martiri: Storia di un massacro

Intervista esclusiva con monsignor Belo, Nobel per la pace 1996

Storia di un massacro

A colloquio con monsignor Carlos Filipe Belo, Premio Nobel per la pace 1996, strenuo difensore delle popolazioni di Timor Est contro le quali si accanisce, con violenze e massacri, l’Indonesia.

di Mario Conte (tratto dal Messaggero Nazionale)

Nel 1989, nel corso della sua visita all’Indonesia, il papa fece tappa nell’isola di Timor. Al suo arrivo all’aeroporto di Dili, capitale di Timor Est, non baciò il suolo come fa di solito, ma una croce appositamente posta su di un tappeto, quasi a significare che quello era un territorio ancora in contestazione.

Ventuno anni fa, infatti, Timor Est venne invaso dall’Indonesia con la tacita approvazione degli Stati Uniti, dell’Australia, della Gran Bretagna e di altri paesi occidentali, che temevano la presa del potere dei comunisti in quella parte dell’isola da poco diventata indipendente dal Portogallo, e che certamente costituisce un punto strategico nell’Oceano Pacifico.

Per molti anni il mondo si è completamente disinteressato del destino di questo popolo, che nel frattempo viveva una immane tragedia. In poco più di vent’anni oltre 200 mila persone (un quarto della popolazione) hanno perso la vita non solo in combattimento, ma anche vittime di un sistematico sterminio di interi villaggi e attraverso l’occasionale uccisione soprattutto di donne e bambini da parte dei soldati indonesiani, ben felici di giocare al tiro a bersaglio. È ben documentato l’uso di inermi timoresi come scudo umano contro l’avanzata dei guerriglieri, così pure la loro uccisione gettandoli dagli aerei in volo; oppure la loro deportazione nei cosiddetti «villaggi di risistemazione» (eufemismo per «campi di concentramento») dove parecchie migliaia di persone hanno perso la vita.

Certamente il più grave incidente, dall’occupazione indonesiana a oggi, è stato il sanguinoso massacro avvenuto il 12 novembre 1991 a Dili, nel cimitero di Santa Cruz. In quel giorno, alla messa funebre in memoria di un giovane ucciso dalle forze dell’ordine alcune settimane prima, fece seguito una processione verso il cimitero dove la vittima era stata sepolta. Il corte di circa duemila persone avanzava in ordine dimostrando pacificamente contro l’invasore, quando improvvisamente arrivò un contingente di militari che cominciò a far fuoco contro la folla uccidendo, secondo le stime di Amnesty International, almeno 270 persone. All’indomani del massacro i portavoce dell’esercito dichiararono che erano state uccise solo diciannove persone, sostenendo che l’esercito aveva dovuto rispondere al fuoco dei dimostranti per difendersi.

presentato in molte nazioni occidentali il documentario televisivo Nel febbraio 1994 venne Death of a Nation girate durante il massacro. Per la prima volta, a un mondo incredulo (Morte di una nazione), con molte immagini e ampiamente disinteressato, veniva fatto vedere quello che veramente stava accadendo in Timor Est. Il documentario non solo dimostrava che nel cimitero di Santa Cruz c’era stato effettivamente un massacro, ma che ne era seguito un altro nell’ospedale nel quale erano stati ricoverati i feriti.

Da allora la tensione si è un po’ allentata, ma la situazione di Timor Est rimane alquanto grave. Strenuo difensore del suo popolo continua a essere il giovane e coraggioso monsignor Carlos Filipe Ximenes Belo, vescovo di Dili. Amministratore apostolico dal 1983 – quando aveva solo trentacinque anni – monsignor Belo è il portavoce dei diritti del suo popolo. Lo scorso ottobre gli è stato conferito il Nobel per la pace. Lo abbiamo intervistato nella sede vescovile di Dili.

L’intervista

Nel dicembre del 1975 le truppe indonesiane hanno invaso il suo paese, con il pretesto di essere state invitate a intervenire dalla fazione nazionalista di Timor Est, che temeva il nascere di un governo comunista. Esisteva davvero questo pericolo?

Si è trattato chiaramente di un pretesto da parte dell’Indonesia. La situazione politico-sociale nel Sudest asiatico in quegli anni era segnata dalla guerra fredda; però non vi era alcun pericolo di un golpe da parte dei comunisti. Ma volendo anche ammettere che ci fosse una qualche lontana possibilità di presa del potere da parte dei comunisti, l’Indonesia non aveva alcun diritto di invadere Timor Est. Del resto, lo stesso Sukarno, l’allora presidente dell’Indonesia, aveva più volte affermato che il suo paese non aveva alcuna pretesa sulla nostra isola.

Dove si trovava, eccellenza, al momento dell’invasione?

Dopo gli anni di filosofia, per ordine dei miei superiori mi trovavo nella enclave di Macao per la pratica pastorale.

Qual è stata la sua prima reazione alla notizia dell’intervento armato indonesiano in Timor Est?

Una tristezza profonda; perché non ho avuto dubbi che con l’invasione indonesiana l’indipendenza di questa parte dell’isola sarebbe stata irrimediabilmente perduta.

L’organizzazione internazionale Amnesty International ha denunciato l’esorbitante numero di 200 mila morti in Timor Est, nel periodo che va dall’intervento armato indonesiano sino ai nostri giorni, a causa della guerra, della fame e della carestia. Se si pensa che la popolazione di Timor Est non ha mai superato gli 800 mila abitanti, si può aver un’idea della grande sofferenza che ha colpito il suo popolo. Come mai i mass media internazionali non hanno dato molto rilievo a questa grande tragedia?

Dal 1975 al 1985, la maggioranza degli indonesiani non sapeva granché dell’intervento armato avvenuto in Timor Est semplicemente perché i loro mezzi di comunicazione non li informava. La stessa cosa succedeva per i mezzi di comunicazione che provenivano dall’estero: tutto veniva controllato e casomai censurato. Quel poco che sapevano erano il pensiero e gli orientamenti della politica governativa. Ma molti mass media internazionali hanno preferito passare sotto silenzio i tragici avvenimenti di Timor.

Perché? Certamente i governi delle grandi potenze sapevano...

Ma certo che ne erano a conoscenza. Anzi, ne erano anche conniventi. Prima dell’intervento militare, l’Indonesia aveva senza dubbio informato l’America e l’Australia delle sue intenzioni, e si suppone che abbia anche ottenuto la benedizione dal presidente Gerald Ford e dal segretario di stato Henry Kissinger. Prova ne sia che nel 1977, quando gli americani sono entrati a far parte del Catholic Relief Service, non hanno mai fatto obiezioni sulla questione di Timor Est e si sono ben guardati dal fare qualsiasi tipo di denuncia.

Crede che si volesse far di tutto per non creare un «caso» Timor Est?

Certo. Un esempio? Nei mesi di gennaio e febbraio del 1976 è venuto nell’isola il rappresentate del segretario generale dell’Onu, era di origine italiana e si chiamava Guicciardi. Nel rapporto conclusivo del suo sopralluogo ha scritto che la vita nell’isola di Timor era rientrata nella normalità e non esistevano motivi di preoccupazione.

Si sente parlare con una certa regolarità di disordini, violenze e vittime in Timor Est. Quali sono le cause?

La ragione principale è certamente quella politica. Con l’annessione l’Indonesia chiede l’integrazione di Timor Est con il resto della nazione. La maggioranza dei timoresi vuole, invece, un referendum per l’indipendenza. Soprattutto i giovani rischiano scontri con la polizia, prigione e anche la morte per il diritto fondamentale all’autodeterminazione. Devo dire, però, che non mancano quelli che opterebbero volentieri per una annessione all’Indonesia. Le due tendenze, essendo radicali, portano a dimostrazioni, scontri, retate della polizia, arresti, torture...

A sua conoscenza, esistono ancora molte persone in carcere? Quanti i prigionieri politici?

È difficile farne un conto esatto. Ci sono arresti compiuti dalla polizia, dall’esercito, dai servizi segreti... Ognuno di loro ha i propri sistemi e i propri locali per gli interrogatori e la detenzione. Ogni tanto sparisce qualcuno...

Ci troviamo, quindi, di fronte al fenomeno dei desaparecidos anche a Timor Est come nel Sud e nel Centroamerica?

Certamente.

Timor Est è quasi al 90 per cento cattolica. È difficile parlare di Dio e di amore del prossimo oggi, nel suo paese, in una situazione in cui violenza, povertà e ingiustizia sono all’ordine del giorno?

È molto difficile. Noi certo preghiamo per ottenere e offrire il perdono per le offese date e ricevute. Preghiamo per i nostri nemici... Ma spesso la gente – soprattutto i giovani – mi chiedono come sia possibile perdonare coloro che hanno ucciso i genitori, i fratelli... Con sincerità devo dire che questo è il nostro dramma di oggi... Ma il vangelo è troppo chiaro su questo punto, e noi dobbiamo seguirlo per aver pace e far parte di coloro che sono dichiarati beati nelle persecuzioni.

Monsignore, più volte si è fatto il suo nome per il Nobel della Pace. Recentemente in Canada le è stato conferito il premio «John Humphrey» per la libertà e per la promozione dei diritti umani. Il 16 maggio di quest’anno, inoltre, le è stato conferito a Roma il premio «Oscar Romero». Su quali punti si è principalmente impegnato nella difesa del suo popolo?

Noi pastori della comunità cristiana siamo stati preposti per l’aiuto e la difesa della gente. Se non ci opponiamo a coloro che per motivi di etnia, di cultura o di interesse nazionalista usano violenza al nostro popolo, noi manchiamo a un nostro preciso dovere, perché permettiamo che la chiesa di Cristo in questi luoghi si impoverisca o muoia. Se vogliamo la chiesa viva, dobbiamo difendere il popolo, perché la chiesa è il popolo, il popolo è la chiesa. C’è, poi, il problema della dignità umana: ogni essere umano, uomo o donna, è stato creato a immagine e somiglianza di Dio, pertanto non può essere trattato come una bestia. Inoltre non possiamo mai abdicare a un altro diritto fondamentale di un popolo: l’autodeterminazione, il poter esprimere il proprio parere su di una scelta di fondo della sua vita e della sua storia.

Secondo lei, l’autodeterminazione non potrà mai avvenire in Timor Est?

Finché avremo un governo di militari e dittatori questo non potrà avvenire.

Monsignore, ha mai dovuto temere per la sua vita?

Certamente. Ma sono convinto che si muore una sola vota, e possibilmente per rendere la vita degli altri migliore. Eppoi sono 250 mila le persone di Timor Est che hanno sacrificato la loro vita.


http://monarchiabancaria.blogspot.com/
Dio si nasconde, perché gode di essere trovato:
http://fedele.altervista.org/
sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri




http://yeshua-ha-mashiach-notzri.blogspot.com/


http://pensiero-e-azione.blogspot.com/

http://ilcomandamento.blogspot.com/

http://it.youtube.com/lorenzojhwh

http://simec-aurito.blogspot.com/

http://fedele.altervista.org

http://jhwhinri.blogspot.com

http://immagini-parlanti.blogspot.com



Website Countercontatori di:
lorenzo.scarola@istruzione.it



tutto è per Lui o contro di Lui = " A e W "

Tu da che parte stai?

Cosa di te sarà evidente quando il Signore tornerà?

Infatti, Lui, riguardo a te, sta per tornare molto prima di quello che puoi pensare!



=====================
==========
Lorenzo Scarola approfitta della presente per salutare TUTTI simpaticamente: "Pace e Gioia!"!
Lorenzo Scarola è il creatore della prima moneta internazionale l'AURO o AURITO di proprietà del portatore

Lorenzo Scarola ordina con effetto immediato, nel nome e per il sangue di Gesù Cristo, tutto il bene e tutto il male, secondo quello che ognuno avrà meritato:
"Questo darà ancora, per l'ultima volta, spazio a una SPERANZA politica, prima che il SIGNORE ritorni".

sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri


Website Counter
contatori di:jhwhinri@gmail.com




Lorenzo Scarola rappresentante di JHWH è disponibile per costruire il terzo Tempio Ebraico sul Monte degli Ulivi come è già stato annunciato dai profeti.
Questo Tempio aprirà il più bel periodo di pace, prosperità e "risveglio" che il genere umano abbia mai conosciuto, insomma si tratta dell'ultima fase del genere umano dedicata allo Spirito Santo.

Lorenzo Scarola dedica questo lavoro al suo Dio Spirito Santo.

  • 1- saluto Nicolò Bellia e all'antropocrazia.

  • 2- saluto tutti gli uomini di "buona volontà"

  • 3- saluto tutti i servitori di Dio

  • 4- saluto tutti i figli di Dio

lorenzo.scarola@istruzione.it

http://www.youtube.com/user/
humanumgenus

http://www.youtube.com/user/
lorenzojhwh


"Insomma, Dio per tutta l'Eternità non vuole essere lodato e ringraziato per poco, ma per molto, molto e moltissimo!
Non neghiamogli questa felicità, diamogli la possibilità di poter operare prodigi in noi."
by lorenzo scarola
Gloria a Dio per sempre!
A te, caro fratello mio, pace
da Lorenzo Scarola,
ore serali 3205708054
lorenzo.scarola@istruzione.it

http://deiverbumdei.blogspot.com

http://www.youtube.com/lorenzojhwh

http://www.youtube.com/humanumgenus



lorenzo scarola, Giacinto Auriti, Gesù di Betlemme e il futuro del genere umano
http://ilmegliodelbene.blogspot.com
http://fedele.altervista.org

lorenzo.scarola@istruzione.it

il vero volto dell'istituzione

Il signoraggio bancario è il nostro

più alto simbolo istituzionale OCCULTATO disonestamente e criminosamente al popolo, questo è il VERO motivo di tutti i MALI che affliggono la nostra falsa democrazia venduta dai massoni ai banchieri ebrei dal suo sorgere.

Pertanto, tutto il Pianeta è fondato sull'immoralità ideologica quanto economica.

Questo è il più grave Delitto di LESA Maestà e violazione criminale dei principi Costituzionali di base.

Per questo, adesso si cerca di manipolare anche la Costituzione unico nostro baluardo al diritto già criminalizzato.






Nota: REVISIONISMO STORICO

Il problema dei nostri giorni non è quello della complessità e che bisogna studiare molto e moltissimo per poter capire qualcosa.
Ma che bisogna saper cercare nella contro-informazione quelle fonti "genuine" che non ci facciano cadere nella "fosso" del depistaggio.
Una schiera sterminata di "mangia pagnotte S.p.A.", ovvero di: funzionari, massoni, politici e di docenti universitari collaborazionisti del signoraggio bancario, ora hanno reso davvero difficile, non solo la comprensione reale della storia nei suoi avvenimenti, ma anche e soprattutto, rendono incomprensibile la stessa realtà che ci circonda.


Allora, veniamo al dunque:
"sei disposto a sacrificare la vita come me, oppure preferisci dare un contributo economico? Oppure, appartieni al popolo dei vigliacchi e preferisci nasconderti e fuggire dalle tue responsabilità? In questo caso degradante e vergognoso, come potrai sfuggire alle mie maledizioni? E comunque ti parlo così perché sei gia nella trappola di
"Questo sistema criminale e parassitario del fondo monetario internazionale di Ali Baba e dei suoi 40 ladroni di Banchieri Ebrei S.p.A., questi non solo non vi concederanno alcuna speranza, ma vi stanno gia portando al disastro totale NUCLEARE! SVEGLIATI BAMBOCCIONE!"

IBAN : IT33E0358901600010570347584,(non detraibili e non deducibili)
Reagite per voi stessi e per i vostri figli!
Quanto a me, io sono solo un contadino, che ha molti figli dal polo Sud al polo Nord e per questo deve MOLTO zappare, MOLTO seminare e Molto faticare per sfamarli tutti, perché a nessuno di loro venga negato il diritto alla VITA!