martiri: Chiesa PERSEGUITATA

Notiziario ICA N°7–8 /2004

Missione per la Chiesa PERSEGUITATA

In centinaia di case iraniane i musulmani convertiti a Cristo

si incontrano segretamente.

La battaglia cruciale

Coloro che si convertono al cristianesimo in Iran spesso subiscono torture, prigione e anche la morte. Ma il numero dei credenti in Gesù Cristo cresce nonostante le tribolazioni.

Nonostante la costituzione dichiari di garantire la libertà religiosa, i cristiani in Iran affrontano una diffusa discriminazione. Coloro che dichiarano apertamente la loro fede in Cristo vengono sistematicamente esclusi da qualsiasi posto di lavoro significativo. Di conseguenza molti credenti, a causa del loro stato di povertà, necessitano di alloggi e cure mediche, e le chiese faticano non poco a mantenere i propri pastori.

Eppure i credenti in Iran considerano questa sofferenza un privilegio.

"E' un onore subire la persecuzione a causa del Vangelo" dice il pastore iraniano Mehdi (è un nome di fantasia). "La persecuzione è stata di aiuto nel rafforzare la nostra fede e la nostra crescita spirituale".

I governanti iraniani, per la maggior parte religiosi islamici, si attendono che i capi di chiesa semplicemente si inginocchino di fronte ai propri voleri.

Durante gli anni novanta – un periodo di persecuzione particolarmente intensa - al vescovo Haik-Hovsepian-Mehr, a capo di una chiesa pentecostale in Iran, fu data una serie di ordini riguardo all'esercizio dell'attività religiosa: nessun

culto poteva essere svolto in persiano (la lingua madre dell'Iran); tutti i mèmbri di chiesa dovevano portare particolari documenti di identità; i culti erano permessi solo la domenica e solo ai membri della chiesa;

Infine nessun altro membro doveva essere ammesso senza l'autorizzazione del Ministero per l'Informazione e la Guida Islamica.

Secondo il gruppo britannico per la difesa dei diritti umani Jubilee Campaign, Hovsepian-Mehr rispose che:

"ne lui ne i suoi ministri si sarebbero piegati e avrebbero accettato simili misure ingiuste e inumane".

Aggiunse:

"Le nostre chiese sono aperte a tutti coloro che desiderano entrare. Se moriremo o andremo in prigione a causa della nostra fede, desideriamo che tutto il mondo lo sappia... io sono pronto a ogni evenienza".

Poco dopo aver affermato la propria fede con tanta fermezza, Hovsepian-Mehr fu assassinato.

Il prezzo più alto

Altri leader di chiesa iraniani hanno, come Hovsepian-Mehr, pagato il prezzo più alto. Il pastore Mohammad Bagher Yusefi – un trentacinquenne evangelista pentecostale che si era convertito dall'Islam - uscì di casa una mattina presto per recarsi a pregare. Più tardi quel giorno sua moglie e i suoi due bambini vennero informati che il suo corpo era stato trovato appeso a un albero.

Sentendo storie come queste, molti cristiani nel mondo occidentale si sentirebbero di scusare i propri fratelli e le proprie sorelle in Iran qualora non volessero dichiarare pubblicamente la propria fede. Ma i cristiani iraniani usano il Libro degli Atti come guida per l'evangelizzazione.

Sono pronti, se necessario, a seguire le orme di Stefano, fino al martirio; o Paolo, che sopportò parecchie flagellazioni e battiture; e altri credenti del primo secolo

che furono perseguitati per Cristo. Hanno preso a cuore il motto di Tertulliano, uno dei primi scrittori della chiesa: "II sangue dei martitri è il seme della chiesa".

Oriente chiama Occidente

La cristianità in Occidente sembra essere molto lontana da queste storie di sofferenza e sacrificio. In ogni caso, il pastore Mehdi insiste che tutti i cristiani siano strettamente collegati alla chiesa perseguitata. "Non pensiate che vivere in Occidente vi possa dare sicurezza totale, pace e tranquillità. Pensate invece ai vostri fratelli e sorelle nella fede che sono sotto la persecuzione e nelle prove.

Il Vangelo - nato in Oriente – vi ha raggiunto. Ora il peso dell'intercessione è stato posto su di voi.

In questi ultimi giorni è vostra responsabilità di aiutare e supportare i credenti che soffrono".

In America sono molte le chiese che hanno la stessa visione del pastore Mehdi. Durante una recente visita in Iran, il responsabile di una organizzazione missionaria che collabora strettamente con le chiese iraniane ha incontrato una congregazione evangelica carismatica. "Hanno serrato le finestre e bloccato la porta" ricorda.

"E' stata un'esperienza potente che mi ha ricordato che noi - la chiesa in America - abbiamo un mandato da Dio di sostenere i nostri fratelli e sorelle in mezzo alle loro tribolazioni.

IRAN

Governo musulmano sciita che intende distruggere ogni altra fede.

Popolazione:

67.702.199 (2000).

Religioni:

Musulmani 99,02%; Baha'i 0,52%; Cristiani 0,33%; altro 0,10%; Ebrei 0,03%.

Forma di governo:

repubblica teocratica: nonostante qualche accenno di democrazia, nel complesso il potere rimane saldamente in mano ai religiosi che mantengono il paese come uno stato di polizia.

Persecuzione:

l'Islam sciita è la religione di stato e tutte le altre deviazioni religiose sono trattate severamente. Il governo manda spie per monitorare i gruppi cristiani, e i non musulmani sono socialmente ed economicamente discriminati.

La chiesa:

oggi gli iraniani sono aperti al Vangelo più che mai, e un crescente numero di persone si converte a Cristo.

La porta del Medio Oriente

Guardando all'influenza politica e culturale dell'Iran nel Medio Oriente e nell'area asiatica, gli strateghi delle missioni credono che la chiesa in Iran potrebbe essere la chiave per una straordinaria apertura al- Vangelo di tutte le nazioni musulmane confinanti, come Afganistan, Pakistan, Iraq e Turchia. Il pastore Mehdi crede che l'Iran abbia un "ruolo centrale nella costruzione del Regno di Dio in Medio Oriente.

In questa ottica non è sorprendente che la chiesa oggi incontri un'opposizione così forte in questo fondamentale "campo di battaglia", nel quale le forze spirituali si sono battute fin dai tempi dell'Antico Testamento. Daniele 10:13 riporta che l'arcangelo Michele combattè contro "II capo del regno di Persia" - che alcuni ritengono essere un

demone che esercita la propria influenza sul regno persiano.

Mentre questa battaglia secolare sta per raggiungere il suo apice, gli indomabili credenti iraniani dicono di stare aspettando la nuova era descritta in Geremia 49:39 quando la loro coraggiosa fede nella tribolazione verrà ricompensata: "Ma negli ultimi giorni avverrà che io ricondurrò Elam (Iran) dall'esìlio, dice il Signore".

"La chiesa iraniana si avvicina a giorni felici - giorni di benedizioni e di favore da parte di Dio" dice il pastore Mehdi. "Dio ha preso l'Iran nelle sue proprie mani".

Tratto da un artìcolo diJulian Lukins, Charisma, giugno 2004

Nepal

La vita del missionario nepalese Besh, appartennente all'associazione Gospel for Asia (II Vangelo per l'Asia)è in gravissimo pericolo dopo il suo rapimento perpetrato dai ribelli Maoisti del Nepal. Secondo il presidente di Gospel for Asia, da quando è cominciata l'insurrezione dei maoisti nel 1996 oltre 200 persone - stu-denti, insegnanti, capi villaggio e gente comune, sono stati rapiti e uccisi senza pietà dagli insorti.

Nepal

Nei primi anni novanta il Nepal è stato trasformato da monarchia Hindu a stato democratico. La costituzione del 1990 garantisce teoricamente la libertà religiosa.

Popolazione: 23.430.490 (2000).

Religioni: Hindu 74,82%; Buddisti 16,00%; Musulmani 5,00%; Cristiani 1,89%; Altre religioni 1,70%; Non religioso/altro 0,50%; Sikh 0,06%; Baha'i 0,03%.

Forma di governo:

democrazia parlamentare e monarchia costituzionale. L'assassinio della maggior parte della famiglia reale nel 2001 ha gravemente destabilizzato la nazione.

Persecuzione:

il proselitismo è vietato. Negli ultimi tre anni l'estremismo Hindu è cresciuto grazie anche a gruppi provenienti dall'India, che incitano all'odio soprattutto contro i cristiani.

La chiesa:

La Chiesa in Nepal è cresciuta da 200.000 membri nel 1990 a circa 400.000 nel 2000. Le missioni hanno contribuito al miglioramento nelle condizioni di vita.

Iraq

Questa è la terra dove gli Ebrei furono portati in cattività e dove il profeta Daniele servì i rè di Babilonia. Dal 1979 al 2003 ha governato con pugno di ferro il dittatore Saddam Hussein.

Popolazione; 23.114.884 (2000).

Religioni:

Musulmani 96,85%; Cristiani 1,55%; Altro 1,10%; Non religiosi 0,03%.

Forma di governo:

governo provvisorio di 25 mèmbri. Dopo la recente firma della nuova Costituzione, sono previste elezioni democratiche nel 2005.

Persecuzione: Dopo la caduta di Saddam Hussein i cristiani possono professare più liberamente la propria fede, ma gli estremisti islamici che si ribellano al governo provvisorio hanno cominciato recentemente ad bombardare chiese e luoghi cristiani.

La chiesa; Ci sono circa 70 congregazioni evangeliche in Iraq, ma le nuove conversioni stanno solo rimpiazzando coloro che emigrano.

Turchia

Nove mesi dopo essere stato selvaggiamente picchiato e mandato in coma da ultra-nazionalisti che si opponevano alla sua conversione a Cristo, il trentunenne Yakup Cindilli ha avuto i primi contatti con i propri amici credenti. Gli amici hanno notato che Cindilli parlava razionalmente anche se non sempre riusciva a pronunciare le parole correttamente, e non aveva recuperato il pieno uso del braccio destro. Gli amici hanno riportato che la sua fede è rimasta salda anche dopo le percosse ricevute.

Turchia

Come Impero Ottomano è stata per secoli a guardia dei luoghi sacri dell'Isiam. Nel ven-

tesimo secolo il numero dei cristiani è calato fortemente, mantre l'influenza dell'Isiam è cresciuta.

Popolazione; 66.590.940 (2000).

Religioni: Musulmani 99,64%: Cristiani 0,32%; Ebrei 0,04%. Forma di governo; repubblica democratica parlamentare: dalle riforme degli anni ' 20 la Turchia è ufficialmente uno stato

secolare.

Persecuzione:

Le garanzie costituzionali di libertà religiosa spesso non sono rispettate. Molti politici, la polizia e gli estremisti islamici mostrano insofferenza per le minoranze religiose e i

cristiani in particolare.

La chiesa:

Il numero dei cristiani, dopo persecuzioni e massacri all'inizio del secolo, è calato dal 22% della popolazione allo 0,32%. Ben pochi turchi di oggi hanno sentito parlare del Vangelo.

Assassinata sul pulpito

La ventiseienne pastore Susianty Tinuele, della Chiesa Cristiana Presbiteriana di Sulawesi Centrale nella città di Palu stava predicando dal pulpito lo scorso 18 luglio nel culto delle 18.00, quando un gruppo di aggressori ha investito lei e il gruppo di adorazione con una raffica di proiettili. Susianty è morta sul colpo dopo essere stata colpita alla testa. Altri quattro credenti sono stati feriti gravemente e ricoverati con ferite da arma da fuoco. Il presidente indonesiano Megawati Sukamoputri si è incontrato a Giacarta con i principali leader cristiani e ha inviato a Palu il capo della Polizia Nazionale, Dai Bachtiar, per coordinare personalmente le indagini su questo assassinio. Una delle altre quattro vittime è Desrianti Tengkede, una studentessa di 17 anni (nella foto). A causa della gravita delle ferite riportate e le sue condizioni critiche in ospedale si credeva che fosse morta, invece è miracolosamente sopravvissuta all'attacco e la sua famiglia ha ricevuto aiuti finanziari dallo Stato per ricevere trattamenti medici

urgenti a Surabaya. Rimane comunque in condizioni critiche a causa della ferita all'occhio sinistro.

Nigeria

Si stima che le lotte religiose nello stato del Plateau (Nigeria Centrale) abbiano causato oltre 10.000 vittime e danni per milioni di dollari. Oltre 300 chiese sono state distrutte, 250.000 persone sono state forzate a lasciare le loro case e 1,25 milioni di dollari sono stati spesi per il loro soccorso. Nel frattempo nello stato di Kebbi la polizia ha arrestato un leader religioso radicale musulmano e il governatore dello stato si è scusato con i cristiani per le violenze avvenute in precedenza.

Camerun

Gruppi di musulmani radicali hanno recentemente fatto il loro ingresso nelle province settentrionali del Camerun, cercando di incitare i musulmani locali contro i cristiani. Secondo la Inter Press Service la capitale della provincia settentrionale, Garoua, è stata "letteralmente inondata di volantini che incitavano i musulmani all'odio verso i cristiani". Molte famiglie cristiane sono state soggette a violenze fìsiche. I locali capi musulmani si sono detti preoccupati per la comparsa di "agitatori stranieri" contro i cristiani.

Iraq

Il 9 agosto scorso il complesso Cristiano Siriano di Baghdad è stato attaccato a colpi di mortaio. Il complesso comprende una clinica, un centro di aggregazione femminile e un centro informatico. Non si sono verificate vittime, ma cresce la preoccuopazione e la tensione tra i cristiani iracheni. Dopo gli attacchi del primo agosto, migliaia di cristiani stanno fuggendo in Giordania e Siria.

Eritrea

La polizia ha fatto irruzione I durante una cerimonia di matrimonio a Senafe interrompendola bruscamente e arrestando 30 invitati, cristiani

evangelici. Gli arrestati sono stati condotti a una stazione di polizia e, tranne due, sono stati

| rilasciati dopo aver firmato un documento in cui promettono

| di non partecipare mai più a matrimoni cristiani evangelici. I due fermati sono accusati di i aver violato la messa al bando delle attività evangeliche in Eri|trea. Ad oggi più di 400 cristiani evangelici sono in prigione in quel paese.

CINA: Centinaia in prigione

Lo scorso 12 luglio oltre 100 cristiani sono stati arrestati dalla polizia cinese nella Regione Autonoma dello Xinjiang. La maggior parte è stata rilasciata un mese dopo a seguito delle dure proteste provenienti da tutto il mondo. Cinque persone sono ancora detenute e rischiano di subire dure condanne al carcere.

Nella provincia di Anhui è stato condotto m prigione Luo Bing Yin, uno dei maggiori leader della chiesa non ufficiale. Il gruppo di chiese domestiche che fa riferimento a lui, lo Ying Shang, conta circa cinque milioni di mèmbri. A seguito di accuse che non sono state rese note, Luo è stato trasferito senza alcun processo nella prigione di Funan.

Infine, nella provincia dello Henan proseguono gli arresti di cristiani dopo l'incarcerazione di oltre 100 credenti il 6 agosto scorso. La legge cinese permette l'incarcerazione

fino a tré anni senza che siano emesse contro gli arrestati accuse formali ne tantomeno sia eseguito un regolare processo.

TERRIBILE è il trattamento riservato dalla polizia cinese ai cristiani tratti in arresto

LA MISSIONE PER LA CHIESA PERSEGUITATA

è un'opera interconfessionale associata alla International Christian Association (ICA), fondata dal Pastore Richard Wurmbrand e rappresentata mondialmente.

LA MISSIONE PER LA CHIESA PERSEGUITATA

svolge un'attività con scopi unicamente umanitari, religiosi e di beneficienza e si prefigge di raggiungere principalmente il seguente programma:

1) Aiuti materiali umanitari ai cristiani di tutte le denominazioni perseguitati per la loro fede nei paesi privi di libertà.

2) Distribuzione di Bibbie, Vangeli e altra letteratura cristiana, trasmissioni radio e televisive nei Paesi comunisti, ex comunisti e musulmani nelle loro rispettive lingue.

3) Diffusione della Bibbia e altra letteratura cristiana ai comunisti e ai musulmani del mondo libero.

4) Informazione e sensibilizzazione dell'opinione pubblica in occidente mediante:

distribuzione di libri, stampati, cassette, video; conferenze; servizio stampa.

Per informazione e collaborazione scrivere a:

MISSIONE PER LA CHIESA PERSEGUITATA

ITALIA: Casella Postale - 21030 MARCHIROLO /VA

Tei. (0332) 723.007 - Fax (0332) 723.264 - E-mail info@eun.ch

SVIZZERA: Via Cantonale 42 - 6982 LUGANO-AGNO

Tei. (091)604.59.84- E-mailinfo@eun.ch



http://monarchiabancaria.blogspot.com/
Dio si nasconde, perché gode di essere trovato:
http://fedele.altervista.org/
sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri




http://yeshua-ha-mashiach-notzri.blogspot.com/


http://pensiero-e-azione.blogspot.com/

http://ilcomandamento.blogspot.com/

http://it.youtube.com/lorenzojhwh

http://simec-aurito.blogspot.com/

http://fedele.altervista.org

http://jhwhinri.blogspot.com

http://immagini-parlanti.blogspot.com



Website Countercontatori di:
lorenzo.scarola@istruzione.it



tutto è per Lui o contro di Lui = " A e W "

Tu da che parte stai?

Cosa di te sarà evidente quando il Signore tornerà?

Infatti, Lui, riguardo a te, sta per tornare molto prima di quello che puoi pensare!




=====================
==========
Lorenzo Scarola approfitta della presente per salutare TUTTI simpaticamente: "Pace e Gioia!"!
Lorenzo Scarola è il creatore della prima moneta internazionale l'AURO o AURITO di proprietà del portatore

Lorenzo Scarola ordina con effetto immediato, nel nome e per il sangue di Gesù Cristo, tutto il bene e tutto il male, secondo quello che ognuno avrà meritato:
"Questo darà ancora, per l'ultima volta, spazio a una SPERANZA politica, prima che il SIGNORE ritorni".

sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri


Website Counter
contatori di:jhwhinri@gmail.com




Lorenzo Scarola rappresentante di JHWH è disponibile per costruire il terzo Tempio Ebraico sul Monte degli Ulivi come è già stato annunciato dai profeti.
Questo Tempio aprirà il più bel periodo di pace, prosperità e "risveglio" che il genere umano abbia mai conosciuto, insomma si tratta dell'ultima fase del genere umano dedicata allo Spirito Santo.

Lorenzo Scarola dedica questo lavoro al suo Dio Spirito Santo.

  • 1- saluto Nicolò Bellia e all'antropocrazia.

  • 2- saluto tutti gli uomini di "buona volontà"

  • 3- saluto tutti i servitori di Dio

  • 4- saluto tutti i figli di Dio

lorenzo.scarola@istruzione.it

http://www.youtube.com/user/
humanumgenus

http://www.youtube.com/user/
lorenzojhwh


"Insomma, Dio per tutta l'Eternità non vuole essere lodato e ringraziato per poco, ma per molto, molto e moltissimo!
Non neghiamogli questa felicità, diamogli la possibilità di poter operare prodigi in noi."
by lorenzo scarola
Gloria a Dio per sempre!
A te, caro fratello mio, pace
da Lorenzo Scarola,
ore serali 3205708054
lorenzo.scarola@istruzione.it

http://deiverbumdei.blogspot.com

http://www.youtube.com/lorenzojhwh

http://www.youtube.com/humanumgenus



lorenzo scarola, Giacinto Auriti, Gesù di Betlemme e il futuro del genere umano
http://ilmegliodelbene.blogspot.com
http://fedele.altervista.org

lorenzo.scarola@istruzione.it

il vero volto dell'istituzione

Il signoraggio bancario è il nostro

più alto simbolo istituzionale OCCULTATO disonestamente e criminosamente al popolo, questo è il VERO motivo di tutti i MALI che affliggono la nostra falsa democrazia venduta dai massoni ai banchieri ebrei dal suo sorgere.

Pertanto, tutto il Pianeta è fondato sull'immoralità ideologica quanto economica.
Poiché gli illuminati perseguono il progetto di un uomo animale asservito totalmente ("il potere corrompe, ma il potere assoluto corrompe totalmente!"), ecco che essi commettono un crimine mai commesso fino ad ora: CRIMINE di ESTINZIONE SPIRITUALE di tutto il genere umano.

Questo è il più grave Delitto di LESA Maestà e violazione criminale dei principi Costituzionali di base.

Per questo, adesso si cerca di manipolare anche la Costituzione unico nostro baluardo al diritto già criminalizzato.






Nota: REVISIONISMO STORICO

Il problema dei nostri giorni non è quello della complessità e che bisogna studiare molto e moltissimo per poter capire qualcosa.
Ma che bisogna saper cercare nella contro-informazione quelle fonti "genuine" che non ci facciano cadere nella "fosso" del depistaggio.
Una schiera sterminata di "mangia pagnotte S.p.A.", ovvero di: funzionari, massoni, politici e di docenti universitari collaborazionisti del signoraggio bancario, ora hanno reso davvero difficile, non solo la comprensione reale della storia nei suoi avvenimenti, ma anche e soprattutto, rendono incomprensibile la stessa realtà che ci circonda.


Allora, veniamo al dunque:
"sei disposto a sacrificare la vita come me, oppure preferisci dare un contributo economico? Oppure, appartieni al popolo dei vigliacchi e preferisci nasconderti e fuggire dalle tue responsabilità? In questo caso degradante e vergognoso, come potrai sfuggire alle mie maledizioni? E comunque ti parlo così perché sei gia nella trappola di
"Questo sistema criminale e parassitario del fondo monetario internazionale di Ali Baba e dei suoi 40 ladroni di Banchieri Ebrei S.p.A., questi non solo non vi concederanno alcuna speranza, ma vi stanno gia portando al disastro totale NUCLEARE! SVEGLIATI BAMBOCCIONE!"

IBAN : IT33E0358901600010570347584,(non detraibili e non deducibili)
Reagite per voi stessi e per i vostri figli!
Quanto a me, io sono solo un contadino, che ha molti figli dal polo Sud al polo Nord e per questo deve MOLTO zappare, MOLTO seminare e Molto faticare per sfamarli tutti, perché a nessuno di loro venga negato il diritto alla VITA!
Per gli "illuminati" e gli USA, la guerra è una necessità così indispensabile che farebbero la guerra pure contro se stessi, e infatti sono capaci di inventarsi dei nemici immaginari come per esempio un certo Bin Laden che non ne sa niente:
http://www.youtube.com/share?p=B5B9B72CBC64AB43
http://www.youtube.com/view_play_list?p=B5B9B72CBC64AB43