martiri: Indonesia 1

http://web.tiscali.it/martiri

Indonesia

POPOLAZIONE: 199.544.000

RELIGIONE: islam 87.2%; cristianesimo 9.6%; induismo 1.9%; buddismo 1%

Cattolici: 5.581.446

Diocesi: Ende - 630.909; Denpasar - 22.748; Larantuka - 225.991; Ruteng - 522.123; Jakarta - 335.835; Bandung - 77.598; Bogor - 46.851; Kupang - 123.154; Atambua - 399.743; Weetebula - 92.223; Medan - 442.824; Padang - 58.283; Palembang - 70.515; Pangkal-Pinang - 27.222; Sibolga - 173.597; Tanjungkarang - 84.154; Merauke - 126.655; Agats - 41.483; Jayapura - 105.314; Manokvari-Sorong - 38.782; Pontianak - 178.534; Banjarmasin - 19.773; Ketapang - 70.195; Palangkaraya - 43.729; Samarinda - 100.869; Sanggau - 211.347; Sintang - 105.359; Semarang - 484.463; Malang - 76.811; Purwokerto - 67.889; Surabaya - 175.231; Ujung Pandang - 159.488; Amboina - 112.436; Manado - 129.318

Secondo la Costituzione del 1945, in Indonesia la condizione richiesta alle religioni presenti nel Paese è il monoteismo.

Il popolo deve essere devoto al suo Dio in linea con la propria religione, cooperare con chi appartiene ad altre confessioni per creare una vita armoniosa, rispettare la libertà, le funzioni e non forzare nessuno a credere in un'altra religione.

La Costituzione prevede cinque religioni, compreso il cristianesimo. Circa il 90 per cento della popolazione è musulmano, e ci sono stati tentativi da parte di una minoranza di islamisti di porre il Corano alla base della Costituzione, sebbene la maggioranza dei musulmani sia intenzionata a mantenere l'ordinamento vigente.

A Giava l'islamismo è fortemente influenzato dal pensiero induista, mentre all'esterno prevale la legge islamica.

Le Chiese cristiane sono attive, anche se si tratta di una minoranza, ostacolata di continuo dai musulmani fin nelle piccole cose, come i rapporti di quartiere.

Due decreti del 1978 impediscono la propaganda religiosa "per ottenere conversioni" e impongono l'ottenimento del benestare del governo per gli aiuti dall'estero.

Inoltre si registrano difficoltà nella concessione di autorizzazioni per la costruzione di chiese.

La situazione indonesiana è giudicata preoccupante per diverse ragioni: la forte tensione politica che attraversa il Paese si esplica sempre più di frequente in atti di violenza (la campagna elettorale della primavera del 1997 è stata caratterizzata da scontri e violenze che hanno causato più di 300 morti).


La situazione economica appare compromessa dalle difficoltà delle Borse asiatiche, dall'aumento vertiginoso del costo della vita, dalla inarrestabile svalutazione della rupia, dall'aumento della disoccupazione.

Per fronteggiare tali problemi e il crescente malcontento della popolazione il governo è ricorso a metodi di repressione molto decisi, a volte brutali.

In un simile contesto di crisi e nella situazione del passaggio di poteri dal dittatore Suharto al suo "delfino", l'attuale presidente Bacharuddin Jussuf Habibie, vanno inquadrati anche i crescenti episodi di violenza nei confronti dei cristiani e dei luoghi di culto.

La pratica e l'insegnamento delle religioni non musulmane riconosciute dal governo sono generalmente rispettate; il governo promuove la tolleranza reciproca. In genere il proselitismo è scoraggiato, in quanto potenziale causa di agitazioni o disordini; l'attività di missionari stranieri è tollerata, anche se non sono infrequenti restrizioni e ritardi nell'ottenere permessi di residenza o simili.

In alcuni casi si sono registrati atti di intimidazione o violenze verso organi di informazione cristiani come il giornale "Compass". I membri della minoranza cinese (pari a circa il 3,2 per cento della popolazione) sono in gran parte commercianti, anche per il fatto che sono esclusi dall'impiego nell'amministrazione pubblica o nell'esercito.

Il 10 ottobre 1996, nella città di Situbondo, nella parte Est di Giava, una folla di circa 3.000 musulmani ha assaltato e dato alle fiamme 30 chiese e ucciso sei persone. La folla era inferocita per la sentenza troppo mite comminata a un giovane musulmano di nome Saleh.

I rivoltosi, molto probabilmente per istigazione di agitatori ben organizzati, si erano convinti che il giovane Saleh fosse nascosto presso una delle chiese della città. Sulla base di questa diceria hanno assaltato luoghi di culto, scuole, orfanotrofi e abitazioni private, qualunque edificio fosse collegato ai cristiani. Un pastore della Chiesa evangelica, sua moglie e i loro due bambini, insieme a una giovane e a un aiutante, intrappolati nell'edificio, sono bruciati vivi.

Secondo i responsabili della denominazione protestante (anche sulla base di testimonianze oculari e dei rapporti della polizia) la sommossa sarebbe stata pianificata e ben organizzata da agitatori appartenenti a gruppi di integralisti, e ciò sarebbe provato, afferma l'agenzia di stampa "U.C.A. News" del 14-24 ottobre 1996, dalla rapidità con cui gli assalti alle chiese sarebbero stati condotti, dalla disponibilità immediata di ordigni incendiari e dalla coordinazione dimostrata dai vari gruppi.

Nella parte occidentale dell'isola di Giava, a Tasik Malaya, il 26 dicembre 1996 sono state distrutte 13 chiese e una scuola cristiana.

"Idea Spektrum" riferisce che gli attacchi sono avvenuti nel corso di una ribellione di estremisti islamici che hanno colpito edifici del governo, scuole, fabbriche e banche. Sarebbero state uccise anche due coppie nei loro mezzi di trasporto.

Un altro episodio è accaduto a Manang (Giava centrale), dove circa 50 giovani musulmani hanno fatto irruzione nel corso di una celebrazione religiosa della vigilia di Natale, hanno colpito il prete fino a fargli perdere i sensi, hanno rubato i mobili e rotto il soffitto della sala delle riunioni. Inoltre i giovani hanno spiegato che nel loro villaggio in futuro non sarà permesso né essere cristiani né celebrare funzioni religiose.

Il 30 gennaio 1997, gli integralisti hanno distrutto molte chiese, un tempio cinese ed il negozio di un cinese cristiano. Hanno fatto irruzione a Rengasdengklok, circa a 50 km da Giakarta e hanno attaccato gli edifici con sassi e bastoni.

Secondo la polizia locale non c'è stato nessun ferito: con l'arrivo di tre camionette di militari tutto è tornato sotto controllo. Alla fine di dicembre nella città di Tasik Malaya, a Giava Ovest, sono stati uccisi 4 uomini e 15 sono stati feriti.

Gravi danni a più di cento edifici e a 12 chiese cristiane. A Situbondo sono morti 5 uomini, il pastore protestante Isaac Christian, sua moglie e tre figli, e distrutte 25 chiese e un tempio.

Gli indonesiani-cinesi e la minoranza cristiana sono sempre nel mirino degli attentati musulmani, organizzati anche per la loro misera situazione economica. Infatti l'80 per cento del capitale privato è gestito dai cinesi.

Inoltre i militanti vogliono rendere l'islam unica religione del Paese, obbligatoria per tutti.

Negli ultimi due anni 1300 edifici della Chiesa cattolica sono stati gravemente danneggiati.

In un'intervista alla "KNA", suor Rosa Damai Rahayu elenca i maggiori problemi che incontrano i missionari in questo Stato, che vanno dalla vastità del territorio e dalla mancanza di trasporti e comunicazioni efficienti, all'opposizione del movimento islamista che esercita pressione sugli abitanti dei villaggi per allontanare i missionari, a cui si aggiunge l'esperienza del dominio coloniale e quindi la scarsa sensibilità della popolazione locale.

La "KNA" del 1°/3 gennaio 1998 testimonia dei crescenti attacchi contro la Chiesa e i cristiani che vanno, secondo "Fides", di pari passo con la successione al Presidente Suharto: l'organo di informazione si riferisce a una dichiarazione del comandante musulmano Abduiraham Wahid, capo del movimento Nahidatul-Ulama, secondo il quale sono stati stanziati 210 milioni di marchi per portare scompiglio religioso e sociale.

"Fides" afferma che dietro gli attentati si nasconde un'oscura regia che persegue obiettivi politici, economici e religiosi. Sembra che alcuni nuovi movimenti religiosi cristiani cerchino di prendere piede nel Paese con finanziamenti americani.

"Idea Spektrum" riferisce di tumulti di estremisti islamici sviluppatisi a Giava est, ovest e centro; colpite anche la Kalimantan del sud e dell'ovest. Negli ultimi mesi sono state distrutte 64 chiese e centri cristiani.

A volte gli islamisti assoldano bande per compiere atti vandalici. All'inizio del febbraio 1998 ci sono stati attacchi a cinesi cristiani nel sud e centro di Sulawesi.

Il 26 gennaio 1998 a Kregan, Giava centrale, sono stati distrutti negozi e case di cristiani.

Duemila attivisti hanno cacciato gli abitanti dei villaggi circostanti. Il 25 novembre 1997, 350 musulmani hanno attaccato la parrocchia del villaggio Karya Tani e hanno cercato di intimidire il parroco e i praticanti dell'Istituto della Bibbia di Batu.

Sembra che le bande abbiano ottenuto denaro anche per questo assalto.

Padre Ignatius Sandyawan Sumardi, un sacerdote cattolico che aveva dato asilo a tre attivisti del principale partito di opposizione, ricercati dalla polizia, ha subito un processo a Giakarta nell'ottobre del 1997.

I latitanti erano ospitati presso l'abitazione del fratello di padre Sumardi, anch'egli posto sotto accusa. Padre Sumardi dirige un centro per bambini di strada e senza tetto, e alla fine del 1996 ha ricevuto il premio indonesiano per i diritti dell'uomo.

Nell'aprile 1997, informa la "KNA" del 16 luglio 1997, ha ricevuto il divieto di espatriare.

In ottobre e dicembre 1997 il centro turistico Villa Syngra a Bogar è stato obiettivo di incursioni: 70 giovani sono stati bastonati e la parrocchia distrutta. È proibita qualsiasi pubblica manifestazione cattolica nel corso del ramadan.

Nella città di Clegon, nella parte occidentale di Giava, a partire dalla Pasqua 1997 sono stati vietati riti e manifestazioni cristiane. A Garut Selatan sono state interdette le attività evangelizzazione e a Ketapong è stato rifiutato alla Chiesa il permesso di costruire un edificio per il servizio religioso, benché la maggior parte dei cittadini sia cristiana.

Otto suore del Povero Bambino Gesù arrivate a Cileduk, sobborgo di Giava, e prese a sassate dai musulmani, hanno reagito costruendo un centro di assistenza per bambini, un asilo e una scuola. A Flores c'è suor Ugolina che raccoglie tutti i bambini malati abbandonati dalle famiglie.

Secondo "Human rights without frontiers" del 6 marzo 1998, non sono escluse nemmeno le proprietà private e, oltre alle chiese, sono state distrutte e bruciate anche case di cristiani.

Ottenere informazioni è difficile a causa della vastità del territorio e della molteplicità delle isole assai distanti tra loro.

La caduta del mercato asiatico e la conseguente povertà dell'Indonesia hanno portato la popolazione a sfogare la rabbia contro la Chiesa, facendo diventare queste aggressioni quasi uno sport nazionale. I cristiani in Indonesia sono circa 20 milioni contro circa 170 milioni di musulmani.

Le maggiori violenze si registrano a Giava, poi a Sulawesi, Kalimantan, Giakarta. Alcuni degli ultimi attacchi sono stati appoggiati dai fondamentalisti, ma altri sembrano nati da gente povera e aizzata dal mito di una nazione musulmana.

Musulmani locali hanno, in alcuni casi, aiutato a sedare le rivolte anti-cristiane.

http://web.tiscali.it/martiri

Il cardinale Julius Darmaatmadja, arcivescovo di Giakarta, ha espresso grande preoccupazione per la violenza scoppiata nella capitale Giakarta tra l'11 e il 14 novembre 1998, quando 17 persone sono morte e centinaia sono state ferite: migliaia di studenti, che protestavano pacificamente contro la sessione speciale della più alta assemblea dello Stato, si sono scontrati con la polizia e l'esercito.

Lo scontro più duro è avvenuto il 13 novembre di fronte all'Università Cattolica Atmajaya, sita nel centro di Giakarta, vicino al palazzo dell'assemblea: i soldati hanno brutalmente aperto il fuoco sugli studenti e sulla popolazione.

Il giorno dopo la protesta si è trasformata in disordini in alcuni distretti commerciali, mentre la gente incendiava e saccheggiava alcuni negozi.

In molte cittàdi provincia gli studenti hanno continuato a manifestare per le strade fino a lunedì 16, in segno di solidarietà v erso gli amici uccisi. Il 14 novembre a Medan, nel nord di Sumatra, oltre 10.000 studenti hanno occupato l'aeroporto per l'intero pomeriggio, facendo cancellare alcuni voli.

Lo stesso giorno, nella parrocchia Fiore del Carmelo, nella parte ovest di Giakarta, il cardinale ha celebrato la cerimonia funebre di Bernardine Realino Norman Irawan, studente all'Università Cattolica Atmajaya ucciso negli incidenti di venerdì 13.

C'era commozione tra i presenti, poiché la vittima era conosciuta tra i volontari dell'équipe medica, avviata dal gesuita p. Sandyawan Sumardi, dopo i tumulti di maggio, in seguito ai quali Suharto fu rovesciato dalla presidenza.

Dopo le esequie Frans Seda, noto cattolico ed ex ministro delle finanze, ha chiesto emozionato ai giornalisti se e perché il movimento riformatore deve esser ripagato con violenza, sangue e morte: "Se è così, noi siamo pronti, ma è l'unica risposta? Questa tragedia non deve ripetersi.

Se accade ancora, significa che vogliono far del male al Paese", ha detto a "Fides". Molti cattolici provano grande simpatia verso gli studenti, poiché essi interpretano le aspirazioni della popolazione.

I cancelli dell'Università Cattolica Atmajaya erano adornati di corone funebri. Abitanti di Giakarta, spontaneamente, hanno aiutato gli studenti fornendo cibo e medicine.

Negli scontri avvenuti nella capitale tra l'11 e il 13 novembre durante la sessione speciale della più alta Assemblea consultiva dello Stato sono state uccise 17 persone e almeno 456 sono state ferite. Lo ha comunicato il gesuita p. Sandyawan Sumardi, che è a capo del gruppo Volontari per l'Umanità.

I dati sono stati raccolti dai volontari che hanno lavorato durante le manifestazioni.

I 17 uccisi sono: 6 studenti provenienti da collegi differenti, 2 studenti universitari, 2 ufficiali di polizia, un agente di vigilanza di un supermercato, 4 attivisti musulmani; 2 dei morti non sono stati ancora identificati.

Tra le vittime uno dei membri dello staff di volontari, Bernardine Realino Norma Irawan, studente di economia all'Università cattolica Atmajaya, è stato ucciso con una pallottola al cuore, nel pomeriggio del 13 novembre.

http://web.tiscali.it/martiri

È morto con alcuni compagni quando la polizia ha aperto il fuoco sulla folla dei manifestanti.

Domenica 22 novembre 1998, durante incidenti provocati da musulmani, sono state arse 13 chiese e uccise 13 persone, probabilmente con il falso pretesto che alcuni cristiani ambonesi (ex tagliatori di teste), avevano saccheggiato tre moschee durante la notte precedente.

Secondo altri, all'origine degli scontri vi sarebbe una rissa tra cristiani ambonesi e musulmani nel quartiere cinese di Giakarta. La responsabilità delle distruzioni, comunque, secondo "Compass Direct", va attribuita al Fronte per la Difesa dell'Islam (PFI), che ha iniziato un lancio di pietre contro una chiesa protestante di Giakarta, al quale sono seguiti atti sanguinari, resi noti anche da giornalisti stranieri, che hanno assistito a mutilazioni sulla pubblica via. Mentre la folla inferocita urlava "Siamo gentiluomini musulmani e loro porci cristiani" o "Uccidere tutti i pagani", uno dei leader che guidavano i musulmani avrebbe gridato, a un ufficiale dell'esercito che stava proteggendo alcuni cristiani ambonesi, di farsi da parte per lasciar prevalere la giustizia islamica. Sui muri di una chiesa bruciata è stata trovata la scritta "Bantai Ambon" (Uccidere gli ambonesi), dipinta in grandi dimensioni.

I leader cristiani indonesiani hanno messo in guardia le proprie congregazioni affinché dissuadano i fedeli dalla vendetta, conoscendone le usanze violente e la cultura, spesso ancora permeata di elementi tribali, come il codice di sangue.

"Fides" del 27 novembre 1998, riporta che, dopo i disordini di domenica 22 novembre i leader religiosi, politici e religiosi invitano alla calma e condannano i pochi rivoltosi responsabili dei massacri. Il 24 novembre A. B. Susanto, responsabile del Forum delle Associazioni cattoliche d'Indonesia, ha lanciato un appello generale ai cittadini della capitale perché torni a regnare la pace fra la gente.

Anche due leader di partiti d'opposizione al governo hanno condiviso e rilanciato l'appello, condannando la violenza e l'intolleranza. Secondo Abdurrahman Wahid, capo del Nahdlatul Ulama, la più grande organizzazione musulmana del Paese che conta 35mila aderenti, e Megawati Sukarnoputri, rappresentante del Partito Democratico Indonesiano, il fenomeno dell'intolleranza ha dimensioni ridotte ed è minoritario.

"I disordini testimoniano ancora una volta come una banda di delinquenti possa essere facilmente strumentalizzata da alcune fazioni politiche per fini d'interesse particolare" hanno dichiarato il 24 novembre i due leader.

Le autorità locali sospettano che la violenza sia stata organizzata da un'élite islamica conservatrice per accrescere la pressione sul governo. Fonti locali confermano che responsabili degli attacchi sono fazioni islamiche integraliste che approfittano del malcontento e della miseria della gente per scatenare odio e violenza contro il gruppo etnico cinese (di fede cristiana o buddista) e contro i simboli delle sue religioni.

In una dichiarazione ufficiale del 23 novembre la Santa Sede ha espresso preoccupazione per la situazione e deprecato i fatti accaduti, "lesivi dei tradizionali principi di tolleranza in vigore in Indonesia secondo la Costituzione del Paese".

Eppure, non sono mancate ritorsioni violente da parte di cristiani, durante le quali, tra il 30 novembre e il 1° dicembre, sono state assaltate, saccheggiate e date alle fiamme quindici moschee, oltre a un mercato, una scuola islamica e un ostello per pellegrini musulmani nella zona di Kupang (Timor Ovest), città a maggioranza cristiana.

Durante una trasmissione radiofonica, il vescovo di Kupang, Petrus Turang ha chiesto perdono per gli incidenti.

http://web.tiscali.it/martiri

I giornali indonesiani, riferisce l'agenzia "MISNA" del 2 dicembre 1998, confermano l'ipotesi di "manovre occulte" dietro i disordini di piazza, nel tentativo di scatenare uno scontro "orizzontale" tra i vari gruppi etnici e religiosi, allo scopo di far passare in secondo piano il processo contro Suharto e i problemi autentici del Paese.

Nonostante la legislazione, in Indonesia esiste una vera e propria persecuzione nei confronti del cristianesimo. Da trent'anni a questa parte sono state distrutte 385 chiese, di cui 118 dal 1996 a oggi, e uccisi trentatré uomini. Le esplosioni di violenza hanno radici politico-economiche oltre che religiose.

L'economia indonesiana è in gran parte in mano ad indonesiani-cinesi, quasi tutti cattolici, che possiedono l'80 per cento dell'industria privata.

Nel febbraio 1998 molti negozi di proprietà di questi ultimi sono stati assaltati da teppisti.

Durante sommosse che hanno avuto luogo nel maggio 1998, sono stati uccisi 1.200 cinesi.

Alcuni gruppi fondamentalisti islamici sono insofferenti nei confronti di nuovi movimenti religiosi che cercano di penetrare nel Paese col supporto statunitense. Vi è un acuto contrasto tra due organizzazioni islamiche: la prima, guidata da Wahid e la seconda da Amien Rais.

Quest'ultima probabilmente avrà la meglio con la salita al potere di Habibie, sostenitore ed amico di Rais, avvenuta alla fine maggio 1998, dopo trentadue anni di governo di Suharto.

La "Frankfurter Allgemeine Zeitung", nell'aprile 1998, forniva un quadro ancora più sconfortante delle persecuzioni religiose in atto da decenni: dal 1969 sarebbero stati distrutti in Indonesia circa 440 edifici religiosi, solo nel febbraio 1998 ben 40 chiese avrebbero subito atti vandalici.

In controtendenza, affermano "Asia News" e "UCAN", il piccolo centro di Bawen, dove la capo-villaggio, una donna musulmana, ha difeso Mateus Dato, ex docente universitario cattolico e presidente di un'associazione locale, dall'assalto di decine di musulmani che ne volevano distruggere l'abitazione.

Nel Paese, le famiglie cristiane sono venti, il doppio di quelle musulmane, ma la convivenza è stata pacifica fino a quando Dato ha rifiutato di dare parere positivo alla costruzione di una musholla (cappella islamica).

I cristiani, pur essendo la maggioranza, non dispongono ancora di una chiesa, mentre a soli duecento metri dal complesso abitativo sorge una grande moschea con annessa una musholla.

La maggiore repressione religiosa si registra a Timor Est, colonia portoghese fino al 1975 e invasa dall'esercito indonesiano che ne ha fatto una sua provincia nel 1976. La popolazione non ha accettato l'annessione e solo nei primi mesi del 1997 si sono contati 35 morti, 81 feriti, 633 arresti e 134 sparizioni.

Qui, la popolazione è cattolica all'85 per cento. L'unica speranza è che con il nuovo governo qualcosa cambi.

Ma monsignor Belo, Premio Nobel per la Pace 1996 e Vescovo di Dili (Timor Est), ha denunciato la conversione forzata degli orfani di famiglie cattoliche all'islam.

http://web.tiscali.it/martiri

Tra i quindici e i venti bambini orfani e cattolici vengono portati via ogni anno da Timor Est in istituti indonesiani di Giava dove viene cambiato loro il nome e vengono educati all'islam. Dal 1997 Timor Est ha due diocesi, quella di Kili e quella di Baucau, la prima con 520.000 fedeli, 66 sacerdoti e 280 religiose; la seconda conta poco più di 200.000 fedeli e 22 sacerdoti.


http://monarchiabancaria.blogspot.com/
Dio si nasconde, perché gode di essere trovato:
http://fedele.altervista.org/
sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri




http://yeshua-ha-mashiach-notzri.blogspot.com/


http://pensiero-e-azione.blogspot.com/

http://ilcomandamento.blogspot.com/

http://it.youtube.com/lorenzojhwh

http://simec-aurito.blogspot.com/

http://fedele.altervista.org

http://jhwhinri.blogspot.com

http://immagini-parlanti.blogspot.com



Website Countercontatori di:
lorenzo.scarola@istruzione.it



tutto è per Lui o contro di Lui = " A e W "

Tu da che parte stai?

Cosa di te sarà evidente quando il Signore tornerà?

Infatti, Lui, riguardo a te, sta per tornare molto prima di quello che puoi pensare!




=====================
==========
Lorenzo Scarola approfitta della presente per salutare TUTTI simpaticamente: "Pace e Gioia!"!
Lorenzo Scarola è il creatore della prima moneta internazionale l'AURO o AURITO di proprietà del portatore

Lorenzo Scarola ordina con effetto immediato, nel nome e per il sangue di Gesù Cristo, tutto il bene e tutto il male, secondo quello che ognuno avrà meritato:
"Questo darà ancora, per l'ultima volta, spazio a una SPERANZA politica, prima che il SIGNORE ritorni".

sito sui 600 cristiani martirizzati giornalmente(fonte SOCCI):
http://web.tiscali.it/martiri


Website Counter
contatori di:jhwhinri@gmail.com




Lorenzo Scarola rappresentante di JHWH è disponibile per costruire il terzo Tempio Ebraico sul Monte degli Ulivi come è già stato annunciato dai profeti.
Questo Tempio aprirà il più bel periodo di pace, prosperità e "risveglio" che il genere umano abbia mai conosciuto, insomma si tratta dell'ultima fase del genere umano dedicata allo Spirito Santo.

Lorenzo Scarola dedica questo lavoro al suo Dio Spirito Santo.

  • 1- saluto Nicolò Bellia e all'antropocrazia.

  • 2- saluto tutti gli uomini di "buona volontà"

  • 3- saluto tutti i servitori di Dio

  • 4- saluto tutti i figli di Dio

lorenzo.scarola@istruzione.it

http://www.youtube.com/user/
humanumgenus

http://www.youtube.com/user/
lorenzojhwh


"Insomma, Dio per tutta l'Eternità non vuole essere lodato e ringraziato per poco, ma per molto, molto e moltissimo!
Non neghiamogli questa felicità, diamogli la possibilità di poter operare prodigi in noi."
by lorenzo scarola
Gloria a Dio per sempre!
A te, caro fratello mio, pace
da Lorenzo Scarola,
ore serali 3205708054
lorenzo.scarola@istruzione.it

http://deiverbumdei.blogspot.com

http://www.youtube.com/lorenzojhwh

http://www.youtube.com/humanumgenus



lorenzo scarola, Giacinto Auriti, Gesù di Betlemme e il futuro del genere umano
http://ilmegliodelbene.blogspot.com
http://fedele.altervista.org

lorenzo.scarola@istruzione.it

il vero volto dell'istituzione

Il signoraggio bancario è il nostro

più alto simbolo istituzionale OCCULTATO disonestamente e criminosamente al popolo, questo è il VERO motivo di tutti i MALI che affliggono la nostra falsa democrazia venduta dai massoni ai banchieri ebrei dal suo sorgere.

Pertanto, tutto il Pianeta è fondato sull'immoralità ideologica quanto economica.
Poiché gli illuminati perseguono il progetto di un uomo animale asservito totalmente ("il potere corrompe, ma il potere assoluto corrompe totalmente!"), ecco che essi commettono un crimine mai commesso fino ad ora: CRIMINE di ESTINZIONE SPIRITUALE di tutto il genere umano.

Questo è il più grave Delitto di LESA Maestà e violazione criminale dei principi Costituzionali di base.

Per questo, adesso si cerca di manipolare anche la Costituzione unico nostro baluardo al diritto già criminalizzato.






Nota: REVISIONISMO STORICO

Il problema dei nostri giorni non è quello della complessità e che bisogna studiare molto e moltissimo per poter capire qualcosa.
Ma che bisogna saper cercare nella contro-informazione quelle fonti "genuine" che non ci facciano cadere nella "fosso" del depistaggio.
Una schiera sterminata di "mangia pagnotte S.p.A.", ovvero di: funzionari, massoni, politici e di docenti universitari collaborazionisti del signoraggio bancario, ora hanno reso davvero difficile, non solo la comprensione reale della storia nei suoi avvenimenti, ma anche e soprattutto, rendono incomprensibile la stessa realtà che ci circonda.


Allora, veniamo al dunque:
"sei disposto a sacrificare la vita come me, oppure preferisci dare un contributo economico? Oppure, appartieni al popolo dei vigliacchi e preferisci nasconderti e fuggire dalle tue responsabilità? In questo caso degradante e vergognoso, come potrai sfuggire alle mie maledizioni? E comunque ti parlo così perché sei gia nella trappola di
"Questo sistema criminale e parassitario del fondo monetario internazionale di Ali Baba e dei suoi 40 ladroni di Banchieri Ebrei S.p.A., questi non solo non vi concederanno alcuna speranza, ma vi stanno gia portando al disastro totale NUCLEARE! SVEGLIATI BAMBOCCIONE!"

IBAN : IT33E0358901600010570347584,(non detraibili e non deducibili)
Reagite per voi stessi e per i vostri figli!
Quanto a me, io sono solo un contadino, che ha molti figli dal polo Sud al polo Nord e per questo deve MOLTO zappare, MOLTO seminare e Molto faticare per sfamarli tutti, perché a nessuno di loro venga negato il diritto alla VITA!
Per gli "illuminati" e gli USA, la guerra è una necessità così indispensabile che farebbero la guerra pure contro se stessi, e infatti sono capaci di inventarsi dei nemici immaginari come per esempio un certo Bin Laden che non ne sa niente:
http://www.youtube.com/share?p=B5B9B72CBC64AB43
http://www.youtube.com/view_play_list?p=B5B9B72CBC64AB43