulle nostre teste in continuazione. Eravamo costretti a vivere nelle cantine. Ma non è accaduto niente. Neppure una casa è stata danneggiata. E io penso che questo sia un miracolo" (da Medjugorje Torino n. 46- p. 12).
Il 25 giugno 1992, Ivanka, nell'apparizione straordinaria, ha visto la Madonna molto seria: Ella ha raccomandato di intensificare la preghiera per difenderci da Satana che vuole distruggere noi e la pace nei nostri cuori.
Avete preso un misero cammino: la via della rovina Io desideravo fare di voi un'oasi di pace, d'amore e di bontà. Dio desiderava che voi con il vostro amore e con il suo aiuto faceste miracoli e deste l'esempio; perciò, ecco, che cosa vi dico: Satana si prende gioco di voi e delle vostre anime e Io non posso aiutarvi perché siete lontani dal mio cuore. (1)
Solo con la preghiera e il digiuno si può fermare la guerra. ... Pregate e testimoniate con la vostra vita che siete miei e che mi appartenete, perché Satana in questi giorni torbidi vuole sedurre quante più anime possibile. (2)
Vi invito ad aprirvi completamente a me, affinché io possa attraverso voi convertire e salvare il mondo in cui vi sono molti peccati e molto di ciò che non è bene. (3)
Io sono con voi anche in questi giorni inquieti, nei quali Satana desidera distruggere tutto quello che io e mio Figlio stiamo costruendo. Specialmente lui vuole rovinare le vostre anime e condurvi il più lontano possibile dalla vita cristiana e dai comandamenti che la Chiesa vi invita a vivere. Satana vuole distruggere tutto quello che è santo in voi e attorno a voi... (4)
(1) Mess. del 25/3/1992.
(2) Mess. del 25/4/1992.
(3) Mess. del 25/8/1992.
(4) Mess. del 25/9/1992.
Vi invito alla preghiera adesso che Satana è forte e vuole appropriarsi delle anime quanto più possibile. (1)
Desidero mettervi tutti sotto il mio manto e proteggervi da tutti gli attacchi satanici. (2)
Oggi come mai prima d'ora vi invito a pregare per la pace: la pace nei vostri cuori, la pace nelle vostre famiglie, la pace nel mondo intero; perché Satana vuole la guerra, vuole la mancanza della pace e vuole distruggere tutto ciò che è buono. (3)
Questi tempi sono particolari: per questo sono con voi per amarvi e proteggervi, per proteggere i vostri cuori da Satana... (4)
Sono vostra madre e desidero, cari figlioli, che Satana non vi distolga, perché lui vuole portarvi sulla cattiva strada. Ma non lo può se voi non glielo permettete. Per questo, cari figlioli, rinnovate la preghiera nei vostri cuori e così capirete la mia chiamata ed il mio vivo desiderio di aiutarvi. (5)
Cari figlioli, desidero che voi siate figli della luce e non delle tenebre: per questo vivete ciò che vi dico. (6)
(1) Mess. del 25/10/1992.
(2) Mess. del 25/12/1992.
(3) Mess. del 25/3/1993.
(4) Mess. del 25/6,11993.
(5) Mess. del 25/7/1993.
(6) Mess. del 25/8/1993.
Io vi amo e desidero proteggervi da ogni male, ma voi non volete. (1)
In questo tempo Satana vuole creare disordine nei vostri cuori e nelle vostre famiglie, figlioli, non cedete; non dovete permettere che egli diriga voi stessi e la vostra vita. Io vi amo e intercedo per voi presso Dio. Figlioli, pregate. (2)
Solo attraverso la preghiera possiamo vincere il male e proteggere tutto quello che Satana vuole distruggere nella nostra vita. (3)
Vi invito a pregare insieme, perché così potete vedere che con le nostre preghiere tutti i mali vengono distrutti. (4)
Pregate, figlioli, in modo speciale, perché Satana è forte e vuole distruggere la speranza nel vostro cuore. (5)
Vi invito, figlioli, a diventare pace dove non c'è pace e luce dove c'è tenebra... (6)
Io vi sono vicina e vi invito a venire tutti, figlioli, nelle mie braccia per aiutarvi, ma voi non volete, e così Satana vi tenta... (7)
(1) Mess. del 25/10/1993.
(2) Mess. del 25/1/1994.
(3) Mess. del 25/2/1994.
(4) Mess. del 18/3/1994 (a Mirjana).
(5) Mess. del 25,18/1994.
(6) Mess. del 25/2/1995.
(7) Mess. del 25,13/1995.
Satana è forte e con tutte le forze vuole avvicinare quante più persone possibile a sé ed al peccato; per questo sta in agguato per carpirne ogni momento di più. (1)
Io vi invito di nuovo, figlioli, a mettere Dio al primo posto nella vostra vita, che Satana non vi attiri con le cose materiali... Scegliete la vita e non la morte dell'anima. (2)
Dovete essere la mia luce: illuminate tutte le anime nelle quali regna il buio. (3)
Figlioli, non permettete che Satana vi trascini e faccia di voi quello che vuole. Io vi invito a diventare responsabili e decisi e a consacrarvi ogni giorno a Dio nella preghiera. (4)
Cari figli, vi invito ad essere la mia luce, a rischiarare tutti coloro che vivono ancora nelle tenebre ed a colmare i loro cuori con la pace ... (5)
Non voglio che i vostri cuori errino nelle tenebre di oggi. (6)
Pregate e gioite per tutto ciò che Dio opera qui nonostante Satana provochi litigi ed inquietudine. (7)
(1) Mess. del 25/5/1995.
(2) Mess. del 25/3/1996.
(3) Mess. del 2/8/1997 (a Mirjana).
(4) Mess. del 25/1/1997.
(5) Mess. del 18/3/1998 (a Mirjana).
(6) Mess. del 18/3/1999 (a Mirjana).
(7) Mess. del 25/7/1999.
Buttate fuori tutte le tenebre dal vostro cuore. (1)
In modo speciale, adesso che Satana è libero dai lacci e dalle catene, io vi invito a consacrarvi al mio cuore e al Sacro cuore di mio figlio. (2)
Anche oggi vi invito alla preghiera; particolarmente oggi che Satana vuole la guerra e l'odio. Chi prega non ha paura del male e non ha l'odio nel cuore. (3)
(1) Mess. del 25,12/1999 (a Jakov).
(2) Mess. del Capodanno 2001 (a Marija).
(3) Mess. del 25/9/2001.
L'inferno dogma di fede ribadito a Medjugorje
Ai primi di novembre del 1981 alcuni veggenti hanno visto l'inferno; padre Bubalo rivolgendosi a Vicka: ad un tratto la Madonna è scomparsa e davanti a voi si è aperto l'inferno. L'avete visto tu, Jakov e Marija. Hai scritto che era spaventoso; sembrava un mare di fuoco; dentro c'era tanta gente. Tutti anneriti, sembravano diavoli. Affermi che nel mezzo hai visto una donnaccia bionda, con i capelli lunghi e le corna, e i diavoli che l'assalivano da tutte le parti. Era orribile e basta.
Io ho descritto - spiega Vicka - come ho potuto; ma non lo si può descrivere.
La Madonna, vi ha detto perché ve lo ha mostrato?
Sì, sì; come no! Ce l' ha mostrato per farci vedere come stanno coloro che ci cadono.... Chi può pensare sempre a queste cose? Però non si può neppure dimenticare quello che abbiamo visto.
Verso la metà di novembre 1981 Vicka e Jakov sono stati portati dalla Madonna in cielo. La Madonna "mentre ci mostrava il paradiso e l'inferno - racconta Vicka - guardava dove guardavamo noi.
La Gospa ha prima mostrato il purgatorio e poi l'inferno
Dalle parole di Vicka si direbbe che i due veggenti siano stati "portati" all'inferno: Fuoco... diavoli.., la gente bruttissima! - ripete Vicka -. Tutti con le corna e con la coda. Sembrano tutti diavoli. Soffrono... Dio ce ne preservi e basta.
Solo che ho visto di nuovo quella donnaccia bionda e con le corna. Lei soffre in mezzo a quel fuoco; e i diavoli intorno a lei. Orribile e basta.
La Madonna - chiede ancora p. Bubalo - quindi non vi ha proibito di raccontarlo?
Non ce l' ha proibito; anzi, ci ha detto di raccontarlo.
Più avanti Vicka aggiunge:
Credo che sarebbe molto utile che gli uomini non si dimenticassero mai che, un giorno, saremo tutti giudicati da Dio. Esiste una differenza terribile tra il Paradiso e l'Inferno. Io l' ho vista. Che Dio ci salvi dall'Inferno!
Anche Jakov Colo dice di aver visto l'inferno: Ho visto una grande, grande fiamma e gli uomini dentro.
Che faccia avevano questi uomini?
Nera. Stanno nella fiamma e quando escono dalla fiamma diventano neri, cambiano. Non sono proprio uomini, sono tra uomini e bestie, una combinazione.
E Maria cos' ha detto quando avete visto l'inferno?
"Qui arrivano quelli che non hanno seguito la strada di Dio".
A Marija Pavlovic è stato chiesto:
La Madonna ha detto quando il Satana sarà schiacciato?
A me no.
Tu hai visto Satana?
Sì, nell'inferno.
Cosa fa?
Alza il fuoco.
Che faccia ha?
Ha una faccia nera. A noi quando si è presentato, si e mostrato come una ragazza. L'abbiamo visto per un attimo, forse un minuto, come lo spezzone di un film. Era nera, con i capelli lunghi, l'aspetto trasandato, sembrava che sfuggisse e una pietra che voleva raggiungerla; lei scappava.
Satana fa paura oppure attira a sé?
Sicuramente fa paura.
Perché fa paura?
Non so perché fa paura.
Ha una faccia umana Satana?
Sì, però spaventosa.
Che colore ha la sua faccia?
Piuttosto nera, che bianca. (1)
Da 12 annidi apparizioni di René Laurentin, stralciamo la parte di un'intervista che Marija rilasciò nel novembre 1986:
(1) Ibidem, pp. 49 e 51. Mirjana e Ivanka hanno avuto paura e non hanno voluto vedere l'inferno.
Nostra Signora vi ha rivelato se un 'anima del purgatorio può essere perduta ed andare all'inferno?
No, una volta che essi sono in purgatorio, non possono andare che al Cielo.
A vostro parere, le persone che costantemente vanno di male in peggio, o dal male al bene, e che tuttavia amano Dio, andranno all'inferno?
Io non so. Quando un uomo muore, Dio gli concede delle grazie e benedizioni speciali per decidere egli stesso dove vuole andare. Dio gli concede un'immagine della propria vita e di ciò che ha fatto durante questa vita, e così gli concede la grazia di decidere dove andrà, secondo quale è stata la sua vita. Egli ha libera scelta.
Questi raggiunge l'esperienza di alcuni morenti che vedono tutto il loro passato sfilare davanti ai loro occhi, istantaneamente, con un giudizio chiaro del bene e del male.
Bene, voi volete evitare l'inferno ed andare al Cielo. Che cosa accade in quel caso [...]?
Dio ci concede delle grazie speciali per capire pienamente e rispondere così in tutta verità.
Dunque, Egli vi concede molte grazie per dire: 'Dio, io voglio il Cielo e voglio evitare l'inferno o il purgatorio" (come un siero della verità)?
Sì, è così.
Voi avete visto l'inferno, avete visto una ragazza che era vicino alle fiamme. Avete visto la sua figura? [Marija aveva parlato di questa ragazza prima dell'intervista registrata].
Noi l'abbiamo vista nell'inferno ed ella era tra le fiamme. Ella uscì ed aveva qualcosa di animalesco nella sua figura. Qualcosa di selvaggio.
Nell'inferno, quando voi avete visto questa ragazza, Nostra Signora vi ha detto perché ella si trovava là?
Ella non ce l' ha detto.
È la sola persona che avete visto?
No, c'era molta gente. Ma noi l'abbiamo notata perché si trovava tra le fiamme.
Lei soffriva molto?
Tutti coloro che sono nell'inferno correvano per evitare le fiamme. Essi soffrono moltissimo. Ma Dio concede a ciascuno la libertà di decidere dove andare. Queste persone avevano scelto l'inferno.
Allora Dio non manda nessuno all'inferno, essi decidono per se stessi?
Sì, noi siamo giudici della nostra vita.
Quando avete visto l'inferno, avete visto altri dèmoni o Satana stesso?
Io ho avuto una visione dell'inferno. Ma non mi trovavo lì.
Sì, ma durante la vostra visione avete visto dei demoni o Lucifero?
Noi non potemmo vedere Satana, ma Mirjana, un'altra veggente, che vive a Sarajevo, l' ha visto una volta [...] come un bel giovane uomo. Mirjana era a casa sua e la sua porta era chiusa. Improvvisamente apparve un giovane uomo. Egli tentava di convincerla a rinunciare alle apparizioni, promettendole tutti i tesori del mondo se ella avesse rinunciato. Ma ella prese dell'acqua benedetta, si fece il segno
della croce e lui sparì. Allora Nostra Signora apparve immediatamente e le parlò.
Lei, dunque, si era resa conto che c'era il demonio?
Sì.
Le promesse di Satana erano vane o lui aveva veramente il potere di compierle? Lei ha pensato che aveva questo potere?
Sì, sì, il demonio ha un grande potere. E questa fu una grande tentazione per Mirjana. Ella sentiva che le forze la stavano abbandonando.
Così, ella è stata presa da una forte tentazione?
Sì, molto grande.
Ai veggenti è stato chiesto singolarmente: hai visto qualcos'altro oltre la Madonna e Gesù?
Essi hanno risposto:
Marija Pavlovic: Abbiamo visto il paradiso, il purgatorio e l'inferno, dove le persone soffrono e penano: è qualcosa di orribile. (1)
Vicha Jvankovic: Abbiamo visto il paradiso e l'inferno: in mezzo c'é un gran fuoco, ma non c'è brace, niente. Solo le fiamme. Molte persone passano una dopo l'altra piangendo... Che Dio ce ne guardi! (2) Ivanka Ivankovic: ... l'inferno e il cielo.
(1) Altra versione: Abbiamo visto - spiega Marija Pavlovic - il paradiso, l'inferno e il purgatorio. L'inferno, dove si tormentano e patiscono è qualcosa di spaventoso. (intervista di Ljudevit Rupcic).
(2) Altra versione: Abbiamo visto - disse Vicka - il paradiso e l'inferno. (...) E poi l'inferno: nel mezzo si trova un grande fuoco, ma non c'è la brace, niente. Solo fiamma. Ma ce né di gente! E comunque vi va uno per uno, piange. Uno ha le corna, uno cade, uno ha quattro gambe. Dio ce ne guardi! (Intervista: Ljudevit Rupcic).
Mirjana Dragicevic: Sì, ho visto una volta il diavolo. Aspettavo la Madonna e proprio nel momento in cui avrei voluto fare il segno della croce, mi è apparso lui al suo posto. Allora mi sono spaventata. Lui mi ha promesso le cose più belle del mondo, ma io ho detto: No! Allora è scomparso d'un tratto ed è apparsa la Madonna. Mi ha detto che lui tenta sempre di distogliere il vero credente dalla giusta strada. (I)
Satana appare a Mirjana
Un'altra testimonianza sull'episodio di Mirjana la riferisce il dr. Piero Tettamanti: "Io ho visto il Satana travestito nella veste della Madonna. Mentre aspettavo la Madonna è venuto il Satana. Aveva un manto e tutto il resto come la Madonna, però dentro c'era la faccia del Satana. Quando il Satana è venuto io mi sentivo come ammazzata. Egli distrugge e diceva: Sai, ti ha raggirato; devi venire con me, ti farò felice nell'amore, nella scuola e nel lavoro. Quella ti fa soffrire.
Allora io ripetevo: "No, no, non voglio, non voglio". Sono quasi svenuta. Allora è arrivata la Madonna che disse: "Scusami, ma questa è la realtà che tu devi sapere". Appena è arrivata la Madonna mi sono sentita come se fossi resuscitata, con una forza".
Su questo peculiare episodio si fece cenno nella relazione datata 2/12/1983 inviata a Roma dalla parrocchia di Medjugorje e firmata da p. Tomislav Vlasic:
(1) Altra versione: Sì - disse Mirjana confermando la visione del diavolo-, una volta mi apparve il diavolo. Aspettavo la Signora e proprio quando volevo farmi il segno della croce! Allora mi apparve lui invece di lei. Mi spaventai. Esso mi prospettava qualcosa di bellissimo. Allora io dissi: "No!". D'un tratto sparì. Allora apparve la Signora. E mi disse che lui tenta sempre di girare dall'altra parte il credente.
Mirjana dice di aver avuto, nel 1982 (14/2), un'apparizione che getta, secondo noi, raggi di luce sulla storia della Chiesa. Essa racconta un'apparizione nella quale Satana le si è presentato con le apparenze della Vergine; Satana chiese a Mirjana di rinunciare alla Madonna e di seguirlo, perché l'avrebbe resa felice, nell'amore e nella vita; mentre, con la Vergine, essa doveva soffrire, diceva lui. Mirjana lo respinse.
E subito apparve la Vergine e Satana scomparve. La Vergine le disse, sostanzialmente, quanto segue:
Scusami per questo, ma devi sapere che Satana esiste; un giorno si è presentato davanti al trono di Dio e ha chiesto il permesso di tentare la Chiesa per un certo periodo. Dio gli ha permesso di metterla alla prova per un secolo.
Questo secolo è sotto il potere del demonio, ma quando saranno compiuti i segreti che vi sono stati affidati, il suo potere verrà distrutto.
Già ora egli comincia a perdere il suo potere ed è diventato aggressivo: distrugge i matrimoni, solleva discordie tra preti, crea ossessioni, assassinii. Dovete proteggervi con la preghiera e il digiuno: soprattutto con la preghiera comunitaria.
Portate con voi dei simboli benedetti.
Metteteli nelle vostre case, riprendete l'uso dell' acqua benedetta.
Secondo alcuni esperti cattolici che hanno studiato le apparizioni, questo messaggio di Mirjana chiarirebbe la visione che ebbe il sommo pontefice Leone XIII. Secondo loro, dopo aver avuto una visione apocalittica dell'avvenire della Chiesa, Leone XIII introdusse la preghiera a S. Michele che i sacerdoti recitavano dopo la messa fino al Concilio.
Questi esperti dicono che sta per finire il secolo di prova intravisto dal sommo pontefice Leone XIII.
Dopo aver scritto questa lettera, l' ho data ai veggenti perché chiedessero alla Vergine se il suo contenuto era esatto. Ivan Dragicevic mi ha portato questa risposta: Sì, il contenuto della lettera è vero; bisogna avvisare prima il sommo pontefice e poi il vescovo.
Ecco lo stralcio di altre interviste a Mirjana sull'episodio in questione:
Il 4 febbraio 1982 ti si è presentato Satana al posto della Madonna. Molti cristiani non credono più a Satana. Che cosa ti senti di dire a loro?
A Medjugorje, Maria ripete: "Dove vengo io arriva anche Satana". Questo significa che esiste.
Io direi che esiste ora più che mai. Non hanno ragione quelli che non credono alla sua esistenza perché, in questo periodo ci sono molti più divorzi, suicidi, omicidi, c'è molto più odio tra i fratelli, le sorelle e gli amici.
Lui esiste veramente e bisogna stare molto in guardia.
Anche Maria ha consigliato di aspergere la casa con l'acqua benedetta; non c'è bisogno sempre della presenza del sacerdote, si può fare anche da soli, pregando. La Madonna ha anche consigliato di dire il Rosario, perché Sa tana di fronte ad esso diventa debole. Consiglia di recitare il rosario almeno una volta al giorno.
(1) Leone XIII ebbe la visione di Satana dopo la celebrazione della Messa alle Grotte Vaticane circa cento anni fa.
(2) Il fatto gli ispirò la preghiera a S. Michele arcangelo che si recitava prima del Concilio Vaticano Il al termine (della Messa. Leone XIII vide Satana che chiedeva a Dio il permesso di tentare l'umanità in modo particolare per un secolo.
Il nostro? A Medjugorje e in altri luoghi è stato detto che "è il secolo di Satana" proprio quello che stiamo vivendo. E gli avvenimenti mondiali sembrano confermare le profezie.
Ho visto una volta - disse Mirjana Dragicevic intervistata
Il diavolo. Aspettavo la Madonna e proprio nel momento in cui avrei voluto fare il segno di croce, mi è comparso al suo posto. Allora mi sono spaventata. Lui mi ha promesso le cose più belle del inondo, ma io ho detto: "No!". Subito è scomparso. Dopo è apparsa la Madonna. Ella mi ha detto che il diavolo cerca sempre di ingannare i credenti.
Molto interessante l'intervista effettuata da p. Tomislav Vlasic alla veggente Mirjana il 10 gennaio 1983. Ne riportiamo la parte che riguarda il nostro tema:
Mi ha anche detto qualcosa di molto importante e che può colpire l'animo in profondità.
Ecco che cosa mi ha raccontato... Molto tempo fa, c'è stato un colloquio tra Dio e il demonio e il demonio ha sostenuto che la gente crede in Dio solo quando le cose vanno bene, ma che, appena la situazione si volge al peggio, smette di credere in lui. E, come conseguenza di tutto ciò, queste persone si mettono a bestemmiare Dio e ad affermare che lui non esiste.
Allora Dio ha voluto concedere al demonio il permesso di assumere il dominio del mondo per tutto un secolo e la scelta del maligno è caduta sul ventesimo secolo. È appunto il secolo in cui noi adesso viviamo.
Possiamo vedere anche noi, con i nostri occhi, come, a causa di questa situazione, raramente gli uomini decidono di collaborare tra loro. La gente si è lasciata fuorviare e nessuno riesce a vivere in pace con il suo simile.
Ci sono divorzi, bambini che perdono la loro vita.
Per riassumere, concretamente la Madonna voleva dire che in tutto questo c'è l'interferenza del demonio.
Il demonio è anche entrato in un convento di suore ed io ho ricevuto una chiamata da due suore del convento, perché mi recassi in aiuto. Il demonio si era impossessato di una suora del convento e le altre compagne non sapevano come affrontare la situazione.
La poveretta si contorceva, urlava, desiderava colpirsi e farsi del male. Fu la Madonna stessa ad informarmi che il demonio si era impossessato di quella creatura e mi spiegò che cosa dovevo fare per lei.
Mi disse che dovevo spruzzarla con l'acqua benedetta, portarla in chiesa, pregare su di lei e che lei stessa, la Madonna, sarebbe intervenuta nella preghiera, quando quella povera suora si fosse rifiutata di farlo. Io feci così ed il demonio l'abbandonò, ma entrò in altre due suore. Lei sa bene, padre, di suor Marinka di Sarajevo.., anche lei aveva sentito il demonio urlare.., all'esterno, quando andava a letto. Ma lei è stata furba: si è fatta subito il segno della croce ed ha iniziato a pregare. Un fatto simile potrebbe accadere a chiunque di noi, ai nostri giorni. Non dobbiamo mai avere paura, perché, se sentiamo paura, vuol dire che non siamo abbastanza forti e che non conosciamo Dio. Abbiamo una sola cosa da fare, aver fiducia in Dio e cominciare a pregare.
Bene, tu hai detto che il demonio si è inserito anche in alcuni matrimoni.
Questo è il suo ruolo fin dall'inizio.
Vuoi dire: fu.
Sì, volevo dire: questo fu l'inizio.
Quando?
La Madonna aveva cominciato a parlarmi di questa faccenda, ma poi la suora mi ha chiamato; fu precisamente quindici giorni fa.
Il demonio ha cominciato a rappresentare questo suo ruolo due anni fa. Prima esistevano discordie, separazioni, adesso però è terribile. Ognuno di noi lo sta sperimentando personalmente. È diventato difficile vivere vicino ad un'altra persona.
Forse non si riesce a capire come sia grave la situazione, quando si vive lontano dalla gente. Ma quando uno vive in un villaggio o altrove... Veramente ognuno sente qualcosa contro gli altri... Tutti hanno sempre qualcosa da dire contro gli altri.
È vero, il fatto che le persone agiscano come nemiche tra di loro... questo è senz' altro un atteggiamento determinato dall'influenza del demonio. Ma non vuoi dire necessariamente che il demonio si sia impossessato di loro, dal momento che agiscono in questo modo.
No, no. Però, anche se il demonio non è dentro di loro, queste persone vivono influenzate dal demonio.
Ma ci sono dei casi in cui lui si è impossessato di certe persone. Alcune di queste, in cui lui è penetrato, hanno finito per separarsi dal loro compagno ed hanno divorziato. A questo proposito, la Madonna ha detto che, per prevenire almeno in parte questo fenomeno e per impedire che si estenda, è necessaria una preghiera comune, la preghiera della famiglia.
Anzi, lei ha puntualizzato che la preghiera della famiglia rappresenta il rimedio più potente. È anche necessario avere almeno un' oggetto sacro in casa e la casa dovrebbe essere benedetta regolarmente
Lascia che ti faccia un 'altra domanda: dov' è attivo, in modo particolare, il demonio ai nostri giorni? Ti ha detto la Vergine tramite chi e come si manifesta maggiormente?
Soprattutto in quegli individui che non hanno un carattere equilibrato, nelle persone che vivono divise tra di loro o in quelle che si lasciano trascinare da diverse correnti. Ma il demonio ha una preferenza: aspira ad entrare nella vita dei credenti più convinti. Si è visto che cosa è capitato a me. Il suo scopo è quello di attirare a sé il maggior numero di coloro che hanno fede.
Scusa, spiegami che cosa hai voluto dire quando hai pronunciato la frase "che cosa è capitato a me" volevi forse riferirti a quel fatto di cui mi avevi parlato tempo fa?
Sì, proprio a quello.
Però non ne hai mai parlato nell' intervista che stiamo registrando. Non hai mai detto che cosa ti è accaduto personalmente.
È vero. Penso che questa faccenda risalga press'a poco a circa sei mesi fa. Non so esattamente il giorno preciso in cui accadde.
Come faccio spesso, mi ero chiusa a chiave nella mia camera ed ero sola. Mi ero messa a pensare alla Madonna e mi ero inginocchiata, senza farmi ancora il segno della croce. All'improvviso, c'è stato un bagliore nella stanza e mi è apparso il demonio. Non so spiegarlo, ma capii, senza che nessuno me lo dicesse, che quello era un demonio.
Naturalmente Io guardai con grande stupore e paura.
Appariva orribile, era qualcosa di nero, tutto nero e... aveva qualcosa di terrificante.., qualcosa di irreale. Lo fissai: non capivo che cosa volesse da me. Cominciai a sentirmi confusa, debole e alla fine persi conoscenza.
Quando mi ripresi, mi accorsi che lui era ancora lì e stava sogghignando. Era come se volesse darmi forza, per essere in grado di accettarlo normalmente.
Si mise anche a parlare e mi spiegò che, se l'avessi seguito, sarei divenuta sempre più bella ed anche più felice delle altre persone... e mi disse altre cose simili. Insisteva nell'affermare che la sola cosa di cui non avevo bisogno era la Madonna.
E c'era un'altra cosa di cui non avrei avuto più bisogno: la mia fede.
"La Madonna ti ha portato soltanto sofferenze e difficoltà!" - mi disse -. Lui invece, mi avrebbe offerto le cose più belle che esistono.
A questo punto ci fu qualcosa in me... non so dire che cosa fosse, se fosse in me o qualcosa nella mia anima... che cominciò a dirmi: "No, no, no!". Cominciai a tremare e cercai di scuotermi. Sentii dentro me un tormento terribile e lui scomparve.
Poi, apparve la Madonna e, come lei fu presente, la mia forza ritornò: fu lei a farmi capire chi fosse quell'essere orribile che avevo visto. Ecco quello che mi è accaduto. Stavo dimenticando una cosa. La Madonna, in quell'occasione, mi ha anche detto: "È stato un brutto momento, questo, ma ormai è passato".
Non ti ha detto altro, la Madonna?
Sì, ha aggiunto che quanto si è verificato doveva accadere e che me ne avrebbe spiegato il motivo, in seguito.
Tu hai detto che il XX secolo è stato affidato nelle mani del demonio.
Si.
Vuoi dire questo secolo, considerato cronologicamente fino all'anno 2000 o in modo più generico?
No, volevo dire in modo generico.
In merito all'esperienza di Mirjana leggiamo la testimonianza che ne dette Vicka il 13/3/1988:
Un giorno, mentre Mirjana stava pregando, in attesa dell'apparizione, le apparve improvvisamente Satana sotto forma di un giovane, che le parlò contro la Madonna e le fece proposte molto allettanti per il suo avvenire. Il suo aspetto non solo non era pauroso, ma anzi cercava di ispirare confidenza e simpatia. Subito dopo apparve la Madonna e disse a Mirjana: "Vedi, Satana non si insinua nella vostra vita portando spavento, ma travestendosi da persona affascinante e dabbene, presentando le sue proposte come molto attraenti e portatrici cli felicità. E così intelligente e astuto che, se vi trova deboli, distratti e poco dediti alla preghiera, riesce facilmente a infiltrarsi nel vostro cuore, senza che ve ne accorgiate e senza che lo riconosciate"
Più restio a parlare di certi argomenti Jakov Colo: "Dell'inferno - disse nella Pasqua del 1990 - non ne voglio parlare. Per quelli che non credono posso solo dire che esistono e che ho visto! Forse anch'io prima mettevo in dubbio queste cose. Ma adesso so che davvero esistono".
Nell'inferno - ha spiegato Jakov colo - le persone si trasformano continuamente in animali orrendi che besternmiano e imprecano (27 10/1991).
Vicka e Jakov descrissero l'inferno "come un mare di fuoco, in cui si muovevano delle forme nere.
In un'intervista pubblicata su La Madonna a Medjugorje, edita dalla parrocchia dei Cappuccini N.S. di Lourdes di Rijeka, i veggenti sulla visione dell'inferno hanno fornito risposte simili e complementari allo stesso tempo:
"Nell'inferno gli uomini soffrono: è qualcosa di terribile" (Marija).
L'inferno: al centro si trova un grande fuoco, senza brace; si vede solo la fiamma. C'è tanta folla. E camminano ad uno ad uno piangendo. Alcuni hanno le corna, altri le code e anche quattro gambe.
Tutti i veggenti hanno visto il Paradiso. Alcuni anche il Purgatorio e l'Inferno. La Madonna ha detto loro: Vi mostro questo perché vediate quale premio attende coloro che amano Dio e il castigo di quelli che l'offendono!"
Il 22 maggio 1988 un inviato de Il Segno del Soprannaturale intervista Vicka, la quale sull'inferno conferma quanto già ebbe modo di affermare, aggiungendo però qualche elemento nuovo: L'inferno è un immenso luogo al centro del quale c'è il fuoco, un grande fuoco.
Le persone che inizialmente apparivano con una fisionomia umana comune cadendo nel fuoco si deformavano. Perdevano ogni immagine e somiglianza umana... più profondamente cadevano e più bestemmiavano. La Madonna ci disse: queste persone hanno scelto volontariamente questo luogo. (1)
(1) Il 13 luglio 1917 i veggenti di Fatima ebbero una visione che ha molti punti di contatto con quelle di Medjugorje: - Sembrò che il riflesso penetrasse la terra e vedemmo come un grande mare di fuoco, che sembrava stare sotto terra, Immersi in quel fuoco, i dèmoni e le anime. come se fossero braci trasparenti e nere o bronzee. con forma umana che fluttuavano nell'incendio, portate dalle fiamme che uscivano da loro stesse insieme a nuvole di fumo, cadendo da tutte le parti simili al cadere delle scintille nei grandi incendi, senza peso né equilibrio, tra grida e gemiti di dolore e disperazione che mettevano orrore e facevano tremare dalla paura. I dèmoni si riconoscevano dalle forme orribili e riluttanti di animali spaventosi e sconosciuti trasparenti e neri. Spaventati, come per chiedere aiuto, alzammo gli occhi alla Madonna che ci disse con bontà e tristezza: "Avete visto l'inferno, dove cadono le anime dei poveri peccatori. Per salvarle, Dio vuole stabilire nel mondo la devozione al mio Cuore Immacolato.
(2) Se faranno quello che io vi dirò, molte anime si salveranno ed avranno pace".
Nell'INFERNO - dice Vicka -,
nel mezzo, c'è come un fuoco grande, c'è come una grande depressione - come dire? - una voragine, un baratro. La Madonna ci ha fatto vedere com'erano le anime che sono in questo luogo, durante la loro vita: e poi ci ha fatto vedere come sono adesso nell'inferno. Non sono più persone umane. Si direbbe che hanno l'aspetto di animali con corna e code. Bestemmiano Dio sempre e sempre più forte e sempre di più cadono in quel fuoco e più cadono, e più bestemmiano. Si sente rumore di denti, si sente la bestemmia e l'odio verso Dio. L'interprete ha aggiunto: "Una volta Vicka ha riferito che la Madonna ha detto: "Se un'anima dell'Inferno potesse dire: Signore perdonami, Signore liberami, sarebbe salva". Ma non lo può dire, non lo vuoi dire".
Marija Pavlovic in merito all'inferno dice: "Poi l'Inferno come grande spazio con nel centro un grande fuoco. In quel momento abbiamo visto una ragazza giovane che è stata presa dal fuoco ed è uscita come una bestia. La Madonna ha spiegato che Dio ha dato la libertà con la quale si risponde a Dio. Loro hanno scelto male sulla terra.
Al momento della morte, Dio fa rivedere tutta la vita passata e ognuno da sé decide quello che sa di meritare".
Il 17 agosto 1988 Sante Ottaviani ha posto alcune domande su questa singolare esperienza a Marija Pavlovic; la veggente ha dichiarato: Abbiamo visto l'inferno, come un grande spazio dove al centro c'è un grande fuoco e tante persone.
In modo speciale una ragazza giovane che, presa da quel fuoco, ne è uscita che assomigliava ad una bestia. Dopo, la Madonna ha detto che Dio ha dato a tutti noi la libertà e che ognuno di noi risponde con questa libertà. Loro hanno risposto per tutta la vita col peccato, hanno vissuto nel peccato. Con la loro libertà hanno scelto l'inferno.
Le immagini - ha chiesto Sante Ottaviani - sono reali oppure simboliche, cioè, la sofferenza dovuta al fuoco è simbolica?
Noi - ha risposto Marija - non lo sappiamo. Io penso che è come la realtà.
La Madonna a Mirjana ha spiegato il contrasto tra la misericordia divina e l'eternità dell'inferno: l'eternità dell'inferno si basa sull'odio che i dannati hanno verso Dio, per cui non desiderano neppure lasciare l'inferno.
Perché non è permesso ai dannati di uscire dall'inferno? - domandò Mirjana alla Vergine.
Ed Ella: "Se loro pregassero Dio, Egli lo permetterebbe. Ma i dannati quando entrano nell'inferno è come se godessero maggiormente del male; quindi non pregheranno mai Dio".
Sempre a Mirjana la Vergine ha detto:
Coloro che vanno all'inferno, non vogliono più ricevere alcun beneficio da Dio; non si pentono; non fanno che imprecare e bestemmiare; vogliono restare nell'inferno e non pensano di lasciarlo.
In purgatorio ci sono diversi livelli; il più basso è vicino all'inferno e il più alto si avvicina alla porta del cielo.
Il 25/6/1990, dinanzi a fra Giuseppe Minto, la veggente Vicka disse che la Madonna in merito all'esperienza eterna dell'inferno, così delucidò: Le persone che si trovano nell'inferno vi si trovano perché loro stesse hanno voluto andare con la loro propria volontà, e le persone che qui sulla terra vivono facendo tutto contro la volontà di Dio, già fanno l'esperienza dell'inferno nel loro cuore e poi soltanto continuano.
Il 21 aprile 1984 (quindi nel tempo pasquale) la Madonna avrebbe detto:
Oggi Gesù è morto per la vostra salvezza. E disceso all' inferno, ha aperto la porta del Paradiso...
Marija Pavlovic il 28 luglio 1985 ad un gruppo di pellegrini disse: Ho visto la presenza di Satana anche nel linguaggio strano di alcune persone che dicono: il Paradiso e il Purgatorio esistono, ma l'Inferno non esiste.
Questo perché hanno alle spalle tante cose brutte da loro compiute, e non vogliono cambiare la loro condotta. In realtà queste persone sentono dentro di loro che l'inferno esiste, ma dicono che non c'è perché altrimenti dovrebbero cambiare la loro vita.
Mirjana Dragicevic intervistata da p. Tomislav Vlasic in merito all' esperienza delle apparizioni, ha sottolineato quanto segue: Ho chiesto alla Madonna di spiegarmi alcune cose, a proposito di paradiso, purgatorio e inferno...
Per esempio, come possa Dio essere tanto crudele da gettare la gente nell'inferno a soffrire per sempre.
Io pensavo: quando una persona commette un crimine viene condannata alla prigione per un certo tempo, ma poi viene perdonata.
Perché l'inferno deve durare per sempre? La Madonna mi ha spiegato che le anime che vanno all'inferno hanno cessato di pensare a Dio, lo hanno bestemmiato e continuano a bestemmiarlo. In tal modo sono entrate a far parte dell'inferno e hanno scelto di non esserne liberate. Mi ha anche precisato che in purgatorio ci sono diversi livelli: da quelli prossimi all'inferno, a quelli man mano più in alto, verso il paradiso.
Dov'è particolarmente attivo il diavolo oggi? Attraverso chi o che cosa si manifesta principalmente?
Principalmente attraverso le persone di carattere debole, divise in se stesse, sulle quali il diavolo può agire più facilmente. Tuttavia può entrare anche nella vita di credenti convinti: suore, per esempio. Preferisce "convertire" autentici credenti, piuttosto che non credenti. La sua vittoria è maggiore se conquista anime che avevano già scelto Dio.
L'esperienza di Satana a Medjugorje
Gesù sanguinante
Don Vito Raimondi, di Palo del Colle (Bari), sul fatto del 23/9/1988: Prima di arrivare sopra il monte, fui avvertito che stava succedendo qualcosa al quadro di Gesù Misericordioso. Io e quelli del mio gruppo affrettammo il passo e ci trovammo di fronte al volto di Gesù sanguinante e sfigurato ed ai padovani prostrati in preghiera davanti a Lui. Potete immaginare il mio profondo turbamento, la mia commozione! Rimasi assorto qualche tempo... e poi dal profondo del mio cuore, rivolsi al Signore questa preghiera... queste domande:
"Gesù mio, perché soffri così atrocemente? Chi è la causa di tanto Tuo dolore.
E come risposta guardandomi attorno, vidi una povera donna che si dimenava, tormentata dal demonio; seppi poi che era vittima di un maleficio. Dalle parole di questo sacerdote, capii - disse Giovanni Bellini - che è Satana l'autore del dolore e delle sofferenze, tanto di Gesù quanto di quelle di quella povera donna! Questo supremo nemico di Dio e dell'uomo, come ha tormentato e fatto morire in croce il Signore, così ora tormenta il Suo Corpo Mistico... in tutto il mondo, in tutta l'umanità, facendo leva, oggi come allora, sul peccato dell'uomo.
Sì, è il nostro peccato che conferisce a Satana la sua forza come ispiratore e regista di tutto il male che c'è nel mondo.
Dobbiamo persuaderci che anche quando noi malediciamo il prossimo, o semplicemente imprechiamo contro il fratello e persino quando non siamo disposti a perdonargli, conferiamo a Satana una forza mistica reale per fare il male; in pratica ci mettiamo dalla sua parte.
Davanti ai nostri occhi ne avevamo una dimostrazione, una delle sue tante manifestazioni, in questa povera donna.
Venduta l'anima
Josko Perkovic (originario di Sinj) è convinto che a Medjugorje si concluderà la grande battaglia tra Maria e Satana. Nel 1989 raccontò a suor Margherita Makarovic che un ragazzo da parecchio tempo se ne stava a Medjugorje senza mai mettere piede in chiesa.
Ogni volta che ci provava, ai primi scalini, veniva preso da convulsioni e da vomito. Non poteva entrare in chiesa; c'era qualcosa o qualcuno che glielo impediva.
Poi ebbe la forza di raccontare ad un padre francescano che due anni prima, a Parigi, aveva venduto la sua anima a Satana suggellando il patto con il sangue...
Jelena Vasilj: esperienze profetiche con il demonio
I primi messaggi che Jelena ricevette sul maligno gettano, dinanzi a recenti verifiche, una luce nuova e importantissima sul carisma di questa giovane veggente, che pur non facendo parte del gruppo dei sei ragazzi di Medjugorje che hanno le apparizioni tridimensionali, rivela di essere profondamente radicata nella missione salvifica affidata dalla Madonna, ad un manipolo di giovani, a Medjugorje per il mondo intero.
Ecco i primi due messaggi che riguardano l'azione di Satana contro la Chiesa nella loro dimensione profetica, suffragati da inconfutabili prove!
Prega, prega, prega! Non scoraggiarti, (è rivolto al Santo Padre) ma sii sereno, perché Dio ti offre la grazia di sconfiggere il Satana. (1)
Questo messaggio e quello seguente, alla luce delle sorprendenti notizie uscite sulla stampa nazionale e internazionale nel luglio 1993, acquisisce il sapore dell'alta credibilità. Infatti, in quell'anno il Papa (Giovanni Paolo II) liberò in Vaticano una giovane indemoniata. Ecco cosa lasciò scritto nel suo diario l'arcivescovo Jacques Martin:
(1) Mess. del 16/9/1983.
4 aprile 1982: "Qualche giorno fa - il 27 marzo - il vescovo di Spoleto monsignore Alberti, era in udienza con il Papa e un'indemoniata, la signora Francesca Fabrizi che si rotolava per terra urlando - noi da fuori sentivamo le grida.
Il Papa ha pregato pronunciando invano degli esorcismi. Ma quando si è rivolto alla donna dicendole: "Domani dirò una Messa per te" la donna si è ripresa, è diventata normale e si è scusata con il Papa. Sua Santità è rimasto molto impressionato e ha commentato: "È la prima volta che vedo un caso simile, una vera scena biblica!".
Un altro testimone, che confermò l'accaduto, fu padre Baldino, parroco della chiesa di Santa Assunta di Cesi.
L'indemoniata all'epoca aveva 22 anni: "Era un caso disperato
- ricorda il religioso - e difficilissimo. Quando subì l'esorcismo del Pontefice si placò.
-
- Oggi Francesca è felice. Si è sposata, non vive più a Cesi. Ha due bellissimi bambini". Intervistato sull'argomento, padre Amorth ha riferito (Corsera del 20/7/1993) quanto segue: "Sapevo degli esorcismi dei Papa dell'84 e ho saputo di altri esorcismi fatti dal Papa in seguito. Anche ultimamente".
Nel corso di un'intervista S.E. rnons. Frane Franic, Arcivescovo emerito di Spaiato, ebbe a dire: Gesù dice: "Andate! Predicate il Vangelo. I segni saranno dati a colui che crederà: il dono di guarire, di esorcizzare" (cf. Mt 16).
Dio (riferendosi al Santo Padre) gli ha concesso di sconfiggere Satana" (1). Il 13 maggio la Madonna ai veggenti aveva detto: I suoi nemici (riferendosi all'attentato di piazza San Pietro dell'anno precedente e di quello di Fatima nello stesso giorno!) - volevano ucciderlo, ma io l' ho protetto.
(1) Mess. del 16/9/1982. (Il messaggio di Fatima e la conversione della Russia, ed. Segno).
Le persone che decidono di appartenere totalmente a Dio, sono tentate dal demonio: voi sentite una voce dirvi che le preghiere sono troppe, che sono troppi i digiuni, che voi potete essere normali come tutti gli altri. Vi dico subito di non seguire questa voce, ma di seguire la mia voce. Dopo, quando sarete forti nella fede, Satana non potrà farvi più nulla. (1)
Vi svelo un segreto spirituale:
(3) se volete essere più forti del male, fatevi una coscienza attiva, cioè pregate abbastanza di mattina, leggete un brano del vangelo e piantate la Parola divina nei vostri cuori; poi fatela rivivere durante la giornata, in modo particolare nelle prove.
(4)
(5) Così sarete sempre più forti. (3)
Il lavoro di Satana
Il 23 luglio 1984 la piccola Jelena Vasilj subì una peculiare prova interiore. Quella sera, verso le 20 e 30, era presente anche lo psicologo-psichiatra della Commissione. Mentre Jelena iniziava a recitare il Pater si sentì bloccata interiormente.
Non si mosse più. Non parlò più. Lo psichiatra la chiamò ma non rispose.
(1) Mess. del 1984 al gruppo di Jelena Vasilj. Altra versione dello stesso messaggio:
Quando uno cerca di seguire Dio senza riserve, Satana tenta di distoglierlo da ciò che ha iniziato.
Questo é un tempo di prova. Satana vi dirà: stai facendo troppo. Perché non essere semplicemente come gli altri cristiani? Non "c'é alcuna necessità di pregare e digiunare. Perciò dovete perseverare nella vostra preghiera e nel vostro digiuno.
Satana non può fare nulla a coloro che si sono abbandonati interamente a Dio
(2) Altra versione: Vi do un segreto spirituale per essere protetti dal peccato ed essere sempre con Dio. Fatevi una coscienza attiva. Di mattina pregate e leggete un brano del Vangelo. Fate in modo che metta radici nella vostra mente e nel vostro cuore e portatelo tutta la giornata dentro di voi. Nei momenti di prova richiatnatelo di nuovo e pregate Dio perché rafforzi quella parola dentro di voi: così sarete più forti del male.
(3) Mess. del 19/4/1984, Giovedì Santo.
Dopo circa un minuto sembrò riprendersi e recitò il Pater. Poi fece un grande sospiro, si sedette e spiegò "Durante il Pater (che stavo recitando) ho sentito una brutta voce che mi diceva: "Smettila di pregare. Mi sono sentita svuotata. Non riuscivo nemmeno più a ricordare le parole del Pater, e un grido è salito dal mio cuore: "Madre mia, aiutatemi!".
Allora ho potuto andare avanti".
Qualche giorno dopo, la sera del 2 agosto (il primo dei tre giorni di digiuno in preparazione alla festa di compleanno della Vergine), Maria le disse, interiormente: "Sono contenta della tua partecipazione alla Messa. Continua come stasera. Grazie per aver resistito alla tentazione di Satana.
Durante un'intervista a Jelena (anno 1985) la ragazza ha riferito: Satana ci tenta anche in gruppo; lui non dorme mai.
È difficile liberarsi da Satana se non si prega, se non si fa quel che Gesù chiede: pregare mattino, mezzogiorno, sentire la Messa col cuore la sera.
Jelena, tu hai visto il demonio?
Cinque volte l' ho visto. Quando vedo il demonio non ho paura, ma è una cosa che mi fa male: si vede proprio che non è amico. Una volta, guardando una statua della Maria Bambina, ha detto che non voleva che noi la benedicessimo (il giorno dopo era il 5 agosto, compleanno della Vergine); è molto furbo, a volte piange.
tra la chiamò ma non rispose. Dopo circa un minuto sembrò riprendersi e recitò il Pater Poi fece un grande sospiro, si sedette e spiegò:
"Durante il Pater (che stavo recitando) ho sentito una brutta voce che mi diceva: "Smettila di pregare Mi sono sentita svuotata.
Non riuscivo nemmeno più a ricordare le parole del Pater, e un grido è salito dal mio cuore: "Madre mia, aiutatemi!".
Allora ho potuto andare avanti".
Qualche giorno dopo, la sera del 2 agosto (il primo dei tre giorni di digiuno in preparazione alla festa di compleanno della Vergine), Maria le disse, interiormente: "Sono contenta della tua partecipazione alla Messa. Continua come stasera. Grazie per aver resistito alla tentazione di Satana.
Durante un'intervista a Jelena (anno 1985) la ragazza ha riferito: Satana ci tenta anche in gruppo; lui non dorme mai.
È difficile liberarsi da Satana se non si prega, se non si fa quel che Gesù chiede: pregare mattino, mezzogiorno, sentire la Messa col cuore la sera.
Jelena, tu hai visto il demonio?
Cinque volte l' ho visto.
Quando vedo il demonio non ho paura, ma è una cosa che mi fa male: si vede proprio che non è amico. Una volta, guardando una statua della Maria Bambina, ha detto che non voleva che noi la benedicessimo (il giorno dopo era il 5 agosto, compleanno della Vergine); è molto furbo, a volte piange.
Satana lotta contro la pace, contro l'amore, contro la riconciliazione con tutti i mezzi possibili. Satana è ormai scatenato, furioso, perché la Madonna, tramite Medjugorje in modo speciale, lo ha scoperto, lo ha indicato al mondo intero!
Jelena Vasilj ebbe il 4/8/1985 un'altra significativa visione (mentre i veggenti si preparavano per la giornata del 5 agosto, festa di compleanno della Vergine, secondo quanto Ella stessa ha comunicato a Jelena): Satana è apparso a Jelena piangendo e dicendo: "Di' a Lei - ossia alla Madonna, perché il demonio non pronuncia il nome di Maria e neppure il nome di Gesù - che non benedica il mondo almeno questa sera".
E Satana continuava a piangere. È apparsa subito la Madonna ed ha benedetto il mondo. Satana si è allontanato subito.
La Madonna disse: "Lo conosco bene, è fuggito, ma verrà di nuovo a tentare".
Nella benedizione della Vergine Maria, data quella sera, c'era la garanzia - come disse Jelena - che il giorno dopo, il 5 agosto, Satana non avrebbe potuto tentare la gente.
È nostro compito pregare molto, affinché la benedizione di Dio tramite la Madonna scenda su di noi e allontani Satana.
Jelena Vasilj, l'11/11/1985, intervistata in merito all'argomento demonio da Medjugorje - Torino, ha fornito alcune risposte interessanti, che riportiamo:
Riguardo a Satana la Madonna ha fatto capire che è nel momento più scatenato contro la Chiesa. È così?
Satana può fare se noi lo lasciamo fare, ma tutte le preghiere lo fanno allontanare e disturbano i suoi progetti.
Che diresti ai sacerdoti che non credono a Satana?
Satana esiste davvero. Dio non vuole mai fare il male ai suoi figli, ma Satana lo fa.
Egli volge ogni cosa al male (come Dio volge ogni cosa al bene).
Jelena Vasilj ha spiegato che tra il parlare della Madonna ed il modo di parlare di Satana esiste una differenza sostanziale: la Madonna non dice mai "si deve", e non aspetta nervosamente cosa succederà. Si offre, invita, lascia liberi.
Satana invece, quando propone o cerca qualche cosa, è nervoso, non vuole aspettare, non ha tempo, è impaziente: vuole subito tutto.
Fra Giuseppe Minto un giorno domandò a Jelena Vasilj:
la fede è un dono? Sì, ma bisogna riceverlo pregando - rispose la fanciulla. Quando noi preghiamo, credere non è così difficile, ma quando non si prega, tutti facilmente ci perdiamo in questo mondo.
Bisogna capire che il demonio ci vuole staccare da Dio. Bisogna credere ma anche mettere in pratica la nostra fede, perché anche il demonio crede, bisogna con la nostra vita credere.
Nel corso di un dialogo con Jelena Vasilj è emerso quanto segue:
Che cosa fa più paura al diavolo?
La Messa. In quel momento è presente Dio.
E tu hai paura del diavolo?
No! Il diavolo è furbo, ma anche impotente, se siamo con Dio. Allora è lui che ha paura di noi.
L'1/1/l986 Jelena, ad un gruppo di Modena, ha riferito: La Madonna ha detto tante cose della televisione; la televisione tante volte la mette vicino all'inferno.Ecco una dichiarazione significativa di Jelena:
Il male è tanto, ma al momento della morte Dio concede a tutti, grandi e piccoli, l'attimo per ravvedersi.
Sì, anche ai bambini, perché loro pure fanno del male, sono a volte cattivi, invidiosi, disobbedienti, e per questo bisogna insegnare loro a pregare.
Ai primi di giugno 1986 erano presenti a Medjugorje alcuni "esperti" di parapsicologia, che si dicevano "chiamati là da un'entità benefica". Jelena ha detto: "I medium agiscono per influsso negativo.
Prima di prenderseli all'inferno, Satana li lascia muovere e vagare ai suoi ordini, poi se li riprende e chiude la porta dell'inferno"
Il 22 giugno 1986 la Madonna ha dettato a Jelena una bellissima preghiera, che tra l'altro dice:
O Dio, il nostro cuore è nel buio profondo; ciò nonostante è legato al tuo cuore.
Il nostro cuore si dibatte tra Te e Satana: non permettere che sia così.
E tutte le volte che il cuore è diviso tra il bene e il male, venga illuminato dalla tua luce e si unifichi.
Non permettere mai che dentro di noi vi possano essere due amori, che mai possano coesistere due fedi e che mai possano coabitare in noi la bugia e la sincerità, l'amare e l'odio, l'onestà e la disonestà, l'umiltà e la superbia.
L'1/1/l986 Jelena, ad un gruppo di Modena, ha riferito: La Madonna ha detto tante cose della televisione; la televisione tante volte la mette vicino all'inferno.
Ecco una dichiarazione significativa di Jelena:
Il male è tanto, ma al momento della morte Dio concede a tutti, grandi e piccoli, l'attimo per ravvedersi. Sì, anche ai bambini, perché loro pure fanno del male, sono a volte cattivi, invidiosi, disobbedienti, e per questo bisogna insegnare loro a pregare.
Ai primi di giugno 1986 erano presenti a Medjugorje alcuni "esperti" di parapsicologia, che si dicevano "chiamati là da un'entità benefica". Jelena ha detto: "I medium agiscono per influsso negativo. Prima di prenderseli all'inferno, Satana li lascia muovere e vagare ai suoi ordini, poi se li riprende e chiude la porta dell'inferno"
Il 22 giugno 1986 la Madonna ha dettato a Jelena una bellissima preghiera, che tra l'altro dice:
O Dio, il nostro cuore è nel buio profondo; ciò nonostante è legato al tuo cuore.
Il nostro cuore si dibatte tra Te e Satana: non permettere che sia così. E tutte le volte che il cuore è diviso tra il bene e il male, venga illuminato dalla tua luce e si unifichi.
Non permettere mai che dentro di noi vi possano essere due amori, che mai possano coesistere due fedi e che mai possano coabitare in noi la bugia e la sincerità, l'amare e l'odio, l'onestà e la disonestà, l'umiltà e la superbia.
Il segno più importante a Medjugorje è la PRESENZA della Madonna; ma dove appare la Madre di Dio si manifesta il contro-segno, ossia la manifestazione preternaturale di Satana.
La grande battaglia tra la Regina ed il principe del mondo è il preludio al compiersi di segreti escatologici accompagnati da segni tangibili e a tutti visibili... Ma ricordiamoci sempre che "Satana è forte ..."
"È il più grande pericolo per la Chiesa"
(parole di Maria Regina della Pace a Medjugorje ripetute più volte)

http://monarchiabancaria.blogspot.com/
Dio si nasconde, perché gode di essere trovato:
http://fedele.altervista.org/
sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri




http://yeshua-ha-mashiach-notzri.blogspot.com/


http://pensiero-e-azione.blogspot.com/

http://ilcomandamento.blogspot.com/

http://it.youtube.com/lorenzojhwh

http://simec-aurito.blogspot.com/

http://fedele.altervista.org

http://jhwhinri.blogspot.com

http://immagini-parlanti.blogspot.com


































tutto è per Lui o contro di Lui = " A e W "

Tu da che parte stai?

Cosa di te sarà evidente quando il Signore tornerà?

Infatti, Lui, riguardo a te, sta per tornare molto prima di quello che puoi pensare!
Lorenzo Scarola rappresentante di JHWH è disponibile per costruire il terzo tempio ebraico.
Lorenzo Scarola è il creatore della prima moneta internazionale l'AURO o AURITO di proprietà del portatore

Lorenzo Scarola ordina in maniera immediata, nel nome di Gesù Cristo, tutto il bene e tutto il male, secondo quello che ognuno avrà meritato: "Questo darà ancora, per l''ultima volta, spazio a una SPERANZA politica, prima che il SIGNORE ritorni".

sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri

======================
==========
Lorenzo Scarola rappresentante di JHWH è disponibile per costruire il terzo Tempio Ebraico sul Monte degli Ulivi come è già stato annunciato dai profeti.
Questo Tempio aprirà il più bel periodo di pace, prosperità e "risveglio" che il genere umano abbia mai conosciuto, insomma si tratta dell'ultima fase del genere umano dedicata allo Spirito Santo.

Lorenzo Scarola dedica questo lavoro al suo Dio Spirito Santo.

  • 1- saluto Nicolò Bellia e all'antropocrazia.

  • 2- saluto tutti gli uomini di "buona volontà"

  • 3- saluto tutti i servitori di Dio

  • 4- saluto tutti i figli di Dio

lorenzo.scarola@istruzione.it

http://www.youtube.com/user/
humanumgenus

http://www.youtube.com/user/
lorenzojhwh


"Insomma, Dio per tutta l'Eternità non vuole essere lodato e ringraziato per poco, ma per molto, molto e moltissimo!
Non neghiamogli questa felicità, diamogli la possibilità di poter operare prodigi in noi." by lorenzo scarola
Gloria a Dio per sempre!
A te, caro fratello mio, pace
da Lorenzo Scarola,
ore serali 3205708054
lorenzo.scarola@istruzione.it

http://deiverbumdei.blogspot.com

http://www.youtube.com/lorenzojhwh

http://www.youtube.com/humanumgenus



lorenzo scarola, Giacinto Auriti, Gesù di Betlemme e il futuro del genere umano
http://ilmegliodelbene.blogspot.com
http://fedele.altervista.org

lorenzo.scarola@istruzione.it

il vero volto dell'istituzione
Il signoraggio bancario è il nostro
più alto simbolo istituzionale OCCULTATO disonestamente e criminosamente al popolo, questo è il VERO motivo di tutti i MALI che affliggono la nostra falsa democrazia venduta dai massoni ai banchieri ebrei dal suo sorgere.
Questo è il più grave Delitto di LESA Maestà e violazione criminale dei principi Costituzionali di base.
Per questo, adesso si cerca di manipolare anche la Costituzione unico nostro baluardo al diritto già criminalizzato.





Nota: REVISIONISMO STORICO

Il problema dei nostri giorni non è quello della complessità e che bisogna studiare molto e moltissimo per poter capire qualcosa.
Ma che bisogna saper cercare nella contro-informazione quelle fonti "genuine" che non ci facciano cadere nella "fosso" del depistaggio.
Una schiera sterminata di "mangia pagnotte S.p.A.", ovvero di: funzionari, massoni, politici e di docenti universitari collaborazionisti del signoraggio bancario, ora hanno reso davvero difficile, non solo la comprensione reale della storia nei suoi avvenimenti, ma anche e soprattutto, rendono incomprensibile la stessa realtà che ci circonda.


Allora, veniamo al dunque: "sei disposto a dare la vita come me, oppure preferisce dare un contributo?"