BASTARDI martiri Columbia

Martiri dei nostri giorni







NO FLY ZONE, PER TUTTI GLI AEREI DA E PER LA TURCHIA! LA SICUREZZA I BASTARDI SE LA DEVONO VEDERE NEI LORO CONFINI! La Turchia mette le mani avanti sulla tregua in Siria, 25.02.2016(Il primo ministro turco Ahmet Davutoglu ha detto che il cessate il fuoco in Siria non sarà imprescindibile se sarà minacciata la sicurezza della Turchia, segnala l'agenzia “Reuters”. Il premier turco ha osservato che, se necessario, Ankara intraprenderà "misure appropriate" nei confronti delle milizie curde e dei terroristi del Daesh.
"Ankara è l'unico luogo in cui vengono prese le decisioni in materia di sicurezza della Turchia," — ha sottolineato.
L'accordo sul cessate il fuoco in Siria dovrebbe entrare in vigore alla mezzanotte del 27 febbraio.
    Correlati:
Erdogan appoggia a denti stretti la tregua in Siria
Lavrov: da USA e suoi alleati appelli per la guerra piuttosto che per la pace in Siria
Accordo tra USA e Russia sul cessate il fuoco in Siria
Militari di USA e Russia determineranno le zone dove non si combatterà in Siria: http://it.sputniknews.com/mondo/20160225/2164447/Curdi-Daesh-Davutoglu-Ankara.html#ixzz41BWTg4av


Il Buon Pastore da la vita per le sue pecore (Gv. 10,11)
La domenica 17 marzo 2002, all'uscita della parrocchia del Buon Pastore a Cali, Colombia, dove aveva sposato 104 coppie, è stato assassinato da due sicari S.E. Mons. Isaias Duarte Cancino, intrepido arcivescovo della terza città del Paese.
Va notato che i media poco hanno riferito e alcuni, quando l'hanno fatto, si sono prodigati nel distorcere la realtà, presentando Mons. Duarte come una sorta di pacifista ad oltranza e comunque, non ucciso dai guerriglieri marxisti ma dai killer del narcotraffico.
Ma che vuol dire?
Non bastano agli eterni idealizzatori nostrani del guevarismo (che non sembrano impressionarsi nemmeno quando a farne le spese sono inermi cittadini italiani sequestrati) le migliaia di prove raccolte da americani e colombiani a dimostrazione che i cartelli della droga e la guerriglia marxista agiscono come un tutt'uno?
Che sono i soldi della droga sui mercati internazionali ad armare i guerriglieri, e le armi di costoro a proteggere le piantagioni di coca?
Ma tant'è. Il mito di Fidel sembra paralizzare le grandi agenzie informative, quindi meglio solo parlare di narcotraffico.
In Italia se uno sventurato viene rapito, occupa la prima pagina di tutti i giornali.
Se vengono rapiti in Colombia cinque o più nostri connazionali, al massimo c'è un flash di agenzia e quattro righe in fondo alle pagine internazionali.
Anche per questi strani silenzi, ed in omaggio alla verità e alla figura del coraggioso presule colombiano, si impone qualche parola sui precedenti del caso, per capire quanto accaduto il 17 marzo scorso.
Mons. Duarte è stato un vescovo lucido, che si rese ben presto conto della tragedia che attanagliava la sua sventurata nazione, parlando senza timori.
Pochi giorni prima dell'assassinio aveva denunciato la gigantesca collusione di interessi che faceva marcire il suo paese: il narcotraffico che finanzia molti candidati politici, a loro volta impegnati in accordi con la guerriglia, impedendo l'urgente asportazione di questo gigantesco tumore terroristico-criminale e affaristico nel seno dell'America latina.
Anche l'amministrazione nordamericana del presidente Bush ha denunciato categoricamente che la guerriglia colombiana non è una guerra di liberazione intrapresa da idealisti, ma un autentico movimento terroristico che si nutre degli introiti del narcotraffico.
Ma c'è una parte della classe politica colombiana che per decenni si è ostinata a non vedere come stavano le cose, estenuandosi in trattative e negoziati paralizzanti, i quali addirittura avevano portato le autorità a consegnare alla guerriglia un territorio più grande della Svizzera, una sorta di Stato nello Stato colombiano, che provocava instabilità e insicurezza per il resto della nazione (vedi notizia su questo stesso numero).
24 - TRADIZIONE FAMIGLIA PROPRIETÀ/MARZO 2002
L'arcivescovo di Cali, dice l’agenzia vaticana Fides, criticava "energicamente la brutalità della guerriglia e l'eccessiva condiscendenza del governo colombiano". E aggiungeva: "L'arcivescovo fa riferimento all'incursione delle Forze Armate rivoluzionarie di Colombia [cioè, le famigerate FARC, ndr] ad Arboleda, dove i guerriglieri hanno massacrato la popolazione (...) giocando poi con le teste dei poliziotti e dei militari assassinati".
E mentre l'indeciso governo di Pastrana faceva guadagnare tempo ai guerriglieri castristi in estenuanti negoziati, Mons. Duarte protestava:
"La guerriglia ha l'insolenza di affermare che essa rappresenta il popolo della Colombia sui tavoli del negoziato, mentre sappiamo che l'unica cosa che fa è oltraggiarlo, umiliarlo e, distruggerlo con sequestri, violenza in tutte le sue forme e morte... un guerrigliero che sequestra e uccide, che elimina intere popolazioni e si fa gioco del processo di pace, manca delle virtù proprie di un essere umano e si trasforma nel più miserabile degli uomini".
E riferendosi al governo colombiano di Pastrana molto prima che esso, travolto dalla schiacciante evidenza della malafede marxista, rinunciasse a continuare la farsa dei negoziati e rioccupasse il territorio prima assegnato ai guerriglieri, Mons. Duarte asseriva:
"Voglia Dio che la stessa società civile, oltraggiata e umiliata, possa sedersi un giorno ai tavoli di negoziato per difendere i suoi diritti e chiedere a quei violenti quanto lo Stato colombiano non è stato capace di chiedere " 1.
Già nel 1999 aveva scomunicato i mèmbri dell'ELN (l'altro gruppo guerrigliero marxista della Colombia) dopo il sequestro di tutti i fedeli della chiesa La Maria di Cali.
Non è "compiendo ingiustizie che si lotta perla giustizia, ne aggredendo esseri innocenti che si giunge alla pace", dichiarò in quell'occasione, asserendo che "è uno sproposito parlare con un gruppo ribelle che continua i suoi atti violenti mentre dialoga " 2.
Avvertito dai rischi che correva con queste denunce, Mons. Duarte ha preferito la strada della coerenza fino al martirio piuttosto che quella del silenzio.
Così ha seguito i passi di un altro eroico presule colombiano, Mons. Jesùs Emilio Jaramillo Monsalve, vescovo di Arauca, ucciso il 2 ottobre 1989 dai guerriglieri filo-castristi dell'ELN.
Filo castristi? Sì, proprio così. Gli italiani forse non conoscono le parole di Mons. Agustin Romàn, vescovo cubano e ausiliare di Miami, proferite pochissimi giorni prima dell'uccisione di Mons. Duarte.
Il presule della Florida aveva detto che, come cubano, si sentiva nel dovere di fare una richiesta di perdono e un atto di riparazione ai colombiani "per la violenza marxista uscita da Cuba".
E aggiungeva: "Da lì è partito l'odio di molte battaglie fratricide che hanno insanguinato altri popoli latinoamericani, da lì sono partiti il terrorismo e l'eversione nonché le armi che sono state strumenti di morte dal Rio Bravo alla Patagonia . (...)
Non è certo il popolo cubano da incolpare per tutto ciò. Questo popolo è la prima vittima di questi uomini senza Dio che hanno promosso la violenza e il terrore, ma siccome costoro non vogliono finora riconoscere il male fatto, come figlio di quella nobile terra, voglio chiedere perdono alle famiglie di Colombia lacerate dalla violenza marxista sortita da Cuba"3.
Una impressionante folla di oltre un milione di persone ha sfidato la pioggia per rendere omaggio giorno e notte alla salma di Mons. Duarte, esposta nella Catedral de San Pedro, a riprova di quanto fosse vera la sua affermazione che la tresca del marxismo guevarista, dei politici e dei cartelli della droga, fosse aliena al sentire del suo cattolico popolo colombiano.
Ma comunque, anche a questo popolo lanciava un monito con parole di coraggio. Nella sua ultima omelia, il pastore aveva detto.
"Oggi davanti a una patria malata diciamo a Cristo: 'Signore, siamo stanchi di tanta violenza, ingiustizia e malvagità (...) solo tu puoi (restituirci) la speranza di un domani di pace.
Dove troveremo il rimedio dei nostri mali? Nel ritorno a Dio, nella sincera conversione del cuore dei colombiani. E necessario riconoscere che ci siamo sbagliati, che abbiamo preferito la via del male alla sequela di Cristo per la strada dell 'onestà della rettitudine e della giustizia".
Non per altro forse il cardinale colombiano della Curia romana, Dario Castrillón Hoyos, ha definito il suo conterraneo assassinato "una voce come una spada"5.
Note:
1.Fides, 25-8-2001.
2. Zenit, 18-3-02.
3. Agenzia Cubdest, Miami, 11-03-02.
4. Notìcias EclesiaSes, 19-3-02.
5. Avvenire, 19-03-02.




http://monarchiabancaria.blogspot.com/
Dio si nasconde, perché gode di essere trovato:
http://fedele.altervista.org/
sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri



http://yeshua-ha-mashiach-notzri.blogspot.com/


http://pensiero-e-azione.blogspot.com/

http://ilcomandamento.blogspot.com/

http://it.youtube.com/lorenzojhwh

http://simec-aurito.blogspot.com/

http://fedele.altervista.org

http://jhwhinri.blogspot.com

http://immagini-parlanti.blogspot.com



Website Countercontatori di:
lorenzo.scarola@istruzione.it

tutto è per Lui o contro di Lui = " A e W "

Tu da che parte stai?

Cosa di te sarà evidente quando il Signore tornerà?

Infatti, Lui, riguardo a te, sta per tornare molto prima di quello che puoi pensare!



=====================
==========
Lorenzo Scarola approfitta della presente per salutare TUTTI simpaticamente: "Pace e Gioia!"!
Lorenzo Scarola è il creatore della prima moneta internazionale l'AURO o AURITO di proprietà del portatore

Lorenzo Scarola ordina con effetto immediato, nel nome e per il sangue di Gesù Cristo, tutto il bene e tutto il male, secondo quello che ognuno avrà meritato:
"Questo darà ancora, per l'ultima volta, spazio a una SPERANZA politica, prima che il SIGNORE ritorni".

sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri


Website Counter
contatori di:jhwhinri@gmail.com





Lorenzo Scarola rappresentante di JHWH è disponibile per costruire il terzo Tempio Ebraico sul Monte degli Ulivi come è già stato annunciato dai profeti.
Questo Tempio aprirà il più bel periodo di pace, prosperità e "risveglio" che il genere umano abbia mai conosciuto, insomma si tratta dell'ultima fase del genere umano dedicata allo Spirito Santo.

Lorenzo Scarola dedica questo lavoro al suo Dio Spirito Santo.

  • 1- saluto Nicolò Bellia e all'antropocrazia.

  • 2- saluto tutti gli uomini di "buona volontà"

  • 3- saluto tutti i servitori di Dio

  • 4- saluto tutti i figli di Dio

lorenzo.scarola@istruzione.it

http://www.youtube.com/user/
humanumgenus

http://www.youtube.com/user/
lorenzojhwh


"Insomma, Dio per tutta l'Eternità non vuole essere lodato e ringraziato per poco, ma per molto, molto e moltissimo!
Non neghiamogli questa felicità, diamogli la possibilità di poter operare prodigi in noi."
by lorenzo scarola
Gloria a Dio per sempre!
A te, caro fratello mio, pace
da Lorenzo Scarola,
ore serali 3205708054
lorenzo.scarola@istruzione.it

http://deiverbumdei.blogspot.com

http://www.youtube.com/lorenzojhwh

http://www.youtube.com/humanumgenus



lorenzo scarola, Giacinto Auriti, Gesù di Betlemme e il futuro del genere umano
http://ilmegliodelbene.blogspot.com
http://fedele.altervista.org

lorenzo.scarola@istruzione.it

il vero volto dell'istituzione
Il signoraggio bancario è il nostro
più alto simbolo istituzionale OCCULTATO disonestamente e criminosamente al popolo, questo è il VERO motivo di tutti i MALI che affliggono la nostra falsa democrazia venduta dai massoni ai banchieri ebrei dal suo sorgere.
Pertanto, tutto il Pianeta è fondato sull'immoralità ideologica quanto economica.
Poiché gli illuminati perseguono il progetto di un uomo animale asservito totalmente ("il potere corrompe, ma il potere assoluto corrompe totalmente!"), ecco che essi commettono un crimine mai commesso fino ad ora: CRIMINE di ESTINZIONE SPIRITUALE di tutto il genere umano.
Questo è il più grave Delitto di LESA Maestà e violazione criminale dei principi Costituzionali di base.
Per questo, adesso si cerca di manipolare anche la Costituzione unico nostro baluardo al diritto già criminalizzato.





Nota: REVISIONISMO STORICO

Il problema dei nostri giorni non è quello della complessità e che bisogna studiare molto e moltissimo per poter capire qualcosa.
Ma che bisogna saper cercare nella contro-informazione quelle fonti "genuine" che non ci facciano cadere nella "fosso" del depistaggio.
Una schiera sterminata di "mangia pagnotte S.p.A.", ovvero di: funzionari, massoni, politici e di docenti universitari collaborazionisti del signoraggio bancario, ora hanno reso davvero difficile, non solo la comprensione reale della storia nei suoi avvenimenti, ma anche e soprattutto, rendono incomprensibile la stessa realtà che ci circonda.


Allora, veniamo al dunque:
"sei disposto a sacrificare la vita come me, oppure preferisci dare un contributo economico? Oppure, appartieni al popolo dei vigliacchi e preferisci nasconderti e fuggire dalle tue responsabilità? In questo caso degradante e vergognoso, come potrai sfuggire alle mie maledizioni? E comunque ti parlo così perché sei gia nella trappola di
"Questo sistema criminale e parassitario del fondo monetario internazionale di Ali Baba e dei suoi 40 ladroni di Banchieri Ebrei S.p.A., questi non solo non vi concederanno alcuna speranza, ma vi stanno gia portando al disastro totale NUCLEARE! SVEGLIATI BAMBOCCIONE!"


Reagite per voi stessi e per i vostri figli!
Quanto a me, io sono solo un contadino, che ha molti figli dal polo Sud al polo Nord e per questo deve MOLTO zappare, MOLTO seminare e Molto faticare per sfamarli tutti, perché a nessuno di loro venga negato il diritto alla VITA!
Per gli "illuminati" e gli USA, la guerra è una necessità così indispensabile che farebbero la guerra pure contro se stessi, e infatti sono capaci di inventarsi dei nemici immaginari come per esempio un certo Bin Laden che non ne sa niente:
http://www.youtube.com/share?p=B5B9B72CBC64AB43
http://www.youtube.com/view_play_list?p=B5B9B72CBC64AB43