martiri: revisionismo

Approfondimento e futuro aggiornamento di questa sezione si troverà, nel maggio 2005, sul sito: http://it.geocities.com/lorenzoscarola

http://www.revisionismo.com/vari/i_nuovi_perseguitati.html

http://web.tiscali.it/martiri

Urla del silenzio

I nuovi perseguitati

E' accaduto a 45 milioni di cristiani nel ‘900. Accade, adesso, in Sudan, Arabia, Corea del Nord... Lo documenta:

"I nuovi perseguitati", libro di Antonio Socci

--------------------------------------------------------------------------------

Contrariamente alle apparenze, è stato di gran lunga il Novecento il secolo del più grande macello di cristiani. Nel periodo che va dalla Rivoluzione francese ad oggi, ma in particolare nel XX secolo, sono state scatenate persecuzioni mai viste in 2000 anni per ferocia, vastità, durata e quantità di vittime.

[…] Se in 2 millenni sono stati calcolati circa 70 milioni di cristiani uccisi per la loro fede, ben 45 milioni e mezzo (circa il 65 per cento del totale) sono martiri del XX secolo. Questa persecuzione planetaria del cristianesimo è tuttora in corso, sebbene venga perlopiù ignorata dai mass media e dagli stessi cristiani occidentali.

[…] Didier Rance nel suo volume Un siècle de témoins ha raccontato ciò che accadde al romeno padre Gavril Bielovejdov - un uomo che aveva sopportato undici tremendi anni di lager - quando venne a Roma alla fine degli anni Ottanta. Era stato invitato a raccontare il calvario della Chiesa rumena in una università pontificia dove lui stesso aveva studiato, molti anni prima e il cui rettore era stato suo compagno di studi. Padre Gavril dunque raccontò con semplicità e precisione il martirio di tanti sacerdoti, le crudeli torture (conosciute di persona), i lager e la fede e la speranza invincibile di quei cristiani. Uscendo dall’aula incontra un prete italiano che gli dice: «la prossima volta non racconti sciocchezze come ha fatto oggi». Padre Gavril sbigottito riesce solo a dire: «E perché? Io non ho riferito che la verità». E l’italiano: «Ma via! I miei studenti mi hanno appena detto: ma questo prete racconta balle: se crede che noi siamo così imbecilli da credergli».

Volemose bene

Il mensile paolino Jesus del gennaio 2002 annuncia in copertina la meritoria iniziativa di un martirologio con questo titolo: "Sotto il segno della croce".

Colpisce però una cosa in quella galleria di ritratti proposta da Jesus: non c’è una sola vittima cristiana dei regimi comunisti o islamici, che poi sono la stragrande maggioranza. Neanche una. Com’è possibile? Una svista? O cos’altro?

Ci sono, giustamente, martiri di regimi di destra.

Vi si celebrano poi due monaci che non sono morti come martiri, ma che hanno avuto problemi con l’autorità ecclesiastica (la solita Chiesa cattiva) e infine un segretario dell’Onu morto in un incidente aereo.

Si arriva ad elencare un islamico fra coloro che «hanno seminato la parola del Vangelo nel cuore del popolo di Dio».

Ma dell’immane macello di cristiani perpetrato dal comunismo nessuna traccia, come pure delle persecuzioni anticristiane dell’Islam.

Mentre non manca mai il ricordo delle colpe di cui si sono macchiati i cristiani stessi.

Un altro esempio.

Il Gruppo Abele di don Luigi Ciotti pubblica ogni anno da Feltrinelli un grosso volume di dati, ricerche, statistiche e cronologie relativi ai fatti sociali più seri e drammatici dell’Italia e del mondo.

Consideriamo l’edizione Annuario sociale 2000, un testo di 762 pagine fitte fitte, davvero pieno di documentazione, un lavoro utile e accurato.

Si va dal capitolo sull’Aids a quello sull’ambiente, dalle carceri alle mafie, dalle droghe all’immigrazione, alle povertà, ai conflitti e ai diritti.

Ma non si trova traccia delle persecuzioni anticristiane o più generalmente delle persecuzioni religiose e delle loro migliaia di vittime.

Solo qualche flash inserito nelle note sulle aree di crisi. Eppure ci sono capitoli dedicati alla pena di morte negli Stati Uniti e agli armamenti, alla globalizzazione e al debito del Terzo Mondo.

Ma non a quei derelitti dimenticati da tutti.

Il dramma dei cristiani sembra non esistere.

La questione sociale diventa l’esclusivo campo di interesse. C’è dunque un cattolicesimo che - secondo Gianni Baget Bozzo - «è preoccupato solo di essere dalla parte dei poveri, ma non dei poveri cristiani».

Sudan, due milioni di morti

Il 10 dicembre 1998, a 50 anni della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, il New York Times scrisse: «mentre tutti i leader mondiali celebrano con grande solennità la dichiarazione dei diritti dell’uomo, nessuno, chissà perché, si ricorda del Sudan.

Eppure in quel paese il Fronte nazionale islamico sta conducendo un sistematico genocidio, soprattutto nella parte meridionale a maggioranza cristiana.

È un conflitto che ha già provocato più vittime che Ruanda, Bosnia e Kosovo messi insieme: 1 milione e 900 mila uomini, donne e bambini.

La stragrande maggioranza non sono ribelli, bensì civili, colpevoli solo di non pensarla come gli islamici del regime».

Le cifre del genocidio pare siano perfino più gravi rispetto al bilancio fatto nel ’98 dal New York Times.

Amnesty International nel Rapporto annuale 2001 afferma che «alla fine del 2000, la guerra civile, ripresa nel 1983, era costata la vita a quasi 2 milioni di persone ed era stata la causa dello sfollamento forzato di altre 4 milioni e 500 mila persone.

Inoltre si ritiene che circa 500 mila persone abbiano cercato asilo all’estero».

[…] Tutto questo proprio mentre i pacifisti italiani marciavano sulla Perugia-Assisi contro gli Stati Uniti (rei di voler colpire Bin Laden).

Il 7 ottobre 2001 per esempio è passato pressoché sotto silenzio l’ennesimo bombardamento di un villaggio sudanese, nel distretto di Mangok, in cui sono stati uccisi 15 bambini e 8 sono stati feriti (anche una donna è stata ammazzata).

Akiir aveva 7 anni, Atong 8, Athuai 4, Maciek 12 anni.

[…] Com’è possibile ignorare la guerra più lunga del XX secolo, nel paese più grande dell’Africa, con quell’enorme numero di vittime?

La risposta di Peter Hammond, esperto di questioni sudanesi, è sconsolata: «Credo che si tratti della classica mentalità da ABC, "Anything But Christianity", tutto fuorché il cristianesimo.

Sembra che quando le vittime sono i cristiani, i media laici non sappiano fare altro che riscoprire il proprio inveterato pregiudizio e semplicemente non ne raccontano le storie».

[…] L’assurdo è che un regime così, la cui Corte Suprema spiega Hammond - «ha stabilito che la crocifissione degli apostati è costituzionale abbia rimpiazzato quello statunitense nella Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite».

http://web.tiscali.it/martiri

I mea culpa della chiesa

Il papa stesso, nella solennità del grande Giubileo del 2000

[…] è partito da un’umiliante, pubblica e dolorosa serie di mea culpa.

È stato un fatto stupefacente, ma non nuovo nella storia della Chiesa. Ne sono state date tante interpretazioni, ma la domanda a cui rispondere è:

[…] perché solo la Chiesa può fare una cosa del genere senza crollare sotto il peso delle colpe dei suoi?

Perché la Chiesa non ha bisogno di "aver ragione", di rivendicare i suoi meriti storici immensi, di mostrare la grandezza e la santità che hanno illuminato duemila anni, ma fin dal suo inizio, fin dal Vangelo mostra la storia del suo primo capo, Pietro, il martire Pietro, sottolineando il suo tradimento e il suo umiliante pianto fino al perdono affettuoso di Gesù?

Don Luigi Giussani, in uno splendido articolo a commento dei mea culpa del Papa, spiegava che ciò può accadere perché «a nulla fuorché a Gesù il cristiano è attaccato». Di fronte a lui anche la santità dei più grandi cristiani non è che un panno sporco, come già diceva il profeta Isaia. Questo spiega il gesto d’umiltà del papa: è a Cristo che si deve guardare.

di Socci Antonio,

Tempi, Numero: 16 - 18 Aprile 2002


http://monarchiabancaria.blogspot.com/
Dio si nasconde, perché gode di essere trovato:
http://fedele.altervista.org/
sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri




http://yeshua-ha-mashiach-notzri.blogspot.com/


http://pensiero-e-azione.blogspot.com/

http://ilcomandamento.blogspot.com/

http://it.youtube.com/lorenzojhwh

http://simec-aurito.blogspot.com/

http://fedele.altervista.org

http://jhwhinri.blogspot.com

http://immagini-parlanti.blogspot.com



Website Countercontatori di:
lorenzo.scarola@istruzione.it



tutto è per Lui o contro di Lui = " A e W "

Tu da che parte stai?

Cosa di te sarà evidente quando il Signore tornerà?

Infatti, Lui, riguardo a te, sta per tornare molto prima di quello che puoi pensare!



=====================
==========
Lorenzo Scarola approfitta della presente per salutare TUTTI simpaticamente: "Pace e Gioia!"!
Lorenzo Scarola è il creatore della prima moneta internazionale l'AURO o AURITO di proprietà del portatore

Lorenzo Scarola ordina con effetto immediato, nel nome e per il sangue di Gesù Cristo, tutto il bene e tutto il male, secondo quello che ognuno avrà meritato:
"Questo darà ancora, per l'ultima volta, spazio a una SPERANZA politica, prima che il SIGNORE ritorni".

sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri


Website Counter
contatori di:jhwhinri@gmail.com




Lorenzo Scarola rappresentante di JHWH è disponibile per costruire il terzo Tempio Ebraico sul Monte degli Ulivi come è già stato annunciato dai profeti.
Questo Tempio aprirà il più bel periodo di pace, prosperità e "risveglio" che il genere umano abbia mai conosciuto, insomma si tratta dell'ultima fase del genere umano dedicata allo Spirito Santo.

Lorenzo Scarola dedica questo lavoro al suo Dio Spirito Santo.

  • 1- saluto Nicolò Bellia e all'antropocrazia.

  • 2- saluto tutti gli uomini di "buona volontà"

  • 3- saluto tutti i servitori di Dio

  • 4- saluto tutti i figli di Dio

lorenzo.scarola@istruzione.it

http://www.youtube.com/user/
humanumgenus

http://www.youtube.com/user/
lorenzojhwh


"Insomma, Dio per tutta l'Eternità non vuole essere lodato e ringraziato per poco, ma per molto, molto e moltissimo!
Non neghiamogli questa felicità, diamogli la possibilità di poter operare prodigi in noi."
by lorenzo scarola
Gloria a Dio per sempre!
A te, caro fratello mio, pace
da Lorenzo Scarola,
ore serali 3205708054
lorenzo.scarola@istruzione.it

http://deiverbumdei.blogspot.com

http://www.youtube.com/lorenzojhwh

http://www.youtube.com/humanumgenus



lorenzo scarola, Giacinto Auriti, Gesù di Betlemme e il futuro del genere umano
http://ilmegliodelbene.blogspot.com
http://fedele.altervista.org

lorenzo.scarola@istruzione.it

il vero volto dell'istituzione

Il signoraggio bancario è il nostro

più alto simbolo istituzionale OCCULTATO disonestamente e criminosamente al popolo, questo è il VERO motivo di tutti i MALI che affliggono la nostra falsa democrazia venduta dai massoni ai banchieri ebrei dal suo sorgere.

Pertanto, tutto il Pianeta è fondato sull'immoralità ideologica quanto economica.

Questo è il più grave Delitto di LESA Maestà e violazione criminale dei principi Costituzionali di base.

Per questo, adesso si cerca di manipolare anche la Costituzione unico nostro baluardo al diritto già criminalizzato.






Nota: REVISIONISMO STORICO

Il problema dei nostri giorni non è quello della complessità e che bisogna studiare molto e moltissimo per poter capire qualcosa.
Ma che bisogna saper cercare nella contro-informazione quelle fonti "genuine" che non ci facciano cadere nella "fosso" del depistaggio.
Una schiera sterminata di "mangia pagnotte S.p.A.", ovvero di: funzionari, massoni, politici e di docenti universitari collaborazionisti del signoraggio bancario, ora hanno reso davvero difficile, non solo la comprensione reale della storia nei suoi avvenimenti, ma anche e soprattutto, rendono incomprensibile la stessa realtà che ci circonda.


Allora, veniamo al dunque:
"sei disposto a sacrificare la vita come me, oppure preferisci dare un contributo economico? Oppure, appartieni al popolo dei vigliacchi e preferisci nasconderti e fuggire dalle tue responsabilità? In questo caso degradante e vergognoso, come potrai sfuggire alle mie maledizioni? E comunque ti parlo così perché sei gia nella trappola di
"Questo sistema criminale e parassitario del fondo monetario internazionale di Ali Baba e dei suoi 40 ladroni di Banchieri Ebrei S.p.A., questi non solo non vi concederanno alcuna speranza, ma vi stanno gia portando al disastro totale NUCLEARE! SVEGLIATI BAMBOCCIONE!"

IBAN : IT33E0358901600010570347584,(non detraibili e non deducibili)
Reagite per voi stessi e per i vostri figli!
Quanto a me, io sono solo un contadino, che ha molti figli dal polo Sud al polo Nord e per questo deve MOLTO zappare, MOLTO seminare e Molto faticare per sfamarli tutti, perché a nessuno di loro venga negato il diritto alla VITA!
Per gli "illuminati" e gli USA, la guerra è una necessità così indispensabile che farebbero la guerra pure contro se stessi, e infatti sono capaci di inventarsi dei nemici immaginari come per esempio un certo Bin Laden che non ne sa niente:
http://www.youtube.com/share?p=B5B9B72CBC64AB43
http://www.youtube.com/view_play_list?p=B5B9B72CBC64AB43