Martiri e assassini

Approfondimento e futuro aggiornamento di questa sezione si troverà, nel maggio 2005, sul sito: http://it.geocities.com/lorenzoscarola

Tratto dal numero 252 di Diorama Letterario

Franco Cardini, Gad Lerner, Martiri e assassini.

Il nostro Medioevo contemporaneo, Rizzoli, Milano 2001, pagg. 319, euro 14,98.

"Un vero e proprio allarme l'Islam scuote da almeno un decennio vaste aree del pianeta.

Determina preoccupazioni politiche e genera fobie irrazionali con le quali è necessario fare i conti, anche quando appaiono esagerate, perchè non sono solo il frutto di qualche fantasia malata".

A parlare così è Gad Lerner, ebreo laico di sinistra per sua stessa ammissione, nelle pagine di questo libro, che affronta in un serrato confronto col medievista Franco Cardini lo spinoso tema del dopo 11 settembre.

Nel libro, immesso nel circuito editoriale dopo che Cardini e Lerner, in occasione del Giubileo dell’anno 2000, si erano già confrontati a suon di riflessioni storico-politiche sul tema delle crociate, lo storico fiorentino ribatte che gli avvenimenti dell’11 settembre non sono da ricondurre allo scontro tra civiltà paventato da Samuel Huntington nel suo famoso libro, e neppure a una guerra tra religioni, bensì al fatto che l’unica superpotenza rimasta sul pianeta si arroga il diritto di dettare legge comunque e dovunque, a discapito della libertà e autodeterminazione dei popoli e soprattutto della giustizia internazionale, che viene applicata a senso unico.

Mentre Lerner si pone decisamente al fianco degli Usa, che secondo lui non avrebbero potuto reagire diversamente di fronte alla sfida di Osama Bin Laden, il suo interlocutore si dice contrario al fatto che il paese più ricco e potente del mondo aggredisca militarmente una delle terre più povere del pianeta, perché questo è proprio ciò che lo sceicco saudita desiderava che accadesse, allo scopo di compattare il cosiddetto Islam moderato su posizioni più radicali, trasformando la mediocre analisi di Huntington in una tragica profezia.

Wrong or right, is my Country, osserva invece Lerner: la Realpolitik impone che l’Occidente aggredito si faccia carico di disinnescare la bomba islamica che può esplodere ancora ovunque e si alimenta del fondamentalismo religioso.

In questa linea di riflessione, egli arriva a giustificare Sharon, osservando che lo scoppio della seconda intifada, con gli uomini bomba e i kamikaze, rappresenta un salto di qualità del terrorismo, al quale non si può rispondere se non con la forza persuasiva delle armi.


Ciò che Lerner affronta solo di sfuggita è il meccanismo causa-effetto; reputa anzi che le ragioni di Cardini non spostino minimamente il problema di fondo, che è quello di sconfiggere il terrorismo.

Cardini gli risponde che la questione palestinese, così come la guerra del Golfo, quella del Kosovo e l’operazione "Pace duratura" in Afghanistan non nascono per caso:

sono il risultato di una politica neocoloniale che ha come scopo il controllo delle fonti petrolifere, lo sfruttamento delle risorse energetiche attraverso i gasdotti e gli oleodotti che dovrebbero partire dalle repubbliche ex sovietiche per giungere ai porti dell’Arabia saudita, passando proprio dall’Afghanistan.

L’appoggio incondizionato alla politica di Israele, che può permettersi di ignorare tutte le risoluzioni Onu che lo obbligherebbero a ritirarsi dai territori occupati, non è dunque altro che una scelta di strategia planetaria, che tocca solo incidentalmente la questione islamica.

La radicalizzazione del fattore religioso è l’unica risposta possibile che un popolo oppresso può elaborare per contrapporsi all’invasore.

Si può davvero pensare che l’incancrenirsi del conflitto arabo-israelo-palestinese non abbia fatto da brodo di coltura per l’affermarsi delle posizioni fondamentaliste che oggi sfociano nel terrorismo?

Si può essere così miopi da pensare che il feroce embargo contro l’Iraq, sistematicamente bombardato dalle bombe poco intelligenti di americani e inglesi, non porti le popolazioni colpite a pensare che l’Occidente vuole cancellare il loro mondo, che è anche e soprattutto il mondo della cultura e della religione musulmane?

Bisogna chiudere gli occhi di fronte al bombardamento?

L’ottobre 2001 ha denunziato la pesante situazione dei cristiani dopo l’aggressione americana all’Afghanistan e ha dichiarato che l’uso del termine crociata da parte di Bush ha messo nei guai i cristiani locali", osserva Cardini. Ecco che torna ancora una volta il termine fatidico "crociata", usato sia dal presidente americano che da Bin Laden, a riprova che l’uso strumentale della storia genera mostri.

Per arginare questa tendenza, Cardini si produce in una revisione storica che mira non tanto a difendere l’Islam quanto a ristabilire un minimo di verità a partire dalla quale si possano capire meglio gli avvenimenti che ci stanno drammaticamente di fronte.

Il pericolo che scorge non è la contrapposizione con l’Islam, composito e policentrico per natura, ma la pretesa dell’Occidente di imporre ovunque il suo modello di sviluppo, che è anche e soprattutto un modo di vivere e di sentire che appiattisce le differenze e omologa nel segno del presunto benessere e in definitiva del pensiero unico.

Le obsolete teorie dello sviluppo fanno pensare che forse fra trent’anni a Bombay si vivrà come si vive oggi a Milano, ma si ignora che in certe zone di Milano si vive oggi come a Bombay.

Del resto, Jean Baudrillard ha di recente sottolineato come lo spirito del terrorismo sia un disperato tentativo di reagire all’imposizione del pensiero unico, sostenendo che, se fosse l’Islam a proporre/imporre un modello omologante, la reazione da parte degli altri sarebbe probabilmente dello stesso segno.

Lerner non coglie lo spessore di questa considerazione, preferendo ribadire che i martiri assassini, che usano il proprio corpo per dare e per darsi la morte profanandolo, rientrano nella speculazione teologica propria dell’islamismo e anche del cristianesimo.

Cardini gli risponde che le caratteristiche teologiche del martirio non spiegano i piloti suicidi dell’11 settembre poiché nell’Islam tradizionale e nel cristianesimo, così come nel culto pagano antico, "la morte non è affatto l’esito obbligato della testimonianza guerriera".

Un simile esito è più consono al nichilismo di marca occidentale, importato in dosi massicce presso culture e popoli che lo hanno rielaborato alla luce delle loro tradizioni, in buona parte stravolgendole: "Siamo di fronte a un Islam mutante, o meglio a un’ideologia vera e propria, che ha una fede religiosa (l’Islam) come base e come pretesto, ma che è ormai divenuta un’ideologia politica (l’islamismo), la quale usa l’Islam a fini demagogici per reclutare adepti e simpatizzanti ma è nella pratica una forma di nihilismo". Per questo occorre operare dei distinguo; non per giustificare il terrorismo ma per capirne meglio le origini ed avviare così una strategia che possa definitivamente sconfiggerlo.

Ma una simile strategia, secondo Cardini, deve essere affidata prima di tutto alla politica e all’intelligence.

Non si può pensare seriamente che la guerra all’Afghanistan risolva il problema.

Occorre innanzitutto invertire di segno le politiche cosiddette di sviluppo elaborate dal Fondo Monetario Internazionale e dalle multinazionali che fanno capo agli Stati Uniti; è necessario assicurare un futuro dignitoso al popolo palestinese, far cessare l’embargo all’Iraq, ripristinare quel diritto internazionale che viene sistematicamente calpestato, riequilibrare la distribuzione delle ricchezze offrendo ai popoli del Terzo e del Quarto mondo qualcosa che non sia solo disperazione e miseria. Così facendo si combatte la guerra vera contro il terrorismo, perché gli si toglie il brodo di cultura del quale si alimenta.

Le politiche di corto respiro che Lerner propone di fronte all’emergenza del dopo 11 settembre non sono altro, invece, che l’uso della forza di fronte a fenomeni che hanno origine e sviluppo nell’Occidente.

È appena il caso di ricordare che i talebani e Bin Laden sono stati per anni sostenuti dagli Stati Uniti e per anni nessuno ha mai potuto permettersi il lusso di denunciarne i fanatismi e gli eccessi.

"Del resto gli Usa", è ancora Cardini a ricordarlo, "appaiono costantemente fedeli al principio che non si scelgono le strategie sulla base delle alleanze, ma le alleanze sulla base delle strategie".

Gad Lerner obietta a queste argomentazioni che l’Europa è comunque parte dell’Occidente e deve difendersi, e ritiene che l’unica difesa oggi possibile sia quella militare. Gli si può ribattere con qualche domanda.

Gli obiettivi che l’operazione Enduring freedom si era prefissata sono stati raggiunti dopo sei mesi di guerra?

Bin Laden e il Mullah Omar sono usciti di scena? Ci bastano le immagini dei prigionieri di Guantanamo per credere davvero che la rete di Al Qeida sia stata definitivamente smantellata?

E che dire dell’ipotesi avanzata dai governanti americani di impiegare armi atomiche contro i "paesi-canaglia" per sconfiggere i terroristi "dovunque si trovino"?

E le attuali condizioni dell’Afghanistan, in preda a una guerra fra tribù con sostanziose porzioni di territorio controllate solo dai signori della guerra sono i risultati sperati e spacciati come soluzione politica?

http://web.tiscali.it/martiri

Altro che guerra religione o scontri tra civiltà: in questa guerra, sporca non meno di tutte le altre, sono in ballo interessi ben precisi.

Sia Cardini che Lerner non lo ignorano, ma il secondo tenta in tutti i modi di riportare l’attuale crisi internazionale allo schema dello scontro con un Islam feroce e pericoloso.

Ci si può chiedere perché lo faccia. Probabilmente, perché è molto più semplice attribuire all’"altro", al "diverso" la responsabilità di guasti che è stato l’Occidente a produrre.

Certo, un atteggiamento di questo genere suona strano in un uomo che si definisce di sinistra, anche se la gauche caviar a cui Lerner mostra di appartenere ha da tempo messo in soffitta ogni aspirazione alla giustizia sociale e a quella internazionale.

L’ex dirigente di Lotta Continua dichiara oggi di vergognarsi per aver criticato troppo ferocemente Israele dopo i fatti di Sabra e Chatila, assicurando che oggi non lo rifarebbe.

Ancora wrong or right is my Country? E davvero non c’erano alternative all’uso delle armi contro l’Afghanistan dopo l’11 settembre?

Cardini è convinto di sì e ne indica alcune.

Si sarebbe potuto per esempio "strangolare" i talebani, e di conseguenza Bin Laden, costringendo il Pakistan a interrompere – oltre ai rapporti diplomatici – anche ogni aiuto economico e militare al regime di Kabul.

Si poteva far terra bruciata intorno a loro; ci sarebbe voluto del tempo, ma lo si sarebbe potuto sfruttare per spegnere intanto gli altri focolai di crisi.

Prima dei raids aerei, i talebani stavano cedendo su tutto: si erano detti disposti a liberare gli ostaggi stranieri dell’organizzazione Shelter Now, a mediare una soluzione in ambito Onu e addirittura a consegnare Bin Laden al Pakistan, se il governo di Islamabad avesse garantito di non estradarlo negli Stati Uniti.

In quel caso i talebani sarebbero apparsi come i traditori e non i martiri della cosiddetta causa islamica fondamentalista e il fronte occidentale avrebbe colto un successo senza spargere sangue di popolazioni civili.

Ma si è preferita l’azione di forza, più eclatante ed esemplare, sebbene infinitamente meno efficace.

Si sostiene che, così, le "centrali islamiche del terrore" hanno subito un duro colpo.

Ma siamo poi tanto certi che il terrorismo che si combatte a suon di bombe sia proprio islamico, come fideisticamente ritiene Gad Lerner? Secondo Cardini, la centrale del terrorismo è collocata altrove e non sarà certo smantellata con la sconfitta dei talebani.

In questo il celebre medievista fiorentino è sulla stessa lunghezza d’onda di Giulietto Chiesa, che ha scritto di recente: " Probabilmente siamo di fronte a un gruppo ristretto e potentissimo (condizione assoluta per mantenere la segretezza per un periodo di tempo così lungo) comprendente spezzoni autonomi, incontrollati, di più d’un servizio segreto che perseguivano un disegno comune e che, per tutti questi motivi, sono riusciti a rendere praticamente impotenti tutti i più importanti servizi segreti dell’Occidente.

Là si doveva cercare e non si è cercato. […] Nei grandi centri del potere finanziario internazionale, che hanno trascinato per i capelli il pianeta verso la catastrofe nell’ultimo quindicennio dissennato".

La grande alleanza mondiale contro il terrorismo "islamico" nasconde, in realtà, molto più di quanto la disinformazione massmediale mostra ogni giorno.

Prendiamo la Russia: l’ex grande potenza ha barattato la solidarietà agli Usa con il silenzio dell’Occidente sulla Cecenia, ma non le è certo sfuggito che Washington ha approfittato della crisi per insediarsi stabilmente in Uzbekistan e Turkmenistan, aree strategiche ... rivendicazioni autonomistiche degli Uiguri dello Xinjiang con la dichiarazione di solidarietà.

In questo gioco di interessi economici e geopolitici, le guerre di religione o lo scontro tra civiltà non c’entrano affatto.

C’entrano invece i disegni egemonici funzionali alla globalizzazione e alla definitiva affermazione del pensiero unico, e c’entra purtroppo l’assoluta impotenza dell’Europa di fronte a tale scenario.

Alessandro Bedini

http://www.diorama.it/n252-cardinilerner.html


http://monarchiabancaria.blogspot.com/
Dio si nasconde, perché gode di essere trovato:
http://fedele.altervista.org/
sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri




http://yeshua-ha-mashiach-notzri.blogspot.com/


http://pensiero-e-azione.blogspot.com/

http://ilcomandamento.blogspot.com/

http://it.youtube.com/lorenzojhwh

http://simec-aurito.blogspot.com/

http://fedele.altervista.org

http://jhwhinri.blogspot.com

http://immagini-parlanti.blogspot.com



Website Countercontatori di:
lorenzo.scarola@istruzione.it


tutto è per Lui o contro di Lui = " A e W "

Tu da che parte stai?

Cosa di te sarà evidente quando il Signore tornerà?

Infatti, Lui, riguardo a te, sta per tornare molto prima di quello che puoi pensare!




=====================
==========
Lorenzo Scarola approfitta della presente per salutare TUTTI simpaticamente: "Pace e Gioia!"!
Lorenzo Scarola è il creatore della prima moneta internazionale l'AURO o AURITO di proprietà del portatore

Lorenzo Scarola ordina con effetto immediato, nel nome e per il sangue di Gesù Cristo, tutto il bene e tutto il male, secondo quello che ognuno avrà meritato:
"Questo darà ancora, per l'ultima volta, spazio a una SPERANZA politica, prima che il SIGNORE ritorni".

sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri


Website Counter
contatori di:jhwhinri@gmail.com




Lorenzo Scarola rappresentante di JHWH è disponibile per costruire il terzo Tempio Ebraico sul Monte degli Ulivi come è già stato annunciato dai profeti.
Questo Tempio aprirà il più bel periodo di pace, prosperità e "risveglio" che il genere umano abbia mai conosciuto, insomma si tratta dell'ultima fase del genere umano dedicata allo Spirito Santo.

Lorenzo Scarola dedica questo lavoro al suo Dio Spirito Santo.

  • 1- saluto Nicolò Bellia e all'antropocrazia.

  • 2- saluto tutti gli uomini di "buona volontà"

  • 3- saluto tutti i servitori di Dio

  • 4- saluto tutti i figli di Dio

lorenzo.scarola@istruzione.it

http://www.youtube.com/user/
humanumgenus

http://www.youtube.com/user/
lorenzojhwh


"Insomma, Dio per tutta l'Eternità non vuole essere lodato e ringraziato per poco, ma per molto, molto e moltissimo!
Non neghiamogli questa felicità, diamogli la possibilità di poter operare prodigi in noi."
by lorenzo scarola
Gloria a Dio per sempre!
A te, caro fratello mio, pace
da Lorenzo Scarola,
ore serali 3205708054
lorenzo.scarola@istruzione.it

http://deiverbumdei.blogspot.com

http://www.youtube.com/lorenzojhwh

http://www.youtube.com/humanumgenus



lorenzo scarola, Giacinto Auriti, Gesù di Betlemme e il futuro del genere umano
http://ilmegliodelbene.blogspot.com
http://fedele.altervista.org

lorenzo.scarola@istruzione.it

il vero volto dell'istituzione

Il signoraggio bancario è il nostro

più alto simbolo istituzionale OCCULTATO disonestamente e criminosamente al popolo, questo è il VERO motivo di tutti i MALI che affliggono la nostra falsa democrazia venduta dai massoni ai banchieri ebrei dal suo sorgere.

Pertanto, tutto il Pianeta è fondato sull'immoralità ideologica quanto economica.
Poiché gli illuminati perseguono il progetto di un uomo animale asservito totalmente ("il potere corrompe, ma il potere assoluto corrompe totalmente!"), ecco che essi commettono un crimine mai commesso fino ad ora: CRIMINE di ESTINZIONE SPIRITUALE di tutto il genere umano.

Questo è il più grave Delitto di LESA Maestà e violazione criminale dei principi Costituzionali di base.

Per questo, adesso si cerca di manipolare anche la Costituzione unico nostro baluardo al diritto già criminalizzato.






Nota: REVISIONISMO STORICO

Il problema dei nostri giorni non è quello della complessità e che bisogna studiare molto e moltissimo per poter capire qualcosa.
Ma che bisogna saper cercare nella contro-informazione quelle fonti "genuine" che non ci facciano cadere nella "fosso" del depistaggio.
Una schiera sterminata di "mangia pagnotte S.p.A.", ovvero di: funzionari, massoni, politici e di docenti universitari collaborazionisti del signoraggio bancario, ora hanno reso davvero difficile, non solo la comprensione reale della storia nei suoi avvenimenti, ma anche e soprattutto, rendono incomprensibile la stessa realtà che ci circonda.


Allora, veniamo al dunque:
"sei disposto a sacrificare la vita come me, oppure preferisci dare un contributo economico? Oppure, appartieni al popolo dei vigliacchi e preferisci nasconderti e fuggire dalle tue responsabilità? In questo caso degradante e vergognoso, come potrai sfuggire alle mie maledizioni? E comunque ti parlo così perché sei gia nella trappola di
"Questo sistema criminale e parassitario del fondo monetario internazionale di Ali Baba e dei suoi 40 ladroni di Banchieri Ebrei S.p.A., questi non solo non vi concederanno alcuna speranza, ma vi stanno gia portando al disastro totale NUCLEARE! SVEGLIATI BAMBOCCIONE!"

IBAN : IT33E0358901600010570347584,(non detraibili e non deducibili)
Reagite per voi stessi e per i vostri figli!
Quanto a me, io sono solo un contadino, che ha molti figli dal polo Sud al polo Nord e per questo deve MOLTO zappare, MOLTO seminare e Molto faticare per sfamarli tutti, perché a nessuno di loro venga negato il diritto alla VITA!
Per gli "illuminati" e gli USA, la guerra è una necessità così indispensabile che farebbero la guerra pure contro se stessi, e infatti sono capaci di inventarsi dei nemici immaginari come per esempio un certo Bin Laden che non ne sa niente:
http://www.youtube.com/share?p=B5B9B72CBC64AB43
http://www.youtube.com/view_play_list?p=B5B9B72CBC64AB43