ARAB LEAGUE spa ISRAEL 666 sharia NWO NATO Ummah MECCA KAABA Talmud

I will kill you all [ ARAB LEAGUE spa ISRAEL 666 sharia NWO NATO Ummah MECCA KAABA Talmud] FALSE, you are all fake FALSE!

LEGA spa ISRAELE 666 ARABA sharia NWO NATO UMMAH MECCA KAABA TALMUD ] FALSI, voi siete i falsi!

==============

infidel SHARIAH UMMA risks Islamic radicalization ] GIURO CHE IO SO COME VENIRVI A PRENDERE ( maomettani bastardi sharia infami ummah traditori! ) teologia della sostituzione e del genocidio: Ummah Mecca Kaaba!

http://deiverbumdei.blogspot.com/2017/03/infidel-shariah-umma-risks-islamic.html
https://uniusrei.wordpress.com/

IO SONO: 1. mahdì e 2. messiah, per la loro remunerazione, o per la loro vendetta/punizione! ... tutti andranno al loro destino!

I AM: 1. 2. Mahdi: lorenzoAllah, or: messiah lorenzoJHWH, for their remuneration, or their revenge / punishment! ... everyone will go to their fate!


=======================
SALMAN SAUDI ARABIA ] [ i tuoi demoni SPA SHARIAH ALLAH IL GUFO: CHE TI INGROPPANO; hanno detto: che tu sei stato umiliato dalla demenza senile! con chi cazzo io posso parlare adesso?
==========

Banchieri svizzeri, BRI e i Rockefeller. gennaio 25, 2014 Dean Henderson 23 gennaio 2014
Tre anni fa Rudolf M. Elmer, l’ex-capo dell’ufficio Isole Cayman dell’importante banca svizzera Julius Baer, annunciava di aver consegnato a Wikileaks informazioni su 2000 individui e aziende di primo piano impegnati in evasioni fiscali e altre attività criminali. Elmer li descrisse come “pilastri della società”.
utilizzo di eurodollari nei conti bancari off-shore per le costose ragalie dei super-ricchi a governi a corto di liquidi nel mondo, fattura ogni anno migliaia di miliardi di dollari. Nel 1963 il mercato degli eurodollari era di circa 148000000 di dollari. Nel 1982 ne valeva quasi 2000 miliardi dollari, mentre l’offerta monetaria M-1 degli Stati Uniti era pari a 442 miliardi dollari. Nel 1950 le società statunitensi coprivano il 26% della fattura fiscale totale degli Stati Uniti. Nel 1990 era solo il 9%, contribuendo al massiccio deficit del bilancio e agli attuali 14000 miliardi dollari di debito degli Stati Uniti. Nel 2009 i leviatani aziendali Bank of America, General Electric e Exxon Mobil non pagavano le tasse federali degli Stati Uniti. L’utile netto di Exxon per quell’anno fu di oltre 45 miliardi di dollari. Ed utilizzavano le filiali nelle Bahamas, Bermuda e isole Cayman controllate dalla corona inglese per schivare l’IRS. Questi opachi mercati off-shore degli eurodollari riciclano anche i petrodollari sauditi, i narcodollari e i profitti sulle vendite di armi della CIA e del Mossad. Fondi illeciti escono pulitissimi sui bilanci delle mega-banche globale. Le discrete banche svizzere giocano un ruolo chiave. La più potente è la Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI). BRI fu fondata a Basilea, in Svizzera, nel 1930. E’ la banca più potente del mondo, la banca centrale globale delle otto famiglie che controllano le banche centrali private di quasi ogni nazione. Il primo presidente della BRI era il banchiere dei Rockefeller Gates McGarrah, funzionario presso la Chase Manhattan e la Federal Reserve. McGarrah era il nonno dell’ex-direttore della CIA Richard Helms. Rockefeller e Morgan avevano stretti legami con la City di Londra. David Icke afferma in Children of the Matrix che i Rockefeller e i Morgan erano solo le “controfigure” statunitensi dei Rothschild europei. La BRI è di proprietà di Federal Reserve, Bank of England, Banca d’Italia, Banca del Canada, Banca nazionale svizzera, Nederlandsche Bank, Bundesbank e Banca di Francia. Lo storico Carroll Quigley dice che BRI fa parte di un piano “per creare un sistema mondiale di controllo finanziario privato in grado di dominare il sistema politico di ogni Paese e l’economia del mondo intero… controllato in modo feudale dalle banche centrali del mondo che agiscono di concerto con  accordi segreti.”
bank-for-international-settlements-300x215Il governo degli Stati Uniti storicamente diffidava della BRI, facendo vanamente lobbying per la sua scomparsa nella Conferenza di Bretton Woods del 1944. Invece il potere delle otto famiglie “aumentò con la creazione a Bretton Woods del FMI e della Banca mondiale”. La Federal Reserve ebbe le azioni della BRI solo nel settembre 1994. La BRI detiene almeno il 10% delle riserve monetarie di almeno 80 banche centrali, del Fondo monetario internazionale e di altre istituzioni multilaterali. È l’agente finanziario degli accordi internazionali, raccoglie informazioni sull’economia globale ed è prestatore di ultima istanza per evitare il collasso finanziario globale. La BRI promuove l’agenda fascista del monopolio capitalista. Diede un prestito ponte all’Ungheria nel 1990 per garantirne la privatizzazione dell’economia. Fu il tramite del finanziamento degli Illuminati di Adolf Hitler, guidati da J. Henry Schroeder della Warburg e dalla Mendelsohn Bank di Amsterdam. Molti ricercatori sostengono che la BRI è il nadir del riciclaggio mondiale di narcodollari. Non è un caso che la BRI abbia sede in Svizzera, nascondiglio favorito delle ricchezze dell’aristocrazia mondiale e quartier generale della P-2, della loggia massonica Alpina e del nazismo internazionale. Bretton Woods fu una manna per le otto famiglie. FMI e Banca Mondiale sono al centro di tale “nuovo ordine mondiale”. Nel 1944 le prime obbligazioni della Banca Mondiale furono quotate da Morgan Stanley e First Boston. La famiglia francese Lazard venne coinvolta negli interessi dei Morgan. La Banca è il maggiore investimento di Lazard Freres-France, di proprietà delle famiglie Lazard e David-Weill, vecchi rampolli bancari genovesi rappresentati da Michelle Davive. Un recente presidente e CEO di Citigroup era Sanford Weill. Nel 1968 Morgan Guaranty lanciò Euro-Clear, un sistema di compensazione bancario di Bruxelles per i titoli in eurodollari. Fu il primo tentativo automatizzato. Alcuni presero a chiamare Euro-Clear “La Bestia”. Bruxelles funge da quartier generale della nuova Banca centrale europea e della NATO. Nel 1973 i funzionari della Morgan s’incontravano segretamente alle Bermuda per far risorgere illegalmente la vecchia casa dei Morgan, 20 anni prima che la legge Glass-Steagal venisse abrogata. Morgan e Rockefeller finanziarono Merrill Lynch, aumentando gli investimenti bancari dei Big 5 degli USA. Merrill oggi fa parte di Bank of America.
John D. Rockefeller impiegò la sua ricchezza petrolifera per l’acquisizione di Equitable Trust, che aveva inghiottito alcune grandi banche e multinazionali dagli anni ’20. La Grande Depressione ha contribuito a consolidare il potere dei Rockefeller. La loro Chase Bank si fuse con Manhattan Bank di Kuhn Loeb formando Chase Manhattan, cementando un rapporto familiare di lunga data. Kuhn-Loebs e Rothschild finanziarono i tentativi di Rockefeller di diventare il re del petrolio. La National City Bank di Cleveland diede a John D. i soldi necessari per intraprendere la monopolizzazione dell’industria petrolifera statunitense. La banca fu identificata nelle udienze del Congresso come una delle tre banche negli Stati Uniti di proprietà dei Rothschild, negli anni 1870, quando Rockefeller creò la Standard Oil of Ohio. Un partner della Standard Oil di Rockefeller era Edward Harkness, la cui famiglia controllava la Chemical Bank. Un altro era James Stillman, la cui famiglia controllava la Manufacturers Hanover Trust. Entrambe le banche fanno oggi parte di JP Morgan Chase. Due delle figlie di James Stillman sposarono due dei figli di William Rockefeller. Queste due famiglie controllano Citigroup. Nel settore assicurativo, i Rockefeller controllano Metropolitan Life, Equitable Life, Prudential e New York Life. Le banche dei Rockefeller controllano il 25% di tutte le attività delle 50 maggiori banche commerciali degli Stati Uniti e il 30% di tutte le attività delle 50 maggiori compagnie di assicurazione. La prima Compagnia di assicurazione degli Stati Uniti fu avviata da dei massoni con la Woodman di of America, che svolge un ruolo chiave nella lavanderia dei narcodollari alle Bermuda. Mentre la ricchezza petrolifera si accumulava la famiglia passò ad investimenti a valle, acquistando aziende che fabbricavano prodotti a base di petrolio. Ad esempio, secondo la rivista Nexus New Times, i Rockefeller controllano il 40% del settore farmaceutico globale. Altre aziende sotto controllo dei Rockefeller sono Exxon Mobil, Chevron Texaco, BP Amoco, Marathon Oil, Freeport McMoRan, Quaker Oats, ASARCO, United, Delta, Northwest, ITT, International Harvester, Xerox, Boeing, Westinghouse, Hewlett-Packard, Honeywell, International Paper, Pfizer, Motorola, Monsanto, Union Carbide e General Foods. La Fondazione Rockefeller ha stretti legami finanziari con le fondazioni Ford e Carnegie. Altre opere filantropiche di famiglia: Rockefeller Brothers Fund, Rockefeller Institute for Medical Research, General Education Board, Rockefeller University e University of Chicago, che sfornano di continuo economisti di estrema destra come Milton Friedman, apologeti del capitale internazionale. La famiglia possiede il Rockefeller Plaza 30, dove l’albero di Natale nazionale è illuminata ogni anno, e il Rockefeller Center. David Rockefeller fu decisivo nella costruzione del World Trade Center. La principale residenza della famiglia Rockefeller è un complesso nello Stato di New York, conosciuto come Pocantico Hills. Possiede anche un appartamento di 32 camere al 5th Avenue di Manhattan, una villa a Washington DC, il Monte Sacro Ranch in Venezuela, piantagioni di caffè in Ecuador, diverse aziende in Brasile, una tenuta a Seal Harbor, nel Maine e resort nei Caraibi, Hawaii e Puerto Rico.
imagesLe famiglie Dulles e Rockefeller sono cugine. Allen Dulles ha creato la CIA, ha assistito i nazisti, coperto l’omicidio Kennedy dal suo trespolo nella Commissione Warren e raggiunto un accordo con i Fratelli musulmani per creare assassini mentalmente controllati. Il fratello John Foster Dulles  presiedette i falsi fondi della Goldman Sachs prima del crollo del mercato azionario nel 1929 ed ha aiutato il fratello a rovesciare governi di sinistra in Iran e Guatemala. Entrambi erano Skull&Bones, membri del CFR e massoni di 33.mo grado. I Rockefeller contribuirono a formare il Club di Roma volto a spopolare il pianeta, nella loro tenuta di famiglia a Bellagio, Italia. Nella loro tenuta di Pocantico Hills diedero vita alla Commissione Trilaterale. La famiglia è uno dei principali finanziatori del movimento eugenetico che produsse Hitler, la clonazione umana e l’ossessione attuale per il DNA negli ambienti scientifici statunitensi. John Rockefeller Jr. ha diretto il Population Council fino alla morte. Il suo figlio omonimo è senatore del West Virginia. Il fratello Winthrop Rockefeller era Governatore dell’Arkansas e l’uomo più potente dello Stato. Nell’ottobre  1975 nell’intervista alla rivista Playboy, il vice-presidente Nelson Rockefeller, che fu anche governatore di New York, diede un’articolata visione paternalistica della famiglia, “Sono un grande credente nella pianificazione economica, militare, sociale, politica e totale mondiale.” Ma di tutti i fratelli Rockefeller, è il fondatore della Commissione Trilaterale (TC) e presidente della Chase Manhattan, David che ha guidato l’agenda fascista globale della famiglia. Difese lo Scià di Persia, l’apartheid sudafricano e la giunta cilena di Pinochet. Fu il più grande finanziatore di CFR, TC e (durante la guerra del Vietnam) del Comitato per la pace effettiva e duratura in Asia, una miniera d’oro di contratti per i profittatori di guerra. Nixon gli chiese di essere il segretario del Tesoro, ma Rockefeller rifiutò sapendo che il suo potere era assai maggiore al timone della Chase. Secondo l’autore Gary Allen, nel 1973 “David Rockefeller incontrò ventisette capi di Stato, tra cui i governanti della Russia e della Cina rossa.” Dopo il 1975 il colpo di Stato della Nugan Hand/CIA contro il Primo ministro nazionalista australiano Gough Whitlam, il successore designato dalla corona inglese Malcolm Fraser schizzò negli Stati Uniti, incontrando il presidente Gerald Ford solo dopo aver conferito con David Rockefeller.
I documenti che Elmer ha dato a Wikileaks faranno luce su alcuni “pilastri della società”. Ma non stupitevi sei i pesci grossissimi nuoteranno via con l’esca.
Dean Henderson è autore di Big Oil & Their Bankers in the Persian Gulf: Four Horsemen, Eight Families & Their Global Intelligence, Narcotics & Terror Network, The Grateful Unrich: Revolution in 50 Countries, Das Kartell der Federal Reserve e Stickin’ it to the Matrix. Potete iscrivervi al suo settimanale Left Hook.
Il Cartello della Federal Reserve: le otto famiglieIn "Imperialismo"
La MalemeritaIn "Covert Operation"
Moria di banchieri: trovato morto l'ex-ad dell'ABN AmroIn "Covert Operation"

Filed under Covert Operation, Imperialismo Tagged with Banca mondiale, banche, Banche centrali, Bank of America, black operation, capitalismo, cartello, CFR, Chase Manhattan, CIA, Citigroup, Club di Roma, colonialismo, Commissione Trilaterale, covert operation, Covert Operations, dollari, economia mondiale, eurodollari, Federal Reserve, finanza mondiale, fmi, Geoeconomia, globalismo, globalizzazione, Goldman Sachs, guerra commerciale, guerra coperta, guerra d'influenza, guerra economica, guerra occulta, holding, IMF, Imperialismo, intelligence, JP Morgan Chase, mass media, Mendelsohn Bank, mercato mondiale, Merrill Lynch, mondialismo, mondializzazione, Morgan Guaranty, Morgan Stanley, narcodollari, neo-colonialismo, neocolonialismo, neoconservatori, neofascismo, neoimperialismo, Nugan Hand, Nuovo ordine mondiale, Oligarchia, popolazione mondiale, Propaganda, riciclaggio, riduzione della popolazione, Rockefeller, servizi segreti, sinarchia, sistema bancario, sistema finanziario, sistema monetario, Skull&Bones, spionaggio, spopolamento, Standard Oil, Stati Uniti, terrorismo, trust, UK, United States, USA, World Trade Center   


Cartello della Federal Reserve: le otto famiglie, ottobre 27, 2013 Dean Henderson, 26 luglio 2013 I quattro cavalieri bancari (Bank of America, JP Morgan Chase, Citigroup e Wells Fargo) possiedono i quattro cavalieri del petrolio (Exxon Mobil, Royal Dutch/Shell, BP Amoco e Chevron Texaco), in tandem con Deutsche Bank, BNP, Barclays e altri vecchi colossi monetari europei. Ma il loro monopolio sull’economia globale non si ferma sull’orlo del pozzo petrolifero. Secondo i 10mila documenti societari depositati alla SEC, i quattro cavalieri bancari sono tra i primi dieci titolari di azioni di praticamente ogni società di Fortune 500. [1] Così sono gli azionisti delle banche centrali? Questa informazione va analizzata molto più da vicino. Le mie domande sulle agenzie di regolamentazione bancaria, in materia di partecipazione azionaria delle prime 25 aziende bancarie degli Stati Uniti furono poste con il Freedom of Information Act, prima di essere negate per motivi di “sicurezza nazionale”. Questo è piuttosto ironico, dal momento che molti azionisti bancari risiedono in Europa. Un archivio importante sulla ricchezza dell’oligarchia globale che possiede queste holding bancarie è l’US Trust Corporation, fondata nel 1853 e ora di proprietà di Bank of America. L’ultimo US Corporate Trust Director e Trustee Onorario fu Walter Rothschild. Altri direttori furono Daniel Davison di JP Morgan Chase, Richard Tucker di Exxon Mobil, Daniel Roberts di Citigroup e Marshall Schwartz di Morgan Stanley. [2]
J. W. McCallister, un insider dell’industria del petrolio con legami con la Casa dei Saud, ha scritto su ‘The Grim Reaper‘, che ha acquisito un’informazione dai banchieri sauditi secondo cui l’80% della proprietà della New York Federal Reserve Bank, di gran lunga il più potente ramo della Fed, è di sole otto famiglie, quattro delle quali risiedono negli Stati Uniti: Goldman Sachs, Rockefeller, Lehman e Kuhn Loeb di New York, i Rothschild di Parigi e Londra, la Warburg di Amburgo, i Lazards di Parigi e la Israel Moses Seifs di Roma. Thomas D. Schauf della CPA avvalora le affermazioni di McCallister, aggiungendo che dieci banche controllano tutti i dodici rami della Federal Reserve Bank. Nomina N. M. Rothschild di Londra, Banca Rothschild di Berlino, Banca Warburg di Amburgo, Banca Warburg di Amsterdam, Lehman Brothers di New York, Lazard Brothers di Parigi, Kuhn Loeb Bank di New York, Israel Moses Seif Bank dell’Italia, Goldman Sachs di New York e JP Morgan Chase Bank di New York. Schauf elenca William Rockefeller, Paul Warburg, Jacob Schiff e James Stillman quali individui che possiedono grandi quantità di azioni della FED. [3] Gli Schiff sono addetti alla Kuhn Loeb. Gli Stillman addetti alla Citigroup, essendosi sposati con il clan  Rockefeller alla fine del secolo. Eustace Mullins arrivò alle stesse conclusioni nel suo libro I segreti della Federal Reserve, in cui mostra i grafici che collegano la Fed e le banche associate alle famiglie dei Rothschild, Warburg, Rockfeller e altre. [4] Il controllo che queste famiglie di banchieri esercitano sull’economia globale non può essere sottovalutato, ed è volutamente abbastanza avvolto nel segreto. Il loro ramo aziendale è rapido nel screditare qualsiasi informazione che smascheri questo cartello di banche centrali private come “teoria della cospirazione”. Eppure, i fatti restano.

La Casa dei Morgan
La Federal Reserve Bank è nata nel 1913, lo stesso anno negli USA il rampollo bancario J. Pierpont Morgan morì e la Rockefeller Foundation fu costituita. La Casa dei Morgan presiede la finanza statunitense da un angolo tra Wall Street e Broadway, in qualità di quasi-banca centrale degli USA fin dal 1838, quando George Peabody la fondò a Londra. Peabody era un socio in affari dei Rothschild. Nel 1952 il ricercatore sulla Fed Eustace Mullins avanzò l’ipotesi che i Morgan non fossero altro che agenti dei Rothschild. Mullins scrisse che i Rothschild: “…preferivano operare in modo anonimo negli Stati Uniti dietro la facciata di JP Morgan & Company“. [5] L’autore Gabriel Kolko ha dichiarato, “le attività di Morgan nel 1895-1896 nella vendita di obbligazioni d’oro degli Stati Uniti in Europa, si basarono sull’alleanza con la Casa dei Rothschild“. [6] La piovra finanziaria dei Morgan avvolse rapidamente nei suoi tentacoli tutto il mondo. Morgan Grenfell operò a Londra. Morgan et C.ie governò Parigi. I Lambert, cugini dei Rothschild, istituirono la Drexel & Company di Philadelphia. La Casa dei Morgan supportò Astor, Dupont, Guggenheim, Vanderbilt e Rockefeller. Finanziò il lancio di AT&T, General Motors, General Electric e DuPont. Come i Rothschild di Londra e delle banche Barings, Morgan entrò a far parte della struttura di potere di molti Paesi.
Nel 1890 la Casa dei Morgan prestava alla banca centrale dell’Egitto, finanziava le ferrovie russe, manteneva le obbligazioni brasiliane dei governi provinciali e finanziava i progetti dei lavori pubblici argentini. La recessione del 1893 rafforzò ancor più Morgan. Quell’anno Morgan salvò il governo degli Stati Uniti dal panico bancario, formando un sindacato per sostenere le riserve statali, con un prestito di 62 milioni dollari in oro dei Rothschild. [7] Morgan era la forza trainante dell’espansione verso occidente degli Stati Uniti, del finanziamento e del controllo dei buoni delle ferrovie meridionali, attraverso patti di sindacato. Nel 1879 la Central Railroad di New York di Cornelius Vanderbilt, finanziata dai Morgan, adottò tariffe di spedizione preferenziali per supportare il monopolio della Standard Oil di John D. Rockefeller, cementando il rapporto Rockefeller/Morgan. La Casa dei Morgan finì sotto il controllo delle famiglie Rothschild e Rockefeller. Un titolo del New York Herald diceva, “Il Re della ferrovia forma un gigantesco trust“.  J. Pierpont Morgan una volta dichiarò: “La concorrenza è un peccato“, ma poi opinò allegramente, “Pensa che tutti i concorrenti del traffico ferroviario ad ovest di St. Louis sono sotto il controllo di una trentina di uomini“. [8]  Morgan ed Edward Harriman, banchiere della Kuhn Loeb, avevano il monopolio delle ferrovie, mentre le dinastie bancarie Lehman, Goldman Sachs e Lazard si unirono ai Rockefeller nel controllo della base industriale degli Stati Uniti. [9] Nel 1903 un trust bancario fu istituito dalle otto famiglie. Benjamin Strong del trust bancario fu il primo governatore della New York Federal Reserve Bank. Nel 1913, la creazione della Fed fuse il potere delle otto famiglie con il potere militare e diplomatico del governo degli Stati Uniti. Se i loro prestiti esteri non venivano ripagati, gli oligarchi potevano ora inviare i marines degli Stati Uniti a raccogliere i debiti. Morgan, Chase e Citibank formarono un sindacato del prestito internazionale. La Casa dei Morgan era accondiscendente con i Windsor e i Savoia. Kuhn Loeb, Warburg, Lehman, Lazard, Israel Moses Seifs e Goldman Sachs hanno avuto stretti legami con i reali europei. Nel 1895 Morgan controllava il flusso di oro degli Stati Uniti. La prima ondata di fusioni statunitensi avvenne alla sua infanzia e fu promossa dai banchieri. Nel 1897 vi furono sessantanove fusioni industriali. Nel 1899 milleduecento. Nel 1904 John Moody, fondatore del Moody Investor Services, disse che era impossibile parlare degli interessi di Rockefeller e Morgan in modo distinto. [10]
La sfiducia pubblica sulle fusioni si diffuse. Molti li considerarono dei traditori che lavoravano per i soldi della vecchia Europa. La Standard Oil di Rockefeller, l’US Steel di Andrew Carnegie e le ferrovie di Edward Harriman furono tutti finanziati dal banchiere Jacob Schiff di Kuhn Loeb, che lavorava a stretto contatto con i Rothschild europei. Diversi stati occidentali vietarono i banchieri. Il predicatore populista William Jennings Bryan fu tre volte il candidato democratico alla presidenza dal 1896 al 1908. Il tema centrale della sua campagna anti-imperialista era che gli USA stavano cadendo nella trappola della “servitù finanziaria a capitalista inglese“. William Howard Taft sconfisse Bryan nel 1908, ma da quel momento il predecessore e mentore di Taft, Teddy Roosevelt, fu costretto da questo populismo diffuso a promulgare lo Sherman Anti-Trust Act. Che  poi continuò con la Standard Oil Trust. Nel 1912, si tennero le udienze Pujo, rivolte sulla concentrazione di potere a Wall Street. Nello stesso anno la moglie di Edward Harriman vendette le sue quote della Guaranty Trust Bank di New York a JP Morgan, creando il Morgan Guaranty Trust. Il giudice Louis Brandeis convinse il presidente Woodrow Wilson a chiedere la fine delle intersezioni dei consigli amministrativi. Nel 1914 il Clayton Antitrust Act fu approvato. Jack Morgan, figlio e successore di J. Pierpont, rispose invitando i clienti della Morgan Remington e Winchester ad aumentare la produzione di armi. Sostenne che gli Stati Uniti dovevano entrare nella Prima guerra mondiale. Pungolato dalla Fondazione Carnegie e da altri oligarchi, Wilson li appoggiò. Come scrisse Charles Tansill in L’America va in guerra: “Anche prima del fragore delle armi, la ditta francese dei Rothschild Freres informò la Morgan & Company di New York, suggerendo la flottazione di un prestito di 100 milioni di dollari, una parte consistente del quale doveva essere lasciato negli Stati Uniti per pagare gli acquisti francesi di beni statunitensi“. La Casa dei Morgan finanziò la metà dello sforzo bellico degli Stati Uniti, durante la ricezione delle commissioni che allinearono aziende come GE, Du Pont, US Steel, Kennecott e ASARCO. Tutti erano clienti della Morgan che anche finanziò la guerra anglo-boera in Sud Africa e la guerra franco-prussiana. La Conferenza di Pace di Parigi del 1919 fu presieduta da Morgan, che sostenne gli sforzi della ricostruzione sia tedeschi che alleati. [11]
Negli anni ’30 il populismo ritornò negli USA dopo che Goldman Sachs, Lehman Bank e altri approfittarono del crollo del 1929. [12] Il presidente della commissione bancaria del Congresso, Louis McFadden (D-NY), disse della Grande Depressione, “Non fu un incidente, ma un avvenimento attentamente artificioso… I banchieri internazionali cercarono di suscitare una situazione disperata qui, in modo che potessero imporsi come governanti di tutti noi“. Il senatore Gerald Nye (D-ND) presiedette un’indagine sulle munizioni nel 1936. Nye concluse che la Casa dei Morgan aveva gettato gli Stati Uniti nella prima guerra mondiale per proteggere i prestiti e creare una industria bellica in piena espansione. Nye poi produsse un documento dal titolo ‘La prossima guerra‘, che cinicamente parlava “del vecchio trucco della dea democrazia“, attraverso cui il Giappone poteva essere usato per trascinare gli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale. Nel 1937 Ii segretario degli Interni Harold Ickes avvertì sull’influenza delle “60 famiglie d’America”. Lo storico Ferdinand Lundberg scrisse un libro dallo stesso titolo. Il giudice della Corte Suprema William O. Douglas denigrò “l’influenza dei Morgan… la più perniciosa nell’industria e nella finanza di oggi.” Jack Morgan rispose spingendo gli Stati Uniti verso la seconda guerra mondiale.  Morgan aveva stretti rapporti con le famiglie Iwasaki e Dan, i due clan più ricchi del Giappone, che possedevano Mitsubishi e Mitsui rispettivamente da quando le imprese apparvero nello shogunato del 17° secolo. Quando il Giappone invase la Manciuria, massacrando contadini cinesi a Nanchino, Morgan minimizzò l’incidente. Morgan ebbe anche stretti rapporti con il fascista italiano Benito Mussolini, mentre il nazista tedesco dr. Hjalmar Schacht fu un agente di collegamento della Morgan Bank durante la seconda guerra mondiale. Dopo la guerra i rappresentanti della Morgan incontrarono Schacht presso la Banca dei regolamenti internazionali (BRI) a Basilea, in Svizzera. [13]

La Casa dei Rockefeller
La BIS è la banca più potente del mondo, la banca centrale globale delle otto famiglie che controllano le banche centrali private di quasi tutte le nazioni occidentali e in via di sviluppo. Il primo presidente della BIS fu il banchiere dei Rockefeller Gates McGarrah, funzionario presso la Chase Manhattan e la Federal Reserve. McGarrah è il nonno dell’ex direttore della CIA Richard Helms. I Rockefeller, come i Morgan, avevano stretti legami con Londra. David Icke scrive ne ‘I figli di Matrix‘, che Rockefeller e Morgan erano solo “controfigure” dei Rothschild europei. [14] BIS è di proprietà di Federal Reserve, Banca d’Inghilterra, Banca d’Italia, Banca del Canada, Banca nazionale svizzera, Nederlandsche Bank, Bundesbank e Banca di Francia. Lo storico Carroll Quigley ha scritto, nel suo epico libro ‘Tragedy and Hope’, che la BIS era parte di un piano “per creare un sistema mondiale di controllo finanziario privato capace di dominare il sistema politico di ogni Paese e l’economia mondiale nel suo complesso… essere controllati in modo feudale dalle banche centrali del mondo che agiscono di concerto con accordi segreti.” Il governo degli Stati Uniti ebbe diffidenza storica verso la BIS, facendo lobbying, senza successo, per la sua scomparsa alla Conferenza di Bretton Woods del 1944. Invece il potere delle otto famiglie fu ingrandito con la creazione a Bretton Woods del FMI e della Banca Mondiale. La Federal Reserve si riprese le azioni della BIS solo nel settembre 1994. [15] La BIS detiene almeno il 10% delle riserve monetarie di almeno 80 banche centrali del mondo, del FMI e di altre istituzioni multilaterali. Opera da agente finanziario negli accordi internazionali, raccoglie informazioni sull’economia globale ed è prestatore di ultima istanza per evitare il collasso finanziario globale. La BIS promuove l’agenda del fascismo del monopolio capitalista. Diede un prestito ponte all’Ungheria negli anni ’90 per garantire la privatizzazione dell’economia di quel Paese. Servì ad incanalare il finanziamento delle otto famiglie di Adolf Hitler, guidate dalla J. Henry Schroeder e Mendelsohn Bank dei Warburg di Amsterdam. Molti ricercatori sostengono che la BIS è al nadir del riciclaggio globale dei narcodollari. [16] Non è un caso che la BIS abbia sede in Svizzera, luogo preferito per nascondere la ricchezza dell’aristocrazia mondiale e sede della P2 italiana, dei massoni della Loggia Alpina e del nazismo internazionale. Altre istituzioni controllate dalle otto famiglie sono il World Economic Forum, la Conferenza monetaria internazionale e l’Organizzazione mondiale del commercio.
Bretton Woods fu una manna per le otto famiglie. Il FMI e la Banca Mondiale sono stati al centro di questo “nuovo ordine mondiale”. Nel 1944 le prime obbligazioni della Banca Mondiale furono emesse da Morgan Stanley e First Boston. La famiglia francese Lazard fu sempre più coinvolta negli interessi della Casa dei Morgan. La più grande banca d’investimento della Francia, la Lazard Freres di proprietà delle famiglie Lazard e David-Weill, vecchi rampolli bancari genovesi rappresentati da Michelle Davive. Un recente presidente e CEO di Citigroup fu Sanford Weill. Nel 1968 Morgan Guaranty lanciò Euro-Clear, sistema di compensazione bancario con sede a Bruxelles sui titoli in eurodollari. Fu il primo tentativo del genere automatizzato. Alcuni presero a chiamarlo Euro-Clear “The Beast”. Bruxelles funge da quartier generale della nuova Banca centrale europea e della NATO. Nel 1973 i funzionari di Morgan s’incontrarono segretamente alle Bermuda per  resuscitare illegalmente la vecchia casa dei Morgan, 20 anni prima che la legge Glass-Steagal venisse abrogata. Morgan e Rockefeller fornirono sostegno finanziario alla Merrill Lynch, sostenendo i Big 5 dell’investimento bancario statunitense. Merrill è ora parte di Bank of America.
John D. Rockefeller usò le sue ricchezze petrolifere per acquisire Equitable Trust, che aveva inghiottito alcune grandi banche e società dal 1920. La Grande Depressione contribuì a consolidare il potere dei Rockefeller. La loro banca Chase si fuse con la Kuhn Loeb Manhattan Bank, formando Chase Manhattan, cementando un rapporto familiare di lunga data. La Kuhn-Loeb aveva finanziato, insieme a Rothschild, il tentativo dei Rockefeller di diventare i monarchi del petrolio. La National City Bank di Cleveland rese disponibili a John D. il denaro necessario per intraprendere la monopolizzazione dell’industria petrolifera statunitense. La banca fu identificata nelle audizioni del Congresso come una delle tre banche di proprietà Rothschild negli Stati Uniti, negli anni 1870, quando i Rockefeller crearono la Standard Oil of Ohio. [17] Un socio dei Rockefeller alla Standard Oil fu Edward Harkness, la cui famiglia controllava la Chemical Bank. Un altro era James Stillman, la cui famiglia controllava la Manufacturers Hanover Trust. Entrambe le banche si fusero sotto l’ombrello della JP Morgan Chase. Due figlie di James Stillman sposarono due figli di William Rockefeller. Le due famiglie controllano anche una grossa fetta di Citigroup. [18]
Nel settore assicurativo, i Rockefeller controllano Metropolitan Life, Equitable Life, Prudential and New York Life. Le banche dei Rockefeller controllano il 25% di tutte le attività delle 50 maggiori banche commerciali degli Stati Uniti e il 30% di tutte le attività delle 50 più grandi compagnie di assicurazione. [19] Le imprese di assicurazione, la prima negli Stati Uniti fu lanciata dai massoni attraverso la loro Woodman of America, svolgono un ruolo chiave nel traffico in narcodollari alle Bermuda. La società controllate da Rockefeller comprendono Exxon Mobil, Chevron Texaco, BP Amoco, Marathon Oil, Freeport McMoran, Quaker Oats, ASARCO, United, Delta, Northwest, ITT, International Harvester, Xerox, Boeing, Westinghouse, Hewlett-Packard, Honeywell, International Paper, Pfizer, Motorola, Monsanto, Union Carbide e General Foods. La Fondazione Rockefeller ha stretti legami finanziari con le fondazioni Ford e Carnegie. Altri sforzi filantropici della famiglia: Rockefeller Brothers Fund, Rockefeller Institute for Medical Research, General Education Board, Rockefeller University e Università di Chicago, che sforna un flusso costante di economisti di estrema destra apologeti del capitalismo internazionale, tra cui Milton Friedman. La famiglia possiede 30 Rockefeller Plaza, dove l’albero di Natale nazionale viene illuminato ogni anno, e il Rockefeller Center. David Rockefeller fu determinante nella costruzione delle torri del World Trade Center. La principale sede della famiglia Rockefeller è un massiccio complesso nello Stato di New York, conosciuto come Pocantico Hills. Possiede anche un appartamento di 32 camere sulla 5th Avenue a Manhattan, una villa a Washington DC, Monte Sacro Ranch in Venezuela, piantagioni di caffè in Ecuador, diverse aziende in Brasile, una tenuta a Seal Harbor, nel Maine e resort nei Caraibi, Hawaii e Puerto Rico. [20]
Le famiglie Dulles e Rockefeller sono cugine. Allen Dulles ha creato la CIA, assistito i nazisti, coperto l’assassinio di Kennedy con la sua fasulla Commissione Warren e raggiunto un accordo con i Fratelli musulmani per creare assassini mentalmente controllati. [21] Il fratello John Foster Dulles presiedette il falso trust della Goldman Sachs prima del crollo del mercato azionario nel 1929 e aiutò il fratello a rovesciare i governi di Iran e Guatemala. Entrambi erano Skull & Bones, attivi nel Council on Foreign Relations (CFR) e massoni di 33° grado. [22] I Rockefeller contribuirono a formare il Club di Roma orientato verso lo spopolamento, presso la tenuta di famiglia di Bellagio, in Italia. Nel loro immobile di Pocantico Hills crearono la Commissione Trilaterale. La famiglia è uno dei principali finanziatori del movimento eugenetico che produsse Hitler, la clonazione umana e l’attuale ossessione sul DNA negli ambienti scientifici statunitense. John Rockefeller Jr. fu a capo del Consiglio sulla popolazione fino alla morte. [23] Il figlio, omonimo, è senatore del West Virginia. Il fratello Winthrop Rockefeller era vice-governatore dell’Arkansas e l’uomo più potente di quello Stato fino al suo decesso nel 2006. Nell’intervista dell’ottobre 1975 a Playboy Magazine, il vicepresidente Nelson Rockefeller, che era anche governatore di New York, articolò la paternalistica visione del mondo della sua famiglia: “Sono un grande sostenitore della pianificazione totale mondiale, della pianificazione economica, sociale, politica, militare.” Ma di tutti i fratelli Rockefeller, è David, fondatore della Commissione Trilaterale (TC) ed ex presidente della Chase Manhattan, che ha guidato l’agenda globale fascista di famiglia. Ha difeso lo Scià di Persia, il regime sudafricano dell’apartheid e la giunta cilena di Pinochet. Fu il più grande finanziatore del CFR, della TC e (durante la guerra del Vietnam), del Comitato per una pace effettiva e duratura in Asia, una miniera d’oro contrattuale per coloro che hanno passato la loro vita fuori dai conflitti.
Nixon gli chiese di essere il segretario del Tesoro, ma Rockefeller rifiutò, sapendo che il suo potere era molto più saldo al timone della Chase. L’autore Gary Allen scrive su ‘Dossier Rockefeller’ che nel 1973 “David Rockefeller incontrò ventisette capi di Stato, tra cui i governanti della Russia e della Cina Rossa.” Dopo il golpe della Banca Nugan Hand/CIA del 1975 contro il Primo ministro australiano Gough Whitlam, la Corona inglese nominò suo successore Malcolm Fraser, che si precipitò negli Stati Uniti incontrando il presidente Gerald Ford dopo aver conferito con David Rockefeller. [24]

The International: petrolio, droga, armi e Kissinger Associates, Dean Henderson 19 febbraio 2014, La recente epidemia di suicidi tra i banchieri internazionali ricorda l’intimità tra dell’intesa tra la finanza controllata dalle otto famiglie e la comunità d’intelligence. JPMorganAl nadir del regime di riciclaggio armi-petrodollari-droga del Consiglio di Cooperazione del Golfo/CIA sedevano tranquillamente i bankster internazionali dei quattro cavalieri. Attraverso ogni grande scandalo e dietro ogni regime dispotico si trova l’oligarchia finanziaria globale che si avvantaggia della dipendenza del mondo da petrolio, armi e droga. La ricchezza petrolifera generata nella regione del Golfo Persico è la principale fonte di capitali di tali banchieri. Vendono agli sceicchi del GCC buoni del tesoro 30ennali all’interesse del 5%, quindi prestano i petrodollari degli sceicchi ai governi del Terzo Mondo e dei consumatori occidentali con interessi del 15-20%. Nel processo questi signori della finanza che non producono nulla, usano il debito economico importato come leva per consolidare il controllo sull’economia globale.
I padroni dei petrodollari e dei narcodollari
jpmorgan-chase-bank-1I banchieri internazionali sorvegliano la ricchezza petrolifera del Golfo Persico generata dai  tentacoli di Big Oil. La Chase Manhattan colpì la Banca centrale Markazi dell’Iran, poi saccheggiò il Tesoro iraniano con gli insiders di Rockefeller, Kissinger e McCloy quando lo Shah loro fantoccio fu cacciato. Chase aveva stretti legami con la banca centrale saudita SAMA e la banca centrale del Venezuela, dove la Exxon-Mobil di Rockefeller “è la CIA”. Chase lanciò il Fondo per lo sviluppo industriale saudita, che diede alle multinazionali di proprietà della Chase i contratti per la modernizzazione saudita, poi acquistò la Saudi Investment Banking Corporation, che fece esattamente la stessa cosa. [1] I presidenti della Banca Mondiale Eugene Black e John McCloy provenivano dalla Chase. Morgan Guaranty Trust presiedeva il petrolio dei Saud. SAMA, divenuta Banca Centrale del regno quando si stava ancora asciugando l’inchiostro dell’accordo sulla sicurezza USA/Arabia Saudita, era guidata da Goon Anwar Ali del FMI, e gestita dai “tre saggi” o “padri bianchi”, il più potente dei quali era John Meyer, presidente della divisione internazionale di Morgan Guaranty Trust e successivamente presidente della Morgan Guaranty. Meyer trasferì le royalties in petrodollari della SAMA alla Morgan, essendo consigliere per gli investimenti della SAMA. [2] Morgan era il banchiere di Bechtel e Aramco. Stephen Bechtel sedette nel CdA della Morgan Guaranty, come fecero alla Chevron-Texaco gli insider del CFR George Schultz e Sulayman Olayan, l’uomo di paglia della Bechtel, cruciale nel riciclaggio dei petrodollari del Golfo Persico nelle banche internazionali. Olayan possedeva metà Saudi Bechtel e molte azioni di Chase Manhattan, Occidental Petroleum e CS First Boston, dove fu direttore fino al 1995. Olayan fondò la Saudi-British Bank, un grande attore occulto nel mercato degli eurodollari. Aveva un’oscura partnership caraibica con Barclays e Jardine Matheson, che controllano la finanza israeliana ed HSBC rispettivamente. Fu membro della direzione di American Express insieme a Henry Kissinger e Edmund Safra, la cui fallimentare Republic Bank finì nel pozzo nero della HSBC. Il gruppo bancario di Olayan comprende CS First Boston, Saudi-British Bank, Saudi Holland Bank (controllata dalla ABN Amro, ora Royal Bank of Scotland) e Chase. [3] Attraverso queste relazioni Olayan fu il collante tra i Saud e i loro padroni delle famiglie dei Quattro Cavalieri statunitensi, inglesi e olandesi.
Nel 1975 Morgan Guaranty ebbe una partecipazione del 20% nella Saudi International Bank di Londra, il cui direttore esecutivo era il direttore di Morgan Guaranty Trust Peter de Roos. SAMA possedeva una quota del 50%, mentre Bank of Tokyo, Deutsche Bank, Banque de Nationale de Paris, National Westminster Bank e Union Bank of Switzerland avevano ognuna una proprietà del 5%. [4] Citibank acquistò il 33% della Saudi American Bank. SAMA era assistita da Merrill Lynch e Baring Brothers (ora della Royal Bank of Scotland), garantendo a New York e a Londra il controllo sui proventi del petrolio. I Padri Bianchi avevano saldamente le redini dei proventi petroliferi dell’Aramco dei Saud. Di Morgan Guaranty era il consigliere per gli investimenti dell’Abu Dhabi Investment Authority, la banca centrale degli Emirati Arabi Uniti, dove il monarca e principale azionista della BCCI, shayq Zayad detiene i cordoni della borsa. Morgan Grenfell, il braccio londinese della Morgan, è consulente dei governi della GCC del Qatar e degli Emirati Arabi Uniti, e del mercato dell’oro dell’emirato di Dubai. Grenfell ora della Deutsche Bank, controllava  una larga fetta della Banca Centrale della Giordania e finanziava la vendita di armi a Oman, Giordania e Arabia Saudita. Quando il trafficante d’armi saudita della Lockheed Adnan Khasshoggi comprò l’Arizona-Colorado Land & Cattle Company, nel 1974, il ramo degli investimenti statunitense Morgan Stanley fece un affare. Quando Khasshoggi comprò un caseificio di 17000 ettari e un ranch da un milione di acri per il bestiame in Sudan, Morgan Stanley l’aiutò di nuovo.
Nel 1984 Morgan Grenfell spinse per l’esplorazione petrolifera nel Mare del Nord. Sir John Stevens della Grenfell consigliava la Banca Markazi dell’Iran. Stevens era un insider della Banca d’Inghilterra, dove il presidente della Royal Dutch/Shell Sir Robert Clark era membro del consiglio. Morgan Stanley occupava i primi 16 piani dell’edificio della Exxon a New York. Gestì nel 1977 la vendita delle azioni della BP da parte del governo inglese al clan al-Sabah del Quwayt. [5]
Il presidente della Jardine Matheson David Newbigging siede nel consiglio consultivo internazionale di Morgan Guaranty ed è probabilmente l’uomo più potente di Hong Kong. Il presidente di Morgan et Cie, divisione internazionale della banca, era Lord Cairncatto, che sedeva nel Comitato di Londra della HSBC, era presidente della Morgan Grenfell e membro del Consiglio interno del Royal Institute of International Affairs. [6] HSBC e Kleinwort Benson hanno il controllo del monopolio dell’oro Sharps Pixley Ward di Hong Kong. HSBC Bank possiede la British Bank of the Middle East, che monopolizza il fiorente mercato dell’oro di Dubai, la Republic Bank of New York di Edmund Safra, che dominava i vecchi mercati dell’oro libanesi e Midland Bank, agente di compensazione del narco-governo panamense. Fino a poco prima Sharps Pixley e Samuel Montagu, filiali della HSBC, si fusero con la Mocatta Metals della Standard Chartered, fondata da Cecil Rhodes, Johnson Matthey e NM Rothschild & Sons di Londra per fissare ogni giorno unilateralmente il prezzo dell’oro. Gli ultimi due monopoli hanno CdA che s’intrecciano sia con la HSBC che con il conglomerato Anglo-American controllato da Oppenheimer, la cui controllata Engelhardt monopolizza la raffinazione mondiale dell’oro. [7] Gli Oppenheimer controllano anche Rio Tinto e DeBeers, fondata da Cecil Rhodes, che monopolizza il commercio mondiale dei diamanti. La controllata Anglo-American delle Bermuda, Minorco, gioca un ruolo importante nel ciclo oro/diamanti/droga della Silver Triangle. Il taglio dei diamanti è finanziato dalla famiglia belga Lambert, cugini dei Rothschild, e dalla Barclays Bank, nel cui CdA siedono Sir Harry Oppenheimer e altri quattro membri dei Cavalieri di San Giovanni di Gerusalemme della Regina Elisabetta, più che in qualsiasi azienda nel mondo. [8] I giganti bancari canadesi Bank of Nova Scotia, Bank of Montreal, Royal Bank of Canada, Toronto Dominion Bank e Canadian Imperial Bank of Commerce, si sono uniti ai giganti inglesi National Westminster, Barclays, Lloyds e HSBC, nel presiedere la Silver Triangle dei Caraibi che ricicla narcodollari. Bank of Nova Scotia è il rivenditore d’oro più grande dei Caraibi e possiede 200 tonnellate di oro recuperate dai depositi sotto le macerie del World Trade Center nel 2001. La banca d’investimento più grande dei Caraibi è nota come ITCO, una joint venture tra Anglo-american, Barclays, NM Rothschild e Royal Bank of Canada. Il direttore della Lloyds, ADF Lloyd, è cognato del 10° conte di Airlie, presidente della Banca Schroeder della Warburg, che finanziò Hitler. La moglie di Earl è nipote di Otto Kahn, partner di primo piano di Kuhn Loeb. La suocera di Winston Churchill era una Airlie. Il cugino di Churchill, il visconte Cowdray, ha una grande partecipazione nella Lazard, usata dalla famiglia Kennedy. [9] Lazard controlla Financial Times, The Economist e Penguin Books.
La Citigroup dei sauditi e la Texas Commerce della Baker, ora JP Morgan Chase, aiutaron Raul Salinas a derubare il Tesoro messicano. Bank of America dei Rothschild fondò la Banca d’Italia sotto il paravento della Transamerica di Amadeo Giannini, con una joint venture da 3 miliardi di dollari con il Banco Ambrosiano, che acquistò la saccheggiata Continental Bank, finanziando la BCCI ed ripulendo gli affari della BNL. All’epoca Bank of America era la maggiore banca del mondo. [776] Secondo il ricercatore di Chicago Sherman Skolnick, Bank of America incanalava il denaro sporco generato dal finanziere latitante svizzero-israeliano del Mossad Marc Rich, e il cui denaro facile scomparve nel pozzo nero della Enron. Skolnick aggiunge che la Nugan Hand Bank divenne Household International, un prestatore di sub-prime di Chicago, il cui avvocato, fino al suo misterioso incidente in canoa, era l’ex-direttore della CIA Bill Colby. [10] Household è ora una controllata di HSBC. La Banque de Credit Internationale di Ginevra di Tibor Rosenbaum (BCI) predette la BCCI, ricevendo i profitti dei casinò di Meyer Lansky e i proventi della droga per finanziare gli imbrogli di MI6 e Mossad, tra cui la Permindex. [11] Lansky avviò i suo crimine organizzato con l’aiuto finanziario della famiglia Rothschild. Robert Vesco decollò con la Mary Carter Paint Company finanziata dai Rockefeller. Santos Trafficante è il loro successore. La CS First Boston fu fondata dalla famiglia Perkins di Boston con i proventi dell’oppio e finanziò sia l’omicidio di JFK che il tentativo di assassinio del presidente francese Charles de Gaulle. Richard Holbrooke, l’inviato di Obama in Afghanistan e capo architetto degli accordi di Dayton, e Dick Thornburgh, procuratore generale di Bush durante il cover-up della BNL, lavorarono per la CS First Boston al fianco di Sulayman Olayan. La banca collaborò con BP Amoco per arraffare il 20% della russa Lukoil.
 Tra i clienti di Kissinger Associates vi erano la Banca nazionale della Georgia della BCCI di proprietà della BNL, che collaborò con la Banca centrale irachena armando l’Iraq attraverso i conti cifrati presso Bank of America, Bank of New York, Chase Manhattan e Manufacturers Hanover Trust. Agente di compensazione della BNL in tali operazioni era Morgan Guaranty Trust. Il Consiglio di Amministrazione della Chase Manhattan Bank rifletteva il Consiglio di Amministrazione Consultivo internazionale della BNL. Henry Kissinger era legato a Chase Manhattan e a Goldman Sachs, aiutando le narco-banche Bank of New York e CS First Boston a saccheggiare il Tesoro della Russia. Quando la banda della CIA saccheggiò le S&L (cassa depositi e prestiti. NdT), Goldman Sachs spazzolò via miliardi di attività in un colpo. Il Comitato consultivo internazionale della Chase Manhattan comprendeva Y. K. Pao della Hong Kong Worldwide Shipping, Ian Sinclair della narcotrafficante Canadian Pacific e GA Wagner della Royal Dutch/Shell. [12] Pao fu vicepresidente di HSBC.
Il CdA della Kissinger Associates è ancora più oscuro e potente, il lapsus freudiano massonico della KissAss è espresso dal vecchio denaro. Il co-fondatore Lord Carrington, membro del consiglio di Barclays e Hambros, presiede il Gruppo Bilderberg e l’Istituto Reale per gli Affari Internazionali. Il membro del CdA della KissAss è Mario d’Urso della dinastia dei banchieri Kuhn Loeb, è a capo della Jefferson Insurance, la joint venture tra Assicurazioni Generali (AG) e Riunione Adriatica di Sicurtà (RAS) negli Stati Uniti. L’AG di Venezia custodisce le immense fortune delle antiche famiglie di banchieri veneziani che finanziarono le crociate e il Sacro Romano Impero. Il suo CdA includeva Elie de Rothschild, il barone August von Finck, l’uomo più ricco della Germania, il barone Pierre Lambert, cugino dei Rothschild e finanziatore della Drexel Burnham Lambert, Jocelyn Hambro, la cui famiglia possiede Hambros Bank, che possedeva la metà della Banca Privata di Michele Sindona; Pierpaolo Luzzato Fegiz della potente famiglia italiana dei Luzzato che aveva legami con il Banco Ambrosiano di Sindona e Franco Orsini Bonacossi della potente famiglia Orsini, i cui membri sedevano nell’antico senato dell’impero romano. I maggiori azionisti di AG sono Lazard Freres e Banque Paribas. [13] Paribas, ora la maggiore banca del mondo, è controllata dalla famiglia Warburg, mentre Lazard è dominata dalle famiglie Lazard e David-Weill. I Lazard inglesi fanno ora parte del conglomerato Pearson, che possiede Financial Times, Economist, Penguin e Viking Books, Madame Tussaud e ampi interessi negli Stati Uniti. La francese Lazard Freres è occultata nell’holding denominata Eurafrance. Lazard gestisce il denaro dell’élite globale come gli Agnelli italiani, i Boels belgi, gli inglesi Pearson e gli statunitensi Kennedy. Membri del consiglio della RAS sono i membri della famiglia Giustiniani, discendenti dall’imperatore romano Giustiniano, della famiglia Doria, finanzieri genovesi dei sovrani asburgici spagnoli, e il duca d’Alba, che discende dalla monarchia asburgica spagnola.
Un altro potente elemento del CdA della KissAss era Nathaniel Samuels, altro vecchio sgherro della Kuhn Loeb del clan di Samuel, che controlla gran parte di Royal Dutch/Shell e Rio Tinto. Samuel fu presidente della Banque Louis-Dreyfus Holding Company di Parigi, derivante dalla dinastia di commercianti in granaglie Louis Dreyfus, uno dei Quattro Cavalieri del Grano. Lord Eric Roll è un altro membro della KissAss. Roll è presidente della banca d’investimento della famiglia Warburg, la SG Warburg. Il potente membro asiatico del consiglio della KissAss è Sir Y. K. Kan di Hong Kong, che rappresenta quattro vecchie famiglie bancarie cinesi che controllano la Bank of East Asia. Le radici massoniche del cliente piduista BNL della KissAss risalgono alla Banca Commerciale d’Italia, dove fu fondata la P-2. La filiale svizzera della banca, la Banca della Svizzera, acquistò il 7% di Lehman Brothers nel 1970. La famiglia Lehman fece fortuna vendendo armi alle forze confederate mentre contrabbandava l’oppio inglese nell’Unione dalle piantagioni di cotone di famiglia. Quando il cliente della Lehman Brothers, Enron, crollò, l’UBS Warburg piombò per comprarsi Enron OnLine per 0 dollari. Quando Lehman fallì nel 2008, Barclays banchettò con la sua carcassa.

Note
[767] The Chase: The Chase Manhattan Bank N. A.: 1945-1985. Harvard Business School Press. Boston. 1986. p.231
[768] The House of Morgan. Ron Chernow. Atlantic Monthly Press. New York. 1990. p.606
[769] “The Olayan Group: Fifty Years of Forging Business Partnership”. Advertisement. Forbes. 7-7-97
[770] “Now the Desert Kingdom’s are Thirsty for Cash”. John Rossant. Business Week. 3-18-91. p.32
[771] Chernow. p.612
[772] Dope Inc.: The Book that Drove Kissinger Crazy. The Editors of Executive Intelligence Review. Washington, DC. 1992. p.125
[773] Ibid. p.194
[774] Ibid. p.200
[775] Ibid. p.445
[776] “A System out of Control, Not Just One Bank”. George Winslow. In These Times. October 23-29, 1991. p.8
[777] “The Enron Black Magic: Part III”. Sherman Skolnick. 1999.
[778] Hot Money and the Politics of Debt. R.T. Naylor. The Linden Press/Simon & Schuster. New York. 1987. p.22
[779] The Editors of Executive Intelligence Review. p.339
[780] Ibid. p.98

======================
QATAR. L’assolutismo del XXI Secolo, Alessandro Lattanzio 2013, p. 161, ISBN: 9788890737992, € 15,00 Anteo Edizioni. Descrizione: Gli eventi che stanno scuotendo il Medio Oriente hanno segnalato l’ascesa di un nuovo, ambiziosissimo attore regionale; il Qatar della famiglia al-Thani. Questo libro indaga i presupposti economici, strategici e geopolitici su cui si fonda l’affermazione di questo influente e ricco Emirato, salito alla ribalta internazionale grazie soprattutto al ruolo di sostegno – spesso sfociato nell’ingerenza – alle cosiddette “primavere arabe” svolto da Doha attraverso fiumi di “petro-dollari” e di propaganda diffusa capillarmente dalla celeberrima emittente televisiva “al-Jazeera”. Emerge una raffigurazione dettagliata, basata su notizie e dati regolarmente trascurati dai media “di massa”, che delinea con estrema precisione i contorni di questo nuovo assolutismo del XXI Secolo.
Prefazione del Prof. Nico Perrone.
==========
Gentile sostenitore, in un’università cattolica europea un professore ha osato dire agli studenti quello che la Chiesa ha sempre insegnato: che l’aborto è la soppressione di una vita innocente, un crimine abominevole.
L’università prima ha detto di voler aprire un’inchiesta, poi l’ha sospeso e ha aperto un procedimento disciplinare nei suoi confronti.
È accaduto in Belgio, a Lovanio.
Firma adesso la petizione! Tutto questo è inaccettabile!
Invitato dall’Università cattolica di Lovanio (UCL) il prof. Stéphane Mercier ha offerto ai suoi studenti un testo di una quindicina di pagine, intitolato ‘La filosofia per la vita. Contro un preteso diritto di scegliere l’aborto’.
Giustamente il professore ha affermato che l‘«IVG è un eufemismo che nasconde una menzogna: la verità è che l’aborto è l’assassinio di una persona innocente» e che si tratta di «un omicidio particolarmente abietto, perché l’innocente in questione è senza difesa».
Come era da aspettarsi le parole del professore hanno scatenato le solite polemiche del mondo femminista, riprese immediatamente dal quotidiano Le Soir.
Tutto prevedibile. Un po’ meno la posizione assunta in questa vicenda dall’università.
Ricordiamo che il Catechismo afferma: «Fin dal primo secolo la Chiesa ha dichiarato la malizia morale di ogni aborto provocato. Questo insegnamento non è mutato. Rimane invariabile. L'aborto diretto, cioè voluto come un fine o come un mezzo, è gravemente contrario alla legge morale: "Non uccidere il bimbo con l'aborto, e non sopprimerlo dopo la nascita". "Dio, padrone della vita, ha affidato agli uomini l'altissima missione di proteggere la vita, missione che deve essere adempiuta in modo degno dell'uomo. Perciò la vita, una volta concepita, deve essere protetta con la massima cura; e l'aborto come pure l'infanticidio sono abominevoli delitti"» (no. 2271).
Firma adesso la petizione a sostegno del Prof. Mercier!
Invece gli organi accademici, isolando completamente il professore, hanno affermato che «a prescindere dall’istruttoria il diritto all’aborto è iscritto nel diritto belga e il testo di cui siamo venuti a conoscenza è in contraddizione con i valori sostenuti dall’università. Il fatto di veicolare posizioni contrarie a questi valori durante l’insegnamento è inaccettabile».
Infine l’università ha deciso di sospendere Stéphane Mercier dai suoi corsi, e di aprire nei suoi confronti un procedimento disciplinare che può avere come esito un richiamo, o il licenziamento. E chiarisce ulteriormente che in seguito alla legge del 1990 che legalizza l’aborto, «rispetta l’autonomia delle donne a compiere questa scelte, nelle circostanze precisate dal legislatore».
È raccapricciante sentir parlare di “diritto” all’aborto un’università che porta il titolo di cattolica!
Per difendere la giusta posizione, in accordo alla dottrina della Chiesa cattolica, il professor Stéphane Mercier è stato squallidamente diffamato e messo alla porta.
Tutto questo è inaccettabile!
Firma adesso la petizione a sostegno del Prof. Mercier!
Sconfessando il Prof. Mercier, la UCL ha rinnegato se stessa e meriterebbe il duro monito che Nostro Signore rivolse agli Apostoli: «Voi siete il sale della terra; ma se il sale perde il suo sapore, con che cosa lo si potrà render salato? Non è più buono a nulla tranne che ad essere gettato via per essere calpestato dagli uomini» (Mt. 5,13). Cordialmente, Samuele Maniscalco. Sostieni le attività di Generazione Voglio Vivere!
Fai la tua donazione! Generazione Voglio Vivere

==============
 QATAR satana ummah ] che significa che anche mio padre ha la demenza senile? innanzi tutto, lui ha 91anni, e poi, se lo Spirito Santo non colpiva lui con la demenza senile: noi 4figli? saremmo andati noi tutti al manicomio! è vero: "io ho maledetto lui 8anni fa!"
 QATAR satana ummah mecca 666 kaaba ] figuriamoci, se io potrò avere pietà di un criminale come te!
Talmud FED CIA NWO Aipac SpA: voi siete dei cani! per difendere: Israele e i martiri cristiani? ABBATTERÒ OGNI OSTACOLO!

===============

ABORTO ABOMINEVOLE OMICIDIO! Firma la petizione a sostegno del Prof. Mercier! Petizione indirizzata alle autorità dell'Università Cattolica di Lovanio: Card. Joseph De Kesel (Grande Cancelliere), Le Loro Eccellenze Jean-Pierre Delville, Rémy Vancottem e Guy Harpignies, titolari del Comitato Organizzatore, il Sig. Jean Hilgers (Presidente del Consiglio di amministrazione) e il Prof. Vincent Blondel (Rettore) Gentili autorità dell'Università Cattolica di Lovanio, Desidero esprimere rispettosamente il mio stupore e la mia perplessità a seguito della dichiarazione ufficiale emessa dall’ Università Cattolica di Loviano (UCL) che si è dissociata da un testo di corso del Prof. Stéphane Mercier il quale non ha fatto altro che esprimere la posizione ufficiale della Chiesa cattolica sull'aborto, definito dal Concilio Vaticano II come un «crimine abominevole»
Come se ciò non bastasse il Prof. Mercier è stato addirittura sospeso dall’insegnamento e nei suoi confronti è stato aperto un procedimento disciplinare. Per porre rimedio a questo grave errore, vi chiediamo di emettere un comunicato ufficiale dichiarando che in quanto Università cattolica, la UCL si unisce totalmente e unanimemente alle posizioni del suo docente e in conseguenza di ciò reintegrare a pieno titolo il Prof. Mercier. Ne va dell’integrità e della difesa del titolo e dell’istituzione che la UCL rappresentata: la Chiesa cattolica. La vocazione di un'università cattolica è quella di ricercare la Verità che è Dio e garantire che le materie di insegnamento e le ricerche ivi condotte siano utilizzate per il bene autentico delle persone e della società umana. Per essere tale un'università cattolica deve rimanere fedele al messaggio cristiano così come esso è presentato dalla Chiesa. E proprio per la sua fedeltà a questa visione cattolica dell’insegnamento, il professor Stéphane Mercier è stato diffamato e sospeso, con la connivenza del suo datore di lavoro: l'Università Cattolica di Lovanio.
Sconfessando il Prof. Mercier, la UCL ha rinnegato se stessa e meriterebbe il duro monito che Nostro Signore rivolse agli Apostoli: «Voi siete il sale della terra; ma se il sale perde il suo sapore, con che cosa lo si potrà render salato? Non è più buono a nulla tranne che ad essere gettato via per essere calpestato dagli uomini» (Mt, 5, 13). Cordialmente,

Compila il form e firma la petizione a sostegno del Prof. Stéphane Mercier! In un’università cattolica europea un professore ha osato dire agli studenti quello che la Chiesa ha sempre insegnato: che l’aborto è la soppressione di una vita innocente, un crimine abominevole.
L’università prima ha detto di voler aprire un’inchiesta, poi l’ha sospeso e ha aperto un procedimento disciplinare nei suoi confronti. È accaduto in Belgio, a Lovanio.
 http://www.gen-vogliovivere.it/petizione-sostegno-prof-mercier/?origine=DN-eyot-plnv-bwwk
============

crisi di governo in Israele [ così deve essere in tutto il mondo: per salvare la democrazia le telecomunicazioni devono essere gestite dalla opposizione, e chi vince le elezioni deve avere un premio di maggioranza del 10%. ] crisi di governo in Israele [ Sul tavolo del nuovo esecutivo è quindi arrivata la riforma delle comunicazioni, su cui ha lavorato anche l’attuale ministro delle Finanze Moshe Kahlon. Quando tutto sembrava pronto per il via libera, c’è stato il ripensamento da parte di Netanyahu. “Alla domanda come mai all’ultimo momento Netanyahu si sia schierato contro una legge che lui stesso aveva fatto approvare, – scrive Della Pergola – la sua risposta è: “Mi è saltato il gene sefardita (!), e ho cambiato idea”. Kahlon insiste che non cederà, Bibi allora minaccia di licenziare il governo e di tornare alle urne dopo soli due anni dalle elezioni anticipate del 2015 che a loro volta avevano seguito di soli due anni le altre elezioni anticipate del 2013”.

SALMAN DEMENZA SENILE ARABIA ] no, non mi lascio impressionare da: Netanyahu ] [ IO SONO IL RE DEL GENERE UMANO!

SALMAN saudi DEMENZA SENILE ARABIA ] COME? non è vero che: tu sei diventato un coglione? [ questo sono io che lo devo giudicare!

SALMAN saudi DEMENZA SENILE ARABIA ] perché tu devi decapitare tutti i tuoi IMAM? perché sono delle capre! tutto quello che inizia con "A"? non potrebbe mai essere il nome di Dio, infatti "Adonay" è una malvagità dei Farisei per non fare nominare il nome di Dio ai gentili! al-nusra, al-troia, al-coglione, Allah, ecc.. .. al massimo con "A" può iniziare la preghiera: tipo: "Alleluia", tutta la tua Religione? è una truffa di religione corrotta.. il nome di Dio può iniziare con 2 lettere: JHWH ed Eloim [ El Elyon: cioè, Colui che è possessore del cielo e della terra ] . e questa è la dimostrazione che i FARISEI hanno scritto il Corano! che per essere stata una Parola increata dettata a Maometto? lui la ha scritta bene nella vagina 9anni troia Mecca Kaaba utero di argento con pene cazzo: di meteorite lunare: "into"! ... di questo tu puoi essere sicuro: IO SONO COSTRETTO A FARTI MORIRE PER BLASFEMIA E APOSTASIA!

my ISRAEL ] TU TUTTE E LUCERTOLE DI SATANA CHE IO HO CASTIGATO OGGI? NESSUNA HA OSATO ALZARE LA TESTA DAL CIMITERO!
================
Copyright © 2017 MessianicBible.com   (Articles cannot be copied without permission) "The Lion of the tribe of Judah, the Root of David, has triumphed."  (Revelation 5:5) Shalom Lorenzo, This week we are bringing you the prophecy of Genesis 49, that again proves from the Hebrew Scriptures that Yeshua (Jesus) is the Messiah. Ancient Rabbis and Christians agree on many things about the Messiah. They agree that he will be an offspring of Eve, whom God promised would defeat evil (Genesis 3:15), and that he will be from the line of Abraham, Isaac, Jacob, Judah and King David. Judah, however, had been specially favored. In Genesis 49:8–12, Jacob blesses Judah and his descendants with much more than the physical seed of the Messiah. “Judah, your brothers will praise you. ... You are a lion’s cub, Judah. ... The scepter will not depart from Judah, nor the ruler’s staff from between his feet, until Shiloh comes and the obedience of the nations shall be his." This prophecy presents a mystery of sorts, and as with any good mystery, there are clues to solve it.  The three clues of this prophecy are: Scepter

Copyright © 2017 MessianicBible.com (articoli non possono essere copiati senza permesso) "Il Leone della tribù di Giuda, il Germoglio di Davide, ha trionfato". (Apocalisse 5: 5) Shalom Lorenzo, Questa settimana vi stiamo portando la profezia della Genesi 49, che dimostra ancora una volta dalle Scritture Ebraiche che Yeshua (Gesù) è il Messia. Antichi rabbini e cristiani sono d'accordo su molte cose circa il Messia. Sono d'accordo che sarà un figlio di Eva, che Dio ha promesso sarebbe sconfiggere il male (Genesi 3:15), e che sarà dalla linea di Abramo, Isacco, Giacobbe, Giuda e il re Davide. Giuda, invece, era stato appositamente favorita. In Genesi 49: 8-12, Giacobbe benedice Giuda ei suoi discendenti con molto più che il seme fisico del Messia. “Giuda, i tuoi fratelli ti loderanno. ... Sei un cucciolo di leone, Giuda. ... Lo scettro non sarà rimosso da Giuda, né il bastone del comando tra i suoi piedi, finché Shiloh viene e l'obbedienza dei popoli sarà sua." Questa profezia presenta un mistero di sorta, e come in ogni buon mistero, lì . sono indizi per risolverlo I tre indizi di questa profezia sono: Sceptre

REALLY? then you all come on! ] [ Jordan king tells Arab summit: no peace: in region without Palestinian state. Leaders of 21 nations expected to reaffirm 2002 peace plan offering normalization with Israel after deal with Ramallah: REALLY? allora venite avanti! REALLY? then come on!



Ultra-Orthodox Jews hold placards during a protest against Israeli army conscription, in the center of Jerusalem, on March 28, 2017.  Ebrei ultra-ortodossi tengono cartelli durante una protesta contro la coscrizione esercito israeliano, nel centro di Gerusalemme, il 28 marzo 2017. ANSWER ] but, on their signs it is written: "We want our freedom of religion", ok! where freedom of religion the Mohammedans would give them, if it were not for the army? .. they are traitors and parasites! .. and then, who said that, under the military: can not study the Bible? these infamous criminals are taking a bat position!

ma, sui loro cartelli è scritto: "noi vogliamo la nostra libertà di religione", ok! quale libertà di religione i maomettani darebbero loro se non ci fosse l'esercito? .. sono dei traditori e dei parassiti! .. e poi, chi ha detto che sotto il servizio militare non si può studiare la Bibbia? questi infami stanno prendendo una posizione criminale!
=========


    Ruler's staff, Shiloh In this article, we’ll look at what Rabbis and Christians tell us about these clues and the Messiah in the blessing of Judah.  We'll also learn more about God’s plan for the nation of Israel and the world. As you discover the truth, you will be specially blessed! Lorenzo, please make a difference for Yeshua and Eternity! Bless Israel and the Jewish People, click now   The Messiah in Judah’s Blessing “You will not be called Jacob any longer,” God says.”From now on your name will be Israel."  (Genesis 35:10) From Israel, the twelve tribes and the Messiah would be born. One of Israel’s sons, Joseph, seems especially suited to carry the seed of the Messiah. Joseph’s brothers despised him and sold him into slavery in Egypt where he rose to power as the second in command and saved the lives of his family and many of the nations surrounding Egypt. In this and many other ways, Joseph’s life is thought to foreshadow the life of Yeshua (Jesus).
The Glory of Joseph (c. 1900), by James Tissot Rabbis through the ages have written about and are expecting a Messiah who will be the son of Joseph. They call him Messiah ben Joseph.  But in Judaism, there is also a Messiah who will be the son of David (Messiah ben David). 1 Chronicles 5:2 speaks about these two Messiahs: “Because Judah was the strongest of his brothers a ruler came from him, but the rights of the firstborn belonged to Joseph.” We’ll look at this expected “first Messiah” in another article. When referring to the Messiah who ushers in the End-Time Messianic Kingdom, we are speaking about Messiah ben David (Messiah son of David), who is from the tribe of Judah. Let us now turn our attention back to Judah (from whom the scepter will not depart). After living a long and eventful life, Israel (whose name was originally Jacob) realizes he is nearing the end of his life and desires to reveal a mystery to his twelve sons that no man of God had yet spoken: “Come together,” Israel says to his sons, “that I may tell you what is to befall you in the end of days [acharit hayamim].”  (Genesis 49:1)

il personale del sovrano, Shiloh In questo articolo, vedremo che cosa rabbini e cristiani ci raccontano questi indizi e il Messia nella benedizione di Giuda. Ci sarà anche conoscere meglio il piano di Dio per la nazione di Israele e del mondo. Come si scopre la verità, vi verrà appositamente benedetti! Lorenzo, si prega di fare la differenza per Yeshua e l'Eternità! Benedire Israele e il popolo ebraico, clicca ora Il Messia nella benedizione di Giuda “Non ti chiamerai più Giacobbe”, dice Dio.”D'ora in poi il tuo nome sarà Israele ". (Genesi 35:10) da Israele, i dodici tribù e il Messia sarebbe nato. Uno dei figli di Israele, Joseph, sembra particolarmente adatto per portare il seme del Messia. fratelli di Giuseppe lo disprezzavano e lo vendettero schiavo in Egitto dove è salito al potere come il secondo in comando e salvato la vita della sua famiglia e molti dei paesi che circondano l'Egitto. in questo e molti altri modi, la vita di Joseph è pensato per prefigurare la vita di Yeshua (Gesù).
La Gloria di Giuseppe (c. 1900), di James Tissot rabbini attraverso i secoli hanno scritto e stanno in attesa di un Messia che sarà il figlio di Giuseppe. Lo chiamano Messia ben Joseph. Ma nel giudaismo, c'è anche un Messia che sarà il figlio di Davide (Messia ben David). 1 Cronache 5: 2 parla di questi due Messia: “Perché Giuda era il più forte dei suoi fratelli un sovrano veniva da lui, ma i diritti del primogenito apparteneva a Giuseppe.” Vedremo questo atteso “prima Messia” in un altro articolo. Quando si fa riferimento al Messia, che introduce nel tempo della fine Regno messianico, stiamo parlando di Messia ben David (il Messia figlio di Davide), che è della tribù di Giuda. Passiamo ora la nostra attenzione a Giuda (da cui lo scettro non sarà rimosso). Dopo aver vissuto una vita lunga e movimentata, Israele (il cui nome era in origine Jacob) si rende conto che si sta avvicinando alla fine della sua vita e desidera per rivelare un mistero per i suoi dodici figli che nessun uomo di Dio aveva ancora parlato: “Come together,” Israele dice ai suoi figli, “che io possa dirvi che cosa è per accadere voi, alla fine di giorni [acharit Hayamim].” (Genesi 49: 1)



Please help our Bible Prophecy Project, click now Judah will be seen as a lion’s cub Though Judah and his offspring will hold the scepter of rule and law over God’s chosen people, their reign will remain limited to Israel.   Yet, one will come from Judah as a mature lion who will rule and judge the whole world. What does all this have to do with the end of days (acharit hayamim)? Judah will hold this ruling authority until Shiloh comes, to whom belongs the scepter, the rule of law, the one we obey. Judah would only be a shadow or placeholder until the true ruler arrives. And the obedience of the nation’s (amim) shall be his. The word in Hebrew for nations here is amim, which includes much more than merely the word for people (am); it means all people in all nations (amim) will obey the new scepter holder. If we are supposed to give our full obedience to Shiloh, we surely need to know who or where is Shiloh.
Jewish man worships at the Western (Wailing) Wall.   Who or Where Is SHILOH? The Hebrew word Shiloh (שלה) is often written in Christian Bibles as belonging to him.  We can say, then, that Shiloh is the one to whom belongs the scepter. Rabbis, however, have found another meaning for Shiloh embedded within Psalm 76:11: “Vow and pay to the Lord your God; all those around Him will bring a gift to Him Who is to be feared.” Looking at the Hebrew in this psalm, Rabbinic writings tell us that Shiloh (שלה) was thought to come from these two words:       a gift (שַׁי) pronounced shi
    to him (לוֹ) pronounced lo. Based on this understanding, the words “UNTIL SHILOH COME ... indicates that all the nations of the world will bring a gift to Messiah the son of David,” as is written in the Midrash Rabbah Genesis.  (see Psalm 76:11, verse 12 in Hebrew Bible) What better gift could we give the new scepter holder than our obedience?
Orthodox Jewish man delivers gifts on Purim in the Mea Shearim
neighborhood of Jerusalem. However, this is not the only Hebraic reference to Shiloh as the Messiah.
Aramaic was the common language of the day in Israel.

Si prega di aiutare il nostro progetto Profezia biblica, fare clic su ora Giuda sarà visto come un cucciolo di leone Anche se Giuda e la sua discendenza terrà lo scettro di regola e legge più di popolo eletto di Dio, il loro regno rimarrà limitata a Israele. Eppure, uno verrà da Giuda come un leone maturo che governerà e giudicare il mondo intero. Che cosa significa tutto questo ha a che fare con la fine dei giorni (acharit Hayamim)? Giuda si terrà questa autorità sentenza fino Shiloh arriva, al quale appartiene lo scettro, lo stato di diritto, quello obbediamo. Giuda sarebbe solo un'ombra o segnaposto fino a quando il vero sovrano arriva. E l'obbedienza della della nazione (amim) sarà sua. La parola in ebraico per le nazioni qui è amim, che comprende molto di più che semplicemente la parola per le persone (AM); vuol dire tutte le persone in tutte le nazioni (Amim) obbediranno al nuovo titolare scettro. Se siamo tenuti a dare la nostra piena obbedienza a Silo, abbiamo sicuramente bisogno di sapere chi o dove è Shiloh.
uomo ebreo adora presso il Western (Wailing) Wall. Chi o Dove è SHILOH? La parola ebraica Shiloh (שלה) è spesso scritto nel Christian Bibbie come appartenenti a lui. Possiamo dire, quindi, che Shiloh è colui al quale appartiene lo scettro. Rabbini, però, hanno trovato un altro significato per Shiloh incorporato all'interno di Salmo 76:11: “Voto e pagare per il Signore tuo Dio; . Tutti quelli intorno lo porterà un dono a Colui che è da temere”Guardando ebraica in questo salmo, Rabbinic scritti ci dicono che Shiloh (שלה) è stato pensato per venire da queste due parole: un dono (שַׁי) pronunciato shi
    a lui (לוֹ) pronunciato lo. Sulla base di questa comprensione, le parole “fino a Silo usciranno ... indica che tutte le nazioni del mondo porterà un regalo al messia figlio di Davide”, come è scritto nel Midrash Rabbah Genesis. (Cfr Sal 76:11, versetto 12 nella Bibbia ebraica) Quale miglior regalo che possiamo dare al nuovo titolare scettro della nostra obbedienza?
Ortodosso ebreo offre doni sulla Purim in Mea Shearim
quartiere di Gerusalemme. Tuttavia, questo non è l'unico riferimento ebraica a Silo come Messia.
L'aramaico era la lingua comune del giorno in Israele.



Written before and after the time of Yeshua, several Aramaic translations of the Bible (the Targumim written between 100 BC and AD 200) portray Shiloh from Genesis 49:10 as the Messiah. Here are two excerpts: “Kings shall not cease, nor rulers from the house of Judah, nor sopherim teaching the law from his seed, till the time that King Messiah shall come, who will arise from Judah.”  (Targum Jonathan Ben Uzziel, 50 BC–present) “He who exercised dominion shall not pass away from the house of Judah, nor the scribe from his children’s children forever, until Messiah shall come.  Whose is the kingdom, and whom the peoples shall obey.”  (Targum Onkelos, AD 35–120) These Bible translations were read in synagogues to the common people in Aramaic after the Scriptures were read in Hebrew.  The people were taught in these Aramaic Bibles that Shiloh is Messiah. Ancient commentaries written down by Rabbis from AD 200–500 (known as the Midrash and Talmud) also tell us Shiloh is the Messiah, such as this one: “The rulership abideth with the tribe of Judah until the arrival of Shiloh i.e. Messiah.”  (Midrash Rabbah) Lorenzo, Share God's Word, click now Rabbis have commonly held several names and roles for Mashiach (Messiah), and Shiloh was one of them: “The Messiah has been given seven names, and they are: Yinnon, Our Righteousness, Shoot, Comforter, David, Shiloh, Elijah.”  (Midrash on Proverbs 19 and 21, quoting Rabbi Huna (AD 216–296) a scholar of the Talmud in Babylon). Prominent Medieval Rabbis also agree that Shiloh refers to Messiah. Rabbi Shlomo Itzhaki (1040–1105) known as Rashi wrote that Shiloh refers to “The King Messiah, to whom the kingdom belongs [שלו]" pronounced shelo. Rabbi David Kimhi (1160–1235) known as Radak points out that the word Shiloh (שילו) is related to the word shilyat (שלית), which means the placenta after a child is born known as the afterbirth. He concludes that the scepter and ruling staff belong to Shiloh, a descendant of David (see Deuteronomy 28:57). These are only a handful of references in Rabbinic writings telling the Jewish People that Shiloh is the Messiah, and to him belongs the scepter. In the Bible and today in modern times Shiloh is also a town.
Tel Shiloh, located in southern Samaria, is the site of ancient Shilo and
part of the modern Jewish settlement of Shiloh.  (Photo: wikicommons) About 25 miles north of Jerusalem is a town called Shiloh, where the priests of Israel were instructed to set up the Tabernacle of Moses. “The entire assembly of the Israelis gathered together at Shiloh and set up the Tent of Meeting there, where the land lay conquered before them.”  (Joshua 18:1) A few rabbis have believed that this place is the Shiloh in Judah’s blessing. If the blessing is referring to this town, then Judah held the scepter of rulership only until the Hebrews conquered the Promised Land and moved the tabernacle to Shiloh. These few rabbis interpret Judah’s blessing in Genesis 49:10 to say “until they come to Shiloh [the town]” instead of “until Shiloh comes.” “The scepter will not depart from Judah, nor the ruler’s staff from between his feet, until Shiloh comes [until they come to Shiloh] and the obedience of the nations shall be his." The majority of rabbis disagree with this interpretation, as they interpret Shiloh as the Messiah.
Shilo and Jerusalem in ancient Israel. As a result of Solomon’s
disobedience, the nation of Israel split in two. Benjamin and Judah
became the Kingdom of Judea.  The other ten tribes became the
Kingdom of Israel to the north.   The Scepter Departs from Judah
Though Judah was given the king’s scepter, Rabbis through the millennia have taught that the prophecy starts with David the shepherd boy, son of Jesse who was the first king from the tribe of Judah. In Scripture, the prophecy is reinforced (or strengthened) by God making a covenant with King David to ensure that a seed of his will be on the throne forevermore: “I will be to him a father, and he shall be to me a son. I will not take my steadfast love from him, as I took it from him who was before you [Saul], but I will confirm him in my house and in my kingdom forever, and his throne shall be established forever.’”  (1 Chronicles 17:13–14) The uninterrupted line of the kings of Judah spanned from BC 1010–587, some 423 years.
(Source: Wikicommons)

Scritto prima e dopo il tempo di Yeshua, diverse traduzioni della Bibbia aramaico (Targumim scritto tra il 100 aC e il 200 dC) ritraggono Shiloh dalla Genesi 49:10 come il Messia. Qui ci sono due brani: “Re non perdono, né governanti dalla casa di Giuda, nè soferim insegnando la legge dal suo seme, fino al momento in cui Re Messia verrà, che sorgerà da Giuda” (Targum Jonathan Ben Uzziel, 50 aC-oggi) “Colui che esercita il dominio non passerà dalla casa di Giuda, nè lo scriba dai figli dei suoi figli per sempre, fino a quando il Messia verrà. Di chi è il regno, e che i popoli devono obbedire.”(Targum Onkelos, AD 35-120) Queste traduzioni della Bibbia sono state lette nelle sinagoghe per la gente comune in aramaico dopo le Scritture venivano lette in ebraico. Le persone sono state insegnate in questi aramaico Bibbie che Shiloh è il Messia. Antichi commenti scritti dalla rabbini da AD 200-500 (noto come il Midrash e Talmud) ci dicono anche Shiloh è il Messia, come questo: “Il dominio dimora con la tribù di Giuda, fino all'arrivo di Shiloh cioè il Messia” (Midrash Rabbah) Lorenzo, Parola Share di Dio, fare clic su ora rabbini hanno diffusa diversi nomi e ruoli per Mashiach (Messia), e Shiloh era uno di loro: “Il Messia è stato dato sette nomi, e sono: Yinnon, giustizia , Spara, Consolatore, David, Shiloh, Elia.”(Midrash su Proverbi 19 e 21, citando il rabbino Huna (AD 216-296) uno studioso del Talmud di Babilonia). Eminenti rabbini medievali d'accordo, inoltre, che si riferisce a Shiloh Messia. Rabbi Shlomo Itzhaki (1040-1105) noto come Rashi ha scritto che Shiloh si riferisce a “Il Re Messia, al quale il Regno appartiene [שלו]" Shelo pronunciato. Rabbi David Kimhi (1160-1235), noto come Radak sottolinea che la parola Shiloh (שילו) è legato alla parola shilyat (שלית), il che significa che la placenta dopo nasce un bambino conosciuto come la placenta. Egli conclude che il personale scettro e al potere appartengono a Shiloh, un discendente di Davide (vedi Deuteronomio 28:57) . Queste sono solo una manciata di riferimenti a scritti rabbinici dicendo al popolo ebraico che Shiloh è il Messia, ea lui appartiene lo scettro. nella Bibbia e oggi in tempi moderni Shiloh è anche una città.
Tel Shiloh, che si trova nel sud della Samaria, è il sito dell'antica Shilo e
parte del moderno insediamento ebraico di Shiloh. (Foto: Wikicommons) Circa 25 miglia a nord di Gerusalemme è una città chiamata Shiloh, dove i sacerdoti d'Israele, sono stati incaricati di impostare il Tabernacolo di Mosè. “L'intera assemblea degli israeliani riuniti in Silo e impostare la tenda di convegno lì, dove i laici terra conquistata davanti a loro.” (Giosuè 18: 1) Alcuni rabbini hanno creduto che questo posto è lo Shiloh in benedizione di Giuda. Se la benedizione si riferisce a questa città, allora Giuda ha tenuto lo scettro della sovranità solo fino a quando gli ebrei conquistarono la terra promessa e si è trasferito il tabernacolo a Silo. Questi pochi rabbini interpretano la benedizione di Giuda in Genesi 49:10 a dire “fino a quando non vengono a Shiloh [città]” invece di “fino a Shiloh viene.” “Lo scettro non sarà rimosso da Giuda, né il bastone del comando tra i suoi piedi, fino Shiloh viene [fino a quando non vengono a Shiloh] e l'obbedienza dei popoli sarà sua." la maggioranza dei rabbini d'accordo con questa interpretazione, in quanto interpretano Shiloh come il Messia.
Shilo e Gerusalemme nell'antico Israele. Come risultato di Salomone
la disobbedienza, la nazione di Israele diviso in due. Beniamino e di Giuda
è diventato il regno di Giudea. Le altre dieci tribù è diventato il
Regno di Israele a nord. Lo Scettro Partenza da Giuda
Anche se Giuda è stato dato lo scettro del re, rabbini attraverso i millenni hanno insegnato che la profezia inizia con David il pastorello, figlio di Iesse, che fu il primo re della tribù di Giuda. Nella Scrittura, la profezia è rinforzato (o rafforzata) da Dio fare un patto con il re Davide per garantire che un seme di suo sarà sul trono per sempre: “Io sarò per lui un padre, ed egli sarà per me un figlio . Non voglio prendere la mia benignità da lui, come l'ho ritirata da colui che era prima di [Saul], ma io lo conferma nella mia casa e nel mio regno per sempre, e il suo trono sarà reso stabile per sempre '”. (1 Cronache 17: 13-14) La linea ininterrotta dei re di Giuda attraversato da BC 1010-587, alcuni 423 anni.
(Fonte: Wikicommons)



Kings in the line of David stayed on the throne even in exile when Nebuchadnezzar placed the last Jewish king, Zedekiah, as his “puppet king” over Judea. After Zedekiah, never again did a king or ruler come from the line of Judah and David. And no descendant of Judah and David has arrived to take their place as king on the throne to hold the scepter. So how could the prophecy of Genesis 49 be fulfilled, since there have been no more potential kings of Israel to fulfill it? To answer that, we must understand the conditions placed on the scepter by God Himself.
Western Wall stones dropped by the Romans from the Temple Mount as
they destroyed the Second Temple in AD 70. The privilege given to Judah in holding the scepter depended on Israel’s obedience. “If your sons keep my covenant and my testimonies that I shall teach them, their sons also forever shall sit on your throne.’”  (Psalm 132:12; 2 Chronicles 6:16) There were good kings who followed God and bad kings who led the people astray. The wicked kings of Israel and Judea blatantly followed pagan gods; some even sacrificed their babies to Molech and took advantage of people without repentance. For these reasons, the descending lineage of Judah and David lost the throne.
Flight of the Prisoners (c. 1900), by James Tissot.  After decades of
disobedience, the people of Judea are taken captive into Babylon.  After
King Zedekiah’s reign ended (586 BC), never again did a king from the
line of Judah sit on a throne in Israel or Judea.

Re nella linea di Davide rimase sul trono anche in esilio quando Nabucodonosor collocato l'ultimo re ebraico, Sedechia, come il suo “re fantoccio” della Giudea. Dopo Sedechia, mai più fatto un re o un righello provenire dalla linea di Giuda e David. E nessun discendente di Giuda e di Davide è arrivato a prendere il loro posto come re sul trono per tenere lo scettro. Così come potrebbe la profezia di Genesi 49 si compia, dal momento che non ci sono stati più potenziali re d'Israele per soddisfare esso? Per rispondere a questo, dobbiamo capire le condizioni poste sul scettro da Dio stesso.
pietre Muro Occidentale sceso dai romani dal Monte del Tempio come
hanno distrutto il Secondo Tempio nel 70 dC Il privilegio dato a Giuda a tenere lo scettro dipendeva l'obbedienza di Israele. “Se i tuoi figli custodiranno la mia alleanza e la mia testimonianza che insegnerò loro, anche i loro figli per sempre sederanno sul tuo trono '”. (Salmo 132: 12; 2 Cronache 6:16) C'erano buoni re che seguirono Dio e cattivi re che ha guidato la gente fuori strada. I re malvagi di Israele e di Giudea palesemente seguiti dei pagani; alcuni addirittura sacrificato i loro bambini a Moloc e abbiamo approfittato di persone senza pentimento. Per queste ragioni, il lignaggio discendente di Giuda e David ha perso il trono.
Volo dei prigionieri (c. 1900), di James Tissot. Dopo decenni di
la disobbedienza, il popolo della Giudea sono presi in cattività a Babilonia. Dopo
regno di re Sedechia si è conclusa (586 aC), mai più fatto un re dal
Linea di Giuda, sedersi su un trono in Israele o in Giudea.

Give an offering for the Lord's work, click here If there is no throne to rule from, then there is no king to hold the scepter. According to Rabbi Moses ben Nachman (c. 1194–1280), known as Ramban, there is another good explanation for this. Ramban said that God was angry at the northern kingdom of Israel for having kings on the throne from other tribes—and so the prophet Achiyah said, “I will afflict the seed of David for this, but not forever.” (1 Kings 11:39) Even though David's line would suffer a break in their kingly rule, God's covenant with David still stands: God alone will raise up an everlasting King from David’s seed to sit on an everlasting throne. (2 Samuel 7:12–17) White Horseman (1918), by Nicholas Roerich may depict Daniel 7:13: "In my vision at night I looked, and there before me was one like a son of man, coming with the clouds of heaven. He approached the Ancient of Days and was led into His presence." The Scepter of Righteousness Belongs to Yeshua When we consider all the details of the scepter holder, as first prophesied over Judah, they lead us to Yeshua (Jesus) who meets the requirements: The scepter holder must be the King whom all peoples of all nations will one day obey: “Judah, your brothers will praise you. ... You are a lion’s cub. ... The scepter will not depart from Judah, nor the ruler’s staff from between his feet, until Shiloh comes and the obedience of the nations shall be his." (Genesis 49:8–12) In addition to receiving the obedience of the nations, kings will see what they were not told and understand what they had not heard (Isaiah 52:15). The Prophet Isaiah also tells us that “In his teaching the islands will put their hope” and he will be “a light for the Gentiles” so that “salvation may reach to the ends of the earth.” (Isaiah 42:4, 49:6) Two billion people today, including Jewish Believers, have accepted Yeshua HaMashiach (Jesus the Messiah) as their Lord, their Savior, and their hope. Flag of Jerusalem, which is in the territory of Judea, features the Lion of the Tribe of Judah over Western Wall stones designed on a prayer shawl motif. The Hebrew letters above the emblem spell Yerushalayim (Jerusalem).
Dare un'offerta per l'opera del Signore, clicca qui Se non c'è trono per governare da, allora non c'è re a tenere lo scettro. Secondo Rabbi Moses ben Nachman (c. 1194-1280), noto come Ramban, c'è un'altra buona spiegazione per questo. Ramban ha detto che Dio era arrabbiato con il regno settentrionale di Israele per aver re sul trono da altre tribù, e così il profeta Achiyah ha detto, “Io affliggere il seme di Davide per questo, ma non per sempre.” (1 Re 11: 39) Anche se la discendenza di Davide subirebbe una pausa nella loro dominio regale, alleanza di Dio con David si ferma: solo Dio susciterà un re eterno dal seme di Davide per sedersi su un trono eterno. (2 Samuel 7: 12-17)
Cavaliere Bianco (1918), da Nicholas Roerich può descrivere Daniele 7:13:
"Nella mia visione di notte io vidi, ed ecco apparire uno simile a un figlio
uomo, venire con le nubi del cielo. Si avvicinò l'Antico dei Giorni
. Ed è stato portato alla sua presenza" La scettro di giustizia appartiene a Yeshua Se consideriamo tutti i dettagli del titolare lo scettro, come prima profetizzato su Giuda, ci conducono a Yeshua (Gesù), che soddisfa i requisiti: Il titolare scettro deve essere il re il quale tutti i popoli di tutte le nazioni un giorno obey: “Giuda, i tuoi fratelli ti celebrerò te ... Tu sei cucciolo di leone ... lo scettro non sarà rimosso da Giuda, né il bastone del comando tra i suoi piedi.. , fino a quando Shiloh viene e l'obbedienza dei popoli sarà sua." (Genesi 49: 8-12) Oltre a ricevere l'obbedienza dei popoli, re vedrà ciò che non è stato detto e capire ciò che non avevano udito (Isaia 52:15). “Salvezza fino agli estremi confini della terra” Il profeta Isaia ci dice anche che “Nel suo insegnamento le isole metteranno la loro speranza” e sarà “luce per le genti” in modo che (Isaia 42: 4, 49 : 6) Due miliardi di persone oggi, tra cui ebrei credenti, hanno accettato Yeshua HaMashiach (Gesù il Messia), come loro Signore, loro Salvatore, e la loro speranza.
Bandiera di Gerusalemme, che si trova nel territorio della Giudea, presenta il Leone della
Tribù di Giuda su pietre muro del pianto disegnati su un motivo scialle di preghiera.
Le lettere ebraiche sopra l'emblema incantesimo Yerushalayim (Gerusalemme).

Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Copyright © 2017 MessianicBible.com (Articles cannot be copied without permission)




"The Lion of the tribe of Judah, the Root of David, has triumphed." (Revelation 5:5)


Shalom Lorenzo,

This week we are bringing you the prophecy of Genesis 49, that again proves from the Hebrew Scriptures that Yeshua (Jesus) is the Messiah.

Ancient Rabbis and Christians agree on many things about the Messiah.

They agree that he will be an offspring of Eve, whom God promised would defeat evil (Genesis 3:15), and that he will be from the line of Abraham, Isaac, Jacob, Judah and King David.

Judah, however, had been specially favored.

In Genesis 49:8–12, Jacob blesses Judah and his descendants with much more than the physical seed of the Messiah.

“Judah, your brothers will praise you. ... You are a lion’s cub, Judah. ... The scepter will not depart from Judah, nor the ruler’s staff from between his feet, until Shiloh comes and the obedience of the nations shall be his."



This prophecy presents a mystery of sorts, and as with any good mystery, there are clues to solve it. The three clues of this prophecy are:
Scepter
Ruler's staff
Shiloh

In this article, we’ll look at what Rabbis and Christians tell us about these clues and the Messiah in the blessing of Judah. We'll also learn more about God’s plan for the nation of Israel and the world.

As you discover the truth, you will be specially blessed!



Lorenzo, please make a difference for Yeshua and Eternity!

Bless Israel and the Jewish People, click now



The Messiah in Judah’s Blessing

“You will not be called Jacob any longer,” God says.”From now on your name will be Israel." (Genesis 35:10)

From Israel, the twelve tribes and the Messiah would be born.

One of Israel’s sons, Joseph, seems especially suited to carry the seed of the Messiah.

Joseph’s brothers despised him and sold him into slavery in Egypt where he rose to power as the second in command and saved the lives of his family and many of the nations surrounding Egypt.

In this and many other ways, Joseph’s life is thought to foreshadow the life of Yeshua (Jesus).


The Glory of Joseph (c. 1900), by James Tissot

Rabbis through the ages have written about and are expecting a Messiah who will be the son of Joseph. They call him Messiah ben Joseph. But in Judaism, there is also a Messiah who will be the son of David (Messiah ben David).

1 Chronicles 5:2 speaks about these two Messiahs: “Because Judah was the strongest of his brothers a ruler came from him, but the rights of the firstborn belonged to Joseph.”

We’ll look at this expected “first Messiah” in another article.

When referring to the Messiah who ushers in the End-Time Messianic Kingdom, we are speaking about Messiah ben David (Messiah son of David), who is from the tribe of Judah.

Let us now turn our attention back to Judah (from whom the scepter will not depart).

After living a long and eventful life, Israel (whose name was originally Jacob) realizes he is nearing the end of his life and desires to reveal a mystery to his twelve sons that no man of God had yet spoken:

“Come together,” Israel says to his sons, “that I may tell you what is to befall you in the end of days [acharit hayamim].” (Genesis 49:1)


Father blesses his sons. (Photo by Lilach Daniel)

Jacob reveals this mystery in verses 8–12 as he rests his hand on his fourth son Judah and prophesies:

The SCEPTER (shevet, שבט) will not depart from Judah.

The Hebrew word Shevet (שבט) means different things in different passages.

In most passages in the Tanakh (Old Testament), shevet means tribe. But it can mean much more. For example, Numbers 24:17 prophesies that “a star shall rise out of Jacob and a scepter (shevet) out of Israel.”

Our prophecy in Genesis also speaks of a ruler’s staff or scepter that will rule the nations.

What is a scepter?

In Hebrew, shevet is a rod used for chastisement or the staff a shepherd uses to guide his sheep (Psalm 23:4). But when written in this context, this rod or staff represents the royal authority of a king, as we see in this psalm:

“Your throne, O God, is forever and ever. The scepter of your kingdom is a scepter of uprightness.” (Psalm 45:6)

Judah will serve as ruler in Israel with this scepter.


Genesis 38: Judah gives his scepter to Tamar (1728), by
Gerard Hoet (1648–1733), and others. (Photo courtesy of
Bizzell Bible Collection at the University of Oklahoma)

The ruler’s staff (mekhokek in Hebrew) will not depart from between Judah’s feet.

In ancient Israel, legislators would speak among the feet of the people as they sat on the ground in semicircles (Luke 23:1).

Judah’s line will carry this responsibility, possessing the ruler’s staff (mekhokek וּמְחֹקֵ֖ק), and the authority to inscribe laws among the people of Israel.

The ruler’s staff is another way of saying scepter.


"Judah is a lion's cub." (Genesis 49:9)
Please help our Bible Prophecy Project, click now

Judah will be seen as a lion’s cub

Though Judah and his offspring will hold the scepter of rule and law over God’s chosen people, their reign will remain limited to Israel.

Yet, one will come from Judah as a mature lion who will rule and judge the whole world.

What does all this have to do with the end of days (acharit hayamim)?

Judah will hold this ruling authority until Shiloh comes, to whom belongs the scepter, the rule of law, the one we obey.

Judah would only be a shadow or placeholder until the true ruler arrives.

And the obedience of the nation’s (amim) shall be his.

The word in Hebrew for nations here is amim, which includes much more than merely the word for people (am); it means all people in all nations (amim) will obey the new scepter holder.

If we are supposed to give our full obedience to Shiloh, we surely need to know who or where is Shiloh.


Jewish man worships at the Western (Wailing) Wall.



Who or Where Is SHILOH?

The Hebrew word Shiloh (שלה) is often written in Christian Bibles as belonging to him. We can say, then, that Shiloh is the one to whom belongs the scepter.

Rabbis, however, have found another meaning for Shiloh embedded within Psalm 76:11:

“Vow and pay to the Lord your God; all those around Him will bring a gift to Him Who is to be feared.”

Looking at the Hebrew in this psalm, Rabbinic writings tell us that Shiloh (שלה) was thought to come from these two words:
a gift (שַׁי) pronounced shi
to him (לוֹ) pronounced lo.

Based on this understanding, the words “UNTIL SHILOH COME ... indicates that all the nations of the world will bring a gift to Messiah the son of David,” as is written in the Midrash Rabbah Genesis. (see Psalm 76:11, verse 12 in Hebrew Bible)

What better gift could we give the new scepter holder than our obedience?


Orthodox Jewish man delivers gifts on Purim in the Mea Shearim
neighborhood of Jerusalem.

However, this is not the only Hebraic reference to Shiloh as the Messiah.
Aramaic was the common language of the day in Israel.

Written before and after the time of Yeshua, several Aramaic translations of the Bible (the Targumim written between 100 BC and AD 200) portray Shiloh from Genesis 49:10 as the Messiah.

Here are two excerpts:

“Kings shall not cease, nor rulers from the house of Judah, nor sopherim teaching the law from his seed, till the time that King Messiah shall come, who will arise from Judah.” (Targum Jonathan Ben Uzziel, 50 BC–present)

“He who exercised dominion shall not pass away from the house of Judah, nor the scribe from his children’s children forever, until Messiah shall come. Whose is the kingdom, and whom the peoples shall obey.” (Targum Onkelos, AD 35–120)

These Bible translations were read in synagogues to the common people in Aramaic after the Scriptures were read in Hebrew. The people were taught in these Aramaic Bibles that Shiloh is Messiah.

Ancient commentaries written down by Rabbis from AD 200–500 (known as the Midrash and Talmud) also tell us Shiloh is the Messiah, such as this one:

“The rulership abideth with the tribe of Judah until the arrival of Shiloh i.e. Messiah.” (Midrash Rabbah)


Lorenzo, Share God's Word, click now

Rabbis have commonly held several names and roles for Mashiach (Messiah), and Shiloh was one of them:

“The Messiah has been given seven names, and they are: Yinnon, Our Righteousness, Shoot, Comforter, David, Shiloh, Elijah.” (Midrash on Proverbs 19 and 21, quoting Rabbi Huna (AD 216–296) a scholar of the Talmud in Babylon).

Prominent Medieval Rabbis also agree that Shiloh refers to Messiah.

Rabbi Shlomo Itzhaki (1040–1105) known as Rashi wrote that Shiloh refers to “The King Messiah, to whom the kingdom belongs [שלו]" pronounced shelo.

Rabbi David Kimhi (1160–1235) known as Radak points out that the word Shiloh (שילו) is related to the word shilyat (שלית), which means the placenta after a child is born known as the afterbirth.

He concludes that the scepter and ruling staff belong to Shiloh, a descendant of David (see Deuteronomy 28:57).

These are only a handful of references in Rabbinic writings telling the Jewish People that Shiloh is the Messiah, and to him belongs the scepter.

In the Bible and today in modern times Shiloh is also a town.


Tel Shiloh, located in southern Samaria, is the site of ancient Shilo and
part of the modern Jewish settlement of Shiloh. (Photo: wikicommons)

About 25 miles north of Jerusalem is a town called Shiloh, where the priests of Israel were instructed to set up the Tabernacle of Moses.

“The entire assembly of the Israelis gathered together at Shiloh and set up the Tent of Meeting there, where the land lay conquered before them.” (Joshua 18:1)

A few rabbis have believed that this place is the Shiloh in Judah’s blessing.

If the blessing is referring to this town, then Judah held the scepter of rulership only until the Hebrews conquered the Promised Land and moved the tabernacle to Shiloh.

These few rabbis interpret Judah’s blessing in Genesis 49:10 to say “until they come to Shiloh [the town]” instead of “until Shiloh comes.”

“The scepter will not depart from Judah, nor the ruler’s staff from between his feet, until Shiloh comes [until they come to Shiloh] and the obedience of the nations shall be his."

The majority of rabbis disagree with this interpretation, as they interpret Shiloh as the Messiah.


Shilo and Jerusalem in ancient Israel. As a result of Solomon’s
disobedience, the nation of Israel split in two. Benjamin and Judah
became the Kingdom of Judea. The other ten tribes became the
Kingdom of Israel to the north. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. The Scepter Departs from Judah
Though Judah was given the king’s scepter, Rabbis through the millennia have taught that the prophecy starts with David the shepherd boy, son of Jesse who was the first king from the tribe of Judah.

In Scripture, the prophecy is reinforced (or strengthened) by God making a covenant with King David to ensure that a seed of his will be on the throne forevermore:

“I will be to him a father, and he shall be to me a son. I will not take my steadfast love from him, as I took it from him who was before you [Saul], but I will confirm him in my house and in my kingdom forever, and his throne shall be established forever.’” (1 Chronicles 17:13–14)

The uninterrupted line of the kings of Judah spanned from BC 1010–587, some 423 years.


(Source: Wikicommons)
Kings in the line of David stayed on the throne even in exile when Nebuchadnezzar placed the last Jewish king, Zedekiah, as his “puppet king” over Judea.

After Zedekiah, never again did a king or ruler come from the line of Judah and David.

And no descendant of Judah and David has arrived to take their place as king on the throne to hold the scepter.

So how could the prophecy of Genesis 49 be fulfilled, since there have been no more potential kings of Israel to fulfill it?

To answer that, we must understand the conditions placed on the scepter by God Himself.


Western Wall stones dropped by the Romans from the Temple Mount as
they destroyed the Second Temple in AD 70.

The privilege given to Judah in holding the scepter depended on Israel’s obedience.

“If your sons keep my covenant and my testimonies that I shall teach them, their sons also forever shall sit on your throne.’” (Psalm 132:12; 2 Chronicles 6:16)

There were good kings who followed God and bad kings who led the people astray.

The wicked kings of Israel and Judea blatantly followed pagan gods; some even sacrificed their babies to Molech and took advantage of people without repentance.

For these reasons, the descending lineage of Judah and David lost the throne.


Flight of the Prisoners (c. 1900), by James Tissot. After decades of
disobedience, the people of Judea are taken captive into Babylon. After
King Zedekiah’s reign ended (586 BC), never again did a king from the
line of Judah sit on a throne in Israel or Judea.
Give an offering for the Lord's work, click here

If there is no throne to rule from, then there is no king to hold the scepter.

According to Rabbi Moses ben Nachman (c. 1194–1280), known as Ramban, there is another good explanation for this.

Ramban said that God was angry at the northern kingdom of Israel for having kings on the throne from other tribes—and so the prophet Achiyah said, “I will afflict the seed of David for this, but not forever.” (1 Kings 11:39)

Even though David's line would suffer a break in their kingly rule, God's covenant with David still stands: God alone will raise up an everlasting King from David’s seed to sit on an everlasting throne. (2 Samuel 7:12–17)


White Horseman (1918), by Nicholas Roerich may depict Daniel 7:13:
"In my vision at night I looked, and there before me was one like a son of
man, coming with the clouds of heaven. He approached the Ancient of Days
and was led into His presence."



The Scepter of Righteousness Belongs to Yeshua

When we consider all the details of the scepter holder, as first prophesied over Judah, they lead us to Yeshua (Jesus) who meets the requirements:

The scepter holder must be the King whom all peoples of all nations will one day obey:

“Judah, your brothers will praise you. ... You are a lion’s cub. ... The scepter will not depart from Judah, nor the ruler’s staff from between his feet, until Shiloh comes and the obedience of the nations shall be his." (Genesis 49:8–12)

In addition to receiving the obedience of the nations, kings will see what they were not told and understand what they had not heard (Isaiah 52:15).

The Prophet Isaiah also tells us that “In his teaching the islands will put their hope” and he will be “a light for the Gentiles” so that “salvation may reach to the ends of the earth.” (Isaiah 42:4, 49:6)

Two billion people today, including Jewish Believers, have accepted Yeshua HaMashiach (Jesus the Messiah) as their Lord, their Savior, and their hope.


Flag of Jerusalem, which is in the territory of Judea, features the Lion of the
Tribe of Judah over Western Wall stones designed on a prayer shawl motif.
The Hebrew letters above the emblem spell Yerushalayim (Jerusalem).



The Scepter of Judgement and Rule Belongs to the Lion of the Tribe of Judah

While we now enjoy our Messiah Yeshua as our Lord in the heavenlies, He will come down as the Lion of the tribe of Judah at the very end of days (acharit hayamim).

“Behold, the Lion of the tribe of Juda, the Root of David, hath prevailed to open the book, and to loose the seven seals thereof. …” (Revelation 5:5)

Here, in the Book of Revelation, as prophecy comes to a close for all humanity, the Lion of the Tribe of Judah is revealed as the Lamb who had been slain to claim the final victory over death and reign on earth forevermore:

“In the midst of the elders, stood a Lamb as it had been slain . . . . And they sung a new song, saying, Thou art worthy to take the book, and to open the seals thereof: for thou wast slain, and hast redeemed us to God by thy blood out of every kindred, and tongue, and people, and nation; And hast made us unto our God kings and priests: and we shall reign on the earth.” (Revelation 5:6–10)


The seventh and final shofar in the Book of Revelation will sound when
Yeshua returns to Jerusalem, hailing Him as King Messiah (Revelation 11:15).



Yeshua Is Returning Very Soon

Since the rebirth of Israel as a nation in 1948, prophecy is being fulfilled with Jews returning en masse. Almost half of the world’s Jewish population now lives in Israel!

The plans to rebuild the Temple in Jerusalem are taking place even as you are reading this article!

The Jewish Priesthood has been identified through DNA testing and other records, and these men have been trained for Temple Service.

The blueprints for the rebuilding of the Temple have already been drafted and approved by Israeli politicians.

Only the Dome of the Rock and the Al-Aqsa mosque stand in the way of the rebuilding of the Jewish Temple in which King Messiah will one day take His rightful place.


The Golden Gate to the Old City of Jerusalem was last sealed in the early
12th century by the Ottomon Turks, who also placed a Muslim cemetery in
front of it to (it is thought) prevent Elijah and the Messiah from entering.

In the Book of Acts, the disciples stood with Jesus on the Mount of Olives, just across the valley from where the Temple stood, when they saw Him ascend into heaven.

Two men dressed in white (angels) explained to them that Yeshua will come back to this same place.

In Jewish tradition the Messiah will enter through the Golden Gate. This is the only gate directly across from the Mount of Olives.

The Messiah (Shiloh) will then take His rightful place that belongs to Him (shelo / shiloh) in the new rebuilt Temple in Jerusalem.



Lorenzo, we are living in the most exciting times of history, right in the cusp of seeing Yeshua return to Jerusalem, hopefully in our lifetimes!

"Look, I am coming soon! My reward is with Me, and I will give to each person according to what they have done." (Revelation 22:12)
Please help us proclaim Yeshua to Israel and the nations with your gift of $100, $50, $250, $500 or $1000

Lorenzo, Give a Special Gift Today
sponsor Bible Translation in 184 languages
sponsor a Chapter of the Bible
Give your Tithe


"Bring the whole tithe into the storehouse, that there may be food in my house. Test me in this," says the LORD Almighty, "and see if I will not throw open the floodgates of heaven and pour out so much blessing that there will not be room enough to store it." (Malachi 3:10)



Copyright © 2017 MessianicBible.com
Articles cannot be copied without permission Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.

This message was sent to lorenzo_scarola@fastwebnet.it from:

Messianic Bible | news@biblesforisrael.com | Bibles For Israel | P.O. Box 8900 | Pueblo, CO 81008

Update Profile

Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.
Persecuted believers are isolated and vulnerable. Help give them strength in the storm! Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. View this email in your browser Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.



Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.

Dear Lorenzo, Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. When Shifa came to know Jesus, she knew the road ahead would be lonely.





Living in a staunchly Islamic country, the only Christian Shifa knew lived in another city – and she had nowhere to turn for encouragement in her new faith. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. “Even though I’d accepted Christ, I felt like I hardly knew Him,” she says. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Like Shifa, countless Christians are terribly isolated as they follow Jesus in places where faith costs the most. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Your gift today will help disciple these vulnerable believers – giving them strength to endure the storm of persecution – and provide Bibles to give them courage and hope each day. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. On their behalf, thank you for your generosity!


Together in His service, Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.

Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.



Jan Gouws
Executive Director
Open Doors Southern Africa Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.


I want to give Christians strength in the storm >> Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. *Representative photo used for security reasons. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.
Please use your Open Doors Donor Number: E1703/0319660, when completing the online form.

If you would like to make a donation via EFT (Electronic Fund Transfer) please see our banking details below:

Open Doors Southern Africa
ABSA - Northcliff (632005)
Acc. nr. 160340568 (Current/Cheque)

Nedbank Business Account (198765)
Open Doors-Geopende Deure
Acc. nr. 113 750 4552

Open Doors Donor Number: E1703/0319660, when making an EFT donation. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.









Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.


©2017 Open Doors Southern Africa. All rights reserved.
You are receiving this e-mail because you opted in on our Open Doors website or at an Open Doors meeting.

Our mailing address is:
Open Doors Southern Africa
P.O. Box 1771
Cresta
Johannesburg, Gauteng 2118
South Africa Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.

unsubscribe from this list | update subscription preferences | forward e-mail Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.

Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.







La nostra Mission


Fronte della vita! Tutela della vita dal concepimento alla morte naturale.

 Scopri

Campagne Attive


Le nostre campagne attualmente in corso per educare le generazioni più giovani al rispetto della vita nascente


Sostieni
Materiali


Tutto il materiale a scopo informativo della campagna no-profit Voglio Vivere

 Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.
ROMA/ Il 20 maggio tutti alla Marcia per la Vita


22-03-2017
 Testamento biologico: rischiano le persone incapaci


15-03-2017


COMUNICATO STAMPA 13/3/17 «Siamo fortemente preoccupati per la sorte di tante persone, tra cui numerosi bambini,...
 BOLIVIA/ Disegno di legge per allagare le maglie dell’aborto, senza obiezione di coscienza


13-03-2017


La Bolivia potrebbe modificare la legislazione vigente sull’aborto, già ampiamente libertaria, consentendo anche alle madri... Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.

Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.



Gentile sostenitore, Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.



in un’università cattolica europea un professore ha osato dire agli studenti quello che la Chiesa ha sempre insegnato: che l’aborto è la soppressione di una vita innocente, un crimine abominevole. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.



Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.



L’università prima ha detto di voler aprire un’inchiesta, poi l’ha sospeso e ha aperto un procedimento disciplinare nei suoi confronti.



È accaduto in Belgio, a Lovanio. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.


Firma adesso la petizione! Tutto questo è inaccettabile! Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.
Invitato dall’Università cattolica di Lovanio (UCL) il prof. Stéphane Mercier ha offerto ai suoi studenti un testo di una quindicina di pagine, intitolato ‘La filosofia per la vita. Contro un preteso diritto di scegliere l’aborto’.



Giustamente il professore ha affermato che l‘«IVG è un eufemismo che nasconde una menzogna: la verità è che l’aborto è l’assassinio di una persona innocente» e che si tratta di «un omicidio particolarmente abietto, perché l’innocente in questione è senza difesa».



Come era da aspettarsi le parole del professore hanno scatenato le solite polemiche del mondo femminista, riprese immediatamente dal quotidiano Le Soir.



Tutto prevedibile. Un po’ meno la posizione assunta in questa vicenda dall’università.



Ricordiamo che il Catechismo afferma: «Fin dal primo secolo la Chiesa ha dichiarato la malizia morale di ogni aborto provocato. Questo insegnamento non è mutato. Rimane invariabile. L'aborto diretto, cioè voluto come un fine o come un mezzo, è gravemente contrario alla legge morale: "Non uccidere il bimbo con l'aborto, e non sopprimerlo dopo la nascita". "Dio, padrone della vita, ha affidato agli uomini l'altissima missione di proteggere la vita, missione che deve essere adempiuta in modo degno dell'uomo. Perciò la vita, una volta concepita, deve essere protetta con la massima cura; e l'aborto come pure l'infanticidio sono abominevoli delitti"» (no. 2271). Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.


Firma adesso la petizione a sostegno del Prof. Mercier! Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.
Invece gli organi accademici, isolando completamente il professore, hanno affermato che «a prescindere dall’istruttoria il diritto all’aborto è iscritto nel diritto belga e il testo di cui siamo venuti a conoscenza è in contraddizione con i valori sostenuti dall’università. Il fatto di veicolare posizioni contrarie a questi valori durante l’insegnamento è inaccettabile».



Infine l’università ha deciso di sospendere Stéphane Mercier dai suoi corsi, e di aprire nei suoi confronti un procedimento disciplinare che può avere come esito un richiamo, o il licenziamento. E chiarisce ulteriormente che in seguito alla legge del 1990 che legalizza l’aborto, «rispetta l’autonomia delle donne a compiere questa scelte, nelle circostanze precisate dal legislatore».



È raccapricciante sentir parlare di “diritto” all’aborto un’università che porta il titolo di cattolica!



Per difendere la giusta posizione, in accordo alla dottrina della Chiesa cattolica, il professor Stéphane Mercier è stato squallidamente diffamato e messo alla porta.



Tutto questo è inaccettabile! Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.


Firma adesso la petizione a sostegno del Prof. Mercier! Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.
Sconfessando il Prof. Mercier, la UCL ha rinnegato se stessa e meriterebbe il duro monito che Nostro Signore rivolse agli Apostoli: «Voi siete il sale della terra; ma se il sale perde il suo sapore, con che cosa lo si potrà render salato? Non è più buono a nulla tranne che ad essere gettato via per essere calpestato dagli uomini» (Mt. 5,13).



Cordialmente, Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.



Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.



Samuele Maniscalco

Responsabile Campagna Generazione Voglio Vivere Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.

Sostieni le attività di Generazione Voglio Vivere! Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Fai la tua donazione! Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.
Generazione Voglio Vivere



Hai ricevuto questo messaggio perchè in passato sei stato interessato ad una delle nostre iniziative. Se non vuoi più ricevere messaggi su questa campagna, disiscriviti. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.
Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.